Vai al contenuto
  • Sky
  • Blueberry
  • Slate
  • Blackcurrant
  • Watermelon
  • Strawberry
  • Orange
  • Banana
  • Apple
  • Emerald
  • Chocolate
  • Charcoal
  • Annunci

    • Reficul

      Aggiornamento   15/10/2017

      Oggi inizia l'aggiornamento del forum v2018. Potrebbero verificarsi problemi e il forum potrebbe rimanere per pochi minuti non raggiungibile.
      Comunicherò successivamente con un topic in sezione news tutte le novità.  
Accedi per seguire questo  
Mirko

15 kreuzer di Breslau (Vescovado) 1694

Risposte migliori

Mirko

15 kreuzer del Vescovado di Breslau, coniato sotto Franz Ludwig von Pfalz Neuburg nel 1694?

Proprio in quell'anno il Vescovo ebbe il "piacere" di diventare Gran Maestro dell'Ordine Teutonico, poi divenne pure Principe-Vescovo Elettore di Treviri e - per non farsi mancar niente - pure Principe-Vescovo Elettore di Magonza! Ah già era già conte palatino del Reno :P ESOSO!!!!

PS: ricordate la moneta di Kleve? Date un po' un'occhiata al terz o quarto dello scudo interno! ;)

attendo con ansia i vostri pareri

1000364md0.th.jpg

1000368wf1.th.jpg

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

avgvstvs

Allora qualcosa di carino c'era... averlo saputo! :D

Mi piace molto la simbologia usata: da una parte il pastorale, dall'altra la spada (come dire... vescovo si, ma anche principe!)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Giuseppe
Allora qualcosa di carino c'era... averlo saputo!

Non ci sono stato nemmeno io, peccato :lol:

Bella moneta, Mirko.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

numes

Ciao Mirko,

posso aggiungere oltre ai complimenti per la bella moneta alcuni dettagli? :)

la zecca è quella di Neisse (a Breslau coniava Leopoldo I d'Asburgo)

nello stemma appare, assieme all'aquila della Silesia, anche l'arma cittadina di Niesse formata dai gigli :

http://en.wikipedia.org/wiki/Image:POL_Nysa_COA.svg

di fatto si deve considerare Fraz Ludwig Duca di Niesse e Vescovo di Breslau nonchè tutto quanto il resto :)

LPH sono le iniziali di Leopold Paul Haller il responsabile di zecca

la croce di Lorena è un segno di zecca sconosciuto, nel senso che non si conosce a quale atelier si riferisca.

il peso 5,7572 g.

il riferimento che ho è:

Kopicki 6952

Szwagrzyk 1808

sono testi in polacco ... potrei essermi sbagliato in qualcosa; a te cosa risulta?

un saluto,

Marco

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Mirko

A me risulta anche Friedensburg e Segen n. 2740, ma ti ringrazio enormemente per le ulteriori informazioni che non avrei avuto modo di sapere! Puoi dirmi il "nome" completo dei cataloghi che hai usato, per inserirli nella scheda-moneta della mia collezione? :D

Peso: 5.64 gr : ci siamo ;)

P.S.: ho notato un errore nella legenda al rovescio: voi lo vedete?

Allora qualcosa di carino c'era... averlo saputo!

per la verità ho preso anche altre 3 monetine, anch'esse molto interessanti :)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

numes

ecco per esteso i titoli dei libri che ho consultato:

Josef Andrzej Szagrzyk, Peniadz na ziemiach polkich X-XX w. ; Ossolineum 1973

Edmund Kopicki, Illustrowany skorowidz pieniedzy polkich i z Polska zwiazanych; Polskie towarzystwo numizmatyczne zarad glowny, Warsawa 1995

Il secondo testo è ora disponibile sul sito www.allegro.pl

http://www.allegro.pl/item168899132_kopick...tow_po_prl.html

se ti interessa l'acquisto posso aiutarti con il polacco e fare dai intermediario ;)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Mirko

Grazie! Comunque visto che il mio interesse per la Polonia è limitato alle zone controllate dal Sacro Romano Impero... per stavolta lascio perdere l'acquisto!

P.S.: i tuoi testi "ostrogoti" :P niente riportano riguardo l'errore della legenda?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

numes

beh ad essere sincero ho confrontato la legenda sul dritto e anche lì c'è un dettaglio che differisce:

COM.PALAT.RHE () NI.BAVI.C.M.D.

mentre sul tuo esemplare è:

COM.PALAT.RHE () NI.BAV.IC.M.D.

però per il dritto la legenda mi pare la stessa:

FRANC.LUDOV.D.G.(XV) EPISC:WRATISL.

cosa mi sfugge? :o

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Mirko

non ti sfugge niente, nel messaggio ho invertito il dritto con il rovescio :P

Comunque l'errore è proprio quello da te segnalato ;)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

numes

facciamo gli scherzetti? :)

Ho guardato il mio esemplare che è in conservazione più bassa ... l'errore non c'è...peccato, gli manca una simpatica particolarità :)

Senti, tu come analizzi l'intero stemma... :)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Mirko

Così:

Inquartato (Vescovado di Breslau)

I,IV): Neisse

II,III): Schlesien

Tutto caricato di uno scudo nel cuore (Pfalz Neuburg)

Domani vedo se trovo i singoli quarti ;)

P.S.: è il modo "standard" di inquartare lo stemma di un vescovo tedesco

1) se lo stemma "diocesano" è fatto da uno stemma solo o è molto semplice fa così: inquarta I e IV con lo stemma della diocesi, II e III con lo stemma personale. Il tutto sormontato dalle corone e dalla mitria, accollato da spada e pastorale

2) se lo stemma "diocesano" è complesso fa così: stemma diocesano con mitria e nel cuore lo scudo personale (con relativa corona). Il tutto accollato da spada e pastorale.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Paolino67

