Jump to content
IGNORED

Collezionare monete del Triveneto


Arka

Recommended Posts

Questa è una bella domanda. In questa tipologia molte cose probabilmente erano scelte dall'incisore per motivi ornamentali, ma non escludo una scelta per motivi di controllo dell'emissione. Non avendo documentazione scritta difficilmente riusciremo a rispondere a questa domanda.

Arka

Diligite iustitiam

  • Like 2
Link to comment
Share on other sites


Supporter
Link to comment
Share on other sites

Awards

Supporter
Link to comment
Share on other sites

Awards

Supporter

FB_IMG_1585686218917.jpg
Denaro ottoniano

Link to comment
Share on other sites

Awards

1 ora fa, Faletro78 dice:

Prego fate vedere ora qualche moneta di Verona se potete, dopo quelle di Aquileia sono le mie preferite. 

Arrivata oggi questa.....

 

51.jpg

52.jpg

  • Like 2
Link to comment
Share on other sites


buongiorno. Provo ad inviarvi la foto dell'aquilino per Verona, sono tutte foto caricate anni fa, in questo momento non ho l'accesso agli originali e nemmeno ai volumi di riferimento.

Se non si riesce a vedere niente portate pazienza.  Grazie

166-Vr   01023a00.jpg

166-Vr   01023r00.jpg

  • Like 2
  • Thanks 2
Link to comment
Share on other sites


             1367466305_PLS154D.jpg.de1c351cd00ef86bc3e4001282e030da.jpg      239176638_PLS154R.jpg.c55e55b316b5aa7aa0e6a92c1b146926.jpg

 

Contea di Gorizia

Zecca: Lienz

Alberto I (II) (1274/5-1304)

Denaro scodellato

Peso: 0,99 g  Diametro: 21 mm

D/ + ALBERTVS (rosetta) COMES, leone andante a s.

R/ + GORICIE (rosetta) DE LVONZE, rosa a sei petali

Rif.: Passera 6; CNI VI, 10; Rizzolli Li 9

Nel 1271 i Conti Mainardo II e Alberto II decisero di dividersi. Al primo andò la Contea del Tirolo e al secondo la Contea di Gorizia. Alberto I riattivò la zecca di Lienz, che aveva già coniato monete del tipo di Pellegrino II (illustrato nei post precedenti) tra la fine del XII e l'inizio del XIII secolo. Qui è rappresentato un denaro di Alberto che continuando la tradizione ricorda molto i denari di Aquileia. Il leone rappresentato sul dritto è tuttora il simbolo di Gorizia e nel medioevo era uno degli animali araldici più rappresentati insieme all'aquila. La rosa del rovescio potrebbe invece essere legata all'abbazia di Rosazzo a cui i Conti di Gorizia erano particolarmente legati.

Arka

Diligite iustitiam

  • Like 3
Link to comment
Share on other sites


ANTONIO e BARTOLOMEO della Scala ( 1375 - 1381 ) soldo

cat. Rizz/pigozzo CNV-vr 38

nel campo al D/ elmo alato con testa di cane rivolta verso sinistra

Al rovescio - mezzobusto frontale con aureola e mitra

188-Vr   01027a00.jpg

188-Vr   01027r00.jpg

  • Like 1
Link to comment
Share on other sites


1 ora fa, ottone dice:

ANTONIO e BARTOLOMEO della Scala ( 1375 - 1381 )

Restando nella Signoria di Antonio e Bartolomeo qui un modesto "Quattrino".

D/ BTOLOMEUS – Scala (con punto sotto il 1° e 3° piolo)
R/ ANTONIUS – Croce Patente

Rizzolli-Pigozzo - Corp.Numm.Ver. - Vr39

11.jpg

12.jpg

Edited by Bassi22
  • Like 1
Link to comment
Share on other sites


PERIODO IMPERIALE

Massimiliano l ( 1509 - 1516 )  bagattino senza data ( ante 1516 )

met. rame

D/ DUX . AVSTRIAE - aquila bicipite coronata

R/ S . ZENO . PROTEC . VERONAE - santo senza aureola

cat Rizz./Pigozzo  C.N.V vr 55a

240-Vr   01038a00.jpg

240-Vr   01038r00.jpg

Link to comment
Share on other sites


     1722133118_PLS34(13)D.jpg.ccfa9d6fd09671278291c0ebd2c81ea4.jpg       1458314353_PLS34(13)R.jpg.c160932fcbc2192d6183eee77b94c3db.jpg

 

Signoria di Padova

Francesco I da Carrara (1355-1388)

Grosso carrarino (1355-1378)

Argento

D/ (globetto) FRACISI (globetto) DE (globetto) KRARIA (globetto), carro schiacciato, ai lati F - F

