Jump to content
IGNORED

Basta vendere ....


chievolan
 Share

Recommended Posts

2 minuti fa, simonesrt dice:

Parliamo di Catawiki e dei loro famosi esperti......

Che gli esperti di CW non siano sti gran esperti è poco ma sicuro.

Ma la descrizione e tutto il resto sono sempre inseriti dal venditore, non dagli "esperti" di Catawiki...

Link to comment
Share on other sites


Ad ogni modo la storia di questo pseudo progetto è nota. Non si tratta sicuramente di un progetto, perchè lo stesso Umberto ha sempre smentito la cosa, però la teoria secondo cui su questo tondello il ritratto sarebbe "troppo" anziano per essere del 1946 (quando Umberto aveva 42 anni) non mi ha mai convinto.

Questa è una foto di Umberto nel 1946, non mi pare che si discosti poi così tanto dal profilo con cui è effigiato sulla medaglia:

umbertoII.jpg

  • Like 1
Link to comment
Share on other sites


Supporter
12 minuti fa, Paolino67 dice:

Ma la descrizione e tutto il resto sono sempre inseriti dal venditore, non dagli "esperti" di Catawiki...

Quindi nel caso di una descrizione non veritiera e/o ingannevole l'esperto non interviene.

 

qui un esempio:

 

Link to comment
Share on other sites


Il venditore deve vendere è quindi scriverebbe di ogni pur di riuscirci, ma gli esperti, che oltre a dover esser tali, dovrebbero essere imparziali e quanto meno fare un minimo di ricerca in caso di dubbio, ma considerando la loro valutazione direi che di dubbi non ne hanno alcuno... 

Inoltre il fatto di avere degli "esperti" che valutano ciò che si vende su questa piattaforma (e che potrebbe condizionare i meno esperti) che ricava il 9% di diritti mi sa di conflitto d'interesse... 

 

Link to comment
Share on other sites


4 ore fa, Paolino67 dice:

Che gli esperti di CW non siano sti gran esperti è poco ma sicuro.

Ma la descrizione e tutto il resto sono sempre inseriti dal venditore, non dagli "esperti" di Catawiki...

Non ne conosco il meccanismo. Mi domando allora a cosa servono gli esperti? Solo per la falsità?

Link to comment
Share on other sites


Supporter

Nel post #5 ho inserito una discussione dove è presente un link ad una inserzione cata-ecc con dei falsi "falsi d'epoca", qualcuno ha sborsato 100 euro per 5 pezzi di carta senza alcun valore, in buona sostanza non c'e' stato da parte loro nessun controllo, ricerca e dubbio su queste riproduzioni moderne.

 

Edited by nikita_
Correttore grammaticale del cavolo!
Link to comment
Share on other sites


2 ore fa, simonesrt dice:

Non ne conosco il meccanismo. Mi domando allora a cosa servono gli esperti? Solo per la falsità?

Sì, in via teorica dovrebbero "garantire" la genuinità della moneta, nonchè inserire la stima che poi si vede nell'inserzione. Ma l'inserzione stessa è confezionata da chi vende.

Naturalmente il tutto è molto teorico, perchè vuoi per la oggettiva impossibilità di poter dare serie garanzie su monete viste solo tramite foto, vuoi perchè mi sembra che lo staff si impegni davvero poco per discernere i falsi dai buoni, il tutto diventa molto aleatorio.

Su catawiki ho comprato uno dei pochi falsi acclarati che mi siano mai capitati, dalla foto si poteva tranquillamente cascarci, ma se gli "esperti" avessero valutato anche solo il peso, sarebbe stata un'inserzione da bollare immediatamente, visto che la moneta pesava ben 1,50 grammi contro un peso che di norma si aggira sul grammo.

Link to comment
Share on other sites


https://www.catawiki.it/l/41990667-italia-regno-d-italia-vittorio-emanuele-iii-di-savoia-1900-1946-20-lire-1936-impero

 

E qui... Mi pare più grave.

A scanso di fraintendimenti: perchè oltre ad essere una patacca da bancarella, risulta molto visibile anche l'effrazione dei sigilli.

Edited by Monetaio
  • Like 1
Link to comment
Share on other sites


Patacca orrenda con sigilli visibilmente manomessi. Mi domando a cosa servirebbero gli esperti? Mi è stato detto che le inserzioni le curano i venditori, ma i periti a questo punto se non controllano almeno l'originalità dell'oggetto cosa fanno ?

Link to comment
Share on other sites


21 ore fa, chievolan dice:

Come si può pensare ad una prova?

