Jump to content

TresorHunter
 Share

Recommended Posts

Ho acquistato questa spilla ad un mercatino dell'usato e vorrei capire a quali città o famiglie appartengono gli stemmi raffigurati, così come la corona, che purtroppo risultano ben poco visibili (mi pare che la stella nello stemma a dx abbia 6 punte).

Le ricerche su Google non hanno portato frutti, nemmeno quelle per immagini. Sono molto curiosa di sapere che cosa rappresenti questa spilletta, che è in latta. Come si vede dalle foto, la spilletta ha bordi poco rifiniti.

Grazie in anticipo a tutti quanti!

Screenshot_20210811_170734.jpg

Screenshot_20210811_170352.jpg

IMG_20210811_205356.jpg

IMG_20210811_205503.jpg

Edited by TresorHunter
Link to comment
Share on other sites


  • TresorHunter changed the title to Aiuto Id. Stemmi e corona su spilla
  • 3 weeks later...

Ciao,

l'oggetto è carino, ma ho tre motivi per credere che non raffiguri stemmi davvero esistenti: innanzitutto per le dimensioni davvero minime dell'insieme, che da sole significherebbero poco ma che qui sono unite alla scarsa nitidezza delle figure (vedi la stella: se gli stemmi erano "veri", i titolari avrebbero molto gradito che fossero anche precisi e ben fatti). 

Soprattutto, uno stemma si sovrappone all'altro, cosa solitamente evitata: gli stemmi di una coppia di coniugi, per esempio, di norma vengono affiancati (e le minime dimensioni non obbligano certo all'"accavallamento").

Osservo poi che il collo dell'animale cornato (termine araldico, si evita il 😊 cornuto), forse un cervo, termina in basso come fosse un trifoglio: ciò è una peculiarità dell'araldica britannica, dove questa forma si dà alle membra strappate delle figure animate (umani compresi) per differenziarle rispetto a quelle recise di netto.

Quindi mi viene da pensare che l'oggetto venga dalle isole britanniche, o da ambiente anglofono (anche la forma del giglio, figura francofona per eccellenza, è piuttosto british).

Il che mi rafforza nell'opinione che i due stemmi siano di fantasia, Oltremanica badano assai agli abusi.

  • Like 2
Link to comment
Share on other sites


Il 30/8/2021 alle 21:35, Corbiniano dice:

Ciao,

l'oggetto è carino, ma ho tre motivi per credere che non raffiguri stemmi davvero esistenti: innanzitutto per le dimensioni davvero minime dell'insieme, che da sole significherebbero poco ma che qui sono unite alla scarsa nitidezza delle figure (vedi la stella: se gli stemmi erano "veri", i titolari avrebbero molto gradito che fossero anche precisi e ben fatti). 

Soprattutto, uno stemma si sovrappone all'altro, cosa solitamente evitata: gli stemmi di una coppia di coniugi, per esempio, di norma vengono affiancati (e le minime dimensioni non obbligano certo all'"accavallamento").

Osservo poi che il collo dell'animale cornato (termine araldico, si evita il 😊 cornuto), forse un cervo, termina in basso come fosse un trifoglio: ciò è una peculiarità dell'araldica britannica, dove questa forma si dà alle membra strappate delle figure animate (umani compresi) per differenziarle rispetto a quelle recise di netto.

Quindi mi viene da pensare che l'oggetto venga dalle isole britanniche, o da ambiente anglofono (anche la forma del giglio, figura francofona per eccellenza, è piuttosto british).

Il che mi rafforza nell'opinione che i due stemmi siano di fantasia, Oltremanica badano assai agli abusi.

Grazie mille! :)

Link to comment
Share on other sites


Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...
 Share

×
  • Create New...

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue., dei Terms of Use e della Privacy Policy.