Jump to content
IGNORED

Achille e Pentesilea su un bronzo di Gallieno


apollonia

Recommended Posts

Supporter

Salve

Lo scontro tra l’eroe greco Achille e la regina delle Amazzoni Pentesilea nella guerra di Troia raffigurato su un contorniato di Nerone (v. https://www.lamoneta.it/topic/223291-pentesilea-la-regina-delle-amazzoni/#comment-2454088)

RomaneProvincialipentesilea.jpg.e2aec8adf1d12c5caaa42a0eccad2066.jpg

Lot description:
Gallienus (253-268 AD). AE28 (9.73 g), Samos, island off Ionia.
Obv. AYT K ΠO ΛIK ΓAΛΛIHNOC, laureate, draped and and cuirassed bust right, seen from behind.
Rev. CAMIΩN, helmeted Achilles standing right, stabbing Penthesilea, queen of the Amazons.
SNG Aulock -; SNG München -; SNG Leypold -; SNG Righetti -; SNG Glasgow -; Lindgren I + III -; Imhoof-Blumer KM -; BMC -, acsearch -; cf. Boston Museum of Fine Arts acc. no. 1984.257 (same dies).
Extremely rare. Very fine.
Penthesilea, queen of the Amazons, rushed to aid the Trojans after Hektor's death, but was herself stabbed by Achilles in battle. When Achilles removed the helmet of the dying queen, he fell in love with her and mourned over her death.
 

Nell’esemplare della Biblioteca nazionale di Parigi la figura maschile non è identificata con Achille e la sua vittima è considerata un’amazzone generica (https://rpc.ashmus.ox.ac.uk/coin/288626).

natived.jpg.4cd71c10b0b42fbdab986c26cc872dd0.jpg  nativer.jpg.499485ca0d70060840c98c5d3f4f24fe.jpg

apollonia

  • Like 1
Link to comment
Share on other sites


Supporter

Una variante del mito capovolge l’esito del combattimento tra Achille e Pentesilea raffigurato sul bronzo di Gallieno, ritenendo che fu la regina delle Amazzoni ad avere la meglio e a ucciderlo con la sua lancia. Solo che Teti, la madre dell'eroe, supplicò Zeus di fare un prodigio sul cadavere del figlio e il padre degli dei l’accontentò ridandogli la vita.

Questa versione del mito mi dà lo spunto per far notare che non solo Teti e Zeus, ma altri dei sono onnipresenti attorno a Troia negli anni della battaglia. Lascio la descrizione dei loro interventi alla penna di Giulio Guidorizzi nel “Cap. VIII. Battaglie” del suo ottimo libro Il grande racconto della guerra di Troia, 2018, il Mulino.

0.iniziotestodalibro.thumb.jpg.29a9e6f25bd5ba3dde6dd340a4055fdf.jpg

1.guerraditroia0002.thumb.jpg.11032d57526e39678486b0788ef61d50.jpg

(segue)

Link to comment
Share on other sites


Supporter

3.guerraditroia0004.thumb.jpg.7eceff8a6bd41514870b3974ac1e8682.jpg

4.guerraditroia0005.thumb.jpg.ba4e8f8ee18d0c79d800306c052c8fa5.jpg

(segue)

Link to comment
Share on other sites


Supporter

5.guerraditroia0006.thumb.jpg.a16b4ef40beda4d126599314c7bc137b.jpg

6.guerraditroia0007.thumb.jpg.4866922e2ae1d149f28ff95065a94150.jpg

apollonia

Link to comment
Share on other sites


Supporter

Monete con divinità, eroi e personaggi della guerra di Troia

Achille (Leu Numismatik, Web Auction 1, lot 749, 25.06.2017).

achillegallienosamo.JPG.3ba0aa0cefe8549ee82629269ee93f67.JPG

ISLANDS OFF IONIA, Samos. Gallienus, 253-268. Tetrassarion (Bronze, 29 mm, 12.90 g, 6 h). AYT ΠO ΛIK ΓAΛΛIHNOΣ AYΓΟ Radiate and draped bust to left, holding spear and shield. Rev. CAMIΩN Achilles, helmeted and naked, standing facing, head left, holding round shield in left hand; below shield and behind the legs, uncertain long object (vine trunk?). BMC -. BMFA -. Lindgren I+III -. Imhoof-Blumer KM -. SNG Copenhagen -. SNG Glasgow -. SNG Leypold -. SNG Righetti -. SNG von Aulock -. Apparently unpublished and unique. Minor adjustment marks and a die break on the reverse, otherwise, very fine.

Starting price: 200 CHF. Hammer price: 1320 CHF.

 

La figura al rovescio è chiaramente diversa dal solito guerriero in chitone che avanza a destra sulla prua e fa cenno alle truppe di seguirlo (BMC 348 e 384): non solo l'eroe è a riposo, ma è anche nudo, ad eccezione dell'elmo. Quest'ultimo ricorda chiaramente l'emissione di Samo con Achille che pugnala Pentesilea, la regina delle Amazzoni, in battaglia durante l'assedio di Troia (BMFA 1984.257 e Auctiones GmbH 18, 2013, 51). Un'altra somiglianza risiede nell'oggetto incerto dietro le gambe, che compare anche negli esemplari di Boston e Auctiones: potrebbe essere parte di una lunga clamide, anche se la sua posizione di appoggio fa pensare a un oggetto più statico, forse un tronco di vite. Sebbene l'identificazione rimanga per il momento incerta, ci sono pochi dubbi sul fatto che l'eroe sia in realtà Achille il Tessalico, il più forte guerriero dei Greci.

apollonia

 

Link to comment
Share on other sites


Supporter

Achille e Telefo (Roma Numismatics Limited, E-Sale 76, lot 665, 05.11.2020).