Ma non sanno quanti anni aveva nel 1946?

https://www.catawiki.it/l/41849259-italia-regno-d-italia-medaglia-o-progetto-di-moneta-da-20-lire-1946-umberto-ii

Approfitto per postare un vecchio articolo di Mario Traina sulle pseudo-monetazioni di Umberto II e la monetazione italiana nella transizione Regno-Repubblica.

Ovviamente nello specifico di prova non si tratta (manca anche il segno di zecca oltre a trovare anch'io anacronistico il ritratto). Tra l'altro è proprio brutta! Sfortunatamente Montenegro l'ha inserita nel suo "Monete di Casa Savoia" del 1995 (pg. 339-340), e anche Luppino nel Suo "Progetti di Casa Savoia" (pg. 526), legittimando, in certo qual modo, l'esistenza di questo abominio numismatico (mi sia concesso).

Ritengo si tratti di una medaglia di restituzione (per citare un gergo pontificio) o tentativo "nostalgico" ad opera del Movimento Monarchico degli anni '60. Questa convinzione nasce dall'avere un tempo ritrovato un foglietto illustrativo (purtroppo a bassa risoluzione che sotto posto, in cui veniva illustrata una coniazione del 1961) di analoghe medaglie aventi come soggetto il "Re di maggio".

 

Per quanto riguarda le 20 Lire 1936, direi che un errore è spesso tollerabile, ma non questo che qualifica di per sè l'asta ...

Umberto II pseudoprove 1961.jpg

Edited by Giov60
  • Like 3
Link to comment
Share on other sites


9 minuti fa, Giov60 dice:

Sfortunatamente Montenegro l'ha inserita nel suo "Monete di Casa Savoia" del 1995 (pg. 339-340), e anche Luppino nel Suo "Progetti di Casa Savoia" (pg. 526), legittimando, in certo qual modo, l'esistenza di questo abominio numismatico (mi sia concesso).

Sfortunatamente o ‘ espressamente ‘ ?😆

bravo Giov.. basterebbe fare un po’ di ricerca seriamente o quantomeno se se ne vuole segnalare proprio l’esistenza riportarle in un’appendice separata  con una bella  intestazione inequivocabile: emissione privata celebrativa a cura dell’UMI ( unione monarchica italiana ) o chi per essi...

Edited by numa numa
Link to comment
Share on other sites


20 ore fa, gennydbmoney dice:

Il venditore deve vendere è quindi scriverebbe di ogni pur di riuscirci, ma gli esperti, che oltre a dover esser tali, dovrebbero essere imparziali e quanto meno fare un minimo di ricerca in caso di dubbio, ma considerando la loro valutazione direi che di dubbi non ne hanno alcuno... 

Inoltre il fatto di avere degli "esperti" che valutano ciò che si vende su questa piattaforma (e che potrebbe condizionare i meno esperti) che ricava il 9% di diritti mi sa di conflitto d'interesse... 

 

Più passa il tempo e sempre maggiore è la convinzione che i migliori "esperti" siamo noi stessi, che ci documentiamo con libri ed ogni genere di pubblicazione, perché persone serie in giro a cui affidarsi ci sono, ma certamente le conti sulle dita di una mano.

Poi per quanto riguarda i conflitti d'interesse in ambito numismatico, ci sarebbero da scrivere delle enciclopedie..., dove molto probabilmente catawiki occuperebbe solo poche pagine.

  • Like 1
Link to comment
Share on other sites


7 ore fa, Sirlad dice:

Piu’ passa  il tempo e sempre maggiore è la convinzione che i migliori "esperti" siamo noi stessi, che ci documentiamo con libri ed ogni genere di pubblicazione...

Esatto Sirlad . E’ assolutamente cosi ..

la miglior difesa e’ l’attacco 😁

  • Like 1
Link to comment
Share on other sites


Che intendi esattamente  per conflitti di interesse ? 
una pratica che aborrisco e’ quella delle offerte difensive dove il conferente - o peggio - il titolare della vendita difendono le monete messe in vendita contro i clienti offerenti. 
nella sezione legale qualcuno cercava di giustificare/avallare tale pratica sostenendo che non essendo proibita per legge poteva essere esercitata. 
abominio etico e soprattutto distorsione Della libera concorrenza...

 quando mi sono accorto che un mercante la praticava e non mi sono

piu’ servito di lui 

Edited by numa numa
  • Like 1
Link to comment
Share on other sites


Esattamente, una pratica purtroppo molto diffusa, alla faccia della libera concorrenza...

In questo caso servirebbero degli organismi di controllo credibili, in grado di evitare queste distorsioni di mercato...

Link to comment
Share on other sites


Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...
 Share

×
  • Create New...

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue., dei Terms of Use e della Privacy Policy.