Jump to content
IGNORED

Retegno - Doppio Filippo 1676


Recommended Posts

gallo83

Complimenti 

Un ritratto superbo con una patina di antica raccolta. Vedo un salto di conio sulla legenda o sbaglio? 

Rovescio molto bello, trovo stupendo il 'triplo volto', assolutamente unico nel panorama di monete italiane. 

Ancora complimenti. 

 

Marco 

Link to post
Share on other sites

Disorientato
favaldar

Che dire è una moneta che tutti i numismatici vorebbero avere in collezione o perlomeno possederla anche solo per pochi giorni.😍

Link to post
Share on other sites

ZuoloNomisma

Pezzo di grande fascino e di presenza imponente! Molto bella sia la conservazione che la patina. Bellissima moneta, complimenti!

M.

Link to post
Share on other sites

Dracma_97

Buonasera, moneta affascinante  per le iconografie sia del diritto che del rovescio, sarà sicuramente piacevole tenerla in mano e osservarla da vicino. Complimenti vivissimi. 

Link to post
Share on other sites

r.tino
15 ore fa, Scudo1901 dice:

Cari amici

il monetone di questa settimana è davvero un grosso calibro.

Siamo a Retegno, una zecca minore, nel 1676, regnante Antonio Teodoro Trivulzio.

Si tratta di un doppio Filippo con interessanti caratteristiche. 47,7 mm il diametro, davvero una presenza imponente e colossale, 53,6 grammi il peso. 

Rispetto alla media mostra rilievi decisamente ben conservati, una patina uniforme, un tondello di buona forma, rotondo, non ondulato e l’assenza di colpi, graffi, segni di montatura o fratture di conio.

La perizia NIP infatti lo classifica SPL, distanziandolo nettamente dai numerosi BB che popolano il mercato. Questa tipologia non è particolarmente rara ma lo diventa in questa qualità, di difficile reperimento.

Buona serata a tutti

 

FF84F2ED-3500-425F-9163-9BD4F6C4863B.jpeg

Ed ecco il D

 

AAFE5AE2-B198-40C3-8A99-5FE51C577F3D.jpeg

Complimenti Massimo !!!!!!! Bella moneta!!

Link to post
Share on other sites

niko

Beh i complimenti sono d’obbligo, sicuramente non il solito BB: flan abbastanza largo e regolare con un D/ quasi perfettamente centrato, il R/ è leggermente decentrato verso sinistra. Rilievi alti. Piccole screpolature. Qualche slittamento di conio nella parte bassa del D/ compresa quel che mi sembra dalle foto una doppia battitura in corrispondenza del mento e del naso - come sono gli assi di conio? Son curioso. 
Nell’insieme un gran pezzo, sicuramente nell’ordine dello SPL, azzarderei un qSPL, ma poco importa. Direi un pezzo invidiabile! Starà in buona compagnia con i ducatoni e gli scudi Mantovani e non che hai acquisito negli ultimi tempi.

La leggenda tra D/ e R/ riporta nell’ordine i titoli di Principe del SRI, Principe della Val Mesolcina, Conte di Musocco, (x?), Barone di Retegno (Imperia XIIII?), (etc). 
VNICA MENS al R/, “una sola volontà”. Secondo Traina: “Lo stemma dei 3 volti, due barbuti e uno imberbe, allude al nome della Casata: i 3 volti sono uniti sotto una sola corona a significare che sono accomunati da una stessa volontà come indica il motto”.

Antonio Teodoro Trivulzio (1649-1678) già Principe della Val Mesolcina, nel 1664, alla morte del padre, riceve dal Re Filippo IV di Spagna la carica di Generale delle Milizie forensi del ducato. Nel 1666 viene nominato Grande di Spagna e gli vengono conferite le insegne del Toson d’oro (1667). L’imperatore Ferdinando III, cinque anni dopo, gli concede il feudo di Retegno con Bettola e dal 1676 vi esercita il diritto di zecca. 
Muore in circostanze misteriose lasciando in eredità titoli e terre al cugino Gaetano Gallio.

N.

Edited by niko
Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...
×
  • Create New...

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue., dei Terms of Use e della Privacy Policy.