Jump to content
IGNORED

La moda degli Slab sta degenerando


lorluke

Recommended Posts

Supporter

Dico pure la mia sapendo che è un punto di vista fin troppo romantico.
Per me le monete sono, in primis, oggetti archeologici che hanno non solo una storia scientifica ma una storia "umana", di vita.
Qualcuno ha preparato un tondello, qualcun'altro l'ha scaldato, poi battuto (parlo delle antiche). Ma non solo. Le monete sono passate di mano in mano di gente comune, di soldati, di commercianti, di schiavi e prostitute. Anche quelle che quasi non hanno circolato sono state riposte da qualcuno in un contenitore poi nascosto per qualche motivo. Basterebbe solo questo per farci correre la fantasia a quali eventi abbiano indotto ad una tale azione.
Per me, ex archeologo, che ne ha scavate tante (tutti scavi scientifici, ovviamente), un obbrobrio illeggibile ed incrostato trovato in una ciotolina posta a misero corredo di una fanciulla morta 2200 anni fa in età estremamente giovane con il bimbo che portava in grembo da un'emozione di molto superiore ad un aureo in vetrina. (si, sono conscio dei miei problemi)
E poi... come è possibile leggere la moneta correttamente, studiarla, vederne tutti i particolari se non in mano con il lentino? E pesarla? e catalogarla (visto le catalogazioni che fanno certe case d'asta)?
Penso che le monete siano da rispettare. Tutte. Ma questo non significa seppellirle in bare di plastica per farne dei meri investimenti impersonali e quasi intangibili. Tanto vale riempire un wallet di bitcoin.

  • Like 7
Link to comment
Share on other sites


In realtà non è una cosa così sorprendente, questa mania delle scatolette è solo una conseguenza di un collezionismo sempre più ossessionato dalle conservazioni certificate a scopo investimento e sempre meno legato alla numismatica come disciplina storica, come non è un caso che tale mania abbia preso piede negli USA, dove il collezionismo è concepito più come un qualcosa che riguarda affari e investimenti che una modalità per coltivare la passione per gli studi storici, modalità che rimane appannaggio di una limitata quantità di collezionisti, studiosi e appassionati... per quanto mi riguarda tutto ciò esula ampiamente dal modo e dall'ambito in cui concepisco la numismatica...

  • Like 1
Link to comment
Share on other sites


10 ore fa, talpa dice:

In realtà non è una cosa così sorprendente, questa mania delle scatolette è solo una conseguenza di un collezionismo sempre più ossessionato dalle conservazioni certificate a scopo investimento e sempre meno legato alla numismatica come disciplina storica, come non è un caso che tale mania abbia preso piede negli USA, dove il collezionismo è concepito più come un qualcosa che riguarda affari e investimenti che una modalità per coltivare la passione per gli studi storici, modalità che rimane appannaggio di una limitata quantità di collezionisti, studiosi e appassionati... per quanto mi riguarda tutto ciò esula ampiamente dal modo e dall'ambito in cui concepisco la numismatica...

 

È un fenomeno tutt’altro che sorprendente visto che ormai nei portafogli degli investitori istituzionali e nelle gestioni dei patrimoni privati le monete belle e rare entrano regolarmente, purché appunto inscatolate e, tranne casi di esemplari di grande rarità, purché almeno MS62 o superiori.


È un fenomeno tutt’altro che positivo per tutti gli aspetti che caratterizzano la nostra comune passione, non ultimo condizionare verso l’alto i prezzi dei FDC.

E’ un fenomeno contro il quale nessuno di noi può fare assolutamente nulla. La cultura americana di rendere tutto commerciale e basta ormai prevale, come cantava Eugenio Finardi in una sua famosa canzone degli anni 80 ?

È un fenomeno che, a mio parere, continuerà e anzi si accentuerà ulteriormente.

Non ci resta che munirci di tenaglie capaci ?

  • Like 1
Link to comment
Share on other sites


17 minuti fa, Scudo1901 dice:

che ormai nei portafogli degli investitori istituzionali e nelle gestioni dei patrimoni privati le monete belle e rare entrano regolarmente,

Nei portafogli degli istituzionali no

in quelli di privati che diversificano i propri asset investendo ‘anche’ in monete si 

diciamo poi che sono soprattutto i collezionisti USA che - da sempre attenti al soldo anche quando comprano per passione - si lasciano guidare - o meglio subiscono - l’influenza di commercianti molto abili a guidare il metcato imponendo mode/usi ( quali appunto gli slab) e orientando scelte e collezioni 

  • Like 1
Link to comment
Share on other sites


Il 16/9/2022 alle 11:26, lorluke dice:

3. Il peso non è dato da sapere
Anche questo dato, essenziale in molti casi, è evidentemente un lusso per gli americani. A volte viene riportato il peso ma, spesso, si tratta semplicemente di un copia-incolla del valore di riferimento presente nel catalogo. 

