Vai al contenuto
  • Sky
  • Blueberry
  • Slate
  • Blackcurrant
  • Watermelon
  • Strawberry
  • Orange
  • Banana
  • Apple
  • Emerald
  • Chocolate
  • Charcoal
  • Annunci

    • Reficul

      Aggiornamento   15/10/2017

      Oggi inizia l'aggiornamento del forum v2018. Potrebbero verificarsi problemi e il forum potrebbe rimanere per pochi minuti non raggiungibile.
      Comunicherò successivamente con un topic in sezione news tutte le novità.  
Accedi per seguire questo  
Podalirio

Monetazione templare

Risposte migliori

Podalirio

Vorrei saperne di più su questo tipo di monetazione...

Qui di seguito c'è una serie di presunte monete templari... quali sono le caratteristiche principali di questo tipo di conio?

Monete Templari

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

adamaney

Ciao, i Templari non hanno mai coniato moneta. Nella pagina ci sono pero' varie monete degli stati crociati, qualche moneta francese attinente e un ducato falso di probabile produzione monzese :)

df

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Paleologo
quali sono le caratteristiche principali di questo tipo di conio?

267103[/snapback]

Forse di essere una bufala? :P

Scherzi a parte: non ho mai sentito che l'ordine templare abbia coniato monete a proprio nome; il diritto di zecca nel medioevo non era cosa che si concedesse a cuor leggero. Ma confesso che potrebbe una risposta dovuta alla mia ignoranza; tuttavia quello che ho trovato in rete non è incoraggiante. Ad esempio, l'autodefinito SITO UFFICIALE DELL'ORDINE definisce "moneta templare" un comune grosso agontano coniato in Ancona nel XIII secolo (guarda in fondo alla pagina). Su che basi, non si sa. Forse per via della croce patente? Ma allora il 90% delle monete medioevali europee sarebbero state coniate dai Templari. Mah... Se qualcuno è più informato, parli!

Ciao, P. :)

P.S. Ops! Ci siamo incrociati con adamaney. Ubi maior... ;)

Modificato da Paleologo

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Podalirio

...quindi il famoso sigillo dei Cavalieri Templari (in allegato) non è mai stato impresso su moneta?

Chi ne sappia qualcosa è pregato di intervenire...grazie!

post-6816-1191432392_thumb.jpg

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

adamaney
...quindi il famoso sigillo dei Cavalieri Templari (in allegato) non è mai stato impresso su moneta?

no :(

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Horben Tumblebelly

I templari usarono le monete di 3/4 d'Europa. Cioè, si affidarono alle monete circolanti nei dipartimenti geografici (le famose Lingue) in cui furono divisi i territori europei per l'amministrazione dei siti templari. In più credo che ricorressero anche a qualche moneta islamica negli Stati Franchi d'Oriente e nel basso Aragonese.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Podalirio

Grazie a tutti per le informazioni... :)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

numa numa

Le monete riportate nel sito citato nel primo post rappresentano un insieme di emissioni provinciali francesi e crociate, in argento e in rame, dei secoli XI-XIV.

La prima moneta in alto a sin. ad esempio e' un denaro di argento battuto nella zecca di Valence (Francia) nel 13o secolo. La moneta veniva utilizzata negli scambi commerciali all'interno dei territori occupati dai Crociati, ma resta comunque una moneta feudale francese (vedi foto allegata).

Battere moneta, era e resta ancora oggi, una delle prerogative di amssima importanza attribuite ad uno stato, citta' o regione.

Non a caso il diritto di zecca veniva fatto sempre risalire a concessioni imperiali, perche' era solo l'imperatore che poteva sancire e delegare il diritto di un sovrano, signore o territorio a battere moneta. Anche la monetzione delle grandi repubbliche, Venezia, Genova, Lucca, Pisa, etc. derivava, ab origine da concessioni imperiali.

I Templari erano un ordine religioso/cavalleresco che, seppur molto ricco e

potente, non disponeva un territorio sovrano ove poter vedersi attribuito ed esercitare il dirittto di zecca.Di tutti gli ordini equestri, solo quello dei Cavalieri di San Giovanni, (poi Rodi e infine Malta) ha potuto godere di questo privilegio, che tra l'altro continua fino ai giorni nostri con le monete dello SMOM, dando vita ad una monetazione molto interessante e ricca. Quest'ordine lo ha potuto fare proprio perche' disponeva di un territorio (che ha subito moltissime vicissitudini nel tempo e oggi, cacciati anche dall'ultimo baluardo - l'isola di Malta - dagli Inglesi, dispongono ormai sono di pochi palazzi a Roma che pero' godono di alcuni diritti di extraterritorialeta' rispetto allo Stato italiano).

