Jump to content
IGNORED

Dracma di Gela


VALTERI

Recommended Posts

Il 12 Dicembre, tra altre spettacolari monete, passerà in asta Palombo 19 al lotto 10, un vistoso esemplare di rara dracma di Gela .

Unisco l'esemplare ex Moretti, a suo tempo passato in NAC 13 .

001 Palombo 19 n. 10.jpg

002 Palombo 19 n. 10.jpg

003  MagnaGraeciaCoins - NAC 13.jpg

  • Thanks 1
Link to comment
Share on other sites


Per me una moneta sospetta...

il rif. è jenkins 188 e non jenkins 187

NAC

NAC.thumb.jpg.7f7399eefa7c4f7a4e97c6c9e549a5a9.jpg

Luynes 949

362465745_Luynes949LM.thumb.JPG.f6ff502b8bd559d9440f622a429066ce.JPG

Paris FG 457

41252242_ParisFG457LM.thumb.JPG.136f995668bb82157b6d0bb0b3e0adcf.JPG

 

Confronta la con una dracma offerta da NY Sale e rimasta invenduta...

NY Sale

1323622552_TheNYSale.jpg.62dab7f0033f846d9f8694cd6ef69544.jpg

Palombo

image00010.thumb.jpg.50d3b202e4838680f7a6aa6d241f9d56.jpg

 

 

  • Like 1
  • Thanks 1
Link to comment
Share on other sites


Buonasera,

Grazie @VALTERI ed @Brennos2 per avere posto l’attenzione su di un esemplare che in passato mi aveva posto davanti ad un quesito circa quella che potrebbe essere una frattura del conio di incudine che attraversa gli zoccoli posteriori del cavallo, condivido qui la mia perplessità.

Intanto ecco la foto della vendita del 2012 dell'esemplare prossimamente in vendita da Palombo, dall’asta Lanz 155, lotto 33 che dá una sfumatura diversa cromaticamente.

720E878F-A04F-4E49-9E2D-5CA7C0FFB5B6.jpeg.cabfb04904180f6a09f7c5430e4556f1.jpeg
 

 

 

Poi in quattro particolari la frattura:


1) La frattura si allunga fino a raggiungere la doppia linea di esergo all’altezza del terzo globetto da sinistra partendo dal cerchio perlinato esterno:

NAC

B9CC0BE2-E76D-4615-8286-2C6BB1455FF7.jpeg.01b10639362244b88fc38b5526e6aacb.jpeg


De Luynes

B6BC9929-102F-4CEE-80D1-7326C3850DE2.jpeg.f577e22ae613e370fb7ec71f12e902e4.jpeg
 


 

 

Qualcosa di simile, ma qui la traiettoria della frattura sembrerebbe mutare, come se si distanziasse un po’ verso l’alto, allungandosi di conseguenza fino al quarto globetto da sinistra. Facendosi, stando a ciò che mi pare di vedere dalle foto, anche più sottile. E mi chiedo: è solo una mia impressione? È naturale?

 

New York Sale

B9A2D6A6-BD4D-4CC7-B76A-5FBA9D793D98.jpeg.e03dddf9830a7fce006d3f41da9de5b4.jpeg

 

Lanz/Palombo:

CA9C7C19-8C40-4A4E-B026-74166ED884FD.jpeg.f72a1282586497521f56e6cd9a027f9e.jpeg
 

 

 

Inoltre aggiungo che sia gli esemplari NAC che de Luynes sembrerebbero presentare un’altra frattura di conio (?): sopra il braccio sinistro e tra il braccio sinistro e la criniera del cavallo.

Questa frattura tuttavia, curiosamente, non è presente nei pezzi New York Sale e Lanz/Palombo, che invece presentano un comune gomito sinistro rigonfio:


ADCF2B53-8A83-4AAA-9831-6BBAE56BED3B.jpeg.4d18133a1d2c89f8b84fea7ce503fe68.jpeg

27F9A295-FACF-4B2C-B04B-B68585F35A63.jpeg.1994e483db0251742c2830aa5c78d1b7.jpeg

DCE03C8F-27E4-4717-B237-5C02CEAEC1CF.jpeg.30dbe65f6f479145c95a38349f6b0b45.jpeg

00C32960-FE6D-451C-AF4D-BAB95916D95A.jpeg.0292645b63a806db6b34c95cec03ee59.jpeg


Concludo il mio post notando che l’esemplare Paris FG 457 non presenterebbe nessuna di queste caratteristiche.