lorluke nell'apertura della discussione in oggetto,nel suo post,ha scritto quello di cui sopra citato; io sono intervenuto in altre discussioni esprimendomi negativamente verso l'utilizzo degli slab,ma questo punto 3 scritto da lorluke mi ha fatto riflettere e vorrei riflettere insieme a voi:

dunque, seguite il mio ragionamento,io perizie estere su monete non ne ho viste,e non so come vengano periziate all'estero le monete,ma so che in Italia una perizia, la più consueta, viene eseguita dal Perito Numismatico inserendo la moneta nella bustina in pvc trasparente a due taschine in cui in una viene situata la moneta chiusa con i rivetti metallici e nell'altra viene inserito il cartoncino in cui vi è scritta la perizia ed anch'esso viene fissato alla bustina con almeno un rivetto metallico,ma ,e qui è importante e ve lo scrivo a lettere maiuscole,NELLA PERIZIA BISOGNA SCRIVERCI ,OLTRE CHE LA MONETA E'AUTENTICA,PESO,DIAMETRO,poi va inserito il metallo che la compone una descrizione,un riferimento ad uno studio che ha citato tale moneta e va inserita anche la firma di chi perizia la moneta.

Ragion per cui lo SLAB NON COSTITUISCE PERIZIA!!!     

  1. Prima,se conferivi una moneta ad una casa d'aste,quest'ultima la toglieva dalla bustina che costituiva perizia poichè ,altrimenti,le foto non venivano bene,ora,le case d'asta accettano il conferimento della moneta in SLAB e la pongono in asta senza verificare peso,diametro,bordo e se la moneta sia EFFETTIVAMENTE autentica .Francamente mi sembra una SOTTOMISSIONE delle case d'asta italiane dinanzi ad un qualcosa che NON COSTITUISCE PERIZIA,dinanzi ad una società estera che ha degli esperti i quali valutano la moneta per la conservazione soggettiva(derivante dall'esperienza degli esperti)del resto anche i Periti Numismatici italiani danno un giudizio sulla conservazione che è soggettivo e si basa sulla propria esperienza
  2. Lo SLAB non mostra il bordo della moneta o non tutto,pertanto non lascia studiare,non lascia ammirare la moneta e con lo SLAB non riusciamo a sapere peso e diametro.Per tanto lo SLAB non dovrebbe essere accettato dalle nostre case d'asta italiane perchè non consente di fare foto al meglio,non consente di far ammirare al meglio la moneta che si pone in asta ed,inoltre,la casa d'aste,che dovrebbe,in modo professionale e commerciale(per quanto ho scritto precedentemente) ,promuovere la NUMISMATICA,e non dovrebbe porre in asta la moneta nello SLAB poichè tale involucro fa parte di una ideologia CHE NON CI APPARTIENE.
  3. Dovrebbero essere le case d'asta italiane ad "educare"ad un etica della Numismatica che consente di poter ammirare la moneta nei suoi 3 lati e non solo per la conservazione.La concezione dello SLAB non tiene conto degli studiosi i quali hanno anche bisogno di sapere peso e diametro di una moneta.

Le ASSOCIAZIONI DI CATEGORIA ITALIANE dovrebbero appoggiare queste nostre istanze poichè lo SLAB non costituisce PERIZIA(ho spiegato precedentemente il perchè),inoltre i Periti Numismatici italiani ,con l'introduzione degli SLAB sono penalizzati poichè andranno a periziare sempre meno monete SE LA MODA DELLO SLAB PRENDESSE PIEDE,come ,mi sembra,stia accadendo

Questo è il mio pensiero,non mi aspetto che tutti lo condividano,ci mancherebbe altro,ma RITENGO CHE LO SLAB NON COSTITUISCA PERIZIA E CIO'MI SEMBRA CHE TUTTI POSSANO ESSERE DI QUESTO PARERE.

Per quanto riguarda le case d'asta estere,hanno un'altra etica,non periziano le monete come facciamo noi in Italia e per loro gli SLAB sono,forse,una "manna dal cielo".

odjob 
    

  • Like 1
Link to comment
Share on other sites


2 minuti fa, odjob dice:

lorluke nell'apertura della discussione in oggetto,nel suo post,ha scritto quello di cui sopra citato; io sono intervenuto in altre discussioni esprimendomi negativamente verso l'utilizzo degli slab,ma questo punto 3 scritto da lorluke mi ha fatto riflettere e vorrei riflettere insieme a voi:

dunque, seguite il mio ragionamento,io perizie estere su monete non ne ho viste,e non so come vengano periziate all'estero le monete,ma so che in Italia una perizia, la più consueta, viene eseguita dal Perito Numismatico inserendo la moneta nella bustina in pvc trasparente a due taschine in cui in una viene situata la moneta chiusa con i rivetti metallici e nell'altra viene inserito il cartoncino in cui vi è scritta la perizia ed anch'esso viene fissato alla bustina con almeno un rivetto metallico,ma ,e qui è importante e ve lo scrivo a lettere maiuscole,NELLA PERIZIA BISOGNA SCRIVERCI ,OLTRE CHE LA MONETA E'AUTENTICA,PESO,DIAMETRO,poi va inserito il metallo che la compone una descrizione,un riferimento ad uno studio che ha citato tale moneta e va inserita anche la firma di chi perizia la moneta.

