Jump to content

Recommended Posts

Hyperion new

Buonasera a tutti,
 

Mi han offerto queste due piccole Monete d’oro : le ho identificate alla bene meglio è stando alle informazioni del signore che le sta cedendo, ma se possibile sarei grato a chiunque possa darmi informazioni in merito ad autenticità, vista la mia ignoranza totale in merito 

comprendo le foto non siano esattamente di qualità museale 😄, anzi, ma è mio malgrado il meglio che son riuscito ad avere.

grazie mille !
 

BC8B88D4-147C-4A84-850A-078DCD8F8BAF.jpeg

53A74365-F4E8-4EC9-82E8-25C293100D36.jpeg

Edited by Hyperion new
Aggiungere più dettagli
Link to post
Share on other sites

nikita_
Supporter
16 minuti fa, Hyperion new dice:

8CD9B002-BD1B-4D68-9475-6F7722B6B430.jpeg

Ciao, sono due mini riproduzioni non monete, giusto per farti un'idea in questo link trovi quella che non hai riconosciuto, leggi le misure: 

https://en.numista.com/catalogue/pieces15156.html

 

Edited by nikita_
Link to post
Share on other sites

Ranbel
Supporter
12 minuti fa, Hyperion new dice:

8CD9B002-BD1B-4D68-9475-6F7722B6B430.jpeg

Buonasera ad occhio sembrano due cosiddette micromonete, in pratica riproduzioni mignon di monete vere, se è così non hanno alcun valore, numismatico, saluti

Link to post
Share on other sites

Hyperion new
10 minutes ago, Ranbel said:

Buonasera ad occhio sembrano due cosiddette micromonete, in pratica riproduzioni mignon di monete vere, se è così non hanno alcun valore, numismatico, saluti

Grazie per l’aiuto e la stima, lo apprezzo molto! 

Link to post
Share on other sites

Hyperion new
Posted (edited)

Curiosità: mi son dimenticato di scriverlo, mi han detto che era 8k... ha un qualche significato pratico... ?
ho solo trovato alcune monete papali con quella dicitura e veniva riportato che erano miniature fatte in oro 8 carati.

Credo che semplicemente sia un’altra definizione per quello che mi avete appena detto: micro monete fatte come copia delle originali

Edited by Hyperion new
Link to post
Share on other sites

Ranbel
Supporter
6 minuti fa, Hyperion new dice:

Curiosità: mi son dimenticato di scriverlo, mi han detto che era 8k... ha un qualche significato pratico... ?
ho solo trovato alcune monete papali con quella dicitura e veniva riportato che erano miniature fatte in oro 8 carati.

 

Ribuonasera, di solito hanno un titolo molto basso se non semplicemente dorate, questo ti fa capire che anche il loro valore intrinseco è insignificante, se posso darti un consiglio lascia perdere, con il tempo ti renderai conto di che schifeffezza sono, risaluti 

Link to post
Share on other sites

Hyperion new
1 minute ago, Ranbel said:

Ribuonasera, di solito hanno un titolo molto basso se non semplicemente dorate, questo ti fa capire che anche il loro valore intrinseco è insignificante, se posso darti un consiglio lascia perdere, con il tempo ti renderai conto di che schifeffezza sono, risaluti 

Grazie ancora, gentilissimo :)!  purtroppo eran nel mezzo di un piccolo lotto di caravelle che ho preso quindi oramai nel bene e nel male son mie 😅 ma sarà ottimo da sapere per la prossima volta! Buon fine settimana

Link to post
Share on other sites

Gallienus
19 minuti fa, Hyperion new dice:

Grazie ancora, gentilissimo :)!  purtroppo eran nel mezzo di un piccolo lotto di caravelle che ho preso quindi oramai nel bene e nel male son mie 😅 ma sarà ottimo da sapere per la prossima volta! Buon fine settimana

Se ti può interessare io son riuscito qualche tempo fa a venderne una manciata a 2 € l'una.

Link to post
Share on other sites

Hyperion new
3 minutes ago, Gallienus said:

Se ti può interessare io son riuscito qualche tempo fa a venderne una manciata a 2 € l'una.