Interessante la tua descrizione; qualche volontario (Mirko ad esempio :D :P ) non potrebbe scrivere una sorta di manuale da qualche parte (su lamonetapedia ad esempio) su come si legge uno stemma, e sul significato delle varie terminologie usate?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Mirko

avevo già messo a disposizione di tutti il mio manuale ragionato di araldica ;)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Paolino67

Azz... l'ho sempre detto io, c'è talmente tanta carne al fuoco su questo portale che finisco per perdere di vista quello che è già fruibile! :rolleyes:

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Mirko

Credo di aver trovato tutti i quarti (tranne uno) dello scudo centrale, che insieme compongono lo stemma dello Pfalz Neuburg:

1) Bayern

2) Pfalz

3) Kleve

4) Julich

5) Berg

6) Mark

7) Ravensberg

8) ??????

Scudo piccolo nel centro: 9) Neuburg

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

numes

Ciao Mirko non capisco la numerazione ...cerco di ricapitolare per verificare le mie nozioni (scarse) di araldica....quante cose da imparare ancora!

1) Bayern: losanghe

2) Pfalz: leone rampante

3) Kleve: l'"asterisco"

4) Julich: leone rampante

5) Berg: la banda orizzontale

6) Mark: la banda a scacchi

7) Ravensberg: le due bande a cuspide

8) ??????

Mark e Ravensberg sono invertite nella tua numerazione?

l'8 è per caso il leone?

la numerazione segue questo schema?

1234

8765

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Mirko

la numerazione segue lo schema seguente

1234

5678

9 lo scudo centrale ;)

Quindi Berg è il leone in seconda fila, il primo da sinistra

Mark è la banda scaccata,

Ravensburg lo scaglionato di 3 pezzi ;)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

numes

ok, grazie...adesso ci sono ;)

Per quanto riguarda quello in posizione 8 potrebbe trattarsi dello stemma dell'Austria? La Silesia era un possedimento austriaco e il principe vescovo di Breslau-Niesse era un loro feudatario...sebbene Breslau fosse parte del regno di Boemia (comunque assoggettata agli Asburgo)

ho buttato lì un'ipotesi :)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Mirko

lo stemma dell'Austria è lo stemma di un possdimento degli Asburgo, non lo stemma degli Asburgo.

Se fosse come dici tu, avrebbe voluto dire che gli Pfalz-Neuburg accampavano diritti sull'Austria ;) Sugli stemmi venivano infatti inseriti i possedimenti su cui una famiglia accampava dei diritti (es. Baviera per i Wittelsbach, Kleve per Sassonia, Brandenburg e Pfalz...).

P.S.: ad ogni modo lo scudo "simil-austria" è in realtà "d'oro alla fascia d'azzurro" (Austria è di rosso, alla fascia d'argento) ;)

http://de.wikipedia.org/wiki/Bild:SchlossBorbeck02.jpg

Lo scudo centrale è Pfalz-Neuburg, quindi direi che i quarti vanno "riassegnati"

1) Bayern

2) Julich

3) Kleve

4) Berg ?

5) ???? Neuburg?

6) Mark

7) Ravensberg

8) ???? Neuburg?

9) Pfalz

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

numes

...la moneta a colori non l'avevano ancora inventata :)

Ho trovato sul libro del Kopicki una sezione che riguarda l'araldica...mi ero dimenticato che c'era :o

Purtroppo, non so perché, ma lo stemma è identico a quello della moneta ma è riportato come del Palatinato-Sulzbach

1) Baviera

2) Jülich

3) Kleve

4) Berg

5) Veldenz ?? ( è comunque campo argento e leone azzurro)

6) Mark

7) Ravensberg

8) Mörs <--- questo però penso sia giusto ;) ( campo oro e banda nera )

Veldenz è in effetti dal 1694 unito a Sulzbach...potrebbe essere anche nello stemma del Pfalz-Neuburg come pretenzione?

Modificato da numes

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Mirko

Dovrebbe essere come dici tu, visto che la linea Sulzbach subentra proprio al Neuburg nel 1742 (forse - ma non ho controllato - per mancanza di eredi di Karl Philipp von Pfalz Neuburg).

...la moneta a colori non l'avevano ancora inventata

ma i segni araldici per i colori li avevano inventati da tempo :D

Il fatto è che lo stemma è troppo complesso e le figure troppo piccole... se ci avessero provato avrebbero fatto una gran confusione e lo stemma sarebbe risultato illeggibile ;)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

numes

Ieri ho letto su un manuale di araldica che il sistema "grafico" per rappresentare i colori è stato inventato nel 1628 da un tal Pietra Santa nel suo Tesserae Gentilitiae.

Sarebbe interessante individuare la prima moneta che utilizza questo codice:)

E' probabile, per le ragioni che dici tu, che l'esemplare sia di grandi dimensioni ... magari qualche tallero...chissà?

Mi pare anche nelle monete a basso nominale dell'Ottocento ci sia...ma forse la tecnica di coniazione a quell'epoca lo permetteva.

Sarebbe carino aprire un thread apposito che promuova la caccia alla prima moneta che utilizza il codice dei colori di Pietra Santa :)

o si sa gia! :o

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Mirko

in realtà c'erano già dei codici, che comunque il Pietrasanta riordinò facendone uno "standard".

E' sicuramente un interessante spunto di ricerca, degno sicuramente di un thread in "Araldica" ;)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Devi essere registrato per lasciare un commento

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra comunità. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora

Accedi per seguire questo  

Lamoneta.it

La più grande comunità online di numismatica e monete. Studiosi, collezionisti e semplici appassionati si scambiano informazioni e consigli sul fantastico mondo della numismatica.

Hai bisogno di aiuto?

×