Jump to content
IGNORED

Scexit


ARES III

Recommended Posts

Depresso
ARES III

Dopo aver imparato la parola Brexit adesso dovremmo iniziare a conoscerne un'altra : Scexit.

Che mai sento!
Ma di grazia, Scexit
Che vuol poi significar?

Con un po'di intuizione: è il corrispettivo della brexit cioè l'uscita di una nazione da un'unione ma questa volta non riguarda UE (grazie a Dio)  perché a volersi staccare adesso è la Scozia dallo UK.

Chi di Brexit ferisce di Scexit perisce?

Si vedrà col tempo.

Ho pensato quindi che si possa dedicare un'apposita discussione nella quale fare confluire tutto ciò che riguarda la Scozia e il suo tentativo di indipendenza.

Dunque esorterei d'ora in poi a utilizzare questa discussione anziché quella relativa alla Brexit, anche perché ormai è in fase di conclusione (salvo pazzie ).

 

PS: nell'immagine n. 4 ci sono degli errori sulla cartina dell'UE, vengono ricompresi paesi che non ne fanno parte (Albania, Macedonia del Nord, Bielorussia, Moldavia e Ucraina con la Crimea compresa).

 

scotland-map-vector-3383691.jpg

united-kingdom-map.gif

139124201-vector-map-of-scotland-with-named-districts-and-location-on-united-kingdom-map.jpg

SCEXIT.jpg

texto-scexit-con-british-y-scottish-banderas-ilustracion-hwc594.jpg

scexit-scottish-independence-referendum-request-260nw-1593981652.jpg

59144748-nave-di-carta-con-la-bandiera-europea-e-scozzesi-rotto-bandiera-britannica-dietro-concetto-di-spediz.jpg

Edited by ARES III
Link to post
Share on other sites

ART

Sarebbe una vera catastorfe, per la parte venale basta solo pensare che la Scozia fra le altre cose si porterebbe dietro il petrolio del Mar del Nord e la base degli SSBN (sottomarini lanciamissili balistici) britannici.

Non si potrà negargli il diritto all'autodeterminazione per sempre, specialmente in caso di forte vittoria dello SNP il 6 maggio, quindi si cercherà qualche compromesso, probabilmente promettendo riforme radicali dello stato, ma mi sa che è troppo tardi.

Edited by ART
Link to post
Share on other sites

Depresso
ARES III

Keir Starmer urged to back radical constitutional reform for UK

Labour report calls for federal state, Lords replaced by elected senate and more powers for regions and devolved nations

 

Keir Starmer has been urged to support radical reforms to devolve power in the UK, including a federal parliament, a written constitution and significant new authority for England’s regions under plans initially drawn up for Jeremy Corbyn.

A lengthy report commissioned by Corbyn recommends reorganising the UK as a federal state, overseen by a new “council of the union” and replacing the House of Lords with an elected senate, alongside substantial new financial and policy powers for Scotland, Wales and Northern Ireland.

Senior figures within Labour, including Gordon Brown, centrists close to Starmer, and Corbyn allies such as the former shadow chancellor John McDonnell believe that Brexit, the impact of the Covid crisis on English regions and growing anger over underinvestment in the north of England have fuelled a stronger appetite for significant reform and are urging the Labour leader to support the plans.

 

Some of the report’s recommendations echo proposals being floated by Brown, the former prime minister, who is advising Starmer on setting up a new constitutional commission due to be launched by Labour in early spring.

“There’s a ferment going on at the moment,” McDonnell told the Guardian. “There’s a challenge to the way the British state is constitutionally organised coming from so many fronts.”

Labour feels under pressure to propose ambitious new powers for Scotland to counter demands for a second independence referendum, which are intensifying in the run-up to May’s Holyrood elections.

The 234-page report for Corbyn, overseen by the Labour peer Pauline Bryan, called Remaking the British State, proposes:

 

  • A UK-wide constitutional convention bolstered by citizens’ assemblies to investigate options for reform.

  • A written constitution that would greatly reduce the monarch’s powers.

  • Replacing the Lords with a federal senate of the nations and English regions, able to veto some legislation and ratify international treaties.

  • Giving the Scottish parliament, Welsh Senedd and Northern Irish executive permanent constitutional independence.

  • More borrowing and policymaking powers for Holyrood, including over postgraduate immigration, alcohol taxation, drugs policy and social security.

  • Significant devolution of policymaking and financial powers to English regions and councils, including borrowing.

Starmer was due to launch Labour’s constitutional commission in January but that timetable was disrupted by the sudden resignation of Richard Leonard as Scottish Labour leader. His departure triggered a leadership contest that will finish in late February.

The commission is expected to be launched soon after the new Scottish leader takes over; it is understood Brown wants it to be driven by citizens’ assemblies across the UK, tasked with tabling specific proposals for reform.