2pt.achillecommodo.thumb.jpg.5124a0aa626233238fb0ac085c8a451d.jpg

Roman Provincial
Commodus, as Caesar Æ 34mm of Pergamum, Mysia. AD 175-176. Kl. Nikomedes, strategos. M ΑVΡ ΚΑΙϹΑΡ ΚΟΜΟΔΟϹ, bare-headed and cuirassed bust right, wearing paludamentum / [ΕΠΙ ϹΤΡΑ ΚΛ] ΝΙΚΟΜΗΔΟVϹ Β ΝΕΟΚΟΡΩΝ ΠΕΡΓΑΜΗΝΩΝ, Achilles standing to right, holding shield and aiming spear at Telephus, fallen on knees below, who holds sword and raising right hand, shield below; upright spear to left. RPC IV.2 Online 3245 (temporary); Weisser 1060; SNG BnF 2149. 20.07g, 34mm, 12h.
Near Very Fine. Very Rare; only five specimens cited by RPC Online.
From the collection of Z.P., Austria.

Estimate: 150 GBP. Price realized: 2200 GBP.

Achille raffigurato al rovescio è chiaramente diverso dal solito guerriero in chitone che avanza a destra sulla prua e fa cenno alle truppe di seguirlo (BMC 348 e 384): non solo l'eroe è a riposo ma elomo a parte, è anche nudo. L’elmo ricorda perfettamente l'emissione di Samo con Achille che pugnala Pentesilea, la regina delle Amazzoni, in battaglia durante l'assedio di Troia (BMFA 1984.257 e Auctiones GmbH 18, 2013, 51). Un'altra somiglianza risiede nell'oggetto incerto dietro le gambe, che compare anche negli esemplari di Boston e Auctiones: potrebbe essere parte di una lunga clamide, anche se la sua posizione di appoggio fa pensare a un oggetto più statico, forse un tronco di vite. Sebbene l'identificazione rimanga per il momento incerta, ci sono pochi dubbi sul fatto che l'eroe sia in realtà Achille il Tessalico, il più forte guerriero dei Greci.

Achille, in piedi con lo scudo nella mano sinistra, punta la lancia contro Telefo, caduto in ginocchio in basso, che impugna la spada e alza la mano destra. Telefo, figlio di Ercole e di Auge, fu re di Mysia e fondò Pergamo. Fu ferito da Achille quando gli Achei giunsero nel suo regno scambiandolo per Troia durante il viaggio per riportare Elena a Sparta. Nonostante la sconfitta dei Greci, la ferita che Achille aveva inferto a Telefo non si rimarginava. Telefo chiese consiglio all'oracolo di Apollo che gli rispose: “Il tuo aggressore ti guarirà”. In seguito, dopo un viaggio ad Argo, fu guarito da Achille, che in cambio guidò i Greci a Troia.

apollonia

Link to comment
Share on other sites


Supporter

Nella mitologia greca Telefo è figlio di Eracle e di Auge, figlia del re di Tegea, Aleo. Le vicende della sua vita, pur non essendo mai menzionate da Omero, sono narrate da vari autori classici, soprattutto da Pseudo-Apollodoro, da Ditti Cretese e da Igino (talvolta con differenze significative), e numerosi sono i riferimenti ad episodi della sua vita riscontrabili in opere antiche.

L'episodio per cui divenne famoso è la battaglia contro l'esercito greco diretto a Troia ma sbarcato per sbaglio sulle coste della Misia, della quale Telefo era diventato sovrano: lo scontro provocò numerose perdite in entrambi gli schieramenti e il re misio fu ferito a una coscia da Achille. Il ferimento e la successiva guarigione per mano dello stesso Achille divennero un argomento usato da molti autori antichi, nonché base per alcune tragedie greche.

Telefo divenne oggetto di culto eroico nella città di Pergamo, in Misia, e le sue gesta sono raffigurate sul fregio dell'Altare di Pergamo, oggi conservato a Berlino.

apollonia

Link to comment
Share on other sites


Supporter

Sul rovescio di questo bronzo, tra Eracle nudo e un’aquila ad ali spiegate su una roccia, è raffigurato Telefo bambino adagiato sul dorso di un cervo sdraiato (Numismatik Naumann 135).