Edited by Archestrato
Completamento
  • Like 1
Link to comment
Share on other sites


Quello che vediamo ai lati del braccio sinistro del cavaliere nelle dracme ex Moretti e de Luynes potrebbero anche essere depositi di ossidi, ma in ogni caso la criniera del cavallo, nella meta inferiore, all’altezza dell’avambraccio sinistro curva verso il collo dell’equino in entrambe, assumendo una forma differente rispetto a quella Paris FG.

Edited by Archestrato
Link to comment
Share on other sites


Un altro elemento che non mi tornava e che ancora non torna..

Come ci ricordava @Brennos2, Jenkins in The Coinage of Gela aveva catalogato per le emissioni di dracme del periodo tardo arcaico ( databili in particolare al termine del Gruppo II, verso la fine del terzo decennio del V sec. a.C.) due soli accoppiamenti di conii provenienti da un unico conio di dritto e due di rovescio, i numeri 187 (O51-R108) e 188 (O51-R109). Un’emissione limitata dunque, come dimostrerebbero anche i pochissimi esemplari sopravvissuti.

Segnalava lo studioso britannico che nell’Etnico dei due rovesci vi era una differenza epigrafica, ossia la resa della iniziale gamma dell’etnico.

Alla classica forma arcaica curva della gamma, “C”, presente nella legenda CEΛOION del conio R108  si era infatti alternata nel conio R109 la forma angolare 〈  , che rappresenta uno sviluppo successivo di questo carattere alfabetico.

 

Osservando gli esemplari de Luynes e Paris FG si nota chiaramente la gamma angolare, nel pezzo NAC la lettera è mal conservata invece, ma negli esemplari New York Sale e Lanz/Palombo dove l’etnico é chiarissimo la lettera ha preso una forma che a me pare decisamente ed evidentemente curvilinea.

 

 

de Luynes

31410051-5426-4DF1-8A3E-76B7359FA5D5.jpeg.9a2e863e00f6d48f6b8572de6ade44a4.jpeg
 

Paris FG

23FECA33-06F6-4BD7-A785-E4F1AD956760.jpeg.71beb2390495de3d38e4a24e6318602f.jpeg
 

New York Sale

A3025FF9-0C72-4F26-BF59-E55034468CA1.jpeg.6e931a02e2044aba8bda72bdbda6b1b4.jpeg
 

Lanz/Palombo

260F37BB-169B-4F9F-998F-A945A5A1B539.jpeg.cf5fb0e6ad26c844777f373456460767.jpeg

 



Aggiungo infine per ulteriori confronti il dritto dell’esemplare Jenkins 187, unico noto all’autore del Corpus, a Londra grazie alla donazione Lloyd del 1946.

381215CE-CA96-4B3F-8714-60254DF833B5.jpeg.5c705b2f5c195d9ffb303b9533085a42.jpeg

Edited by Archestrato
  • Like 3
Link to comment
Share on other sites


Sarebbe bello sentire anche il parere di @gionnysicily e di altri esperti del forum come ad esempio @vitellio, @numa numa e di tutti quelli che vorranno esprimersi a riguardo, per capire se bollare definitivamente come ennesima pataccona da bancarella, questa particolare dracma in asta Palombo 19, descritta come "Très rare dance cette qualité", "Exemplaire Superbe"..., una figuraccia (un grave errore di valutazione) da parte degli esperti della casa d'aste oppure no?

Link to comment
Share on other sites


What do you expect from this auction house? Let's say they could be excused for getting fooled by deceiving fakes. Have a look at lot 15 from Metapontum which starts at 15.000chf. the description says "The superb nearly-facing head of Demeter, the goddess who protected the crops"

There is no end to the downfall of the coin market

image00007.jpg

Link to comment
Share on other sites


1 ora fa, paparoupa dice:

What do you expect from this auction house? Let's say they could be excused for getting fooled by deceiving fakes. Have a look at lot 15 from Metapontum which starts at 15.000chf. the description says "The superb nearly-facing head of Demeter, the goddess who protected the crops"

There is no end to the downfall of the coin market

image00007.jpg

Pazzesco?