Ragion per cui lo SLAB NON COSTITUISCE PERIZIA!!!     

  1. Prima,se conferivi una moneta ad una casa d'aste,quest'ultima la toglieva dalla bustina che costituiva perizia poichè ,altrimenti,le foto non venivano bene,ora,le case d'asta accettano il conferimento della moneta in SLAB e la pongono in asta senza verificare peso,diametro,bordo e se la moneta sia EFFETTIVAMENTE autentica .Francamente mi sembra una SOTTOMISSIONE delle case d'asta italiane dinanzi ad un qualcosa che NON COSTITUISCE PERIZIA,dinanzi ad una società estera che ha degli esperti i quali valutano la moneta per la conservazione soggettiva(derivante dall'esperienza degli esperti)del resto anche i Periti Numismatici italiani danno un giudizio sulla conservazione che è soggettivo e si basa sulla propria esperienza
  2. Lo SLAB non mostra il bordo della moneta o non tutto,pertanto non lascia studiare,non lascia ammirare la moneta e con lo SLAB non riusciamo a sapere peso e diametro.Per tanto lo SLAB non dovrebbe essere accettato dalle nostre case d'asta italiane perchè non consente di fare foto al meglio,non consente di far ammirare al meglio la moneta che si pone in asta ed,inoltre,la casa d'aste,che dovrebbe,in modo professionale e commerciale(per quanto ho scritto precedentemente) ,promuovere la NUMISMATICA,e non dovrebbe porre in asta la moneta nello SLAB poichè tale involucro fa parte di una ideologia CHE NON CI APPARTIENE.
  3. Dovrebbero essere le case d'asta italiane ad "educare"ad un etica della Numismatica che consente di poter ammirare la moneta nei suoi 3 lati e non solo per la conservazione.La concezione dello SLAB non tiene conto degli studiosi i quali hanno anche bisogno di sapere peso e diametro di una moneta.

Le ASSOCIAZIONI DI CATEGORIA ITALIANE dovrebbero appoggiare queste nostre istanze poichè lo SLAB non costituisce PERIZIA(ho spiegato precedentemente il perchè),inoltre i Periti Numismatici italiani ,con l'introduzione degli SLAB sono penalizzati poichè andranno a periziare sempre meno monete SE LA MODA DELLO SLAB PRENDESSE PIEDE,come ,mi sembra,stia accadendo

Questo è il mio pensiero,non mi aspetto che tutti lo condividano,ci mancherebbe altro,ma RITENGO CHE LO SLAB NON COSTITUISCA PERIZIA E CIO'MI SEMBRA CHE TUTTI POSSANO ESSERE DI QUESTO PARERE.

Per quanto riguarda le case d'asta estere,hanno un'altra etica,non periziano le monete come facciamo noi in Italia e per loro gli SLAB sono,forse,una "manna dal cielo".

odjob 
    

 

È molto condivisibile.

Il mercato purtroppo ha preso una china che a me personalmente non aggrada punto. E non mi riferisco necessariamente solo ai prezzi del FDC.?

Sto quindi riflettendo molto profondamente se smettere per sempre di acquistare e limitarmi a studiare e ad approfondire la materia, considerando la mia collezione finita qui, e ora.
Non ricevo più stimoli a proseguire, date anche le circostanze economiche che richiedono l’approvvigionarsi di esemplari di alta conservazione. ?

Doloroso? Certo. Ineluttabile? Probabilmente, anche se la decisione non è ancora definitiva. 

Tutto finisce peraltro, prima o poi. ?. Siamo umani, troppo umani…e come tali volubili, fragili, incostanti, timorosi, titubanti. 

 

Link to comment
Share on other sites


58 minuti fa, Scudo1901 dice:

Sto quindi riflettendo molto profondamente se smettere per sempre di acquistare

Lo stesso per me, non a causa degli slab, ma per altra ragione di cui si è scritto in una discussione poi chiusa.  A qualcuno piacciono le scatolette ed è disposto a pagare di più del giusto quello che contengono. Affari suoi. Ma questo non è Numismatica inteso come Scienza. Mi vengono imposti lacci e laccioli per vendere all'estero ciò che è mio  e che all'estero ho comprato ? E' una limitazione della mia libertà !  E dunque è.........

Se queste sono le nuove regole del gioco, io non gioco più.:hi:

Edited by fagiolino
Link to comment
Share on other sites


Adesso, fagiolino dice:

Lo stesso per me, non a causa degli slab, ma per altra ragione di cui si è scritto in una discussione poi chiusa.  A qualcuno piacciono le scatolette ed è disposto a pagare di più del giusto quello che contengono. Affari suoi. Ma questo non è Numismatica inteso come Scienza. Mi vengono imposti lacci e laccioli per vendere all'estero ciò che è mio  e che all'estero ho comprato ? E' una limitazione della mia libertà !  E dunque è.........

Se queste sono le nuove regole del gioco, io non gioco più.

 

Perfettamente d’accordo con te ?