3pta.bronzoeracletelefonumnaum.JPG.53abbf46a17197f7af305f39aa0f8d0c.JPG

Roman Provincial Coins
MYSIA. Germe. Septimius Severus (193-211). Medaillon. Neikias, strategos.
Obv: AYT KAI Λ CЄΠ CЄOVHPOC ΠЄ.
Laureate, draped and cuirassed bust right.
Rev: ЄΠ CTP AI NЄIKIOY ΓЄPMHNΩ.
Herakles standing right, naked, leaning on club with lion skin; to right, eagle standing left on rock, with wings spread; between, infant Telephos laying on the back of recumbent deer right.
SNG Copenhagen -; SNG von Aulock 7226; BMC -; Mionnet II, 270.
Telephos was the son of Herakles and Auge, priestess of Athena and daughter of Aleus, king of Tegea in Arcadia. According to one version of the myth, Auge was expelled by the king and sent to Mysia, while Telephos was left in Arcadia and abandoned on Mount Parthenium, where he was suckled by a deer, then found and raised by King Corythus. Once adult, Telephos killed two of his mother's brothers, not knowing them, and, on the advice of the Delphic oracle, went to King Teutrant in Mysia to be purified. When the Greeks, on their first departure for Troy, landed in Mysia, Telephos killed Thersander, son of Polynices, but was wounded by Achilles in the thigh. The wound, after eight years, had still not closed because only he who had caused it would also be able to heal it. Telephos then went to Aulis in search of Achilles and was healed by him after promising to lead the Greeks to Troy.
Condition: Very fine, some details tooled.
Weight: 26.88 g. Diameter: 38 mm.

apollonia

  • Thanks 1
Link to comment
Share on other sites


Supporter

Testa di Achille sul diritto di bronzi della Tessaglia.

Leu Numismatik, Web Auction 12, lot 823, 30.05.2020.

3ptb1.achille.thumb.jpg.0204f6e264c89e8f474857f788445d22.jpg

THESSALY. Koinon of Thessaly. Pseudo-autonomous issue. Hemiassarion (Bronze, 16 mm, 2.33 g, 6 h), Oul. Nikomachos, magistrate, circa 123-125. ΑΧΙΛΛΕYΣ Head of Achilles to right, wearing crested Attic helmet decorated with Pegasos on the bowl. Rev. CTPA ΝΙΚΟΜΑΧΟΥ Horse walking right. BCD Thessaly I 1410 (same dies). Burrer 152. RPC III 459. Rare. An attractive example of this mythologically interesting issue. Very fine.
From a Swiss collection, formed before 2005.

Starting price: 50 CHF. Price realized: 150 CHF.

 

Classical Numismatic Group, Triton XXIV, lot 896, 19.01.2021.

3ptb2.achille.thumb.jpg.2e4112170711f5d36f0c19e724ba8fe5.jpg

THESSALY, Koinon of Thessaly. temp. Hadrian. AD 117-138. Æ Assarion (14mm, 2.51 g, 3h). AXI ΛΛЄVC, head of Achilles right, wearing crested Attic helmet decorated with Pegasos / ΘЄCC AΛ ωN, horse trotting right. BCD Thessaly II 956.1 (this coin); Burrer Em. 1, Series 2, Grp. 1, 141 corr. (A35/R116; Є not E); RPC III 463.1 (this coin). Dark green patina. Good VF.
Ex BCD Collection (Triton XV, 3 January 2012), lot 956.1.
When originally sold in Triton XV (as lot 956), this coin and the next coin together hammered $2250.

Estimate: 300 USD. Price realized: 650 USD.

apollonia

 

Link to comment
Share on other sites


Supporter

Atena ed Ettore

Concordia Numismatic, Auction 11, lot 670, 06.01.2024.

4.atenaettoreconcordianum.JPG.700707f8205afc995f8a41bbde9fdb70.JPG

Troas, Ilium. Pseudo-autonomous, time of the Antonines, AD 138-192. AE. 2.81 g. 16.43 mm.
Obv: ΙΛΙΕΩΝ. Bust of Athena wearing aegis, right. Rev: ΕΚΤΩΡ. Helmeted and nude Hector standing, facing, head, left, holding spear (chlamys) and sword. Ref: RPC 2486; von Fritze, Ilion 33–4, BMC 23, Cop 374.
Very Fine.

Ettore, il figlio maggiore del re di Troia Priamo e della regina Ecuba, è il primo eroe nazionale dell'Anatolia. È un simbolo non solo della città di Ilio, ma anche di tutto il popolo dell'Anatolia. Omero paragona Ettore ad Ares in termini di abilità di combattimento. Perché il ruolo di Ettore nella guerra è piuttosto grande e importante. Doveva guidare gli eserciti e ispirare fiducia. Le decisioni, le responsabilità e gli obblighi spettano a lui. Durante la guerra, fu ucciso da Achille fuori dalle mura della città di Ilio, davanti alla moglie e alla famiglia. Atena, invece, è stata di grande importanza per la città di Ilio fin dalla sua fondazione ed è associata alla mitologia di fondazione della città. La raffigurazione di queste due importanti figure della città nell'Impero romano deve essere un segno del rispetto e della devozione dei Romani per le loro radici.

apollonia

Link to comment
Share on other sites


Supporter

Ettore sul rovescio di un bronzo di Valeriano I (CNG, Auction 100, lot 1721, 07.10.2015).

