Jump to content
IGNORED

Filatelia Queen Victoria Penny red


PostOffice
 Share

Recommended Posts

Apro una nuova discussione in modo che in futuro sia facilmente rintracciabile.

Dunque per dare un'accurata valutazione ai due penny red avrei bisogno di foto più nitide o dell'aiuto di @gerryy.  Lateralmente in verticale ci sono due cornici di cui ti allego foto,  tu con un contafili o lente potente dovresti dirmi il numero che si legge nella cornice.

IMG_20210603_164525.jpg

IMG-20210603-WA0000.jpg

Link to comment
Share on other sites


Eccomi qui! Scusa per il ritardo nella risposta (e grazie per tutto il lavoro di ricerca che stai facendo!)

L'annullo copre sul lato destro le prime due cifre, ma sono riuscito a recuperarle dal lato sinistro (se sono speculari, ma mi sembra di capire che lo siano) 

Lascio in allegato le foto, a me sembra un 186

Sono riuscito solo ad usare lo zoom 8x del cellulare per avere dei numeri abbastanza nitidi!

 

Screenshot_20210603-192608_Gallery.jpg

Screenshot_20210603-192638_Gallery.jpg

Link to comment
Share on other sites


Posted (edited)

Non ti scusare tranquillo, stai facendo filatelia,  soprattutto se non sei organizzato con gli strumenti giusti ci vuole sempre un po di tempo. 

Splendida l'idea del cellulare avrei dovuto suggerirtela.

Purtroppo il plate number 186 è quotato dal mio catalogo 2005.  Solo 2,50 Sterline.  Il doppio sicuramente con un catalogo aggiornato.

Purtroppo sono causa covid in una casa di vacanza dove non ho i miei libri aggiornati. Ma vedrai che non mi sbaglio sulle quotazioni.

Spero che aldilà del valore venale seppur importante, la tua collezione ti diverta.  

A me questo tipo di materiale piace molto e darti quotazioni mi diverte.

 

Edited by PostOffice
Link to comment
Share on other sites


36 minuti fa, PostOffice dice:

Non ti scusare tranquillo, stai facendo filatelia,  soprattutto se non sei organizzato con gli strumenti giusti ci vuole sempre un po di tempo. 

Splendida l'idea del cellulare avrei dovuto suggerirtela.

Purtroppo il plate number 186 è quotato dal mio catalogo 2005.  Solo 2,50 Sterline.  Il doppio sicuramente con un catalogo aggiornato.

Purtroppo sono causa covid in una casa di vacanza dove non ho i miei libri aggiornati. Ma vedrai che non mi sbaglio sulle quotazioni.

Spero che aldilà del valore venale seppur importante, la tua collezione ti diverta.  

A me questo tipo di materiale piace molto.

 

Assolutamente! 

Sono sempre stato affascinato dalla storia dei francobolli, e questo album è davvero una chicca (per me, che non me ne intendo!) 

Pensare che ci siano Francobolli degli stati preunitari già mi sembra assurdo, ma ancora più affascinante è vedere tutte le sfere di influenza dei vari paesi nel corso dei decenni! 

Ho cercato di fare delle foto che riuscissero a mostrare in modo sommario tutto l'album (non ci sono tutti i francobolli ma una buona parte), lasciando a parte quelli italiani per cui ho fatto delle foto più ravvicinate
Cerco di caricarle tutte su imgur e lascio qui il link! 

 

@PostOffice, eccoti il primo link, le prime foto sono dei bolli italiani e tra questi c'è anche quello che mi avevi chiesto di evidenziare sull'altro post

http://imgur.com/a/nysNKSF

http://imgur.com/a/GCw51Fk

http://imgur.com/a/N1sRyEv

Una volta caricate tutte le foto lascio i link anche sull'altra discussione!

Edited by gerryy
Link to comment
Share on other sites


8 ore fa, PostOffice dice:

@gerryy prova a fare lo stesso controllo sull'altro esemplare che hai in collezione..