Link to comment
Share on other sites


Quanto leggo sopra, che posso rispettare come opinioni personali, non mi trova invece d’accordo come collezionista. A circostanze non favorevoli la mia natura e’ di adattarmi e si reagire. 
come collezionista non mi viene in mente di smettere di collezionare perche la pratica degli slab sta invadendo il mercato.

Intanto per alcune  categorie di monete lo slab e’ inesistente o marginale: le antiche ma anche medioevali e le  uniche due slab che mi sono ritrovato ( perche non descritte come tali ) hanno avuto il contenitore  distrutto e la moneta liberata. 
forse sto osando un po’ troppo ma per me lo dlab e’ una moda - che ha i suoi adepti - ma che non conquisterà’ la maggioranza e che ad un certo momento tramonterà’

il discorso invece delle disposizioni normative che sta producendo limitazioni di rilievo  al collezionismo nostrano ha ripercussioni piu profonde e soprattutto soluzioni piu’ lente e complesse. E’ una strada piu’ lunga e incerta ma che va percorsa. Alzare le mani serve a poco, occorre ricercare un confronto e un dialogo - ancorche’ difficile - per ripristinare una situazione di equilibrio


 

  • Like 3
Link to comment
Share on other sites


46 minuti fa, numa numa dice:

Quanto leggo sopra, che posso rispettare come opinioni personali, non mi trova invece d’accordo come collezionista. A circostanze non favorevoli la mia natura e’ di adattarmi e si reagire. 
come collezionista non mi viene in mente di smettere di collezionare perche la pratica degli slab sta invadendo il mercato.

Intanto per alcune  categorie di monete lo slab e’ inesistente o marginale: le antiche ma anche medioevali e le  uniche due slab che mi sono ritrovato ( perche non descritte come tali ) hanno avuto il contenitore  distrutto e la moneta liberata. 
forse sto osando un po’ troppo ma per me lo dlab e’ una moda - che ha i suoi adepti - ma che non conquisterà’ la maggioranza e che ad un certo momento tramonterà’

il discorso invece delle disposizioni normative che sta producendo limitazioni di rilievo  al collezionismo nostrano ha ripercussioni piu profonde e soprattutto soluzioni piu’ lente e complesse. E’ una strada piu’ lunga e incerta ma che va percorsa. Alzare le mani serve a poco, occorre ricercare un confronto e un dialogo - ancorche’ difficile - per ripristinare una situazione di equilibrio


 

 

Tua opinione personale. Non rappresenta tutti. Quella prevalente, non solo la mia, indica un futuro molto radioso per gli slab. Ovviamente spero che abbia ragione tu. ?. Ribadisco inoltre, caso mai non fossi stato chiaro (ma non credo) che la mia imminente oramai decisione non è determinata tanto e solo dall’avvento degli slab. 

Edited by Scudo1901
Link to comment
Share on other sites


Mi dicono che la chiusura in scatola dei diamanti sta rapidamente calando. Proprio per le imprecisioni e le truffe nella valutazione. 

Quindi non dispererei sulla possibilità di una situazione simile nelle monete.

Per quanto riguarda il resto sono d'accordo con @numa numa.

Arka

Diligite iustitiam

  • Like 3
Link to comment
Share on other sites


25 minuti fa, Arka dice:

Mi dicono che la chiusura in scatola dei diamanti sta rapidamente calando. Proprio per le imprecisioni e le truffe nella valutazione. 

Quindi non dispererei sulla possibilità di una situazione simile nelle monete.

Per quanto riguarda il resto sono d'accordo con @numa numa.

Arka

Diligite iustitiam

 

Speriamo! ?

Link to comment
Share on other sites


48 minuti fa, Scudo1901 dice:

Quella prevalente, non solo la mia, indica un futuro molto radioso per gli slab.

vedremo puo' darsi abbia ragione tu ma ho visto tante mode nascere, raggiungere uno zenit e poi tramontare. Magari tra 10 anni quelle scatolette verranno viste come una stravaganza del mercato come oggi guardiamo ai mini-assegni che negli anni settanta avevano raggiunto quotazioni da capogiro

Il mercato dei diamanti  ha sofferto molto l'inscatolamento proprio perche invece di garantire autenticità e qualità offriva molteplici opzioni di truffa. Quel particolare mercato ha poi sofferto per la mancanza di trasparenza nei meccanismi di offerta (lo stock di monete per collezioni - salvo ritrovamenti e condizioni speciali quali la famosa nota 56  - resta abbastanza stabile e conosciuto nel tempo) e per la concorrenza dei diamanti russi - di minore qualità - oltre che per i diamanti sintetici che hanno invaso il mercato 

Link to comment
Share on other sites


1 minuto fa, numa numa dice:

vedremo puo' darsi abbia ragione tu ma ho visto tante mode nascere, raggiungere uno zenit e poi tramontare. Magari tra 10 anni quelle scatolette verranno viste come una stravaganza del mercato come oggi guardiamo ai mini-assegni che negli anni settanta avevano raggiunto quotazioni da capogiro