5.ettoreevalerianoI.JPG.6b9be6e3d17f734e5a52dd639faee66f.JPG

TROAS, Ilium. Valerian I. AD 253-260. Æ Medallion (41mm, 27.02 g, 12h). AV · K · Π · Λ · OV-AΛEPIANOC, laureate, draped, and cuirassed bust right / ΙΛIEΩN EKT-ΩP, Hector, fully armored, advancing right, holding firebrand in raised right hand, large shield in left; two ships to lower right. Bellinger pl. 13, T292 = SNG München 278 = Mionnet II p. 667, 241 (same dies). Good VF, green patina, minor areas of roughness. Extremely rare and the only example in private hands.
From the Frank D. Arnold Collection.

 

E ora ditemi, o Muse che avete le vostre dimore sull'Olimpo, come fu gettato il fuoco sulle navi degli Achei. Ettore si avvicinò e colpì con la sua grande spada la lancia cinerea di Aiace. La tagliò di netto in due proprio dietro il punto in cui la punta era fissata all'asta della lancia. Aiace, quindi, non aveva altro che una lancia senza testa, mentre la punta di bronzo volò lontano e cadde a terra. Aiace sapeva che in questo c'era la mano del cielo ed era costernato nel vedere che Giove lo aveva lasciato completamente indifeso e voleva la vittoria dei Troiani. Perciò si ritrasse e i Troiani lanciarono il fuoco sulla nave che fu subito avvolta dalle fiamme (Il. XVI.112-124).

Questo episodio dell'Iliade descrive un cambiamento nella marea della guerra, quando Zeus (Giove) concede il favore al principe e capo guerriero di Troia, Ettore, e raduna i Troiani. Ettore ha riportato i Greci alle loro navi ed è deciso a bruciarle. Aiace, in uno dei momenti più memorabili del poema, difende apparentemente da solo le navi dalle forze troiane con “una grande picca da mare in mano, lunga dodici cubiti” (XV.823-824). Ma quando arriva Ettore, Aiace è esausto e l'eroe troiano lo priva senza sforzo della sua arma. I Troiani bruciano una nave, ma la flotta si salva quando Patroclo scende sul campo di battaglia travestito con l'armatura di Achille, il più temuto guerriero greco.

La romana Ilio sorse su quella che si pensava fosse la posizione della Troia omerica, un'idea che è stata confermata dagli scavi archeologici del sito iniziati da Heinrich Schliemann nel 1868. La monetazione della città è notevole per i suoi occasionali riferimenti alla guerra di Troia e al suo eroe più famoso. Ettore compare in emissioni dal I secolo fino alla chiusura della zecca sotto Gallieno, ma nella maggior parte dei casi le monete presentano motivi che potevano avere un significato preciso per i cittadini romani di Ilio e per i turisti, ma che per noi possono essere interpretati solo come tipi generici (ad esempio, Ettore in posizione di combattimento; Ettore in biga). Molto più rare sono le monete in onore di Ettore che possono essere identificate con un episodio specifico del poema epico di Omero, come la vittoria dell'eroe su Patroclo o il tentativo di bruciare la flotta greca. Quest'ultima tipologia compare in alcune rarissime emissioni precedenti di Ilio, ma fu impiegata come tipo medaglistico solo per Valeriano. Il nostro medaglione sembra essere solo il terzo esemplare conosciuto di Bellinger T292 (gli altri si trovano alla Staatliche Münzsammlung di Monaco di Baviera e allo Yale University Art Museum di New Haven, quest'ultimo frammentario), ed è nota anche un'unica variante della legenda del rovescio (Bellinger T291, allo Staatliche Museen di Berlino). L'attuale medaglione, che è il più bello dei quattro, è l'unico esemplare disponibile per i collezionisti.

apollonia

Link to comment
Share on other sites


Supporter

Ettore sul rovescio di un bronzo di Julia Domna

Roma Numismatics Limited, E-Sale 60, lot 525, 01.08.2019.

5b.ettoreejuliadomna.thumb.jpg.bb2602041fbd5c31be50412e02dbc7ad.jpg

Julia Domna (wife of S. Severus) Æ28 of Ilium, Troas. AD 193-217. IOV ΔOMN CЄBACTH, draped bust right / [Є]K[T]Ω[P] IΛIЄNΩN, Hector charging to right, holding shield and about to hurl torch. Bellinger T225. 9.47g, 28mm, 6h.
Very Fine; slightly rough green patina. Extremely Rare; no other examples on CoinArchives.
Acquired from Classical Numismatic Group LLC;
Ex Numismatik Naumann, Auction 58, 1 October 2017, lot 257.
 