Buono a sapersi...Decisamente un prezzo “popolare” 😄sto quasi pensando di portarle qui in Canada dove vivo e darle come souvenir lol

Link to post
Share on other sites

Bradi
9 ore fa, Hyperion new dice:

Ciao, grazie mille per l’informazione... mi son entusiasmato eccessivamente per nulla 😄

è  anche così che si impara.... :)

Link to post
Share on other sites

Hyperion new
8 hours ago, Bradi said:

è  anche così che si impara.... :)

senza dubbio :) 
Mea culpa , ho letto ma nella fretta (raramente cosa buona), non ho verificato a dovere 😅

Link to post
Share on other sites

apollonia
4 minuti fa, Hyperion new dice:

Grazie Apollonia....
Ne hai certamente fatto una bella presentazione dettagliata! :)

Ti dirò che non ho la minima idea di come siano finite nella numismatica-esonumia di famiglia. Ma una volta trovate, ho pensato che meritassero attenzione indipendentemente dal valore intrinseco.

apollonia

Link to post
Share on other sites

Hyperion new
Posted (edited)
6 minutes ago, apollonia said:

Ti dirò che non ho la minima idea di come siano finite nella numismatica-esonumia di famiglia. Ma una volta trovate, ho pensato che meritassero attenzione indipendentemente dal valore intrinseco.

apollonia

Sono indubbiamente belle :) 
son rimasto stupito infatti che non avessero interesse collezionistico e venissero considerate come patacche prive di qualsivoglia valore, visto che c’è un mercato quasi per tutto. Posso azzardare che ne siano state coniate molte e non siano divenute popolari? 

Si sa chi le coniava, o era un lavoro “privato”?

Edited by Hyperion new
Link to post
Share on other sites

apollonia

Io le ho trovate tutte sciolte ma sono generalmente in commercio come tessere in involucri di plastica con i dati anagrafici del soggetto raffigurato. Mancano riferimenti su chi si è occupato della produzione.

apollonia

Link to post
Share on other sites

Hyperion new
19 minutes ago, apollonia said:

Io le ho trovate tutte sciolte ma sono generalmente in commercio come tessere in involucri di plastica con i dati anagrafici del soggetto raffigurato. Mancano riferimenti su chi si è occupato della produzione.

apollonia

Grazie per le informazioni, molto interessanti. All’inizio avevo immaginato fossero una sorta di commemorative ufficiali ma vedo che ero lontano dal vero 😄

Link to post
Share on other sites

sandokan
Supporter
4 ore fa, Hyperion new dice:

Sono indubbiamente belle :) 
son rimasto stupito infatti che non avessero interesse collezionistico e venissero considerate come patacche prive di qualsivoglia valore, visto che c’è un mercato quasi per tutto. Posso azzardare che ne siano state coniate molte e non siano divenute popolari? 

Si sa chi le coniava, o era un lavoro “privato”?

Buonasera Hyperion,

si può collezionare di tutto : selci, fossili, minerali, monete, medaglie, francobolli, gettoni, ma queste piccole riproduzioni con un titolo di oro bassissimo a chi dovrebbero interessare ?

Ad un numismatico sicuramente no, sono solamente il prodotto di una iniziativa commerciale, esteticamente possono essere anche piacevoli a vedersi ma chi potrebbe desiderarle ?

Già il fatto di passarle per monetine d'oro è deprimente : se acquisti un anellino d'oro da un orefice, reca il marchio di 750/1000, precedentemente si usava il marchio 18/24 carati che indica la medesima proporzione impiegata : tre parti d'oro ed una di un altro metallo, argento o rame per lo più.  Un tempo ( e tuttora negli U.S.A.) per certi monili si usava un oro "povero", vale a dire a 14 carati, ma 8 è una proporzione  assolutamente inusitata. 

Insomma, è una speculazione commerciale, uno che non si intenda di Numismatica magari le acquista, ma quanto a rivenderle....Non sono monete, ma "cose" : ecco perché - brevemente - vengono appunto definite anche patacche.

Buona serata.

@Hyperion new

Link to post
Share on other sites

Hyperion new
Posted (edited)
13 minutes ago, sandokan said:

Buonasera Hyperion,

si può collezionare di tutto : selci, fossili, minerali, monete, medaglie, francobolli, gettoni, ma queste piccole riproduzioni con un titolo di oro bassissimo a chi dovrebbero interessare ?

Ad un numismatico sicuramente no, sono solamente il prodotto di una iniziativa commerciale, esteticamente possono essere anche piacevoli a vedersi ma chi potrebbe desiderarle ?

Già il fatto di passarle per monetine d'oro è deprimente : se acquisti un anellino d'oro da un orefice, reca il marchio di 750/1000, precedentemente si usava il marchio 18/24 carati che indica la medesima proporzione impiegata : tre parti d'oro ed una di un altro metallo, argento o rame per lo più.  Un tempo ( e tuttora negli U.S.A.) per certi monili si usava un oro "povero", vale a dire a 14 carati, ma 8 è una proporzione  assolutamente inusitata. 

