Jump to content
IGNORED

Storie di monete rarissime


toto73
 Share

Recommended Posts

Ciao :)

Vi presento una moneta rarissima e la sua storia:

1 Rublo 1825 - Argento- Constantine Pavlovitch

Pezzi: 5 o 6

Alessandro I non aveva eredi al trono maschi per all'atto della sua morte il 19 novembre 1825. Il potere passò al suo fratello più vecchio, il Gran Duca Costantine, Vicerè della Polonia. Lo stesso Gran Duca aveva in quegli anno contratto matrimonio con una cittadino il che rendeva il proprio figlio non eleggibile al trono e a nessun altro alto incarico ufficiale. Figlio che in ogni caso in tutta segretezza rinciò ad ogni pretesa reale. Anche il Gran Duca Nicholas, altro fratello di Alessandro I, era totalmente allo scuro di tutto. Alla Morte di Alessandro I ci volle un po' prima che Nicholas realizzò di essere lui lo Czar e non Constantine. In questo periodo di incertezza furono coniati i rubli di Constantine. Le autorità della zecca credevano che Constantine fosse il diretto erede al trono e pertanto diedero il via libera al conio. Quando fu chiaro che Nicholas era il diretto erede in linea di successione i 5 o 6 rubli comprese le "prove di conio" furono racchiusi in dei contenitori e inviati agli archivi segreti.

Ecco come il destino ha reso preziosissima e estremamente fascinosa una moneta d'argento..

Voi ne conoscete altre?

Sal :D

Link to comment
Share on other sites


Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...
 Share

×
  • Create New...

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue., dei Terms of Use e della Privacy Policy.