 

IMG_20210603_212234-1.jpg

Avevo provato a dare un'occhiata dopo aver guardato l'altro, ma su questo non vedo cifre ai lati... ti lascio l'ingrandimento qui sotto

Screenshot_20210605-224213_Gallery.jpg

Link to comment
Share on other sites


@PostOffice, ti segnalo questo francobollo di Israele (?) particolare, ha una scritta sovrastampata che sembra essere argentata (brilla sotto la luce) 

La scritta è uguale a quello di fianco, a quanto pare era per la Palestina! Dimmi se ne sai qualcosa!

Screenshot_20210605-233949_Gallery.jpg

Link to comment
Share on other sites


Per questo penny red che non si vede il plate number, provero' ad inviare la foto ad un mio amico in Scozia che è un esperto di questo periodo filatelico, o chiedere in un forum inglese.

Forse non si vede con l' ingrandimento che puoi ottenere col telefonino,  puoi provare con uno scanner.

Il plate number in filigrana dovrebbe esserci,  è possibile che sia mischiato con la cornice e non si veda, o potrebbe anche essere capovolto.

Occorre la strumentazione ottica giusta  che oramai è quasi tutta elettronica,  o come questo piccolo microscopio da viaggio molto pratico.

 

IMG-20210606-WA0000.jpg

Link to comment
Share on other sites


2 ore fa, PostOffice dice:

Per questo penny red che non si vede il plate number, provero' ad inviare la foto ad un mio amico in Scozia che è un esperto di questo periodo filatelico, o chiedere in un forum inglese.

Forse non si vede con l' ingrandimento che puoi ottenere col telefonino,  puoi provare con uno scanner.

Il plate number in filigrana dovrebbe esserci,  è possibile che sia mischiato con la cornice e non si veda, o potrebbe anche essere capovolto.

Occorre la strumentazione ottica giusta  che oramai è quasi tutta elettronica,  o come questo piccolo microscopio da viaggio molto pratico.

 

IMG-20210606-WA0000.jpg

Grazie della risposta! 

Sfortunatamente non possiedo ancora alcuna strumentazione adeguata, ma potrei fare volentieri un piccolo investimento! 

Attendo notizie per quanto riguarda il penny red!

Link to comment
Share on other sites


Posted (edited)

Se l'interesse per l'hobby si rafforzerà vedrai che l'impulso ad acquistare gli  strumenti necessari arriverà.

Ti consiglioso soprattutto la letteratura filatelica, i vari cataloghi che ovviamente vanno studiati con  l'uso.  

Questo è un hobby che potrebbe dare soddisfazioni economiche solo se c'e studio e approfondimento,   ma non iniziare a collezionare per fare soldi,  colleziona per te stesso, per fattori culturali per piacere personale. 

 Se svolgi un'attività lavorativa stressante sappi che la filatelia è un'ottimo antistress.

Edited by PostOffice
Link to comment
Share on other sites


Avere il plate number del penny red è importante perché le valutazioni possono oscillare di qualche centinaio di sterline, ma aldilà del valore venale,  .. vuoi mettere la curiosità...!!:)

Link to comment
Share on other sites


43 minuti fa, PostOffice dice:

Se l'interesse per l'hobby si rafforzerà vedrai che l'impulso ad acquistare gli  strumenti necessari arriverà.

Ti consiglioso soprattutto la letteratura filatelica, i vari cataloghi che ovviamente vanno studiati con  l'uso.  

Questo è un hobby che potrebbe dare soddisfazioni economiche solo se c'e studio e approfondimento,   ma non iniziare a collezionare per fare soldi,  colleziona per te stesso, per fattori culturali per piacere personale. 

 Se svolgi un'attività lavorativa stressante sappi che la filatelia è un'ottimo antistress.

A dirla tutta mi ero avvicinato alla filatelia circa un anno e mezzo fa, quando scoprii che in casa avevamo appunto questa vecchia raccolta

Rimasi totalmente affascinato dalla storia dei francobolli e dalla loro età, ma ancor di più nel vedere come molti avessero delle vignette che sono delle piccole opere d'arte! 

