Benvenuto su Lamoneta.it - Numismatica, monete, collezionismo

Benvenuti su laMoneta.it, il più grande network di numismatica e storia
Registrandoti ora avrai accesso a tutte le funzionalità della piattaforma. Potrai creare discussioni, rispondere, premiare gli utenti che preferisci, utilizzare il sistema di messaggistica privata, inviare messaggi di stato, configurare il tuo profilo... Se già sei un utente registrato, Entra - altrimenti Registrati oggi stesso!

Accedi per seguire questo  
Follower 0
apollonia

Il gettone della barba

Salve a tutti

Questo mio recente acquisto è una riproduzione del famoso gettone di Pietro il Grande noto come kopeco o gettone della barba 1705.

post-703-1227122602_thumb.jpg

Rientrato in patria da un lungo viaggio in Occidente, la zar volle modernizzare il suo impero e per il rinnovo del sistema fiscale pensò di far tagliare la barba (portata dalla quasi totalità della popolazione maschile) ai suoi sudditi fissando, per chi volesse continuare a portarla, un’imposta proporzionale al censo del barbuto. Mentre la nobiltà si accinse a pagare l’oneroso balzello, il villico che si recasse in città, qualora non avesse il viso glabro, doveva pagare un kopeko dietro rilascio di un gettone in rame di 21 mm di diametro, il gettone della barba appunto.

A parte l’interesse storico, ho voluto presentare questo gettone perché in un’asta del 2007 a Long Beach un pezzo autentico senza contromarca a grado di conservazione MS 63 BN è stato aggiudicato a 2.760 dollari, un prezzo di tutto rispetto per un gettone. Forse un record?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Salve a tutti

Questo mio recente acquisto è una riproduzione del famoso gettone di Pietro il Grande noto come kopeco o gettone della barba 1705.

post-703-1227122602_thumb.jpg

Rientrato in patria da un lungo viaggio in Occidente, la zar volle modernizzare il suo impero e per il rinnovo del sistema fiscale pensò di far tagliare la barba (portata dalla quasi totalità della popolazione maschile) ai suoi sudditi fissando, per chi volesse continuare a portarla, un’imposta proporzionale al censo del barbuto. Mentre la nobiltà si accinse a pagare l’oneroso balzello, il villico che si recasse in città, qualora non avesse il viso glabro, doveva pagare un kopeko dietro rilascio di un gettone in rame di 21 mm di diametro, il gettone della barba appunto.

A parte l’interesse storico, ho voluto presentare questo gettone perché in un’asta del 2007 a Long Beach un pezzo autentico senza contromarca a grado di conservazione MS 63 BN è stato aggiudicato a 2.760 dollari, un prezzo di tutto rispetto per un gettone. Forse un record?

Ciao Apollonia, è un bellissimo gettone, molto particolare. Lo stile ricorda molto quello delle monete Russe, semplice ed elegante insieme.

La sua storia è molto interessante, ma che motivazione aveva lo Zar per odiare le barbe?

Valutando il fatto che quasi tutta la opolazione maschile la portava penso non sia stato altro che un espediente per far entrare nelle Casse dello Stato più soldi possibili.

Diciamo quasi come ai nostri giorni quando aumentano le tasse sulle sigarette, sulla benzina ecc......

Pescava nel sicuro..... Ciao Giò :P :D :D

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

azz .... che somma per un gettone.... veramente interessante il tuo topic, nn conoscevo l'esistenza di questo gettone e il suo scopo così bizzaro :D

grazie

ciao

Marco

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Supporter
Salve a tutti

Questo mio recente acquisto è una riproduzione del famoso gettone di Pietro il Grande noto come kopeco o gettone della barba 1705.

post-703-1227122602_thumb.jpg

Rientrato in patria da un lungo viaggio in Occidente, la zar volle modernizzare il suo impero e per il rinnovo del sistema fiscale pensò di far tagliare la barba (portata dalla quasi totalità della popolazione maschile) ai suoi sudditi fissando, per chi volesse continuare a portarla, un'imposta proporzionale al censo del barbuto. Mentre la nobiltà si accinse a pagare l'oneroso balzello, il villico che si recasse in città, qualora non avesse il viso glabro, doveva pagare un kopeko dietro rilascio di un gettone in rame di 21 mm di diametro, il gettone della barba appunto.

A parte l'interesse storico, ho voluto presentare questo gettone perché in un'asta del 2007 a Long Beach un pezzo autentico senza contromarca a grado di conservazione MS 63 BN è stato aggiudicato a 2.760 dollari, un prezzo di tutto rispetto per un gettone. Forse un record?

Ciao Apollonia, è un bellissimo gettone, molto particolare. Lo stile ricorda molto quello delle monete Russe, semplice ed elegante insieme.

La sua storia è molto interessante, ma che motivazione aveva lo Zar per odiare le barbe?

Valutando il fatto che quasi tutta la opolazione maschile la portava penso non sia stato altro che un espediente per far entrare nelle Casse dello Stato più soldi possibili.