Link to comment
Share on other sites


12 ore fa, Archestrato dice:

Quello che vediamo ai lati del braccio sinistro del cavaliere nelle dracme ex Moretti e de Luynes potrebbero anche essere depositi di ossidi, ma in ogni caso la criniera del cavallo, nella meta inferiore, all’altezza dell’avambraccio sinistro curva verso il collo dell’equino in entrambe, assumendo una forma differente rispetto a quella Paris FG.

vedo una diversa curvatura dei peli della barba che partono dal labbro, invece  di curvare in avanti scendono dritti 

 

gela luynes--++.jpg

  • Like 2
Link to comment
Share on other sites


2 ore fa, paparoupa dice:

What do you expect from this auction house? Let's say they could be excused for getting fooled by deceiving fakes. Have a look at lot 15 from Metapontum which starts at 15.000chf. the description says "The superb nearly-facing head of Demeter, the goddess who protected the crops"

There is no end to the downfall of the coin market

image00007.jpg

 

1 ora fa, numa numa dice:

Pazzesco?

Ma viste le innumerevoli patacche che circolano nell’ambiente delle monete antiche (battute da diverse case d’asta), sembra veramente molto strano che non si riesca a risalire ai colpevoli, che nessuno abbia un’idea (anche vaga) di chi possano essere gli autori di queste nefandezze, in modo che le forze dell’ordine possano dare inizio ad una seria indagine che possa portare a risultati concreti, anche perché mi sembra di capire che si stia parlando di grossi giri d’affari...

Edited by Sirlad
Link to comment
Share on other sites


il mercato non da oggi è piuttosto onnivoro : a volte, falsi con ottima provenienza ed ottime monete con (falsa ?) provenienza.

Se vorrai leggere la discussione "Un Metaponto da Napoli" del 14-06-2015, troverai ad esempio il raro, superbo ed autentico esemplare di Metaponto che unisco in calce, venduto con pedigree  "...dai doppi del Museo Nazionale di Napoli..." 

una buona giornata

@Sirlad

001 Kunstfreundes n. 180.jpg

002 Kunstfreundes n. 180.jpg

Link to comment
Share on other sites


1 ora fa, VALTERI dice:

il mercato non da oggi è piuttosto onnivoro : a volte, falsi con ottima provenienza ed ottime monete con (falsa ?) provenienza.

Se vorrai leggere la discussione "Un Metaponto da Napoli" del 14-06-2015, troverai ad esempio il raro, superbo ed autentico esemplare di Metaponto che unisco in calce, venduto con pedigree  "...dai doppi del Museo Nazionale di Napoli..." 

una buona giornata

@Sirlad

001 Kunstfreundes n. 180.jpg

002 Kunstfreundes n. 180.jpg

E quindi @VALTERI che facciamo, tu cosa proponi per porre rimedio a questa situazione, in cui alla fine è sempre l’innocente compratore finale a rimanere col cerino in mano...

Oppure come diceva una canzone « facciamo finta che tutto va bé ».

Una buona giornata anche a te 

Link to comment
Share on other sites


Ad esempio    @Sirlad    come per ogni merce, acquistare da venditori di provata esperienza . 

Al riguardo, ricordo di alcuni decenni or sono quando in Milano si teneva convegno in un albergo centrale : un buon venditore di allora, ricevuto in mano un denaro di Ludovico il Pio, ne ricusò un parere dicendo "non tratto le romane".

Ecco, l'esperienza di cui sopra è bene provarla anche costruendoci una nostra propria esperienza . 

saluti

Link to comment
Share on other sites


Indubbiamente @VALTERI concordo con te che farsi una propria solida esperienza, aiuti parecchio.

Detto ciò, qui mi sembra si tratti indubbiamente di venditori di provata esperienza, visto che parliamo di importanti case d’asta, dove le monete antiche dovrebbero superare accurati controlli da parte degli esperti, nonostante ciò però le patacche proliferano..., tutto ciò alla lunga non farà altro che inquinare il mercato e far allontanare gli acquirenti.

Saluti

Edited by Sirlad
Link to comment
Share on other sites


Le monete false andrebbero marchiate con una contromarchia.

i commercianti di monete dovrebbero sottoscrivere tutti un accordo che quando ritirano una moneta perche' falsa si impegnano a contromarcare la moneta come falsa davanti al cliente che rida' la moneta falsa.

Edited by coinzh
Link to comment
Share on other sites


9 minuti fa, coinzh dice:

Le monete false andrebbero marchiate con una contromarchia.

i commercianti di monete dovrebbero sottoscrivere tutti un accordo che quando ritirano una moneta perche' falsa si impegnano a contromarcare la moneta come falsa davanti al cliente che rida' la moneta falsa.

io è una vita che lo scrivo, almeno si eviterebbe che circolino sempre in altre vendite a distanza di tempo……, ma ho sempre trovato "opposizione" sia da una parte che dall altra ….

  • Like 1
Link to comment
Share on other sites


Supporter

In teoria dovrebbe essere così , poi finisce come per quelle monete papali per quasi un secolo ritenute false e ritirate da varie aste ed oggi riabilitate, pare.

