Jump to content
IGNORED

1 grano 1716 argentato


Recommended Posts

Nella recente asta nomisma 63, mi ha davvero colpito il lotto 964:

https://auctions.nomismaweb.com/it/lot/594277/palermo-vittorio-amedeo-ii-1713-1720-grano-/

PALERMO Vittorio Amedeo II (1713-1720) Grano 1716

base 350, realizzo 2600!!! 

Chiedo agli esperti di questa monetazione qualche elemento per comprendere l'elevato rialzo.

Tutti i grani erano argentati e questo è uno dei pochi che hanno mantenuto integra l'argentatura?

Oppure nessuno dei grani era argentato e questo è un unicum?

Grato a chi vorrà rispondere, saluti, Icona

Link to comment
Share on other sites


Supporter

Ciao @icona

La moneta venduta dalla prestigiosa Casa d'Aste, risulta estremamente interessante, ma allo stesso tempo solleva notevoli dubbi. Non mi riferisco alla conservazione attribuita ( FDC ) perchè è un parametro soggettivo, quindi può essere materia di discussione, ma nulla più. Questa tipologia era prodotta da conii poco rifiniti e probabilmente in grande quantità. Nasceva già “vecchia” e circolava molto, infine la lega di rame era "bassa" e piuttosto morbida. Trovarne qualcuna ai giorni nostri in BB o più è già una grande impresa. Vorrei soltanto fornire un modesto parere sul fatto che sia stata coniata dalla Zecca di Palermo un Grano argentato. I testi che ritengo più autorevoli in questo campo sono: lo Spahr “Le monete della Zecca di Palermo” - 1959 – e Mario Traina “ I Savoia da Vitt.Am.II a Car.Em.IV “ - 1967. Ho consultato anche altri articoli e documenti che trattano della Monetazione di Vitt.Am.II Re di Sicilia. Nessuno degli Autori menziona un Grano “argentato”. Non sono un'esperto e quindi sarei felice di essere smentito da documenti che non conosco.

A questo punto mi permetto di avanzare delle ipotesi sul Grano “argentato”.

La prima è che fosse una moneta di “ ostentazione “ oppure una Prova. Non mi convince perchè le monete di ostentazione furono coniate:  gli introvabili Scudi d'oro ( 4-3-2-1 con data 1713 ) e potremo anche aggiungere i quasi altrettanto rari Tarì d'argento.

Il fatto che sia una “prova” mi sembra altrettanto poco credibile in quanto sarebbe stata coniata nel primo anno dell'effimero Regno ( 1713 ).

Resta la seconda ipotesi ( del tutto personale ) che la moneta sia stata argentata non dalla Zecca di Palermo, ma in un periodo successivo per iniziativa individuale ( proprietario? Venditore?) questo per aumentarne il valore numismatico. A questo proposito cito un testo quasi misconosciuto ma ricco di informazioni: Umberto Mannucci “La Moneta e la Falsa Monetazione” Ed.Hoepli -1898 ( il testo è stato messo a disposizione dal sottoscritto nella Sezione Libri del Forum). I metodi x argentare le monete sono essenzialmente due: a) quello galvanico b) per mezzo di “paste per argentare” ( pagg. 209 – 211 ). Quindi ognuno si potrà fare un'idea della moneta in questione, ritenere se sia un “unicum”, oppure se abbia subito un trattamento a posteriori.

L'importante per me è non creare polemiche e sottolineare che le ipotesi avanzate sono del tutto personali. 

Grazie per l'attenzione, Buona Serata.

Link to comment
Share on other sites


Grazie mille per le tue preziose considerazioni. Proverò ad approfondire la cosa, partendo da esse, ma mi sembra arduo trovare ulteriori riferimenti.

Buona serata

2 ore fa, giuseppe ballauri dice:

Ciao @icona

La moneta venduta dalla prestigiosa Casa d'Aste, risulta estremamente interessante, ma allo stesso tempo solleva notevoli dubbi. Non mi riferisco alla conservazione attribuita ( FDC ) perchè è un parametro soggettivo, quindi può essere materia di discussione, ma nulla più. Questa tipologia era prodotta da conii poco rifiniti e probabilmente in grande quantità. Nasceva già “vecchia” e circolava molto, infine la lega di rame era "bassa" e piuttosto morbida. Trovarne qualcuna ai giorni nostri in BB o più è già una grande impresa. Vorrei soltanto fornire un modesto parere sul fatto che sia stata coniata dalla Zecca di Palermo un Grano argentato. I testi che ritengo più autorevoli in questo campo sono: lo Spahr “Le monete della Zecca di Palermo” - 1959 – e Mario Traina “ I Savoia da Vitt.Am.II a Car.Em.IV “ - 1967. Ho consultato anche altri articoli e documenti che trattano della Monetazione di Vitt.Am.II Re di Sicilia. Nessuno degli Autori menziona un Grano “argentato”. Non sono un'esperto e quindi sarei felice di essere smentito da documenti che non conosco.

A questo punto mi permetto di avanzare delle ipotesi sul Grano “argentato”.

La prima è che fosse una moneta di “ ostentazione “ oppure una Prova. Non mi convince perchè le monete di ostentazione furono coniate:  gli introvabili Scudi d'oro ( 4-3-2-1 con data 1713 ) e potremo anche aggiungere i quasi altrettanto rari Tarì d'argento.

Il fatto che sia una “prova” mi sembra altrettanto poco credibile in quanto sarebbe stata coniata nel primo anno dell'effimero Regno ( 1713 ).

Resta la seconda ipotesi ( del tutto personale ) che la moneta sia stata argentata non dalla Zecca di Palermo, ma in un periodo successivo per iniziativa individuale ( proprietario? Venditore?) questo per aumentarne il valore numismatico. A questo proposito cito un testo quasi misconosciuto ma ricco di informazioni: Umberto Mannucci “La Moneta e la Falsa Monetazione” Ed.Hoepli -1898 ( il testo è stato messo a disposizione dal sottoscritto nella Sezione Libri del Forum). I metodi x argentare le monete sono essenzialmente due: a) quello galvanico b) per mezzo di “paste per argentare” ( pagg. 209 – 211 ). Quindi ognuno si potrà fare un'idea della moneta in questione, ritenere se sia un “unicum”, oppure se abbia subito un trattamento a posteriori.

L'importante per me è non creare polemiche e sottolineare che le ipotesi avanzate sono del tutto personali. 

Grazie per l'attenzione, Buona Serata.

 

Link to comment
Share on other sites


Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...
 Share

×
  • Create New...

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue., dei Terms of Use e della Privacy Policy.