 

In an article for the Guardian, Anas Sarwar, Scottish Labour’s constitution spokesperson and favourite to win the party’s leadership contest, agreed with the authors of the paper that new powers to control drugs misuse and Scotland-specific immigration rules should be considered.

Senior Tories, led by Michael Gove, the Cabinet Office minister, are considering an official review of the UK’s governance, driven partly by the surge in support for independence in Scotland and the political crises in northern England exposed by the Covid crisis.

For the Tories, much hinges on whether the Scottish National party (SNP) wins a Holyrood majority in May. There are reports one option includes a royal commission on the UK’s post-Brexit structures and the constitution. Douglas Ross, the Scottish Tory leader, has already mooted new powers for Holyrood.

In Wales, Mark Drakeford, the first minister, endorsed a pamphlet by Welsh Labour members in mid-January calling for federalism “based on the simple but profoundly radical proposition that the UK is a voluntary association of four nations, where sovereignty is dispersed amongst four democratically elected legislatures”.

The pressure within Labour to respond to the SNP’s surge in popularity has again led to a split over its stance on a second referendum between the two rivals in the Scottish leadership contest.

Monica Lennon, a leftwinger backed by many Corbyn supporters, has called for Labour to accept Nicola Sturgeon will have a mandate to stage a referendum if the SNP wins a majority in May, but argues Labour should campaign for a third option, of maximum devolution, to be included.

 

In his article for the Guardian, Sarwar rejected that strategy, arguing it was “deeply irresponsible” to consider staging a referendum during a pandemic and an economic crisis.

Sarwar reopened a conflict with McDonnell by revealing he would ask Starmer to guarantee Scottish Labour had control over its policies on the constitution if he became Scottish leader, attacking the former shadow chancellor’s decision in August 2019 to “unilaterally” announce Labour was open to a second independence vote.

McDonnell told the Guardian he believed that was “the right thing to say at the time”. He backed Lennon’s call for a third option if a referendum were held, saying: “We’ve got to stimulate the debate in a way in which people can really engage and feel that they can contribute, and they’re part of the decision-making process.”

https://amp.theguardian.com/politics/2021/jan/31/keir-starmer-urged-to-back-radical-constitutional-reform-for-uk

 

Link to post
Share on other sites

ART

Il bello è che anche dopo la brexit si continua da più parti a tirare in ballo l'UE come elemento negativo, in quanto secondo le teorie politico-complottiste in voga tutto ciò che di male capita alla Gran Bretagna è creato ad arte dall'UE (*) come ripicca per la brexit.

(*) o dalla Germania, dato che nel folklore eurofobo di oggi il cattivo burattinaio di turno che comanda tutti di nascosto non è più la Commissione europea ma la Germania.

Edited by ART
Link to post
Share on other sites

Depresso
ARES III
19 minuti fa, ART dice:

la Germania.

Strano.....eppure è un paese tanto pacifico che non ha mai fatto male a nessuno......un tipico capespiatorio senza alcun fondamento......

 

E lo dico io che ho anche origini austriache.

Link to post
Share on other sites

ART

Intendevo che la Commissione europea non ha mai fatto davvero male a nessuno (manco è un paese) eppure il BABAU di turno prima era quello, mentre la Germania era un povero innocente che come tutti gli altri era manovrato dal BABAU. Ma è inutile spaccarsi la testa per trovarci una logica, alla fine è solo "folklore" che cambia in base ai tempi e gli scopi.

Edited by ART
Link to post
Share on other sites

Depresso
ARES III

Scozia, la campagna elettorale nel segno dell’indipendenza

Verso il voto. La premier Sturgeon non rinuncia al secondo referendum, inevitabile, e dall’esito scontato, se a maggio lo Scottish National Party otterrà la maggioranza assoluta

 

Nonostante non tramonti l’ipotesi rinvio causa Covid (anche per le elezioni in Galles e a Londra), la Scozia entra nel vivo della campagna per le elezioni politiche del 6 maggio. Il partito indipendentista attualmente al governo, lo Scottish National Party, otterrà certamente la maggioranza. Tuttavia, grande rilevanza avranno le dimensioni di questa vittoria: se l’Snp ottenesse la maggioranza assoluta dei voti, la via che porta all’indipendenza di Edimburgo risulterebbe segnata.

DA SFONDO alla campagna elettorale fanno anzitutto il Covid-19 e la campagna vaccinale. Come tutto il Regno Unito, la Scozia è da inizio anno in un lockdown rigido volto a contrastare la diffusione della ‘variante inglese’. La forte decrescita della curva pandemica fa tuttavia pensare a un alleggerimento in tempi brevi.