La zecca di Ilio era rimasta inattiva durante la guerra civile seguita alla morte di Commodo nel 192 d. C., ma quando Settimio Severo ne uscì vincitore cominciarono gradualmente a comparire nuove monete. Mentre la moglie di Settimio, Giulia Domna, occupa il dritto di questa moneta, il rovescio richiama un momento del passato mitologico della città che si era radicato nelle narrazioni della guerra di Troia. Ettore è raffigurato nel momento che precede l'assalto epocale che finalmente penetrò nel bastione acheo: tenendo uno scudo per proteggersi, Ettore avanza deciso a piantare una torcia infuocata nella prua di una nave achea, un momento raccontato nell'Iliade di Omero: E ora, ditemi, o Muse che avete le vostre dimore sull'Olimpo, come fu gettato il fuoco sulle navi degli Achei”. Ettore si avvicinò e colpì con la sua grande spada la lancia cinerea di Aiace. La tagliò di netto in due proprio dietro il punto in cui la punta era fissata all'asta della lancia. Aiace, quindi, non aveva altro che una lancia senza testa, mentre la punta di bronzo volò lontano e cadde a terra. Aiace sapeva che in questo c'era la mano del cielo ed era costernato nel vedere che Zeus lo aveva lasciato completamente indifeso e voleva la vittoria dei Troiani. Perciò si ritrasse e i Troiani lanciarono il fuoco sulla nave, che fu subito avvolta dalle fiamme. Il fuoco divampava a poppa della nave, e allora Achille si colpì le cosce e disse a Patroclo: “Alzati, nobile cavaliere, perché vedo il bagliore del fuoco ostile sulla nostra flotta; alzati, per evitare che distruggano le nostre navi e non ci sia una via di ritirata. Indossa subito la tua armatura, mentre io chiamo a raccolta il nostro popolo”. (Hom. Il. 16.112-124).

apollonia

Link to comment
Share on other sites


Supporter

Ettore sul rovescio di un bronzo di Settimio Severo.

Gemini, Auction I, lot 398, 11.01.2005.

6.ettoreesettimiosevero.JPG.893afce329680440ae497b204614b07e.JPG

Septimius Severus (AD 193-211). Bronze 34 mm (29.98 gm). Ilium, Troas. AV K AIL CEPTI-CEOVHPOC PEKTWR above, ILIEWN in exergue, Hector, helmeted and in military dress, standing right in quadriga, holding spear and shield with right arm, left hand extended to hold Victory who crowns him, reins of chariot also cross his left palm and fall behind left forearm, three nearest horses look right but the fourth looks back at Hector, his head only being shown above the backs of the other three. Bellinger T216 (Paris), pl. 10 (same dies). Very rare: possibly only the second specimen known after the one in Paris. Good very fineHector, in Homer's Iliad, was the son of King Priam and Queen Hecuba of Troy and the bravest of the Trojan champions in the Trojan War against the Greeks. He was eventually killed by Achilles and the Iliad ends with his funeral. Estimate: $4000

 

Ettore è raffigurato con l’elmo in abito militare, in piedi su una quadriga, tenendo lancia e scudo sulla destra e con la mano sinistra tesa a sorreggere la Vittoria che lo incorona; le redini del carro ricadono dietro l'avambraccio sinistro e i tre cavalli più vicini guardano a destra mentre il quarto guarda indietro verso Ettore, come rivela la sua testa al di sopra della schiena degli altri tre.

Ettore, nell'Iliade di Omero, era il figlio del re Priamo e della regina Ecuba di Troia e il più coraggioso dei campioni troiani nella guerra di Troia contro i Greci. Fu ucciso da Achille e l'Iliade si conclude con il suo funerale.

apollonia

 

  • Like 1
Link to comment
Share on other sites


Supporter

Aiace Telamonio sul rovescio di un bronzo di Caracalla (Leu Numismatik, Auction 7, lot 1431, 24.10.2020).

7.aiacetelamonioleu72020.thumb.jpg.3dd0f886463d9b0bf06a50b8a6479296.jpg

BITHYNIA. Prusa ad Olympum. Caracalla, 198-217. Diassarion (Orichalcum, 26 mm, 9.35 g, 1 h). AYT•K•M•AYP•ANTΩNINOC•CЄ KA• Laureate head of Caracalla to right. Rev. ΠPOYCAЄΩ/N Ajax the Telamonian, nude but for helmet and balteus, falling on his sword; before, pile of stones; on ground line, shield. RG 102. SNG Copenhagen 596 (same dies). SNG von Aulock 873 (same obverse die). Rare and very likely the finest known. An exceptional example of this interesting mythological type, beautifully struck and with a lovely olive green patina. Extremely fine. From a Swiss collection.
Estimate: 1000 CHF. Price realized: 3400 CHF.

Aiace Telamonio, nudo tranne che per l'elmo e il balteo*, cade sulla spada; davanti, mucchio di pietre; sulla linea di terra, scudo.

* bàlteo s. m. [dal lat. balteus, balteum]. – 1. Cintura di cuoio, pendente dalla spalla destra verso il fianco sinistro, alla quale i soldati romani appendevano la spada; poteva essere adorna di borchie auree o di altro metallo.

 

Aiace viene chiamato con il patronimico “Telamonio” (ovvero figlio di Telamone) o anche "Aiace il Maggiore" per distinguerlo dal suo omonimo Aiace d’Oileo.

Aiace Telamonio fu uno dei principali protagonisti della guerra di Troia: secondo guerriero più forte dei Greci dopo il cugino Achille, Aiace lottò strenuamente per recuperare il corpo dell'eroe, ma nella disputa che ne seguì l'armatura di Achille non fu assegnata a lui, bensì all'eloquente Odisseo. Offeso gravemente, la notte seguente Aiace si infuria e uccide un gregge di pecore che immagina essere Odisseo e Agamennone. Tornato in sé più tardi, si ritrovò coperto del sangue delle pecore e decise di suicidarsi per cancellare l'onta. Aiace cadde sulla spada che aveva ricevuto da Ettore in uno scambio di doni e dal suo sangue nacque un fiore rosso che portava sulle foglie le lettere iniziali del suo nome, AI, lettere che erano anche un grido di lamento.

apollonia

Link to comment
Share on other sites


Supporter

Filottete al rovescio di un bronzo con la ninfa Lamia sul dritto (Fritz Rudolf Künker, Auction 133, lot 7389, 11.10.2007).

