Jump to content
IGNORED

Scoperta una necropoli preistorica al Circolo Polare Artico?


ARES III

Recommended Posts

 

Scoperta una necropoli preistorica al Circolo Polare Artico?

 
 Il sito di Tainiaro, in Finlandia, 80 km a sud del Circolo Polare Artico, è noto da tempo, ma non si è mai capito bene cosa fosse. Adesso un gruppo di archeologi finlandesi avanza un’ipotesi: forse si tratta di una necropoli preistorica.

Un luogo del tutto improbabile per una necropoli (lo dicono gli archeologi stessi), eppure alcune nuove ricerche hanno portato un gruppo di studiosi dell’Università di Oulu, in Finlandia, a ipotizzare l’esistenza di un grande cimitero preistorico di cacciatori e raccoglitori a soli 80 km a sud del Circolo Polare Artico, nel sito di Tainiaro. È quanto affermano Ari Hakonen, Noora Perälä, Samuel Vaneeckout, Jari Okkonen dell’ateneo finlandese, assieme alla loro collega Tuija Laurén (ricercatrice indipendente), in un articolo scientifico pubblicato lo scorso 1° dicembre sulla rivista Antiquity della Cambridge University Press.

 

Nonostante l’assenza di resti umani (ossa, scheletri), dozzine di fosse del V millennio a.C. sono state infatti interpretate, almeno provvisoriamente, come sepolture, con l’idea che Tainiaro sia uno dei più grandi cimiteri dell’età della pietra nel nord Europa e sollevando interrogativi sulle pratiche culturali e di sussistenza delle società preistoriche nel subartico.


 

Lo scavo di Tainiaro è noto almeno dal 1989, grazie al lavoro di Tuija Laurén, e le sue vicende rimontano almeno al IV millennio a.C., quando i cacciatori-raccoglitori-pescatori mesolitici nomadi dell’estremo nord dell’Europa cominciarono a mostrare i primi segni di sedentarismo sotto forma di abitazioni permanenti e aggregazione di villaggi e nell’uso della ceramica (e almeno fino all’inizio del secondo millennio d.C. sono assenti prove di attività su larga scala). Durante quasi tutta la preistoria, la Fennoscandia settentrionale fu occupata da persone che praticavano uno stile di vita prevalentemente raccoglitore. Grandi cimiteri di cacciatori-raccoglitori-pescatori del Mesolitico e del Neolitico nelle foreste dell’Europa settentrionale, compresi i siti importanti di Yuzhniy Oleniy Ostrov nella Russia nordoccidentale, Zvejnieki in Lettonia e Skateholm in Svezia furono riconosciuti per la prima volta negli anni Cinquanta e Sessanta e continuano ad attirare l’attenzione degli archeologi. Nei due più grandi siti conosciuti, Zvejnieki e Yuzhniy Oleniy Ostrov, sono state trovate le sepolture di rispettivamente 330 e 177 individui. Tuttavia, poiché le cave moderne hanno disturbato entrambi i siti prima delle indagini archeologiche, il numero totale di sepolture in ciascun cimitero è stimato a 400 o più. Al di fuori di queste necropoli i più grandi, è raro che i siti mortuari contengano più di 20 sepolture e la maggior parte ne contiene solo poche. Le tombe erano tipicamente arredate con oggetti più organici che inorganici.

 

Per quanto riguarda Tainiaro, indagini archeologiche tra il 1984 e il 1991 hanno recuperato più di 32 000 reperti e il sito è brevemente citato in molte monografie, tesi e articoli di ricerca. Eppure non è mai stata pubblicata una panoramica completa su questo sito Tainiaro e la sua interpretazione come necropoli rimane problematica. Il sito di Tainiaro si trova su una terrazza sabbiosa, a 79 m sul livello del mare, sulla riva del fiume Simojoki, a 33 km dalla costa del Mar Baltico, tra le pianure dell’Ostrobotnia e le zone collinari della Lapponia meridionale. La regione era coperta da una calotta glaciale continentale fino a circa 10.300 anni fa, e il rimbalzo post-glaciale del suolo continua fino ai giorni nostri.