Proprio in quel periodo comprai un lotto di ritagli per cominciare questo hobby, mi misi ad immergerli tutti nell'acqua per separarli e li raccolsi in una scatola per dividerli e collezionarli successivamente

Insieme comprai anche dei vecchi francobolli giappponesi, per l'interesse che ho nei confronti del paese (studio giapponese all'università!), ma dopo averli acquistati tra lo studio e tutto il resto non ho mai comprato un album in cui metterli, anche visti i costi abbastanza alti che mi hanno stupito

I miei francobolli sono ancora tutti lì, e aspetto un momento più tranquillo, magari proprio questa estate, per iniziare a collezionarli in qualche album, magari divisi per tipologia!

E grazie davvero per tutta la passione che metti nelle tue risposte, anche quelle sono state un incentivo a riprendere questa scatola ed iniziare effettivamente la collezione :)

 

Screenshot_20210606-145601_Gallery.jpg

Screenshot_20210606-145603_Gallery.jpg

Link to comment
Share on other sites


Tu sei già un filatelista ma non sai di esserlo. 

Hai il  vantaggio di avere ereditato una collezione antiquaria, cosa che non capita a tutti.

Più il buon gusto e l'interesse  personale ha fatto il resto.

Se sei uno studente che non può spendere molti soldi ti dimostro che all'inizio si comincia con pochi denari.

Occorre una pinzetta ''filatelica'',  5 o 6 euro,  mai uare pinzette per le ciglia o altro.

Una buona lente (larga)  con due magnificenze,  10euro.

Un catalogo di qualche anno fa 5,00euro, guarda qui ..

https://www.unificato.it/unificato/

Tu con 20. 30. Euro inizi a studiare.

Per il catalogo dei francobolli italiani non prendere i semplificati ma sempre gli specializzati. Per l'Unificato lo specializzato si chiama Super.  Anche se le quotazioni sono di qualche anno fa a te poco interessa, puoi però studiare e catalogare.  Ricordati poi che anche i vecchi cataloghi sono collezionabili.

Buon divertimento. 

Link to comment
Share on other sites


Posted (edited)

Se vuoi un sistema infallibile per staccarli chiedi.

Se non ti puoi permettere dei raccoglitori per francobolli, in effetti costano un po', sappi che si possono conservare in buste da lettera pulite, avendo l'accortezza di metterli piatti non piegati in verticale con una pinzetta.

I francobolli viaggiati a me personalmente divertono di più, e costano di meno.  Il francobollo nuovo richiede uno storage più complicato.

Edited by PostOffice
Link to comment
Share on other sites


1 ora fa, PostOffice dice:

Tu sei già un filatelista ma non sai di esserlo. 

Hai il  vantaggio di avere ereditato una collezione antiquaria, cosa che non capita a tutti.

Più il buon gusto e l'interesse  personale ha fatto il resto.

Se sei uno studente che non può spendere molti soldi ti dimostro che all'inizio si comincia con pochi denari.

Occorre una pinzetta ''filatelica'',  5 o 6 euro,  mai uare pinzette per le ciglia o altro.

Una buona lente (larga)  con due magnificenze,  10euro.

Un catalogo di qualche anno fa 5,00euro, guarda qui ..

https://www.unificato.it/unificato/

Tu con 20. 30. Euro inizi a studiare.

Per il catalogo dei francobolli italiani non prendere i semplificati ma sempre gli specializzati. Per l'Unificato lo specializzato si chiama Super.  Anche se le quotazioni sono di qualche anno fa a te poco interessa, puoi però studiare e catalogare.  Ricordati poi che anche i vecchi cataloghi sono collezionabili.

Buon divertimento. 

Fomentatissimo da questo messaggio sono corso sul sito e ho preso l'unificato super 2020 (scontato a 9€!) e per interesse personale anche il catalogo delle monete del regno e repubblica (5€!) 

