Jump to content
IGNORED

Crawford e il valore


Recommended Posts

Buongiorno. 

Studiando la nascita della moneta, mi sono naturalmente imbattuto nell'avvincente tesi di Crawford (tesi a cui si opporranno Lo Cascio e altri) secondo cui la moneta non sarebbe nata per scopo commerciale, ma per scopo finanziario (cioè, non per i commerci, ma per il finanziamento delle spese pubbliche, in particolar modo delle spese militari). 

Crawford, a prova di ciò, fa anche notare che le prime monete della storia non potevano essere coniate ad uso commerciale, poiché avevano un valore troppo alto per uno scambio commerciale da mercato. Ora mi domando come facesse Crawford a porre un valore alla moneta. Nel senso che, per esempio, un tot. d'argento potrebbe essere che al tempo era valutato molto meno. Ho capito che si basavano sul valore intrinseco, ma anche quello può essere variabile. Dunque su cosa si basa questa teoria di Crawford?

Ringrazio per eventuali spiegazioni. 

 

Saluti. 

Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...
×
  • Create New...

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue., dei Terms of Use e della Privacy Policy.