Jump to content
IGNORED

Alessandro Rossi


Recommended Posts

Jagher
Supporter

Avevo promesso qualche ciliegina🍒🍒🍒ora Giancarlone mi ha invogliato...

6A804143-FF10-448A-B4C5-D75D8C51BE60.png

677BBE84-5467-4BB3-B30C-5318E1B0A263.png

Adesso, Jagher dice:

Avevo promesso qualche ciliegina🍒🍒🍒ora Giancarlone mi ha invogliato...

6A804143-FF10-448A-B4C5-D75D8C51BE60.png

677BBE84-5467-4BB3-B30C-5318E1B0A263.png

 

1B290055-6358-46E8-ADA1-BDFB60BAEF6B.png

F0379EBF-525A-41B0-9EB1-4F6F4F5E560D.png

Link to post
Share on other sites

Jagher
Supporter
1 minuto fa, Jagher dice:

Avevo promesso qualche ciliegina🍒🍒🍒ora Giancarlone mi ha invogliato...

6A804143-FF10-448A-B4C5-D75D8C51BE60.png

677BBE84-5467-4BB3-B30C-5318E1B0A263.png

 

1B290055-6358-46E8-ADA1-BDFB60BAEF6B.png

F0379EBF-525A-41B0-9EB1-4F6F4F5E560D.png

Firme originali di Giulio Monteverdi.Questa sopra è la foto della bozza in creta di come veniva la statua di Alessandro Rossi

E25FE3FF-C304-47D5-BAC1-2F3A887D6CA3.png

36E843FC-696A-458D-9CD8-AE1B3A4D118A.png

Adesso, Jagher dice:

Firme originali di Giulio Monteverdi.Questa sopra è la foto della bozza in creta di come veniva la statua di Alessandro Rossi

E25FE3FF-C304-47D5-BAC1-2F3A887D6CA3.png

36E843FC-696A-458D-9CD8-AE1B3A4D118A.png

52400620-36EE-47FD-9B86-2DD447E63C30.png

5CE2DD7D-3DBC-4834-8816-FB1E97EFC4E9.png

AB5EB6EB-4146-4910-9FE5-6F10CC7B9A21.png

Link to post
Share on other sites

Jagher
Supporter

2171BD67-D23D-43B3-A068-FBE2193B8F0B.png

F6E7274E-9692-4275-8031-1323C9755B74.png

534F3C38-A1B5-42D9-B4A4-76A6E37175CB.png

AD76FB00-F746-4F25-9AA3-A4DEF4A57A77.png

Adesso, Jagher dice:

2171BD67-D23D-43B3-A068-FBE2193B8F0B.png

F6E7274E-9692-4275-8031-1323C9755B74.png

534F3C38-A1B5-42D9-B4A4-76A6E37175CB.png

AD76FB00-F746-4F25-9AA3-A4DEF4A57A77.png

Lettera personalizzata di Alessandro Rossi

Link to post
Share on other sites

Jagher
Supporter

Medaglia (ai sindaci)

vhe non erano sindaci ma dirigenti della lanerossi schio piovene Pieve Torrebelvicino etc medaglia rara🍒🍒🍒🍒🍒

2E3D0FE7-42EA-4797-B662-78E2EA36D178.png

C34DDF10-D32A-41F6-B53E-E3265B39339B.png

Link to post
Share on other sites

Jagher
Supporter

Medaglia in agento 200g e in bronzo donata ai suoi coetanei il giorno del suo settantesimo compleanno

C2E732D7-D901-4363-B621-6D6B3B8A49A8.png

3D2F15D5-CC41-4945-9723-78A84497F4B6.png

2CB14503-CC1D-4FC2-A42B-3E6D7FE685AA.png

05BB52FF-FD48-46E5-AAEB-819AEEE9D65A.png

Link to post
Share on other sites

Jagher
Supporter

Primo centenario 

A502D792-85E0-4BC5-82AB-02675536D032.png

1F30E404-E45E-41E4-A4F4-5F7AE8B0CE8A.png

Link to post
Share on other sites

Jagher
Supporter

Medaglia molto difficile da reperire (almeno per me)

D2A75E42-55B0-4CBC-8836-DF41D1E5D018.png

9E8B12DD-11D3-49FE-92E6-FFD3F9C7AE73.png

49BB5F97-6385-47C9-8BE1-482815037CB9.png

Link to post
Share on other sites

Jagher
Supporter
2 minuti fa, Jagher dice:

Medaglia molto difficile da reperire (almeno per me)

D2A75E42-55B0-4CBC-8836-DF41D1E5D018.png

9E8B12DD-11D3-49FE-92E6-FFD3F9C7AE73.png

49BB5F97-6385-47C9-8BE1-482815037CB9.png

Quattro giorni dopo il giubileo verdiano, compiva i settanta anni di età ed i cinquanta di gloriosa carriera industriale un uomo grandemente benemerito della industria e del lavoro nazionale, il senatore Alessandro Rossi di Schio.

Ad onore e memoria di questo tenace propugnatore della protezione del lavoro italiano, troviamo, coniate pel 21 novembre 1889, due medaglie.

La prima fu fatta eseguire dallo stesso senatore Bossi, che ne affidò l’incisione e la coniazione all’incisore milanese signor Antonio Donzelli; e qui la descriviamo:

40. — Diam. mm. 70.