Per la lente e le pinze io ho già queste, pensi vadano bene? 

E volentieri vorrei sapere il metodo infallibile per staccare i francobolli!!

Screenshot_20210606-165531_Gallery.jpg

Link to comment
Share on other sites


Lente ok.

La pinzetta è filatelica.. mi sembra di si...?   O era per altri scopi..?  

L'Unificato  Super 2020 a 9.00 euro è un affare, è un'eccellente catalogo.

 

Ricetta per staccare i francobolli

Due contenitori di plastica, vanno bene delle bottiglie di acqua minerale tagliate un po' più in basso della meta'. 

Riempirne una con acqua di rubinetto ''tiepida sul freddo'' mai calda, ed aggiungere un cucchiaino di bicarbonato di soda girando il cucchiaino per farlo sciogliere, riempire l'altro contenitore solamente con acqua fredda servirà per il risciacquo.

Separare i francobolli con supporto cartaceo bianco, da quelli con supporto rosso o altri colori, la carta una volta bagnata può scolorire macchiando i francobolli.  quindi bagni separati per colori diversi.  Non è efficace questa procedura per i francobolli moderni autoadesivi.

Per francobolli antichi generalmente io non rimuovo il supporto, e i lavaggi semmai vanno fatti uno alla volta.

Lasciare a bagno un dieci quindici minuti, dopodiché si noterà che i francobolli iniziano a staccarsi, sempre con le pinzette aiutare quelli un po piu ostinati,  una volta liberi dal supporto sempre tenendoli con la pinzetta (non si fa nulla con le dita) immergerli nell'acqua fredda pulita per il risciacquo,   dopodiché depositare il francobollo in un tovagliolo di cotone preventivamente preparato.  Vanno rigirati dopo 5  10 minuti. Possono essere lasciati sul tovagliolo anche un paio d'ore.

Alcuni si staccano da soli senza bisogno di forzare, se non si staccano lasciarli ancora a bagno, si staccheranno dopo, togliere piano piano dal bagno i supporti cartacei ormai privi di francobolli.

Prendere se si ha un vecchio catalogo telefonico, mettere dei fogli di carta da forno (credo si chiami così quella che non attacca) in mezzo al catalogo, li verranno messi i nostri francobolli per l'asciugatura finale e stiratura.   Sovrapporre al catalogo qualche librone pesante, usciranno il giorno dopo asciutti e stirati.

Et voilà, efficace ed economico, mi auguro che tutti ne facciano tesoro, se fatto come si deve nessun francobollo viene perso.

Poi per i lavaggi di pulizia da muffe o sporco ci sono altri sistemi.  È bene comunque anche per i lavaggi esercitarsi nei bagnetti stacca francobolli.

 

  • Like 2
Link to comment
Share on other sites


Il 5/6/2021 alle 22:43, gerryy dice:

Avevo provato a dare un'occhiata dopo aver guardato l'altro, ma su questo non vedo cifre ai lati... ti lascio l'ingrandimento qui sotto

Screenshot_20210605-224213_Gallery.jpg

Intanto controllando qualche libro, scopro che il numero 186 dell'annullo a rombo numerale è il numero dell'ufficio di  Dublino  RPO =  Railway Post Office. Ho già postato il francobollo in un forum con esperti attendo curioso.

Link to comment
Share on other sites


2 minuti fa, PostOffice dice:

Intanto controllando qualche libro, scopro che il numero 186 dell'annullo a rombo numerale è il numero dell'ufficio di  Dublino  RPO =  Railway Post Office. Ho già postato il francobollo in un forum con esperti attendo curioso.

Grazie ancora delle tue ricerche!! 

Anche io sono molto curioso!  :)

 

Link to comment
Share on other sites


Posted (edited)

Dunque ho già ricevuto risposta dal mio amico, che mi ha fatto notare una cosa semplicissima a cui nei giorni scorsi non ho pensato,  ed era nero su bianco nel catalogo che ho avuto sottomano tutto il tempo, mea culpa, ecco perché in filatelia bisogna fare tutto con calma.   