Insomma, è una speculazione commerciale, uno che non si intenda di Numismatica magari le acquista, ma quanto a rivenderle....Non sono monete, ma "cose" : ecco perché - brevemente - vengono appunto definite anche patacche.

Buona serata.

@Hyperion new

Buonasera sandokan,

 

grazie per il messaggio.


non ne sindaco sicuramente il valore numismatico ne del metallo in se :) anche a un completo novellino come me ne è ben comprensibile il valore pressoché insignificante ( che non siano monete nel senso stretto del termine).
mi domandavo semplicemente, da ignorante in materia ma da persona (che come giustamente accensava anche lei) ha visto e vede collezionare di tutto ( da cavi elettrici a tappi di bottiglia, da sorpresine kinder a campioni di pietrisco...senza andare a vedere le vere “stranezze”), il motivo di un totale disinteresse, visto che appunto c’è chi desidera, ricerca, colleziona, paga e custodisce gelosamente prodotti anche più “discutibili” :).

 
Detto ciò dato che mi son capitate quasi a caso in un lotto mi era solo suscitata una analisi del perché non ne avessi mai sentito parlare prima; semplice curiosità :) 

a tal proposito mi saprebbe dire chi si prendeva cura di produrle? Non ho trovato alcun riferimento finora da nessuna parte
 

buona serata e buona domenica !

Edited by Hyperion new
Link to post
Share on other sites

sandokan
Supporter
16 minuti fa, Hyperion new dice:

Buonasera sandokan,

 

grazie per il messaggio.


non ne sindaco sicuramente il valore numismatico ne del metallo in se :) anche a un completo novellino come me ne è ben comprensibile il valore pressoché insignificante ( che non siano monete nel senso stretto del termine).
mi domandavo semplicemente, da ignorante in materia ma da persona (che come giustamente accensava anche lei) ha visto e vede collezionare di tutto ( da cavi elettrici a tappi di bottiglia, da sorpresine kinder a campioni di pietrisco...senza andare a vedere le vere “stranezze”), il motivo di un totale disinteresse, visto che appunto c’è chi desidera, ricerca, colleziona, paga e custodisce gelosamente prodotti anche più “discutibili” :).

 
Detto ciò dato che mi son capitate quasi a caso in un lotto mi era solo suscitata una analisi del perché non ne avessi mai sentito parlare prima; semplice curiosità :) 

a tal proposito mi saprebbe dire chi si prendeva cura di produrle? Non ho trovato alcun riferimento finora da nessuna parte
 

buona serata e buona domenica !

Certo, la curiosità è uno sprone, una bellissima cosa perché ci spinge a fare ricerche, ad allargare i nostri orizzoni conoscitivi.

Credo che la risposta in questo caso sia relativamente semplice e mi baso proprio sugli esempi da lei fatti : posso capire che uno si metta a raccogliere cavi elettrici (a Ferrara ad esempio c'è un Museo dei Tombini che, nel suo genere, è davvero interessante), insomma tante cose possono essere trovate stimolanti  al punto di raccoglierle.

Ma lei crede che qualcuno si prenderebbe la briga o proverebbe interesse a collezionare, anzi ad acquistare per la propria collezione cavi elettrici "finti", senza il dovuto rame all'interno e la copertura isolante esterna  ma fatti ad imitazione, con materiale visibilmente povero ?

Io credo di no, alla base di ogni raccolta c'è il gusto della ricerca ; ad esempio, faccio un viaggio all'estero e trovo a terra un pezzo di cavo elettrico che non possiedo, che non ho mai visto, e certo lo raccolgo con gioia. Ma un finto cavo elettrico, perché mai dovrei acquistarlo ?  Non è un cavo ma, appunto, una patacca fasulla, non potrei inserirlo nella mia collezione, non lo vorrei neppure regalato.

Non so se sono stato chiaro, sono ricorso ad un esempio un po' strampalato solo per cercare di chiarire ciò che intendevo dire.

Buona Domenica anche a lei, saluti.

P.S. No, non conosco la Ditta produttrice di quelle pseudomonetine.

@Hyperion new

Link to post
Share on other sites

nikita_
Supporter
35 minuti fa, Hyperion new dice:

collezionare di tutto

tappi di bottiglia, da sorpresine kinder a campioni di pietrisco

In buona sostanza chi colleziona tappi di bottiglia vuole che siano autentici, provenienti da una vera bottiglia di coca cola, da una vera bottiglia di birra pilsner urquell ecc. ecc. non desidera di certo tappi di un'azienda privata qualsiasi che produce finti tappi di coca cola anni '40 giusto perchè valgono un bel pò, ok si colleziona di tutto, ma chi vorrebbe questi tappi finti?