Il mercato dei diamanti  ha sofferto molto l'inscatolamento proprio perche invece di garantire autenticità e qualità offriva molteplici opzioni di truffa. Quel particolare mercato ha poi sofferto per la mancanza di trasparenza nei meccanismi di offerta (lo stock di monete per collezioni - salvo ritrovamenti e condizioni speciali quali la famosa nota 56  - resta abbastanza stabile e conosciuto nel tempo) e per la concorrenza dei diamanti russi - di minore qualità - oltre che per i diamanti sintetici che hanno invaso il mercato 

 

Grazie. Io mi auguro di avere torto naturalmente. Personalmente eviterei di associare il mercato dei diamanti, che ha caratteristiche assolutamente peculiari e sotto molti aspetti uniche, come da tu stesso correttamente evidenziato, a quello numismatico. Ma chi vivrà vedrà ?

Link to comment
Share on other sites


1 ora fa, numa numa dice:

Quanto leggo sopra, che posso rispettare come opinioni personali, non mi trova invece d’accordo come collezionista. A circostanze non favorevoli la mia natura e’ di adattarmi e si reagire. 
come collezionista non mi viene in mente di smettere di collezionare perche la pratica degli slab sta invadendo il mercato.

Intanto per alcune  categorie di monete lo slab e’ inesistente o marginale: le antiche ma anche medioevali e le  uniche due slab che mi sono ritrovato ( perche non descritte come tali ) hanno avuto il contenitore  distrutto e la moneta liberata. 
forse sto osando un po’ troppo ma per me lo dlab e’ una moda - che ha i suoi adepti - ma che non conquisterà’ la maggioranza e che ad un certo momento tramonterà’

il discorso invece delle disposizioni normative che sta producendo limitazioni di rilievo  al collezionismo nostrano ha ripercussioni piu profonde e soprattutto soluzioni piu’ lente e complesse. E’ una strada piu’ lunga e incerta ma che va percorsa. Alzare le mani serve a poco, occorre ricercare un confronto e un dialogo - ancorche’ difficile - per ripristinare una situazione di equilibrio


 

 

Mi trovo concorde con questo intervento che a mio parere ridimensiona un po' gli eccessi di preoccupazione, gli slab sono una delle tante mode che, in special modo in quest'epoca ossessionata dal soldo (purtroppo non in senso numismatico ?), spuntano un giorno si e l'alro pure, tuttavia la suddetta moda non può inficiare il gusto, il piacere e l'utilità del collezionare così come ancor di più la passione per la numismatica che vive ben al di là delle mode commerciali e delle fisse dei collezionisti su conservazioni, certificazioni e rivalutazioni... ci sono interi universi monetari che vivono oltre queste mode, già il solo orizzonte del collezionismo è assai ampio per chi sa guardare e ama spaziare oltre il consueto, non c'è solo il fdc, non c'è solo il Regno e soprattutto non c'è solo l'Italia... io, come sa chi mi legge nel forum, ho smesso ormai da anni di collezionare monete, per lo meno con assiduità, per dedicarmi in maniera più seria e approfondita ai libri di numismatica e storia monetaria ed economica, si tratta di una scelta che non è nata da delusioni, nei miei anni di collezionista mi sono divertito non poco, ma solo ponderata sul fatto che ad un certo punto ho capito che volevo creare un qualcosa che avesse valore culturale, ma con le monete sono troppo dispersivo e non ho le risorse per creare un insieme di valore scientifico e culturale serio, cosa che invece mi sta riuscendo con i libri, tuttavia non ho perso del tutto il gusto del comprare monete ogni tanto, solo che grazie a tutti i libri che leggo ho scoperto mondi nuovi e suggestivi, in particolare quello delle medaglie e delle monete orientali, mondi anche più lontani dal clamore e dal fervore più mercantile del collezionismo e che mi consentono uno sguardo più distaccato dalle tante mode che vanno e vengono, la numismatica può tranquillamente andare oltre, come anche un collezionismo più legato al piacere e allo studio che al mercato...

  • Like 5
Link to comment
Share on other sites


7 minuti fa, talpa dice:

Mi trovo concorde con questo intervento che a mio parere ridimensiona un po' gli eccessi di preoccupazione, gli slab sono una delle tante mode che, in special modo in quest'epoca ossessionata dal soldo (purtroppo non in senso numismatico ?), spuntano un giorno si e l'alro pure, tuttavia la suddetta moda non può inficiare il gusto, il piacere e l'utilità del collezionare così come ancor di più la passione per la numismatica che vive ben al di là delle mode commerciali e delle fisse dei collezionisti su conservazioni, certificazioni e rivalutazioni... ci sono interi universi monetari che vivono oltre queste mode, già il solo orizzonte del collezionismo è assai ampio per chi sa guardare e ama spaziare oltre il consueto, non c'è solo il fdc, non c'è solo il Regno e soprattutto non c'è solo l'Italia... io, come sa chi mi legge nel forum, ho smesso ormai da anni di collezionare monete, per lo meno con assiduità, per dedicarmi in maniera più seria e approfondita ai libri di numismatica e storia monetaria ed economica, si tratta di una scelta che non è nata da delusioni, nei miei anni di collezionista mi sono divertito non poco, ma solo ponderata sul fatto che ad un certo punto ho capito che volevo creare un qualcosa che avesse valore culturale, ma con le monete sono troppo dispersivo e non ho le risorse per creare un insieme di valore scientifico e culturale serio, cosa che invece mi sta riuscendo con i libri, tuttavia non ho perso del tutto il gusto del comprare monete ogni tanto, solo che grazie a tutti i libri che leggo ho scoperto mondi nuovi e suggestivi, in particolare quello delle medaglie e delle monete orientali, mondi anche più lontani dal clamore e dal fervore più mercantile del collezionismo e che mi consentono uno sguardo più distaccato dalle tante mode che vanno e vengono, la numismatica può tranquillamente andare oltre, come anche un collezionismo più legato al piacere e allo studio che al mercato...

