Jump to content
IGNORED

Regno di Napoli:::Le monete


Recommended Posts

Intanto posto un'altra bella moneta napoletana:

Ferdinando I° d'Aragona coronato

D/ CORONATUS : LEGITIME : CERTAVIT re in trono incoronato da cardinale e vescovo

R/ FERDINANDUS: DIG . G. R . SICI : IER° V ° N ° croce potenziata m in basso

una buona notte

Mauro

Bellissimo coronato! E' da tanto che non si posta qualche bel coronato o carlino aragonese in questa sezione. Come mai questa carenza?

Link to comment
Share on other sites


Ottimo intervento, grazie mille.

Visto che sei preparato in chimica allora ti dirò di più, tempo fà feci un esperimento per eliminare da un tondello di rame/bronzo alcune particelle di solfato rameico portando la moneta ad altissima temperatura perchè come ben sai questo tipo di solfato inizia a decomporsi quando lo si porta a temperature superiori a 88°. E' una mia strategia di pulitura che ancora non ho confessato a nessuno perchè ancora in fase sperimentale.

Posseggo (per usi professionali) un forno a pietra refrattaria che arriva fino a 600°, e ............ lo sai come si fa a sciogliere il solfato rameico fino alla sua ultima particella d'acqua e cosa diventa oltre i 600°.

Ovviamente quando do un consiglio sulla pulitura mi limito a consigliare l'acqua demineralizzata e non la mia pericolosa tecnica. :good:

Edited by Cecco
Link to comment
Share on other sites


Ciao Francesco, devi stare molto attento a portare ad altissima temperatura monete di bronzo, perché, come ben sai, il bronzo è una lega di rame + stagno, e lo stagno fonde ad una temperatura di soli 232 gradi, quindi vedresti affiorare sulla superficie della moneta delle gocciolina di stagno e la stessa verrebbe irrimediabilmente rovinata.

Nessuna controindicazione invece per le monete di rame. :)

Link to comment
Share on other sites


Ciao Francesco, devi stare molto attento a portare ad altissima temperatura monete di bronzo, perché, come ben sai, il bronzo è una lega di rame + stagno, e lo stagno fonde ad una temperatura di soli 232 gradi, quindi vedresti affiorare sulla superficie della moneta delle gocciolina di stagno e la stessa verrebbe irrimediabilmente rovinata.

Nessuna controindicazione invece per le monete di rame. :)

No no, finora è stato fatto solo qualche prova su quelle di rame, avevo citato rame/bronzo perchè molti spesso si confondono con i due metalli. Il risultato è stato buono.

Link to comment
Share on other sites


Ero sicuro che non avresti fatto questo errore, ho voluto precisare nel caso qualcuno più sprovveduto, leggendo "rame/bronzo", tentasse l'esperimento con qualche moneta di bronzo rovinandola . :)

Link to comment
Share on other sites


Ero sicuro che non avresti fatto questo errore, ho voluto precisare nel caso qualcuno più sprovveduto, leggendo "rame/bronzo", tentasse l'esperimento con qualche moneta di bronzo rovinandola . :)

Tranquillo, tranquillo, c'è una motivazione che mi ha spinto a citare il doppio metallo, questo perchè alcune medaglie (non tutte) vengono citate come bronzo ma in effetti sono in rame. Era per far capire che lo stesso sperimento vale per queste medaglie erroneamente citate come bronzo, quindi esenti da pericoli.

Link to comment
Share on other sites


  • 2 weeks later...

Ho trovato molto utile ed interessante il fatto che in questa discussione si sia parlato della pulizia di monete a composizione di rame ed altri metalli.

Per rispondere @@francesco77 sul fatto che in questa discussione vi siano postati pochi" coronati",dico che forse è vero ma vi sono pochi "coronati"ma buoni:di sicuro vi è quello in cui il drago trafitto ha il volto umano ed un altro "dell'incoronazione"in cui al R/vi è la scritta finale della leggenda VNGAR ;) .

Ad ogni modo i "coronati"sono belle monete ed ,anche per il futuro,non mancheranno in questa discussione

--Salutoni

-odjob

Edited by odjob
Link to comment
Share on other sites


Ho trovato molto utile ed interessante il fatto che in questa discussione si sia parlato della pulizia di monete a composizione di rame ed altri metalli.

Per rispondere @@francesco77 sul fatto che in questa discussione vi siano postati pochi" coronati",dico che forse è vero ma vi sono pochi "coronati"ma buoni:di sicuro vi è quello in cui il drago trafitto ha il volto umano ed un altro "dell'incoronazione"in cui al R/vi è la scritta finale della leggenda VNGAR ;) .

