Jump to content
IGNORED

Moneta da 20 Kreuzer (svanzica)


Francesco Luraschi
 Share

Recommended Posts

Buongiorno,

premetto che di numismatica capisco praticamente nulla dato che mi occupo di storia postale. Avendo scritto un articolo sulla diffusione dei francobolli con valore facciale in Kreuzer nel Lombardo-Veneto, dove circolavano invece i francobolli con valore espresso in lira austriaca centesimale, ho dovuto approcciarmi alla numismatica così da avere una piccola "infarinatura". So per certo che le monete predilette dagli italiani negli scambi commerciali erano le svanziche, coniate anche a Milano, ovvero le monete d'argento prima 583/1000 poi dal 1852 900/1000 di argento. Essendo a base di metallo prezioso, e quindi soggetta a manipolazioni di tosatura/stronzatura, mi risultava normale che il bordo della moneta fosse prima ornato e poi zigrinato. Mi ha sorpreso invece venire a sapere che le svanziche in circolazione dal 1852 avevano il bordo liscio.

Ma non era questo un incentivo alla manipolazione?

Grazie e saluti.

Francesco

Link to comment
Share on other sites


Giusto ma solo in parte. Dal 1852/57 le monete coniate a Milano e Venezia valevano solo per i territori del Regno Lombardo Veneto ed erano contorno liscio 1 Lira,1/2Lira in argento e tutte quelle in rame i grandi moduli e l'oro avevano VIRIBIS UNITIS e altro sul contorno. Dal 1857 il 1/4 di Fiorino torno a titolo basso d'argento 525 e rigato come il 10 Kreuzer e il 5 Kreuzer addirittura in mistura 375 sempre rigato. il 20 Kreuzer o Svanzica fini d'essere coniata 1847 sotto Ferdinando I.  Quindi le uniche monete lisce furono la Lira Austriaca e la mezza Lira coniate una dal 1852 al 1858 e la seconda solo 1854/55 e non si sà di preciso in quanti pezzi forse pochini perchè sono fra le monete più Rare (del 1858non si sa nemmeno se fu coniata veramente R7 ). Credo sia stato un periodo di transizione dove gli Austriaci non erano tanto sicuri di rimanere in Italia e coniarano pochi argenti di piccole dimensioni fatti sopratutto per il popolo preferendo far circolare il rame (mai cosi tanti nominali come in quel periodo dai 15 cent. al mezzo Soldo, 11 Tipi) quello che più sarebbe rimasto nel territorio in caso di abbandono quindi sarebbe andato perso. Invece, poi per altri dieci anni ,fino all'Unità d'Italia o poco prima, tornarono tranquillamente a battere monete valida per tutto l'Impero.

Vediamo se altri hanno qualcosa di "scritto" che possono riportare.?

Link to comment
Share on other sites


Buongiorno,

ringrazio favaldar e QuintoSertorio per gli interventi e per il PDF allegato. Lo conoscevo  ma certi dettagli non sono stato in grado di capirli. Una cosa mi sfugge e chiedo lumi: le svanziche, da quello che ho capito mai coniate a Milano e Venezia, vennero tuttavia coniate altrove anche post 1852 ed erano comunque e sempre valide nel LV? In altre parole: se dal mio post iniziale tolgo il dettaglio errato "coniate anche a Milano" il discorso regge e si può affermare che in circolazione nel LV c'erano svanziche a bordo liscio?

Grazie.

Francesco

 

Edited by Francesco Luraschi
nome utente errato
Link to comment
Share on other sites


Le Svanziche sono state coniate a Milano e Venezia (forse non ho scritto bene) le prime nel 1818/19 e dal 1831/32 con Francesco I d'Asburgo poi dal 1837 al 1847 sotto Ferdenando I ma solo a Milano. Poi il 20 Kreuzer non è mai stato più battuto. Il peso era di g.6,68 in AG 583% con contorno rigato o con foglie in rilievo (1818/19). Quindi "le Svanziche" sono state coniate solo con contorno rigato o con foglie in rilievo sia Milano che a Venezia.

I 20 Kreuzer di altri anni .....furono coniati solo in Austria e Ungheria anche se potevano circolare in tutto l'Impero.

Edited by favaldar
Link to comment
Share on other sites


Perfetto, grazie.

Mi interessava infatti sapere se la notizia che i commercianti italiani avevano stretto un accordo per cui nelle transizioni avrebbero accettato solo monete da 20 kreuzer, escludendo quindi le monete di rame e quelle che non rientravano nei parametri della convenzione,  aveva fondamento.

Resta il mistero del bordo liscio ma fa nulla.

Francesco

 

Edited by Francesco Luraschi
Link to comment
Share on other sites


Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...
 Share

×
  • Create New...

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue., dei Terms of Use e della Privacy Policy.