 

Circa 27 anni dopo l’ultima stagione degli scavi originali, nel 2018 un nuovo lavoro sul campo è stato avviato a Tainiaro da un team dell’Università di Oulu. Il lavoro sul campo ha comportato il riposizionamento delle aree precedentemente scavate e l’esecuzione di un piccolo scavo mirato con l’obiettivo di valutare le caratteristiche identificate dal georadar. L’archivio completo di 190 disegni sul campo degli scavi del 1984-91 è stato georeferenziato in GIS, insieme alle 6969 unità di manufatti, alcuni contenenti centinaia di singoli reperti, dettagliati in un archivio cartaceo di 547 pagine scritto a mano e dattiloscritto.

 

Un attento esame dei disegni sul campo realizzati durante gli scavi originali ha rivelato 127 possibili fosse di varie dimensioni, forma e contenuto a Tainiaro; nessuna è tuttavia visibile in superficie. La forma più caratteristica e frequente, con almeno 36 esempi, è a pianta rettangolare con angoli arrotondati e misura da 1,5 a 2,2 m di lunghezza, 0,5–1 m di larghezza e 0,5–0,8 m di profondità. La maggior parte di queste fosse rettangolari arrotondate contenevano prove di combustioni, con frammenti occasionali di pietra e ossa bruciate, e alcune contenevano manufatti. Tracce di ocra rossa, tipiche delle sepolture note, sono state trovate in 23 fosse, ma solo in piccole concentrazioni, chiazze o striature.

 

In base alla forma e al contenuto, ciascuna caratteristica è stata classificata su una scala da 1 a 6. Le fosse della forma più regolare e frequente, ovvero una profondità di 0,5–0,8 m contenenti ocra rossa e manufatti, sono designate come classe 6. Le caratteristiche delle fosse di forma irregolare e indistinte prive di prove di ocra e manufatti sono designate come classe 1. Altro le fosse sono assegnate alle classi 2–5. Sulla base di questa classificazione e della distanza di ciascun pozzo da un punto di riferimento nella zona di scavo orientale, ai pozzi è stata assegnata un’identificazione univoca.

 

Prove di combustione in situ, sotto forma di sabbia arrossata mista a cenere e carbone, sono state rinvenute in 24 fosse delle 53 attribuite alle classi 3-6. In 10 di queste fosse le tracce di combustione erano limitate agli strati superiori. In altre nove fosse sono state rinvenute tracce sia alla base delle fosse che anche più in alto: in cinque di questi casi le tracce indicano episodi di roghi distinti e chiaramente separati. Altre cinque fosse avevano prove di combustioni limitate solo alle loro basi. Cenere e carbone, rocce spaccate dal fuoco e sabbia arrossata sono sufficientemente frequenti in alcune delle fosse delle classi 3-6 da giustificare l’ipotesi che alcune di esse funzionassero principalmente come focolari o qualche altra attività pirotecnica (non funeraria).

 

A causa dell’acidità naturale del suolo locale nella Fennoscandia settentrionale, il materiale organico raramente sopravvive più di qualche millennio. In alcune sepolture locali dell’età della pietra, la disposizione dei corpi e talvolta anche i denti e le ossa cariati sono stati preservati mediante l’inclusione di ocra rossa. Poiché a Tainiaro l’ocra veniva utilizzata solo sporadicamente, l’ipotesi della sepoltura non può basarsi per difetto su tale conservazione, ma occorre invece considerare la morfologia delle fosse stesse. Il confronto tra le fosse di Tainiaro e le sepolture dell’età della pietra con la decomposizione organica quasi completa in altre parti della Finlandia offre un supporto iniziale all’ipotesi della sepoltura. Il numero delle fosse a Tainiaro è tuttavia insolito. Tuttavia, rilevano gli archeologi, quando si considerano le sepolture contenenti più di una inumazione, diventa evidente una somiglianza più forte tra le fosse di Tainiaro e le sepolture di altri cimiteri del nord Europa. Mentre le inumazioni multiple all’interno di una singola fossa sono rare, i cimiteri più grandi generalmente contengono diversi esempi e a Zvejnieki il numero di fosse con sepolture multiple arriva fino a 26 su 277. La scarsa conservazione delle ossa a Tainiaro rende impossibile confermare la presenza di inumazioni multiple, ma è possibile che le fosse più grandi e distinte potessero contenere diversi individui. Il confronto con i luoghi di sepoltura verificati mostra tuttavia che un gran numero di tombe confermate hanno piani irregolari o indistinti, l’equivalente delle classi. Queste tombe includono sepolture di bambini e animali. Sfortunatamente, scrivono gli archeologi, “nessuno degli analoghi siti nordeuropei è stato pubblicato in modo sufficientemente dettagliato per valutare il numero di anomalie irregolari simili a fosse che non erano considerate tombe. Nel complesso, il confronto con i cimiteri del nord Europa suggerisce che molte delle fosse di Tainiaro siano sepolture, con fosse leggermente più larghe del solito derivanti da variazioni nelle pratiche locali o regionali per inumazioni singole o da un numero più elevato del solito di sepolture multiple”.