Ad ogni modo i "coronati"sono belle monete ed ,anche per il futuro,non mancheranno in questa discussione

--Salutoni

-odjob

Le monete napoletane del periodo aragonese sono tra le più belle, ci sarebbe ad esempio da intavolare un discorso serio riguardante il primato artistico di Napoli e in quale zecca d'Europa o d'Italia nacque la prima moneta con ritratto rinascimentale.

Link to comment
Share on other sites


Intanto posto un'altra bella moneta napoletana:

Ferdinando I° d'Aragona coronato

D/ CORONATUS : LEGITIME : CERTAVIT re in trono incoronato da cardinale e vescovo

R/ FERDINANDUS: DIG . G. R . SICI : IER° V ° N ° croce potenziata m in basso

una buona notte

Mauro

posseggo una moneta che ha la stessa facciata con croce ma nella facciata opposta invece dell'incoronazione di Ferdinando ha incisa una grande F coronata

Edited by Lo scavatore
Link to comment
Share on other sites


posseggo una moneta che ha la stessa facciata con croce ma nella facciata opposta invece dell'incoronazione di Ferdinando ha incisa una grande F coronata

Postaci l'immagine per favore. Grazie mille

Link to comment
Share on other sites


non sono collegato dal mio pc,cmq appena riesco la posto anche perchè come quella che ho ne ho vista solo una su internet ed è questa...solo ke la mia stà molto meglio di questa...

Postaci l'immagine per favore. Grazie mille

post-38428-0-61245400-1385229134_thumb.j

Link to comment
Share on other sites


Un altro bel Coronato di Ferdinando I°

D/ CORONATUS : QUA . LEGITIME : CERTA .

R/ + FERDINANDUS : D : G : R . SICIL : IER . VN

Una Buona Domenica a tutti

Mauro

Riflettevo sulla zigrinatura della croce al D/

ed anche sull'abbreviazione QA di QVIA

Link to comment
Share on other sites


Riflettevo sulla zigrinatura della croce al D/

ed anche sull'abbreviazione QA di QVIA

Cosa non ti convince?

Non sono un approfondito conoscitore della monetazione napoletana ma aproposito dell'abreviazione QA la si ritrova sul Cagiati

Link to comment
Share on other sites


Cosa non ti convince?

Non sono un approfondito conoscitore della monetazione napoletana ma aproposito dell'abreviazione QA la si ritrova sul Cagiati

Anzi le monete sono autentiche,e che mi chiedevo perché dalla Zecca venivano emessi coronati con la croce zigrinata internamente e mi chiedevo il perché dell'abbreviatura QA,nel senso:perchè ,magari,non scrivere caratteri più piccoli e farci entrare anche le lettere VE ,quindi QVAE,o magari accorciare qualche altra parola anzicchè QVAE....mah

Link to comment
Share on other sites


Ciao @@odjob Abbreviatura per contrazione, dove contrazione significa "omissione delle lettere intermedie" lasciando la prima e l'ultima.

Un saluto Pietro

ciao Pietro questo lo so ma la mia domanda era perchè questa scritta abbreviata e non altre anzicchè questa?

Link to comment
Share on other sites


ciao Pietro questo lo so ma la mia domanda era perchè questa scritta abbreviata e non altre anzicchè questa?

Con precisione non saprei riferiti, però provo a dare la mia opinione; credo che le abbreviature avvenissero per questioni di spazio, logicamente, una volta stabilita la grandezza delle lettere e che poi ad essere abbreviate sono state, magari le parole meno importanti che compongono la legenda stessa, come in questo caso la parola "perché" .

Link to comment
Share on other sites


@@francesco77

Le monete napoletane del periodo aragonese sono tra le più belle, ci sarebbe ad esempio da intavolare un discorso serio riguardante il primato artistico di Napoli e in quale zecca d'Europa o d'Italia nacque la prima moneta con ritratto rinascimentale.

Credo che questo possa interessare un po' tutti Noi..... Per Napoli da pagina 92.

Buona lettura. ;)

http://www.academia.edu/457252/Travaini_L._2007_I_ritratti_sulle_monete._Principi_artisti_collezionismo_e_zecche_nel_Rinascimento_italiano_in_Ritratti_del_Rinascimento_a_cura_di_R._Castagnola_Lugano-Milano_2007_pp._83-112 :hi: :hi:

Edited by Rex Neap
  • Like 1
Link to comment
Share on other sites


Link to comment
Share on other sites


  • Rocco68 pinned this topic
  • Rex Neap unpinned this topic

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...
 Share

×
  • Create New...

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue., dei Terms of Use e della Privacy Policy.