Mi riferisco ad alcuni antiquiores.

Link to comment
Share on other sites


Non avete idea delle conseguenze legali.

Inoltre se venisse marchiata come falsa una moneta in realtà buonissima? Danno irreparabile.

Arka

Diligite iustitiam

Edited by Arka
  • Like 1
Link to comment
Share on other sites


Buonasera,

Alla “terza puntata” vorrei aggiungere ai pezzi noti con la colossale borsite al gomito sinistro del cavaliere, un esemplare in rame (?), bronzo (?) evidentemente rivestito da una placcatura di argento piuttosto sottile. Per l’elevata conservazione questo é un particolare quantomeno curioso.

Che ne pensate?


L’esemplare ex Classical Numismatic Group Eauction 379 lotto 42 aggiudicato a 475 dollari, del peso di 3,90g, un peso fondamentalmente in linea con il peso degli esemplari noti, soprattutto se consideriamo la notevole quantità di argento mancante, una cosa anomala visto che i suberati sono generalmente più leggeri degli esemplari in buon argento:

 

A1665AF3-82F9-4C89-91A9-7E31DB5DB2C7.jpeg.2e54653a129cd93590e393c648267dcd.jpeg

https://www.cngcoins.com/Coin.aspx?CoinID=316227
 

 

Il particolare del gomito a confronto con gli esemplari New York Sale e Lanz/Palombo:

Lanz/Palombo

3707C645-4D41-456B-95F3-F7AA1466370C.jpeg.61efe0c44d7c75ba37f6eb9d54b0a26e.jpeg

 

NYS

19C1F68E-8196-47FB-85F4-6EDC1F4BB079.jpeg.1dddcc73a1e2e9e5fb58a6980c6854ad.jpeg
 

CNG

43C960FC-0E65-4578-962C-9E7E095F4350.jpeg.5cbc4a1606d4fe7581714d2374be0834.jpeg

 

 

Edited by Archestrato
  • Like 1
Link to comment
Share on other sites


18 ore fa, Sirlad dice:

Sarebbe bello sentire anche il parere di @gionnysicily e di altri esperti del forum come ad esempio @vitellio, @numa numa e di tutti quelli che vorranno esprimersi a riguardo, per capire se bollare definitivamente come ennesima pataccona da bancarella, questa particolare dracma in asta Palombo 19, descritta come "Très rare dance cette qualité", "Exemplaire Superbe"..., una figuraccia (un grave errore di valutazione) da parte degli esperti della casa d'aste oppure no?

Che dire Sirlad, mi pare chd Archestrato abbia molto bene argomentato diverse incongruenze che possono rilevarsi dal confronto con i pochi esemplari sicuramente autentici oggi in musei. Mi ha colpito il particolare del ‘gamma’ che negli esemplari critici in questione ha assunto una forma non compatibile con l’epigrafia della legenda originale e questo sarebbe prova dell’imperizia, o sarebbe meglio dire, scarsa conoscenza da parte degli ‘artisti’ che hanno realizzato gli esemplari in questione. Spesso e’ da queste ‘bucce di banana’ che possiamo riconoscere le produzioni moderne dagli antichi originali.

 

in quanto alla tua osservazione sul perseguimento dei moderni ‘artisti’ 

intanto vi è da dire che occorrerebbe identificare in modo incontrovertibile i falsi cosa che come vedi spesso gia’ case blasonate stesse non riescono a fare. Secondo la legge è assai blanda verso le falsificazioni di monete per collezione mentre e’ implacabile r concentra li le sue forze nel contrasto al traffico di reperti originali. Anni fa comunque ci fu una brillante operazione che porto’ al sequestro di centinaia di coni moderni di una zecca ‘moderna’ clandestina in Sicilia. Prossimamente uscirà un mio articolo dove richiamo tale operazione, e grazie al ritrovamento di alcuni di questi coni e’ stato possibile bollare definitivamente come false alcune monete che hanno circolato per anni nelle aste ( soprattutto tedesche) degli ultimi 15 anni. 

  • Like 5
Link to comment
Share on other sites


  • 2 weeks later...

Per la cronaca:

- il Nomos di Metaponto citato sopra dall’attento @paparoupa avrebbe realizzato ben 24 k chf...

- la dracma di Gela ha trovato estimatori che hanno offerto fino a 5.500 chf

ES

  • Like 1
Link to comment
Share on other sites


Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...
×
  • Create New...

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue., dei Terms of Use e della Privacy Policy.