8.filottete.JPG.573f90a5b2cb04af08608dc81d8efc13.JPG

GRIECHISCHE MÜNZEN (GREEK COINS). THESSALIA. LAMIA.
Æs, 400/344 v. Chr.; 2.49 g. Kopf der Nymphe Lamia r.//Philoktetes kniet bogenschießend r. Rogers 388; SNG Cop. 84. Braune Patina, sehr schön
Philoktetes war einer der Helden des Troianischen Krieges und befand sich im Besitz des Bogens und der Pfeile des Herakles.
Estimate: 50 EUR

Filottete era uno degli eroi della guerra di Troia ed era in possesso dell'arco e delle frecce di Eracle.

apollonia

Link to comment
Share on other sites


Supporter

Filottete

Famoso arciere originario della penisola di Magnesia, Filottete possedeva le frecce e l'arco di Eracle, donati a lui (o al padre Peante) da Eracle stesso che voleva in tal modo ringraziarlo per aver appiccato il fuoco alla sua pira sul monte Eta.

Nell’Iliade Filottete è alla guida di un contingente di sette navi, ognuna con cinquanta rematori abili nel tirare coll'arco, nella spedizione achea contro Troia.

Tuttavia Filottete non giunse a Troia con gli altri capi perché, durante lo scalo, fu morso al piede da un serpente velenoso. La ferita diventò ben presto così infetta da emanare un puzzo insopportabile e Ulisse non fece tanta fatica a convincere gli altri capi ad abbandonarlo a Lemno quando la flotta passò vicina a questa isola, allora deserta. Filottete vi rimase per dieci anni e sopravvisse uccidendo uccelli con le frecce d'Eracle.

Durante il decimo anno della guerra di Troia gli Achei ricevettero una profezia secondo la quale non avrebbero mai conquistato Troia se Neottolemo e il possessore dell'arco e delle frecce di Eracle non avessero combattuto con loro.

Ulisse partì in ambasciata verso Lemno accompagnato da Neottolemo e Diomede e convinse Filottete ad unirsi a loro promettendogli la cura dei figli d'Asclepio, i medici delle schiere greche.

 

Imprese di Filottete nella guerra di Troia

Si attribuiscono all'arciere molti meriti in guerra; le sue stragi furono considerevoli e le sue vittime davvero eccellenti. Secondo alcne fonti egli uccise il troiano Admeto e poi altri guerrieri troiani tra cui Deioneo, Peiraso e Medonte, figlio di Antenore. Secondo alcuni autori, sarebbe stato lui ad uccidere con le sue frecce Acamente, figlio di Antenore, fino a segnare le sorti della guerra, uccidendo Paride.

 

Dopo la guerra di Troia

Nell'Odissea Nestore narra che Filottete fu tra coloro che, finita la guerra, tornarono felicemente in patria.

Secondo tradizioni posteriori, invece, fu scacciato dalla patria (Melibea in Tessaglia) in seguito ad un’insurrezione e, giunto in Calabria lungo la costa a nord di Crotone, fondò i centri di Krimisa, Petelia, Macalla e Chone, facendo costruire un tempio a Cirò Marina dedicato ad Apollo, l'antica Krimisa ove depose l'arco e le frecce di Eracle.

Controversa è la sua morte. I Sibariti, poiché Filottete veniva sentito come l’eroe al quale si facevano risalire le origini della città, lo presentano come morto in combattimento contro i barbari presso Sibari. La principale tradizione vuole invece che l'eroe, dopo aver operato nella Crotoniatide, tra Krimisa e il Neto, sia morto combattendo per mano degli Ausoni Pelleni, popolazione achea già presente nella zona del Neto, in difesa dei Rodii che volevano stabilirsi nell’Italia meridionale.

 

apollonia

Link to comment
Share on other sites


Supporter

Lamia

Con questo nome i Greci antichi chiamavano certi mostri favolosi di orribile aspetto, specie di orchesse o streghe, che vivevano nei boschi o in crepacci, donde uscivano la notte a succhiare il sangue e a divorare il cuore di coloro che riuscivano a sorprendere, specialmente dei bambini. Questa superstizione ebbe credito e diffusione anche in Roma. Un mito eziologico narrato da Diodoro e da altri lessicografi e antiquari, risaliva a Duride di Samo, secondo il quale una fanciulla libica di questo nome, resa madre da Zeus e impazzita per vendetta di Era gelosa, uccise i propri figli, e da allora, per invidia verso le madri più fortunate, andò errando per uccidere i loro bambini.

 

Lamia. Città della Grecia, capoluogo della Ftiotide, posta alla sinistra dello Spercheo, a NE del golfo omonimo.