 

Forza e continua cosí?

Grande stima per ciò che fai?

  • Thanks 1
Link to comment
Share on other sites


1 ora fa, caravelle82 dice:

Forza e continua cosí?

Grande stima per ciò che fai?

 

Concordo. Bravo e via così! ??

  • Like 1
Link to comment
Share on other sites


Ciao a tutti, permettetemi come straniero di esprimere la mia opinione:

 

Capisco perché a voi non piacciono le scatole di plastica, perché NGC e PCGS non vedono i dettagli sui lati e non misurano il peso e il diametro della moneta. Ci sono anche monete contraffatte nella scatola, ecc.

 

Ma il GENI francese è chiaramente migliorato in questo senso: la sua scatola ottagonale è molto più bella della scatola rettangolare di plastica, e puoi vedere i dettagli sul lato e persino misurare il peso e il diametro di ogni moneta. Soprattutto, è stato valutato dagli europei. Guarda l'immagine.

 

Non sono un grande fan delle scatole di plastica. Ma l'acquisto di monete avviene principalmente online. Molte persone non hanno le condizioni per recarsi sul posto per acquistare monete. In effetti, ci sono molti venditori che non sono abbastanza sinceri da vendere le loro monete, nascondendo segni di capelli e altre imperfezioni sulla superficie delle monete attraverso luci soffuse o abbellire le immagini. Se sono abbastanza sinceri, dovrebbero far sapere tutto questo all'acquirente. Questa è una questione di integrità, ma non vi è alcun requisito etico per limitare il comportamento dei venditori. Sebbene le scatole di plastica presentino molti svantaggi, possono garantire una cosiddetta "equità" che sia gli acquirenti che i venditori riconoscono. Questa è la psicologia della maggior parte delle persone che collezionano lastre.

 

Se tutto fosse stato corretto - i venditori mostrassero difetti nella merce e gli acquirenti non avrebbero ingannato i venditori con le loro monete, le scatole di plastica non sarebbero esistite in primo luogo. In altre parole, la sua comparsa è una punizione per il caos del mercato statunitense decenni fa. E il boom delle scatole di plastica ha portato all'ennesimo caos di eccessiva ricerca del punteggio. In genere il collezionista è lo sfortunato che scopre che il venditore lo tradisce quando vuole rispettare la tradizione. E quando si è rivolto alla scatola di plastica, ha scoperto che le società di terze parti erano superficiali.

 

Sono benvenute opinioni diverse.

1.jpg

2.jpg

Link to comment
Share on other sites


46 minuti fa, mty1805 dice:

Ma l'acquisto di monete avviene principalmente online. Molte persone non hanno le condizioni per recarsi sul posto per acquistare monete.

Questo è sempre accaduto. Una volta arrivavano per posta i listini e le aste. Si comprava la moneta sulla base di una brutta foto. Anche allora c'erano commercianti che non dichiaravano qualche difetto. Ma questi commercianti venivano eliminati o limitati proprio dalla loro inaffidabilità.

Quello che noto io è una certa pigrizia da parte dei collezionisti, che preferiscono stare davanti allo schermo, anzichè muoversi per cercare personalmente un nuovo acquisto. Tant'è che i convegni languono e i circoli pian piano stanno sparendo. In questo modo si perdono tante informazioni che i vecchi collezionisti e commercianti potevano trasmettere alle nuove generazioni. Ora tutti sembrano espertissimi dopo poco tempo che hanno cominciato a collezionare, perchè internet dà questa impressione e manca un confronto. Un vero peccato...

E tornando agli slab, pur riconoscendo che si vede buona parte del bordo negli ultimi postati, continuano a non piacermi.

# Liberiamo le monete :girl_devil:

Arka

Diligite iustitiam

  • Like 1
Link to comment
Share on other sites


Il 17/9/2022 alle 16:18, numa numa dice:

???

 

@numa numa a me non risulta che la sigillatura dei diamanti sia in declino, anzi proprio il contrario! Gli Istituti di certificazione (perchè tali sono) non hanno alcun interesse a dare gradi di qualità non corrispondenti al vero. Tali Istituti sono GIA, HRD, IGI (Anversa), IGI (Italia) che non commercializzano. Poi ci sono commercianti che sono anche Gemmologi e sigillano in proprio e allora lì tutto può succedere. Ma ci sono anche Gemmologi non commercianti, come il sottoscritto, che operiamo come gli Istituti. 

