Jump to content
IGNORED

Togliere l'ossido dalla moneta


elio2elio
 Share

Recommended Posts

Supporter

Buona giornata

Non credo sia una operazione facile, rischi di togliere anche la patina ed il bel colore cioccolato. Anche se ti limiti ad una pulizia soft immergendo la moneta per qualche giorno in acqua demineralizzata, le tracce delle macchie rimarranno.

saluti

luciano

Link to comment
Share on other sites


16 ore fa, elio2elio dice:

Mi date un consiglio per togliere queste macchie verdi da questa moneta? 

Io posso riproporti questa discussione:

 

Link to comment
Share on other sites


Personalmente tutte le mie monete le ho passate tutte con un panno morbito imbevuto con benzina per accendino e posso confermare che ha sempre funzionato nel senso che ho le monete pulite da sporcizia /sudiciume ecc. e soprattutto non intacca le patine di qualsiasi metallo sia la moneta argento/rame bronzo ecc.

Link to comment
Share on other sites


52 minuti fa, Pierluigi 1965 dice:

Personalmente tutte le mie monete le ho passate tutte con un panno morbito imbevuto con benzina per accendino e posso confermare che ha sempre funzionato nel senso che ho le monete pulite da sporcizia /sudiciume ecc. e soprattutto non intacca le patine di qualsiasi metallo sia la moneta argento/rame bronzo ecc.

Se quanto affermi è vero, e non voglio  metterlo in dubbio, però andrei con i piedi di piombo nel consigliare metodi che potrebbero essere "aggressivi" sopratutto se questi (metodi) sono letti da "Numismatici in erba", sarebbe più giusto specificare la tipologia di "tutte le mie monete" passate sotto tale trattamento, capirai bene che un conto è togliere lo "sporco & sudiciume" dagli euro, un conto è intervenire su un sesterzio o una piastra papale, io personalmente il tuo "metodo" lo applicherei solo ed esclusivamente su monete d'oro (se proprio ne sono obbligato). 

Saluti 

TIBERIVS 

Link to comment
Share on other sites


Capisco la paura per usare il mio metodo su monete di valore sia esso monetale che affettivo, ma se ho scritto ciò è perchè l'ho testato personalmente altrimenti non mi permetterei di dare consigli a mo di cavia.

Le mie monete spaziano dalle lire della repubblica (tutte) alle monete di VE III-VEII U.I  nei vari metalli dall'argento al rame.

La pulizia con benzina l'ho anche effettuata su monete di un amico e posso dire che ha funzionato bene sia sulle piastre sia su medaglie in bronzo.

Questo è quanto da me provato e ovviamente rispetto le perprlessità altrui.

Link to comment
Share on other sites


La benzina opacizza e/o scioglie molti tipi di vernici e affini... quindi Io non mi sento di consigliarla per la pulizia delle monete.

Poi ognuno con le proprie cose può fare tutti gli esperimenti che vuole.

 

Link to comment
Share on other sites


18 ore fa, FFF dice:

La benzina opacizza e/o scioglie molti tipi di vernici e affini... quindi Io non mi sento di consigliarla per la pulizia delle monete.

Poi ognuno con le proprie cose può fare tutti gli esperimenti che vuole.

Sono pienamente daccordo ma qui si sta parlando di monete e quindi di metallo.

Come ho fatto anch'io all'inizio, quando si è dubbiosi su una determinata operazione, cominciate con una moneta di poco conto.

Link to comment
Share on other sites


Supporter

Non capisco perchè tanti dubbi, sul metodo proposto da @Pierluigi 1965in linea teorica la benzina rettificata per accendini può eliminare sporco sudiciume e incrostazioni di ossidi metallici (in maniera cosi blanda che potrebbe sembrare "delicata e soft". Si rischia anche di eliminare la patina leggera bruna/marrone che si forma naturalmente nel tempo in molti tipi di monete, questo è possibile.

Perchè non provarlo su qualche vecchio cent del regno o eurocent ? 

E'chiaro che per i puristi ultraortodossi ogni trattamento andrebbe evitato, altererà sicuramente la superficie che ad un esame più attento potrà risultare appunto "manomessa"..ma il risultato estetico generale potrebbe essere migliore grazie all'eliminazione delle macchie del c.d. ossido.

Certamente non è un metodo da utilizzare o proporre ad altri e per tipi di verse di monete come la "panacea numismatica", "Il sacro graal della pulizia", "la pietra filosofale delle incrostazioni", "la cosa venuta da un altro mondo per salvare le monete", "La tecnologia aliena che gli americani ci nascondono perchè poi chiudono le monete trattate nelle buste con i lembi reggi monete", "l'arma segreta del terzo reich"....e cosi via.

Un saluto

Link to comment
Share on other sites


Supporter

@El Chupacabra

In merito alla discussione che hai allegato, ho visto che hai scritto: 

"l'ho passata in un bicchierino colmo di acetone"

Volevo chiederti se hai fatto solo una immersione rapida o se l'hai lasciata a mollo e per quanto tempo.

Ciao e grazie

Stilicho

Link to comment
Share on other sites


In effetti l'unica cosa che mi preoccupa della procedura suggerita da @El Chupacabra è il passaggio in acetone. Immagino che se non si sta attenti col tempo di immersione si possa recare danno alla moneta. E' corretto? E' l'unico motivo per cui non ho fatto esperimenti a riguardo. 

 

L'ammollo in vaselina anche per tempi estremamente lunghi invece non reca problemi alla moneta. Ho fatto vari esperimenti a proposito, ma capita spesso che la vaselina da sola non riesca a rimuovere granché.

Link to comment
Share on other sites


4 ore fa, azaad dice:

Immagino che se non si sta attenti col tempo di immersione si possa recare danno alla moneta. E' corretto?

5 ore fa, Stilicho dice:

Volevo chiederti se hai fatto solo una immersione rapida o se l'hai lasciata a mollo

Egregi,

l'acetone è un potente sgrassante ed agisce unicamente sui grassi (animali, vegetali ed industriali): è sufficiente lasciare la moneta per il tempo necessario alla rimozione della paraffina liquida (da pochi secondi a qualche minuto).

L'acetone, tuttavia, l'ho usato anche senza il passaggio in vaselina su monete semplicemente "unte" dal passare di mano in mano o dalla prolungata sosta in tasche di plastica  e rese pertanto appiccicose. In alcuni casi, l'ammollo è durato anche più d'un giorno senza alcun problema (come regola urea vale sempre di fare una prova con esemplari di scarso valore prima di procedere con altri ben più preziosi). Ovviamente, come detto sopra, parliamo sia di vaselina pura per uso alimentare (quella usata per sigillare le damigiane di vino) e dell'acetone - anch'esso puro - d'uso industriale che evapora rapidamente senza lasciare residui (sconsigliato fortemente quello impiegato per togliere lo smalto dalle unghie che contiene profumi ed eccipienti).

Edited by El Chupacabra
Link to comment
Share on other sites


Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...
 Share

×
  • Create New...

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue., dei Terms of Use e della Privacy Policy.