Nell’antichità classica era la capitale dei maliici (sec. V a. C.); alla metà del sec. IV passò sotto l’influenza della Macedonia e della Tessaglia. Nel 323 a. C. vi si chiuse in difesa Antipatro, nel corso della guerra che ebbe il suo nome dalla città stessa. Dopo l’invasione dei Galati in Grecia (280-279 a. C.) entrò nella lega etolica, di cui fu baluardo contro Filippo V, e questo fu il momento del suo maggior splendore. Scoppiata la guerra etolica, Lamia fu conquistata e saccheggiata da Acilio Glabrione (190 a. C.). Nell’896 ebbe il nome di Zetunio, che conservò fino a tempi recenti.

Tessalia.gif.dc041551e128323e6ea45d0b318b6fd9.gif

apollonia

Link to comment
Share on other sites


Supporter

Efesto e un Ciclope che forgiano le armi di Achille sul rovescio di un bronzo di Filippo I (Gorny & Mosch 249, lot 436, 11.10.2017).

9.efestogorny00436Q00.thumb.jpg.af1b3878226ac9efbefb6217be9fd32c.jpg

RÖMISCHE PROVINZIALPRÄGUNGEN
GALATIEN. ANCYRA. Philippus I., 244 - 249 n. Chr. AE Großbronze (20,78g). Unter dem Ersten Archonten Zoilos, der zum zweiten Mal dieses Amt bekleidet. Vs.: ΑΥΤ Κ Μ ΙΟΥΛ ΦΙΛΙΠΠΟΣ ΑΥΓ, drapierte und gepanzerte Büste mit Lorbeerkranz n. r. Rs.: Ε ΠΟ ΑΡ ZΟ−[Ι]ΛΟΥ ΑΡΧ Α ΤΟ Β ΑΓΚΥΡΑΝΩΝ, Hephaistos auf einem Hocker n. r. sitzend, mit einem Hammer in der erhobenen R., in der L. Zange, die einen Gegenstand auf dem vor ihm stehenden Amboss hält, r. der vom Rücken aus gesehene Kyklops mit Hammer. Hinter dem Amboss Athena mit Schild n. l. stehend, die R. erhoben.
Schwarze Patina, vz

Estim. Price 1.500 €. Result 3.200 €.

Il rovescio di questa moneta raffigura una scena tratta dall'Iliade di Omero (libro 18) relativa alla battaglia di Troia: Il dio zoppo Efesto, seduto a sinistra, e il Ciclope, in piedi a destra, stanno forgiando una nuova serie di armi per l'eroe Achille. Il suo amico Patroclo aveva indossato in segreto le armi di Achille. Purtroppo fu ucciso dal principe troiano Ettore, che le rivendicò come bottino. La madre di Achille, Teti, implorò gli dei olimpici di fornire al figlio nuove armi e la sua richiesta fu accolta. Atena appare qui come dea protettrice di Achille. La scena deriva probabilmente da un modello scultoreo.

apollonia

Link to comment
Share on other sites


Supporter

Efesto che forgia una nuova armatura per Achille sul rovescio di un bronzo di Salonina (Harlan J. Berk, Buy or Bid Sale 223, lot 404, 22.06.2023).

9b.efestoHarlanBerkimage00404.thumb.jpg.c712ecabe620b4915b4eeac467948ccd.jpg

Roman Provincial
Salonina. Salonina; Perga, Pamphylia, AE 31.5, 16.12g. SNG Paris-600 (same dies). Obv: KOPNHΛIAN CAΛΩNINAN CE Bust draped r. on crescent, wearing stephane. Rx: ΠEPΓ - AIΩN Hephaestus seated r. holding hammer and supporting shield on his knee. The reverse type probably shows Hephaestus making new armor for Achilles after Hector killed Patroclus and captured his armor, as related by Homer. VF / EF

Estimate: 385 USD. Price realized: 300 USD.

apollonia

Link to comment
Share on other sites


Supporter

Efesto che modella un nuovo scudo per Achille sul rovescio di un bronzo di Massimino I (Leu Numismatik, Web Auction 27, lot 1252, 09.09.2023).

9c.efestoleuimage01252.thumb.jpg.76a08a653f2658c0a60f49b36495e577.jpg

Roman Provincial
PAMPHYLIA. Perge. Maximinus I, 235-238. Diassarion (Bronze, 22 mm, 7.14 g, 1 h). [AV] K Γ IOV • OVH MAΞIM[ЄINOC ЄV • CЄ •] Laureate, draped and cuirassed bust of Maximinus I to right, seen from behind. Rev. ΠЄPΓAIΩN Hephaistos seated right on rocks, wearing cap, holdings hammer in his right hand and shield set on his left knee. RPC VI online -. SNG Paris -. SNG von Aulock -. Watson -. Apparently unpublished. Minor deposits and light scratches, otherwise, about extremely fine.
From a European collection, formed before 2005.

Starting price: 50 CHF. Price realized: 201 CHF.

This interesting reverse, previously known from Pergaean coins struck for Philip II, Gallienus and Salonina, is a reference to the Illiad (18.478-608), which describes in detail how Hephaistos fashioned a new shield for Achilles - a passage that was greatly admired by many other ancient and modern authors, and which influenced other famous poems, most notably Hesiod's The Shield of Herakles.

apollonia

Link to comment
Share on other sites


Supporter

Atena con civetta e scettro sul rovescio di un bronzo di Caracalla (DEMOS, Auction 2, lot 410, 05.06.2021).