I penny red che hanno i plate numbers sulle cornici laterali sono solamente quelli con le quattro lettere negli angoli, come il primo esemplare che controllammo, quelli con le stelle nei due quadrati degli angoli superiori non l'hanno.

Quindi quello senza numero di piatto è antecedente al 1858.  Esiste comunque un modo per controllare i plate numbers di questi antecedenti al 1858, ma sembra che richieda rari e costosi cataloghi che neanche lui possiede.

I due piatti DieI.  Die II. con cui sono stati stampati hanno valori base che partono da 18 sterline a 80 sterline.  Purtroppo dopo tutto questo parlare che abbiamo fatto, è doveroso notare che il tuo francobollo  ha avuto i denti del lato inferiore tagliati da una sforbiciata, quindi il valore è di qualche euro.

Tutto ciò è servito per rinfrescarci la memoria in questa disciplina vastissima. Evviva !

Edited by PostOffice
Link to comment
Share on other sites


3 ore fa, PostOffice dice:

Dunque ho già ricevuto risposta dal mio amico, che mi ha fatto notare una cosa semplicissima a cui nei giorni scorsi non ho pensato,  ed era nero su bianco nel catalogo che ho avuto sottomano tutto il tempo, mea culpa, ecco perché in filatelia bisogna fare tutto con calma.   

I penny red che hanno i plate numbers sulle cornici laterali sono solamente quelli con le quattro lettere negli angoli, come il primo esemplare che controllammo, quelli con le stelle nei due quadrati degli angoli superiori non l'hanno.

Quindi quello senza numero di piatto è antecedente al 1858.  Esiste comunque un modo per controllare i plate numbers di questi antecedenti al 1858, ma sembra che richieda rari e costosi cataloghi che neanche lui possiede.

I due piatti DieI.  Die II. con cui sono stati stampati hanno valori base che partono da 18 sterline a 80 sterline.  Purtroppo dopo tutto questo parlare che abbiamo fatto, è doveroso notare che il tuo francobollo  ha avuto i denti del lato inferiore tagliati da una sforbiciata, quindi il valore è di qualche euro.

Tutto ciò è servito per rinfrescarci la memoria in questa disciplina vastissima. Evviva !

Grazie per le informazioni!! 

Ritengo che rimanga comunque un bell'esemplare, ho finito per comprare un album prophilia e magari cercherò di spostare i francobolli lì dentro così da conservarli meglio!

Hai qualche consiglio su come toglierli dalle pagine su cui sono adesso? Mi conviene ritagliare il contorno di carta e lasciarli così o provare a staccarli dalla linguella?

Link to comment
Share on other sites


Si ho consigli in merito ..ma te li devo scrivere dopo perché ora ho scocciature che mi distolgono.  

Link to comment
Share on other sites


Posted (edited)

Per quelli attaccati all'album con linguella, devi con le pinzette prendere la linguella e tirare staccando la linguella dalla carta dell'album, MAI il contrario cioè dal francobollo, praticamente la linguella DEVE rimanere attaccata al francobollo.

Per il momento non togliere la linguella dal francobollo, potrà essere fatto successivamente, è un lavorino che richiede un po' di abilità,  fatto male si rischia l'assottigliamento del francobollo, può comunque essere conservato degnamente anche con la linguella attaccata, e potrà essere tolta in futuro con bagnetto dedicato.

Se non sono attaccati con linguella ma con colla come si usava un tempo, la cosa è più complicata.

Potrebbero venire via con bagnetto dedicato, ma la cosa va giudicata francobollo per francobollo.

 

NOTA BENE 

'''''''Per evitare il rischio di perdere qualcosa SE NON SI È SICURI di quello che si fa,     IO CONSIGLIEREI DI LASCIARE TUTTO COM'È !!!   Se sono giunti fino a te dureranno altri 100 anni se tenuti in un ambiente pulito, non umido, non esposti al sole, areando l'album spaginandolo di tanto in tanto.''''''''