Quello che succede in campo numismatico nostrano, secondo il sottoscritto, è tutto da rivedere e normare.

I tanto biasimati americani hanno creato una scala di valutazione (Sheldon) con le caratteristiche per ogni grado che tutti i certificatori utilizzano e quindi parlano tutti la stessa lingua e soprattutto esaminano tutti con uno standard strumentale. Io ai Convegni a cui ho partecipato ho notato che i nostri Periti-Commercianti spesso, molto spesso utilizzano una lente 10X! Con tale ingrandimento non esiste più il FDC, perchè ogni tondello comunque presenta dei piccoli segni visibili a quel livello di ingrandimento. Le monete vanno esaminate a occhio nudo, prima e poi al max a 4/5X, come fanno i graders USA. E' per questo che da noi succede che la stessa moneta esaminata da tre periti, riceve tre gradi diversi, perchè ognuno di loro si è creato un proprio modus operandi per la gradazione, spesso pro domo sua (purtroppo!)

Lo slab è nato come risultato finale di un processo di certificazione di qualità, per  proteggere monete in alta/altissima conservazione e di valore elevato, sicure per maneggiamento, trasporto ecc. (pensate ad un 50 Lire 1854, lo fareste maneggiare senza protezione?).

Quindi piaccia o no questa sarà la strada che oramai si è aperta anche in Europa, e d'altronde una moneta slabbata sarà accettata in qualunque paese del mondo, cosa che non accade per le "bullette nostrane", che mi sono sempre rifiutato di usare.

Comunque per me rimane il principio che chi vende non deve periziare e chi perizia non deve vendere!

  • Like 4
Link to comment
Share on other sites

Awards

35 minuti fa, Arka dice:

Questo è sempre accaduto. Una volta arrivavano per posta i listini e le aste. Si comprava la moneta sulla base di una brutta foto. Anche allora c'erano commercianti che non dichiaravano qualche difetto. Ma questi commercianti venivano eliminati o limitati proprio dalla loro inaffidabilità.

Quello che noto io è una certa pigrizia da parte dei collezionisti, che preferiscono stare davanti allo schermo, anzichè muoversi per cercare personalmente un nuovo acquisto. Tant'è che i convegni languono e i circoli pian piano stanno sparendo. In questo modo si perdono tante informazioni che i vecchi collezionisti e commercianti potevano trasmettere alle nuove generazioni. Ora tutti sembrano espertissimi dopo poco tempo che hanno cominciato a collezionare, perchè internet dà questa impressione e manca un confronto. Un vero peccato...

E tornando agli slab, pur riconoscendo che si vede buona parte del bordo negli ultimi postati, continuano a non piacermi.

# Liberiamo le monete :girl_devil:

Arka

Diligite iustitiam

 

Ciao, posso capire le tue preoccupazioni. Perché prima (credo prima del 2010 o prima), il nostro Paese, come il mercato italiano, era abituato ad accettare monete senza scatole di plastica. Fino a quando NGC e PCGS non hanno invaso il nostro mercato...

Se possibile, siamo ovviamente disposti ad andare sul mercato fisico per acquistare monete, ma è praticamente impossibile vedere monete italiane nel mercato fisico cinese. La distanza tra la Cina e l'Italia dovrebbe essere di oltre 8.000 chilometri. Se vuoi trovare la tua moneta preferita, è probabile che la maggior parte della tua energia verrà spesa per la strada, il che non è qualcosa che la gente comune può permettersi, a meno che non sia un uomo ricco. Rispetto alla ricerca di monete sullo schermo, il costo del viaggio è troppo alto.

Ma ciò non significa che la scatola di acquisto non possa toccare la cosa reale, perché comunque riceveremo la moneta per verificare lo stato della moneta. Pertanto, non si può dire che sia completamente "esperto davanti allo schermo".

È un sito inclusivo e sono onorato di incontrarti qui.

Link to comment
Share on other sites


1 ora fa, claudioc47 dice:

@numa numa a me non risulta che la sigillatura dei diamanti sia in declino, anzi proprio il contrario! Gli Istituti di certificazione (perchè tali sono) non hanno alcun interesse a dare gradi di qualità non corrispondenti al vero. Tali Istituti sono GIA, HRD, IGI (Anversa), IGI (Italia) che non commercializzano. Poi ci sono commercianti che sono anche Gemmologi e sigillano in proprio e allora lì tutto può succedere. Ma ci sono anche Gemmologi non commercianti, come il sottoscritto, che operiamo come gli Istituti. 

Quello che succede in campo numismatico nostrano, secondo il sottoscritto, è tutto da rivedere e normare.