La campagna vaccinale procede intanto a passo più spedito che in Ue, ma ha comunque dato adito a polemiche politiche il fatto che, questa volta, la tanto vituperata Inghilterra abbia dimostrato maggiore efficienza. Polemiche comunque contenute, dato che sono circa 600mila gli scozzesi (1 su 10) ad aver ricevuto almeno la prima dose di vaccino e che si è iniziato a vaccinare anche gli over-70 dopo personale sanitario e over-80.

Ma nonostante la pandemia, il tema più caldo rimane quello dell’indipendenza e dell’eventuale secondo referendum, rinvigorito dai primi postumi della Brexit. Il Sì all’indipendenza è ormai dato stabilmente oltre il 50%. I contrari non hanno nemmeno beneficiato dell’arrivo in Scozia del premier britannico Boris Johnson. Si è anzi molto discusso della «essenzialità» del viaggio di Johnson mentre il resto della nazione è in lockdown, così come si era fatto anche per la vista dei reali William e Kate a dicembre. E la discussione non è stata aperta dai soliti umorali tabloid, ma proprio dalla premier scozzese Nicola Sturgeon. Come evidenziato dal Financial Times, Sturgeon e l’Snp usano ormai Johnson e la sua impopolarità come la principale «arma nella battaglia per l’indipendenza», forse anche più degli effettivi contenuti della loro proposta politica.

La premier ha inoltre annunciato che una vittoria dell’Snp a maggio poterà il governo a calendarizzare la ripetizione referendum perso nel 2014, prescindendo dal consenso di Londra. Ma se le elezioni di maggio fossero un plebiscito per l’Snp, non solo gli esiti del nuovo referendum sarebbero scontati, ma diventerebbe anche davvero difficile per il governo centrale britannico negare alla Scozia questa seconda possibilità. Il segretario per la Scozia del governo di Londra, il conservatore scozzese Alister Jack, ha infatti recentemente dichiarato che la ripetizione del referendum non avverrà prima di 25-40 anni. Sarebbe però difficile tenere il punto se la maggioranza degli scozzesi votasse tra tre mesi per un partito indipendentista.

L’SNP SI ATTESTA nei più recenti sondaggi a circa il 50%, ma non mancano gli intoppi nel suo percorso apparentemente trionfale. Ad esempio, negli ultimi giorni le opposizioni hanno criticato all’unisono il piano economico del governo per la ripresa post-pandemica, accusato di aver trascurato le esigenze delle classi lavorative più deboli, in difficoltà a causa del lockdown, e di essersi invece limitato a congelare le tasse sul reddito e sulla casa a solo beneficio delle classi più benestanti. Inoltre, un recente report della London School of Economics ha stimato che l’indipendenza costerebbe agli scozzesi circa 11 miliardi di sterline, praticamente eguagliando il costo della Brexit.

Ma l’Snp è anche alle prese con le accuse di molestie all’ex premier Alex Salmond, figura ancora molto in vista del partito, e con la controversia interna sulla proposta di legge intesa a facilitare il riconoscimento legale del cambiamento di sesso, controversia che rivela la totale mancanza di coesione ideologica nel partito su temi diversi dall’indipendenza. Convivono infatti nell’Snp un’anima ultra-progressista e una più conservatrice che difficilmente rimarrebbero assieme allorché l’obiettivo della loro convivenza, l’indipendenza, venisse realizzato.

LE OPPOSIZIONI non sembrano però in grado di trarre vantaggio dalle difficoltà del partito di governo. Non se la passa bene il Labour, dato al momento fra il 15 e il 20%. A tre mesi delle elezioni, i laburisti si ritrovano senza una guida politica: si è infatti dimesso il leader del partito, il corbyniano Richard Leonard, lasciando i suoi in balia di lotte intestine per la nuova leadership. In discesa anche i conservatori, dati al 20% circa, di poco sopra ai laburisti. Se da un lato il Partito Conservatore Scozzese è ormai riconosciuto come il baluardo dell’anti-indipendentismo, dall’altro questa intransigenza è letta da molti come la negazione del diritto degli scozzesi di decidere le sorti della propria nazione.

A completare la corsa il Liberal-Democratici, la sinistra radicale e indipendentista dello Scottish Socialist Party e i Verdi. Nessuna di queste forze sembra però poter condizionare l’esito delle elezioni. Eppure è proprio sulla conquista degli elettori di questi partiti che si gioca il tentativo dell’Snp di portare il paese verso l’indipendenza, eventualità gravida di conseguenze non solo per gli scozzesi, ma per tutto il Regno Unito e anche per l’Unione Europea, che certamente ritroverebbe poco dopo Nicola Sturgeon a bussare alla sua porta.

https://ilmanifesto.it/scozia-la-campagna-elettorale-nel-segno-dellindipendenza/

Link to post
Share on other sites

Depresso
ARES III

Scozia, uno scontro fra bande politiche mette a rischio il referendum sull'indipendenza