Quindi condizione necessaria per poter battere moneta e' disporre di un territorio sovrano (o affidato in concessione) ove poetr esercitare il diritto di zecca e poter far circolare la moneta.

numa numa

post-4253-1191485050_thumb.jpg

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Podalirio

Ti ringrazio, numa numa, per l'interessantissima precisazione...

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

numa numa

Visto che sei interessato alla monetazione dei Cavalieri medioevali, ti posto la foto dell'emissione del primo Gran Maestro che batte' moneta:

Foulques de Villaret 1305-1319

Nel 1310, sotto la guida del Gran Maestro frà Foulques de Villaret, l’Ordine conquistò l’isola di Rodi dove si stabilì in forze, impossessandosi poi di altre numerose isole dell’Egeo. Il loro nome venne mutato in Cavalieri di Rodi. In questo periodo all’Ordine Ospitaliero passarono molti dei beni confiscati all’Ordine dei Templari, che nel frattempo era stato soppresso.

L’ordine era governato dal Gran Maestro (Principe di Rodi) e dal Consiglio, batteva monete e intratteneva rapporti diplomatici con gli altri stati.

La moneta, un grosso d'argento di circa 4gr. rappresenta il Gran Maestro inginocchiato davanti alla Croce sul Monte Calvario. La croce poggia sul cranio di Adamo. Tale rappresentazione, derivata dai sigilli in piombo utilizzati dai gran maestri precedenti, costituira' l'archetipo di buona parte della monetazione dei Cavalieri, che si protrarra' per diversi secoli.

numa numa

post-4253-1191504259_thumb.jpg

post-4253-1191504315_thumb.jpg

Modificato da numa numa

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Podalirio

notizie preziose...grazie ancora! :D

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

octavius

qualcuno sa dirmi che moneta è questa?

ringrazio anticipamente

post-5218-1191524404_thumb.jpg

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

adamaney

Ciao, è un denaro anonimo di Melgueil (denaro melgorese) coniato attorno al 1100 (decennio più, decennio meno). Comune :(

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

rob
...

La moneta, un grosso d'argento di circa 4gr. rappresenta il Gran Maestro inginocchiato davanti alla Croce sul Monte Calvario. La croce poggia sul cranio di Adamo. Tale rappresentazione, derivata dai sigilli in piombo utilizzati dai gran maestri precedenti, costituira' l'archetipo di buona parte della monetazione dei Cavalieri, che si protrarra' per diversi secoli.

numa numa

267555[/snapback]

E' solo una combinazione fortuita, o il rovescio è molto ispirato al Pragergroschen (grosso di Praga)? Il dritto del resto mi sembra riprendere temi e stile del Grosso Matapan di Venezia: non lo troverei sorprendente, trattandosi di monete coeve.

Modificato da rob

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

numa numa

Intendi che il diritto del grosso di Fulco de Villaret si sia ispirato ai matapan di Venezia ? Mah le monete sono diverse sia come peso ma soprattutto come simbologia. Quella adottat da Fulco per le prime monete bttute dai Gran Maestri dell'Ordien Ospitaliero sono mutuate dai loro sigilli ed utilizzano una simbologia originale, il gran maestro in ginocchio davanti alla Croce, che non era stata utilizzata in precedenza.

Il rovescio si ispira invece ai grossi, di derivazione 'tournois', in circoalzione in Francia in quel periodo e che influenzeranno buona parte della monetazione europea medioevale, come anche l'esempio da te riportata del grosso praghese.

numa numa

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

adamaney
E' solo una combinazione fortuita, o il rovescio è molto ispirato al Pragergroschen (grosso di Praga)?

Si rifà al gigliato angioino (Napoli).

Ciao

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

rob

Grazie per le precisazioni! :)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

atkon

si rifá anche al famoso grosso tornese.

EDITATO: vietate le vendite

Modificato da incuso

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Horben Tumblebelly

ATKON E' SEVERAMENTE VIETATO DAL REGOLAMENTO PUBBLICIZZARE PROPRI PRODOTTI IN VENDITA!!!!

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Devi essere registrato per lasciare un commento

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra comunità. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora

Accedi per seguire questo  

Lamoneta.it

La più grande comunità online di numismatica e monete. Studiosi, collezionisti e semplici appassionati si scambiano informazioni e consigli sul fantastico mondo della numismatica.

Hai bisogno di aiuto?

×