Jump to content
IGNORED

Celtica orientale


gpittini
 Share

Recommended Posts

Supporter

DE GREGE EPICURI

Volevo condividere questa celtica recentemente acquistata, pesa 7,55 g. e misura 20,5 mm; è palesemente di area orientale, ma la collocazione precisa mi lascia dei dubbi. L'aspetto è di una moneta di mistura, abbastanza bassa di Ag., con alcune incrostazioni verde-azzurre. Al D., una testa molto stilizzata a dx: naso piccolo, disegno squadrato e molto schematico di occhio, orecchio e mandibola; in basso i grossi punti forse raffigurano la barba. Al R. un cavallo estremamente semplificato verso sinistra: testa piccola e in parte fuori tondello, criniera con una linea obliqua, avancorpo grosso e tondeggianta, zampe anteriori sottilissime.  Mi sembra molto simile al tipo X indicato da Derek Allen per le emissioni orientali (p. 27 dell'introduzione, Centic Coins in the BM). Egli collca l' emissione a Nord-Est dei Carpazi. Un vecchio catalogo tedesco del 1995 riportava una moneta in parte simile, collocandola nel Noricum. Che ne pensate?

P1000119.JPG

P1000120.JPG

Link to comment
Share on other sites


Supporter
Posted (edited)

DE GREGE EPICURI

Ci provo, ma credo che dia solo un link; anzi, le immagini si vedono solo attraverso il tuo riferimento.

Quanto alle spiegazioni...l'ungherese è al di là delle mie capacità!

Keleti kelták tetradrachma Schnabelpferd típus (i. e. II. század) gVF [8.41 gramm, 20 mm].html

Edited by gpittini
Link to comment
Share on other sites


34 minuti fa, gpittini dice:

Quanto alle spiegazioni...l'ungherese è al di là delle mie capacità!

Non c'è molto:

Keleti kelták tetradrachma "Schnabelpferd" típus (i. e. II. század) gVF [8.41 gramm, 20 mm]

Lanz: 669, OTA: 326/5.

Tetradramma Celti orientali tipo Schnabelpferd  (II secolo a.C) gVF(un buon grado di conservazione).

Riferimento Lanz.

Link to comment
Share on other sites


Supporter

DE GREGE EPICURI

Io l'ho pagata molto meno. Ti mando un PM.

Link to comment
Share on other sites


  • 4 weeks later...
  • 2 weeks later...
Supporter

Buonasera,

Ne possiedo anch’io una simile, ho svolto alcune ricerche e, da quello che ho potuto notare, non c’è molta chiarezza sull’autorità emittente della moneta.

Da alcune fonti presenti su internet, ho visto che questa tipologia di moneta, rientrante della categoria delle imitazioni della tetradracma di Filippo II di Macedonia, viene attribuita a popolazioni dei Carpazi nord orientali, in particolare al popolo dei Costoboci. Di questa popolazione si hanno pochissime notizie, sono ricordate nelle cronache soprattutto per le scorrerie in Tracia e Mesia del II secolo d.C. . Per certi autori si trattava di una popolazione dacica, secondo altri si tratta di una tribù celtodacica, oppure germanica o, per altri ancora, sarmatica. In effetti, in assenza di chiare informazioni storiche è difficile tracciare ed identificare la moltitudine di popolazioni che si sono avvicendate tra le grandi pianure a nord del mar Nero e la Pannonia.

L’aura misteriosa rende questa tipologia di monete ancora più affascinante: potrebbe anche essere che non siano state neppure emesse per finalità economiche, ma quale segno di prestigio di un capotribù, di uno sconosciuto “regulus”, ad imitazione delle monete provenienti da predazione, tributo, attività mercenaria o anche commercio. 

Quello che attrae è l’evidente destrutturazione anticlassica delle immagini riportate sulle due facce della moneta modello. Una sorta di astrattismo ante litteram, ottenuto attraverso l’enfatizzazione di elementi decorativi secondari, come le foglie della corona di alloro del diritto e della folta capigliatura del modello, quasi ad occupare totalmente la faccia della moneta. Al rovescio, si nota la pressoché totale eliminazione della figura del cavaliere, a fronte dell’estrema evidenziazione del corpo del cavallo con la sostituzione delle lettere della leggenda con pseudolettere senza significato.

Alla fine, ci rimane questo oggetto, da osservare e toccare, affascinante per ciò che rappresenta e per il mistero che lo circonda. Uno stimolo in più per coltivare la nostra passione per la numismatica e la storia. 
 

Federico

Link to comment
Share on other sites


Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...
 Share

×
  • Create New...

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue., dei Terms of Use e della Privacy Policy.