L'ex leader Salmond denuncia la sua antica delfina, e attuale premier, Nicola Sturgeon: ci sarebbe lei dietro alle accuse di molestie sessuali che ne hanno affossato la carriera politica. Una vicenda fra pubblico e privato che rischia di avere conseguenze sul braccio di ferro fra Edimburgo e Londra dopo la Brexit

Il demiurgo dell’indipendenza scozzese ora potrebbe distruggerla. E, come Crono, divorare i suoi figli. Perché Alex Salmond, 66 anni, physique du rôle tra Braveheart e Danny DeVito, ha giurato vendetta a Nicola Sturgeon. L’ex primo ministro di Edimburgo ed ex leader del Partito Nazionale Scozzese (Snp) potrebbe far deragliare la brillante carriera della sua erede. E, con lei, i sogni di indipendenza.

https://www.repubblica.it/esteri/2021/02/13/news/scozia_uno_scontro_fra_bande_politiche_mette_a_rischio_il_referendum_sull_indipendenza-287460408/amp/

 

 

Link to post
Share on other sites

Depresso
ARES III

Ma l'europeismo scozzese è contraccambiato dai vertici UE?

Lo si vedrà, ma sulla questione Erasmus non proprio!

Intanto:

La Scozia sfida Londra: la bandiera europea resta esposta negli edifici pubblici

reuters_xix_20210205_140630_005771.JPG%3  

Quella britannica, l’Union Jack, sarà esposta  solo una volta l’anno, nel giorno della Rimembranza che ricorda i caduti di tutte le guerre

Il Regno Unito non fa più parte dell’Unione Europea da un paio di mesi, ma la premier scozzese Nicola Sturgeon ha deciso che la bandiera della Ue continuerà a sventolare sugli edifici pubblici della nazione, accanto a quella scozzese. Quella britannica, l’Union Jack, sarà esposta invece solo una volta l’anno, nel giorno della Rimembranza che ricorda i caduti di tutte le guerre.  

L’iniziativa, resa nota nel testo di indirizzo del governo, ha creato non pochi malumori nei deputati più conservatori.

Link to post
Share on other sites

Depresso
ARES III

Scozia, faida tra i secessionisti: Salmond contro Sturgeon (e l’indipendenza si allontana)

DAL NOSTRO CORRISPONDENTE È una guerra intestina che dilania gli indipendentisti scozzesi: e che rischia di mettere fine al sogno decennale di staccarsi da Londra. Lo scontro vede l’uno contro l’altra le due figure politiche più importanti della Scozia recente: da un lato Alex Salmond, il padre della causa, la figura che ha dominato la scena a Edimburgo per 2o anni; dall’altro la sua pupilla, Nicola Sturgeon, che nel 2014 gli è succeduta alla guida del partito e del governo, dopo la sconfitta al referendum sulla secessione. Ma alla fine, come in «Highlander», ne resterà uno solo.

Ieri pomeriggio Salmond ha testimoniato per ore di fronte a una commissione d’inchiesta del Parlamento scozzese: ha accusato la leadership del Paese di «aver fallito» e Sturgeon di aver mentito ai deputati. Se sarà provato, implicherà le dimissioni della premier. Salmond non si fermerà di fronte a nulla: ha giurato vendetta contro la sua ex protetta. Lui era finito a processo due anni fa inseguito da gravi accuse di molestie sessuali: ma poi, nonostante la sua condotta riprovevole fosse nota ai più, è stato clamorosamente assolto. L’ex leader è convinto che contro di lui fosse stato ordito un complotto proprio da Sturgeon, per eliminare la sua presenza ingombrante dalla scena politica: ora è determinato a trascinare tutti nella polvere. E sostiene che la premier fosse a conoscenza delle indagini contro di lui. Lei nega.

La saga rischia di affossare la marcia della Scozia verso l’indipendenza. Che sembrava inevitabile: il partito nazionalista si avvia a trionfare nelle elezioni locali di maggio e a chiedere, sulla base di questo mandato popolare, un nuovo referendum. Stavolta, a differenza che nel 2014, i secessionisti hanno il vento nelle vele, spinti dalla rabbia per la Brexit (che gli scozzesi hanno sempre osteggiato) e dalla soddisfazione per la competente gestione della pandemia da parte di Sturgeon. Ma ora lo scandalo ha mostrato la natura di partito-Stato della formazione nazionalista al potere e gli ultimi sondaggi danno la causa indipendentista in ritirata. A Londra si fregano le mani.

https://www.corriere.it/esteri/21_febbraio_26/scozia-faida-secessionisti-salmond-contro-sturgeon-l-indipendenza-si-allontana-a867ebda-7878-11eb-a31c-83439f3265f9.shtml

Forse nello SNP c'è qualche prezzolato?

Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...
×
  • Create New...

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue., dei Terms of Use e della Privacy Policy.