I tanto biasimati americani hanno creato una scala di valutazione (Sheldon) con le caratteristiche per ogni grado che tutti i certificatori utilizzano e quindi parlano tutti la stessa lingua e soprattutto esaminano tutti con uno standard strumentale. Io ai Convegni a cui ho partecipato ho notato che i nostri Periti-Commercianti spesso, molto spesso utilizzano una lente 10X! Con tale ingrandimento non esiste più il FDC, perchè ogni tondello comunque presenta dei piccoli segni visibili a quel livello di ingrandimento. Le monete vanno esaminate a occhio nudo, prima e poi al max a 4/5X, come fanno i graders USA. E' per questo che da noi succede che la stessa moneta esaminata da tre periti, riceve tre gradi diversi, perchè ognuno di loro si è creato un proprio modus operandi per la gradazione, spesso pro domo sua (purtroppo!)

Lo slab è nato come risultato finale di un processo di certificazione di qualità, per  proteggere monete in alta/altissima conservazione e di valore elevato, sicure per maneggiamento, trasporto ecc. (pensate ad un 50 Lire 1854, lo fareste maneggiare senza protezione?).

Quindi piaccia o no questa sarà la strada che oramai si è aperta anche in Europa, e d'altronde una moneta slabbata sarà accettata in qualunque paese del mondo, cosa che non accade per le "bullette nostrane", che mi sono sempre rifiutato di usare.

Comunque per me rimane il principio che chi vende non deve periziare e chi perizia non deve vendere!

 

Non so se le sigillature di diamanti siano in declino. Se non lo fossero tanto meglio per gli operatori. 
ik mi riferivo piuttosto al mercato dei diamanti che ha visto delle oscillazioni molto forti, la concorrenza dei diamanti sintetico e il declino - questo e’ una realtà- come asset di investimento alternativo che veniva proposto negli anni Settanta/Ottanta ma che oggi - dalle banche in  giu’ - non propone piu’ nessuno ( di questo ne sono certo prrche opero nel settore).

resta naturalmente tutta l’attività di gioielleria e una fascia - molto molto alta - dei diamanti colorati e bianchi di pregio ( naturali ovviamente) che costituiscono una classe di appassionati collezionisti che fa storia a se’.

per gli slab non li trovo d’accordo. A parte la comodità per certe vlassi di monete moderne - a mio avviso ( e a quello di tanti collezionisti) e ‘ un non senso voler ingabbiare monete in una scatoletta da sardine. I veri appassionati e i veri conoscitori continueranno a rigirare le monete classiche, medioevali e anche ‘milled’ tra le mani. Piaccia i no i grader USA si dovranno mettere il cuore in pace - per le monete pre-1800 la scatoletta no pasara’ 😆

Link to comment
Share on other sites


Supporter
17 ore fa, claudioc47 dice:

Lo slab è nato come risultato finale di un processo di certificazione di qualità, per  proteggere monete in alta/altissima conservazione e di valore elevato, sicure per maneggiamento, trasporto ecc.

Allora, diciamo che, se così fosse, lo slab ha da tempo perso la propria strada maestra, dato che ormai viene sigillata qualunque cosa, persino monete comuni, dal valore economico modesto ed in conservazioni tutt'altro che eccezionali. Addirittura, mi è capitato di vedere alcune 500 lire caravelle (non quelle con le bandiere controvento) rinchiuse in queste scatolette... 

A mio avviso, invece, lo slab è nato con il chiaro intento di standardizzare la compravendita delle monete, attribuendo ad ogni punteggio un relativo valore economico. Così, per una data tipologia, un MS62 va sui 1000 dollari, un MS63 1.500, un MS64 2.500 e così via. Ovvio che questo sistema rende il mercato numismatico estremamente intuitivo anche per chi di monete non ci capisce un tubo.
Basta leggere un numero e vedere la rispettiva quotazione.
Perciò, mentre prima per iniziare a fare acquisti seri bisognava avere un buon background e studiare un minimo quella determinata monetazione, oggi è tutto più facile ed immediato.

Da un lato, possiamo dire che ciò ha reso più "popolare" la numismatica, contribuendo alla crescita dei prezzi a cui stiamo assistendo ultimamente.
D’altro canto, però, questa diffusa ignoranza e fiducia incondizionata per il sistema slab porta con sé anche dei danni non indifferenti. Oltre all'incapacità di sviluppare un giudizio critico circa l'attribuzione del grado di conservazione, dovendosi basare sempre sul numerino assegnato da terzi, diversi sono i casi di vendite di esemplari palesemente falsi chiusi in slab. Vero che gli errori possono capitare a chiunque ma mentre con un perito posso chiedere ed ottenere un rimborso, con queste società il discorso diventa estremamente più complesso. 
Tra l'altro, sempre più case d'asta nelle condizioni di vendita dichiarano esplicitamente che, in caso di falsi chiusi in slab, loro non si assumono alcuna responsabilità di rimborso.
Questo non mi sembra proprio un problema trascurabile, specie se il compratore medio diventa sempre meno preparato ed autosufficiente nel valutare ciò che si trova davanti…

Edited by lorluke
  • Like 1
Link to comment
Share on other sites


Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...

×
  • Create New...

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue., dei Terms of Use e della Privacy Policy.