In più ti rimarrebbe l'originalità dell'impostazione dell'album del tuo avo,  ed in più la carta antica originale e l'album integro come  è giunto a te.

Se non ci sono tracce di muffe o ossidazione si può lasciare tutto com'e, vedrai che nel tempo mantenendo l'originalità dell'album ti farà piacere.

Puoi anche mostrare l'album pagina x pagina e vediamo se c'e ossidazione.

Ps. Dimenticavo, tutti gli album e raccoglitori di francobolli vanno tenuti conservati in verticale non pressati, e mai in orizzontale con altri libri o pesi sopra.

Edited by PostOffice
Link to comment
Share on other sites


4 ore fa, PostOffice dice:

Per quelli attaccati all'album con linguella, devi con le pinzette prendere la linguella e tirare staccando la linguella dalla carta dell'album, MAI il contrario cioè dal francobollo, praticamente la linguella DEVE rimanere attaccata al francobollo.

Per il momento non togliere la linguella dal francobollo, potrà essere fatto successivamente, è un lavorino che richiede un po' di abilità,  fatto male si rischia l'assottigliamento del francobollo, può comunque essere conservato degnamente anche con la linguella attaccata, e potrà essere tolta in futuro con bagnetto dedicato.

Se non sono attaccati con linguella ma con colla come si usava un tempo, la cosa è più complicata.

Potrebbero venire via con bagnetto dedicato, ma la cosa va giudicata francobollo per francobollo.

 

NOTA BENE 

'''''''Per evitare il rischio di perdere qualcosa SE NON SI È SICURI di quello che si fa,     IO CONSIGLIEREI DI LASCIARE TUTTO COM'È !!!   Se sono giunti fino a te dureranno altri 100 anni se tenuti in un ambiente pulito, non umido, non esposti al sole, areando l'album spaginandolo di tanto in tanto.''''''''

In più ti rimarrebbe l'originalità dell'impostazione dell'album del tuo avo,  ed in più la carta antica originale e l'album integro come  è giunto a te.

Se non ci sono tracce di muffe o ossidazione si può lasciare tutto com'e, vedrai che nel tempo mantenendo l'originalità dell'album ti farà piacere.

Puoi anche mostrare l'album pagina x pagina e vediamo se c'e ossidazione.

Ps. Dimenticavo, tutti gli album e raccoglitori di francobolli vanno tenuti conservati in verticale non pressati, e mai in orizzontale con altri libri o pesi sopra.

A questo punto penso che il vecchio album rimarrà nelle sua forma attuale, forse è effettivamente meglio anche per evitare di intaccare i bolli più delicati! 

L'album prophilia mi è già arrivato oggi e non ho perso tempo per cominciare a raccogliere dei francobolli!

Ho deciso di riunire tutti i ritagli del regno che erano fuori dall'album e li ho messi così com'erano, provvisoriamente, in una pagina del nuovo album 

Ho iniziato anche a riunire parte dei francobolli che acquistai io in passato e parte degli altri sfusi che appartenevano a questo mio parente, ho già raccolto diversi pezzi e mi sento soddisfatto!

Concordo sul fatto che si tratti di un passatempo rilassante, sono volate le ore oggi ma mi ha fatto moltissimo piacere fare questo lavoro! 

Se ti può interessare ti lascio qui sotto qualche foto per farti vedere come l'ho sistemato! (Mi sono anche ritrovato di fronte a numerosi doppioni, i più interessanti li ho posizionati dietro il francobollo "principale", mentre per gli altri non so bene cosa fare!)

 

Screenshot_20210607-205659_Gallery.jpg

Screenshot_20210607-205653_Gallery.jpg

Screenshot_20210607-205650_Gallery.jpg

Screenshot_20210607-205639_Gallery.jpg

Link to comment
Share on other sites


 Share

×
  • Create New...

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue., dei Terms of Use e della Privacy Policy.