Lo stesso per chi colleziona sorpresine kinder, non è interessato ad un piccolo personaggio non creato appositamente per quegli ovetti al cioccolato. Un collezionista di minerali non può mettere una pietra verniciata di verde nella sua raccolta anzichè una fluorite giusto perchè si colleziona di tutto.

Queste mignon non hanno passato, presente e futuro collezionistico, puoi anche raccoglierli e conservarle, non ci sarebbe nulla di male, ma non avranno mai un loro specifico settore collezionistico se non quello di essere assimilati a della paccottiglia.

Link to post
Share on other sites

Hyperion new
1 hour ago, nikita_ said:

In buona sostanza chi colleziona tappi di bottiglia vuole che siano autentici, provenienti da una vera bottiglia di coca cola, da una vera bottiglia di birra pilsner urquell ecc. ecc. non desidera di certo tappi di un'azienda privata qualsiasi che produce finti tappi di coca cola anni '40 giusto perchè valgono un bel pò, ok si colleziona di tutto, ma chi vorrebbe questi tappi finti?

Lo stesso per chi colleziona sorpresine kinder, non è interessato ad un piccolo personaggio non creato appositamente per quegli ovetti al cioccolato. Un collezionista di minerali non può mettere una pietra verniciata di verde nella sua raccolta anzichè una fluorite giusto perchè si colleziona di tutto.

Queste mignon non hanno passato, presente e futuro collezionistico, puoi anche raccoglierli e conservarle, non ci sarebbe nulla di male, ma non avranno mai un loro specifico settore collezionistico se non quello di essere assimilati a della paccottiglia.


 

 

1 hour ago, sandokan said:

Certo, la curiosità è uno sprone, una bellissima cosa perché ci spinge a fare ricerche, ad allargare i nostri orizzoni conoscitivi.

Credo che la risposta in questo caso sia relativamente semplice e mi baso proprio sugli esempi da lei fatti : posso capire che uno si metta a raccogliere cavi elettrici (a Ferrara ad esempio c'è un Museo dei Tombini che, nel suo genere, è davvero interessante), insomma tante cose possono essere trovate stimolanti  al punto di raccoglierle.

Ma lei crede che qualcuno si prenderebbe la briga o proverebbe interesse a collezionare, anzi ad acquistare per la propria collezione cavi elettrici "finti", senza il dovuto rame all'interno e la copertura isolante esterna  ma fatti ad imitazione, con materiale visibilmente povero ?

Io credo di no, alla base di ogni raccolta c'è il gusto della ricerca ; ad esempio, faccio un viaggio all'estero e trovo a terra un pezzo di cavo elettrico che non possiedo, che non ho mai visto, e certo lo raccolgo con gioia. Ma un finto cavo elettrico, perché mai dovrei acquistarlo ?  Non è un cavo ma, appunto, una patacca fasulla, non potrei inserirlo nella mia collezione, non lo vorrei neppure regalato.

Non so se sono stato chiaro, sono ricorso ad un esempio un po' strampalato solo per cercare di chiarire ciò che intendevo dire.

Buona Domenica anche a lei, saluti.

P.S. No, non conosco la Ditta produttrice di quelle pseudomonetine.

@Hyperion new

 Comprendo le vostre opinioni e punti di vista sull’argomento :) comprendo cosa vogliate dire.
posso dire che personalmente parlando lo posso condividere: se devo parlare a livello più ampio, per ogni esempio quotato (da minerali, a cavi elettrici a sorpresine kinder, conosco di persona individui (di cui non ho problema a rispettare i gusti eccentrici) che associano alla loro collezione con gran gusto e piacere ogni sorta di pezzo “finto”/copia/artefatto o quant’altro per il semplice fatto che a livello visivo li appaga al medesimo modo “dell’originale”. 
ma parlo prettamente di Nord America e collezionisti Eclettici ed eccentrici.

 

Per fare una battuta, sommando tutti i dati presi da entrambe le analisi che avete fatto mi viene in mente un paragone automatico:
Bitcoin lol 
“finta valuta”, non coniata, emessa ne riconosciuta ne alla quale è stato attribuito alcune valore, non ha passato, ne interesse collezionistico, ne si basa su assets materiali come PM o forex di alcun genere e per la quale l’unica attrattiva è data dal potenziale speculativo stesso generato dal numero di persone coinvolte nella raccolta e utilizzo del Bitcoin stesso.

grazie a tutti per l’interessante dibattito :) è stato indubbiamente educativo.

buona domenica!

 

Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...
×
  • Create New...

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue., dei Terms of Use e della Privacy Policy.