R/ (anello con globetto) S (globetto) PROS - DOCIMVS (globetto), S. Prosdocimo stante di fronte, benedice con la mano destra e regge il pastorale con la sinistra, in campo a s. lettera P

Rif.: Passera 107; CNI VI, 40

Con i carrarini di Francesco I lo stemma di famiglia invade tutto il campo del dritto. E' una rappresentazione della potenza a cui il Signore di Padova mirava. Sul rovescio è ancora presente il patrono Prosdocimo. E' rappresentato in piedi, benedicente e con il pastorale. Al suo fianco la lettera indicante lo zecchiere responsabile della coniazione. In questo caso è indicato dalla lettera P. Il peso di questi carrarini è in calo riepetto ai precedenti di Jacopo II e si attesta intorno a 0,95 grammi con 18 millimetri di diametro.

Arka

Diligite iustitiam

Link to comment
Share on other sites


Spostiamoci nuovamente a Merano, e qui un "Quattrino", però di non semplice catalogazione, vista la scarsa conservazione.

Con l'aiuto di alcuni amici l'avevamo ricondotto a Leopoldo IV d'Asburgo, ma sono ben accette tutte le eventuali osservazioni.

Paolo 

MeranoA.jpg

Link to comment
Share on other sites


Supporter
Spostiamoci nuovamente a Merano, e qui un "Quattrino", però di non semplice catalogazione, vista la scarsa conservazione.
Con l'aiuto di alcuni amici l'avevamo ricondotto a Leopoldo IV d'Asburgo, ma sono ben accette tutte le eventuali osservazioni.
Paolo 
MeranoA.thumb.jpg.e65126f1cf426de017fe6a7fccbdbc10.jpg

Si è un Leopoldo
  • Thanks 1
Link to comment
Share on other sites

Awards

Sul dritto, quello con la croce, si legge + LVPO (rosetta) LDVS. La foto andrebbe capovolta. Credo che per legenda e per il tipo di rosette sia effettivamente Leopoldo IV.

Arka

Diligite iustitiam

  • Like 1
  • Thanks 1
Link to comment
Share on other sites


Supporter

FB_IMG_1585754037328.jpg
Salvadanaio fatto di argilla con monete: Vierer / Quattrini della zecca di Merano.
Rinvenuto nel 1988 a Volders un comune nel distretto di Innsbruck.
Oggi le monete sono conservate al Tiroler Landesmuseum.

Link to comment
Share on other sites

Awards

Supporter

FB_IMG_1585754190791.jpg

Merano
Federico IV 1406-1439
quattrino (di secondo tipo) o vierer
DVX FRIDRICVS o similare
COMES TIROL

  • Like 2
Link to comment
Share on other sites

Awards

     957387491_PLS191D.jpg.c2963ca8f3947a6d84cc68a41c13a9a0.jpg       1066440321_PLS191R.jpg.100e84f837ab781afdb011acdb51c0d2.jpg

 

Comune di Treviso

Enrico II di Gorizia (1319-1323)

Denaro piccolo

Mistura

D/ + COMES GOR (globetto), croce patente in cerchio di perline

R/ + TARVISIVM, in cerchio di perline.

CNI VI, 10

La zecca di treviso ebbe una certa importanza durante il periodo carolingio. Riprese le coniazioni nel XIV secolo con i primi denari piccoli coniati al tempo della Repubblica. Nel 1319 il potere passò al vicario imperiale Enrico II Conte di Gorizia che fece coniare grossi aquilini e denari piccoli a proprio nome.

Arka

Diligite iustitiam

  • Like 3
Link to comment
Share on other sites


Bella conservazione e bella foto.

Interessante anche per come rivela che è stata battuta una lastrina quadrata o rettangolare. Si vedono tutti e quattro gli angoli.

Link to comment
Share on other sites


buongiorno. Adesso vorrei sottoporvi a una curiosità per la zecca di Verona.

Denaro periodo scaligero ( post 1327 - ante 1375 )  denaro piccolo con VE in nesso..

almeno dovrebbe essere cosi', ma come potete notare dalla foto la moneta è stata coniata con- VERONA/VERONA - sia sul diritto che sul rovescio. Chiaramente è passata inosservata, anche perchè trattasi di un denaretto relativamente comune.

Falso d'epoca?

La moneta è di argento molto basso, comunque tipico dell'ultimo periodo e le due faccie non sembrano perfettamente uguali ( conio di icudine battuto due volte ).. ma mi rimane la curiosità e volevo proporvela.

163-Vr   01074a00.jpg

163-Vr   01074r00.jpg

  • Like 2
Link to comment
Share on other sites


Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...
×
  • Create New...

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue., dei Terms of Use e della Privacy Policy.