D/ — Mare agitato solcato da navi; a destra sole nascente; a sin. nubi. Sulla riva, vecchio pescatore seduto a sin. in atto di raccogliere le reti, circondato da sei figure di giovanetto e fanciulli. Nell’esergo: MEMOR FUI DIERUM ANTIQUORVM. — S. CXLII.

R/ — Nel campo, in cinque linee: ALESSANDRO ROSSI — 1819 • 21 NOVEMBRE • 1889 — Al SUOI COETANEI DI SCHIO — IN ATTESA — DELLA SECONDA VITA.

Il senatore Rossi, il giorno 21 novembre, volendo nella propria onorare la canizie dei suoi coetanei, e condividere con essi tutti la consolazione dei suoi cari, fino dal 1 novembre, aveva invitato i concittadini di Schio, nati dal 1819 in su, a festa comune. E l’invito al geniale convegno era così concepito:

«Caro coetaneo e concittadino,

«Compiendo io 70 anni col 21 di questo mese, mi è venuto il pensiero di passare quel giorno tra i nati di Schio dal 1819 in là che ancora sorvivono a tanti cittadini ed amici e parenti perduti.

[p. 437] «Vi prego di non mancare al mio invito, e ve ne sarò grato.

«Siamo in ottanta; teniamoci in guardia che nessuno di noi sia malato in quel dì.

«Vi noto quale sarà l’orario; e vi saluto cordialmente.

Vostro concittadino

A. Rossi.»

 

Non è a dire se gl’invitati gradirono la cortese proposta.

E la mattina dei giorno 21, alle ore 10, si trovarono tutti ottanta nel tempio magnifico eretto dal Rossi nella nuova Schio, dove con una messa cantata da mons. Gaetano Rossi, fratello del festeggiato, ed accompagnata dall’orchestra degli operai del Lanificio, indi con un solenne Te Deum resero grazie a Dio del lieto avvenimento.

Dalla chiesa di S. Antonio l’onorando corteo, percorrendo la via maggiore della nuova Schio, passò nel grandioso edificio delle scuole Rossi. Là il munifico invitante ogni cosa aveva disposto per rendere più solenne il giorno della comune allegrezza. Un fotografo ritrasse da prima i convenuti, tutti in gruppo; poi passarono questi nel teatrino annesso alle scuole, dove i giovanetti, figli di operai, che frequentano le istituzioni Rossi, diedero una piacevole e bene adattata rappresentazione. Finita questa, dodici degli stessi giovanetti, entrarono coi convitati nella sala da pranzo, festosamente parata a drappi bianchi e rossi con corone di verde alloro, e, cantata la benedizione della mensa, musica del maestro Fogliardi su versi eccellenti dello stesso senatore Rossi, il pranzo — degno della straordinaria festa — fu signorilmente servito, da dodici prestanti ragazze, già alunne delle scuole Rossi, ed ora lavoratrici nell’opificio.

Al levare delle mense brindarono, d’occasione, un monsignore di Schio ed il senatore Rossi, con caratteristica vivacità. Poi entrarono nella sala cento alunni delle scuole, a cantare un bell’inno in onore del festeggiato; e alla fine dell’inno, il senatore Rossi distribuì a ciascuno dei coetanei un esemplare in argento, del peso di 200 grammi, della medaglia incisa dal Donzelli, e sopra descritta.

Non è compito nostro l’esporre qui il dettaglio di tutte [p. 438]le manifestazioni di festa e di gioia che circondarono, il 21 nov. 1889, il senatore Rossi; e notiamo che sono appunto descritte in un fascicoletto, estratto dal periodico Silvio Pellico (Il giubileo operaio del senatore Alessandro Rossi a Schio — Ricordo della memoranda festa del 21 nov. 1889. — Torino, 1889, Giulio Speirani e figli, tipografi-editori). Ma è di nostra competenza il registrare qui la seconda delle medaglie relative a tale festa, e da noi già accennata. Essa è la seguente (Tav. IX, N. 3).

41. Diam. mm. 64.

D/ — In alto rilievo, donna laureata, seduta a sin., volta a destra col busto ed a sin. col capo, avente nella sinistra una corona d’alloro e nella destra un ramo di quercia; sotto del quale un medaglione portante la testa nuda a destra di Alessandro Rossi. A destra della donna, ruota dentata, e nello sfondo, paesaggio con opificio. Sul basamento, a sinistra: A. Pogliaghi inv. — A. C. inc. Nell’esergo, in lambello: Stabilimento Johnson. Milano.

R/ — Nel campo, in tredici linee: AL – SENATORE – ALESSANDRO ROSSI – NEL SETTANTESIMO SVO NATALIZIO – QVESTA MEMORIA – I CONSIGLIERI I SINDACI — DEL LANIFICIO — CON AFFETTO CON FERVIDI VOTI – CONSACRANO — MILANO – SCHIO — 21 NOVEMBRE — 1889.

Questa medaglia fu offerta al senatore Alessandro Rossi in esemplare d’oro, dai Consiglieri e Sindaci del Lanificio che dal benemerito senatore Rossi prende nome, e la cui sede amministrativa è in Milano. La medaglia fu modellata dal pittore A. Pogliaghi, e incisa squisitamente dall’A. Cappuccio; fu coniata nello Stabilimento S. Johnson di Milano, rimanendone i coni di proprietà dei committenti consiglieri e sindaci del Lanificio i quali, oltre all’esemplare in oro, pochissimi altri in bronzo ne fecero coniare.

[p. 439]

Asterisme.svg

 

Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...
×
  • Create New...

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue., dei Terms of Use e della Privacy Policy.