10.Atenademos1900055_1620402910.l.jpg.89d48a0eaa1a3457147b1e93c0d44acd.jpg

Roman Provincial
Galatia. Ankyra. Caracalla AD 198-217AE. ANTΩNINOC AYΓOYCTOC. / Laureate, draped and cuirassed bust left, holding spear and a shield decorated with an aegis. Rev: ΜΗΤΡΟΠΟΛ Α-ΝΚΥΡΑC/ Athena standing left, holding owl and sceptre. Apparantly Unpublished. SNG von Aulock -; BMC -; 15.54 gr 30 mm.

Startpreis            1 EUR. Ergebnis 149 EUR.

 

La città di Ankyra, “situata nella provincia della Galazia”, ha sempre avuto l'attenzione degli imperatori romani. Per Augusto fu costruito un grande e complesso tempio. I discendenti di Augusto, in epoche diverse, hanno aiutato o costruito vari edifici. Uno di questi è Caracalla. Caracalla ordinò che i cittadini della città avessero un bagno romano. A quei tempi, ad Ankyra vivevano ragionevolmente “colonialisti” romani.

Uno dei ricchi cittadini, Tiberio Iulius Iustinianus, ha investito denaro su richiesta dell'imperatore. Le terme romane sono state costruite per il “dio della medicina” Asclepio.

È possibile che questa moneta sia stata realizzata dopo una vittoria di Caracalla in guerra.

Caracalla è uno dei primi personaggi severiani che si vedono nelle monete come combattenti. Si trattava, infatti, di un modo di propaganda e di messaggio per i cittadini romani. Quando Caracalla lasciò Roma nel 213 non fece più ritorno. Era molto ispirato da Alessandro Magno. A Troia corse intorno alla tomba di Achille proprio come Alessandro Magno. Montò a cavallo finché non morì durante la guerra.

apollonia

  • Thanks 1
Link to comment
Share on other sites


@apolloniasei mitico!!!

I tuoi post così approfonditi mi mandano in estasi. Grazie di esistere!!!

  • Thanks 1
Link to comment
Share on other sites


Supporter

Atena e Filottete (eroe della guerra di Troia in possesso dell'arco e delle frecce di Eracle) rispettivamente sul diritto e sul rovescio di un bronzo di Lamia, in Tessaglia (Fritz Rudolf Künker, Auction 326, lot 296, 07.10.2019).

12.atenaefilotteteimage00296.thumb.jpg.3bec2a5c5b131068e216fdc69d4ad855.jpg

DIE SAMMLUNG DR. W. R., TEIL 3
THESSALIA. LAMIA. Æs, 325/300 v. Chr.; 2,49 g. Athenakopf r. mit korinthischem Helm//Philoktetes steht r. und schießt auf Vögel, davor Köcher. Rogers 384; Slg. BCD 125. Sehr schön.
Exemplar der Sammlung BCD, CNG Electronic Auction 311, Lancaster 2013, Nr. 90.

Philoktetes war einer der Helden des Troianischen Krieges und befand sich im Besitz des Bogens und der Pfeile des Herakles.

Estimate: 75 EUR. Price realized: 60 EUR.

apollonia

Link to comment
Share on other sites


Supporter

Emissione pseudo-autonoma di Ilio (Troade) con Atena al diritto e al rovescio Enea in abito militare, in fuga da Troia, con il padre Anchise in spalla e il figlio Ascanio per mano (Savoca Numismatik, 84th Silver Auction, lot 184, 30.08.2020).

13.atenaeneaimage00184.thumb.jpg.38bca2b6254882252ee3b0bd9eec35d0.jpg

Roman Provincial
Troas. Ilion. Pseudo-autonomous issue circa AD 138-180.
Bronze Æ
14 mm, 2,85 g
[IΛIEΩN ?], helmeted bust of Athena right / IΛIEΩN, Aeneas, in military dress, fleeing from Troy, right, carrying his father Anchises on his shoulder and leading his son Ascanius by the hand.
very fine
Cf. Bellinger, Troy. 62, T210; cf. SNG Munich 229.

Starting price: 50 EUR. Price realized: 65 EUR.

apollonia

Link to comment
Share on other sites


Supporter

Altro bronzo pseudo-autonomo di Ilion con Atena al diritto ed Enea in abito militare, in fuga da Troia con il padre Anchise in spalla e il figlio Ascanio per mano (Savoca Numismatik, 31st Silver Auction, lot 311, 10.03.2019).

14.atenaeneaimage00311savoca.thumb.jpg.0af5cb430fb72c9ff3b3fc4c7e68e8c5.jpg

Roman Provincial
Troas. Ilion. Pseudo-autonomous issue AD 69-96. Time of Vespasian to Domitian
Bronze Æ
20 mm., 6,03 g.
IΛΙ, helmeted bust of Athena left, wearing aegis and holding spear over shoulder / Aeneas, in military dress, fleeing from Troy, right, carrying his father Anchises on his shoulder and leading his son Ascanius by the hand.
very fine
Bellinger T129; RPC II 895.

Starting price: 75 EUR. Price realized: 150 EUR.

apollonia

Link to comment
Share on other sites


Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...
×
  • Create New...

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue., dei Terms of Use e della Privacy Policy.