 

Ma se le fosse sono sepolture, come si spiegano le tracce di bruciature al loro interno? Alcune delle zone bruciate più piccole potrebbero derivare da un riempimento misto, ma le prove di combustioni in situ potrebbero riflettere altre attività. Lo scopo o il significato di tali incendi non sono tuttavia ben compresi.

 

Secondo gli studiosi, per tutte le ragioni di cui sopra, Tainiaro è da considerarsi un sito cimiteriale. Se corretto, questo sarebbe uno dei più grandi siti con caratteristiche mesolitiche nel nord Europa. Per quanto riguarda il numero delle sepolture nel sito si possono però fornire solo stime. Assegnando stime di probabilità minima e media per le sei diverse classificazioni delle caratteristiche delle fosse ( Tabella 1 ), moltiplicando il decimale di probabilità per n per classe e stimando l’estensione totale del sepolcreto sulla base delle aree precedentemente scavate e degli spazi lasciati in mezzo, si arriva ad una stima totale di 115-200 fosse sepolcrali, di cui tra 26 e 44 sono state scavate. Il numero di individui sepolti è probabilmente leggermente più elevato, poiché le sepolture multiple sono un fenomeno ricorrente in siti simili dell’età della pietra. Considerando le fosse di sepoltura irregolari comunemente osservate in altri siti, si potrebbe aumentare tale stima fino a un terzo, raggiungendo circa 300 individui in totale. La verifica di un ventaglio più ampio di attività correlate tuttavia aumenterebbe ulteriormente il potenziale di ricerca di Tainiaro. L’ipotesi, avanzata due anni fa, che il sito fosse una sorta di laboratorio della pietra, consente sicuramente ulteriori approcci analitici. I focolari in superficie potrebbero anche indicare attività abitativa. Dunque, aAlla luce di tutte queste possibilità, secondo gli studiosi dell’Università di Oulu, Tainiaro non deve essere considerato un sito monofunzionale destinato esclusivamente alla sepoltura. Non c’è motivo di ritenere che le persone le cui pratiche formavano il sito di Tainiaro considerassero il luogo in questo modo. “Molte domande su Tainiaro rimangono senza risposta”, concludono gli archeologi. “Per il momento, tuttavia, l’idea che un grande cimitero sembra essere esistito vicino al circolo polare artico dovrebbe farci riconsiderare le nostre impressioni sul nord e sulla sua posizione periferica nella preistoria mondiale”.

 

Nell’immagine, una delle fosse interpretate come antiche sepolture.

 

 

Scoperta una necropoli preistorica al Circolo Polare Artico?
Scoperta una necropoli preistorica al Circolo Polare Artico?
 

https://www.finestresullarte.info/archeologia/scoperta-necropoli-circolo-polare-artico-tainiaro

Link to comment
Share on other sites


Non so se scrivo una cretinata ma mi chiedo: a causa della bassa temperatura in quella zona eventuali resti organici potrebbero essersi conservati abbastanza bene da allora ad oggi ?

Link to comment
Share on other sites


11 ore fa, coinzh dice:

Non so se scrivo una cretinata ma mi chiedo: a causa della bassa temperatura in quella zona eventuali resti organici potrebbero essersi conservati abbastanza bene da allora ad oggi ?

 

Non è affatto una cretinata quello che hai scritto, ricordo che in Siberia era stato trovato un mammut preistorico praticamente integro.

Link to comment
Share on other sites


2 ore fa, torpedo dice:

un mammut

Uno solo ? No, più di uno e pure tanti altri animali...

 

Civiltà in Siberia

 

 

Per gli appassionati questo è da non perdere

 

Link to comment
Share on other sites


Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...
×
  • Create New...

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue., dei Terms of Use e della Privacy Policy.