Diciamo quasi come ai nostri giorni quando aumentano le tasse sulle sigarette, sulla benzina ecc......

Pescava nel sicuro..... Ciao Giò :P :D :D

Tale misura rientrava nella politica di Pietro il Grande, volta a modernizzare ed occidentalizzare il proprio paese. Le riforme più imortanti riguardarono:

l'esercito, con il potenziamento della flotta, l'introduzione di un reclutamento regolare, la coscrizione obbligatoria per la nobiltà e l'addestramento occidentale;

l'organizzazione religiosa con l'introduzione del Santo Sinodo, controllato dallo zar stesso;

l'amministrazione con l'introduzione di una burocrazia più moderna, modifiche istituzionali, la riforma fiscale;

la vita sociale; anche nell'aspetto esteriore i cittadini dovevano occidentalizzarsi, sostituendo l'antico abbigliamento di tipo mongolo, con quello ungherese e tagliando la barba, considerata troppo "asiatica"

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

A cosa serviva la contromarca?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

2.760 dollari......che corrispondono a euro...???

a te quant'è costato ???

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Gettone curioso, come la sua storia.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

A cosa serviva la contromarca?

stavo per fare la stessa domanda anch io :P

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

in € al cambio approssiamtivo sono poco meno di 2500€

ciao

Marco

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Supporter
2.760 dollari......che corrispondono a euro...???

a te quant'è costato ???

Al cambio attuale, circa 2200 euro.

Ne approfitto, per fare pubblicità al documento che ho redatto (nel quale trovi anche i links ai convertitori di valute) e per il quale ho bisogno di suggerimenti :D

http://www.lamoneta.it/index.php?showtopic=37115

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Supporter

Le riforme piuttosto "estrose" di Pietro I non sono, comunque, un caso isolato nella storia. In prima battuta, mi viene in mente Mustafà kemal, detto Ataturk (padre dei turchi) che introdusse riforme simili dopo la proclamazione della repubblica, in Turchia.

Al di là delle riforme politiche e giuridiche, introdusse importanti novità, che incisero profondamente nella vita sociala turca. Oltre alla laicizzazione dello stato, con l'abolizione del califfato, delle confraternite religiose (dercvisci) e delle scuole islamiche, abolì lo studio delle lingue persiana e araba nell'istruzione secondaria, introdusse l'alfabeto latino, arrivando a vietare l'uso della scrittura araba.

Negli anni '30 del secolo scorso (e qui arrivano le similitudini più evidenti) adottò il cognome all'europea e l'abbigliamento occidentale.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Supporter
per la precisione sono 2.200,3438 calcolo fatto da http://it.finance.yahoo.com/valuta/convert...submit=Converti

Che è esattamente il convertitore, che ho utilizzato anch'io. :)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Buona giornata

Devo rettificare. Il pezzo aggiudicato all’asta Heritage del maggio-giugno 2007 per 2.760 $ (che alla quotazione di allora sono 2.044,44 €, commissioni del 15% comprese) e qui postato non è autentico, nel senso di ‘genuine token’, bensì un novodel

post-703-1227192892_thumb.jpg

Peter I. Novodel Beard Token 1705, without countermark, Bit-3896, Brekke-4, MS63 Brown NGC.

Mi risulta che il termine novodel è usato dai numismatici Russi per descrivere dei riconi un po’ particolari, nel senso che un riconio (restrike) è una riproduzione fedele di un pezzo antico, coniato con gli stessi punzoni, mentre un novodel non è necessariamente una riproduzione esatta potendo presentare qualche modificazione.

C’è una grande differenza tra un novodel, un originale e un falso (counterfeit): un novodel non è un falso né una copia, ma, in senso stretto, una produzione di una zecca ufficiale e in certi casi può essere molto costoso.

Ai tempi le barbe dei Russi erano come quelle dei patriarchi, di lunghezza considerata una misura diretta dell’onore di chi la portava. Per Pietro il Grande la barba era al contrario simbolo di barbarie e per questo decretò che i Russi dovevano radersi ad eccezione dei preti. Coloro che preferivano tenersi la barba potevano farlo a condizione di pagare una tassa annuale. La quota venne fissata a un copeco (un penny) per i contadini, ma per i ceti più alti variava da 30 a 100 rubli (da 60 a 200 dollari). I commercianti, la classe più ricca e conservatrice, pagavano la tassa più alta. A chi aveva pagato la tassa veniva dato un gettone di bronzo che doveva essere portato attorno al collo e rinnovato ogni anno. Forse la contromarca serviva ad autentificare la ‘ricevuta’.

Non so quanto il decreto sulla barba fosse dettato dall’animus modernizzatore dello zar e quanto dalla necessità di aumentare il gettito nelle casse imperiali. Certo che la riforma deve aver fruttato non poco se si considera che allora la barba era considerata un dono divino e un uomo senza barba un animale effeminato, senza contare la superstizione che Dio avrebbe negato l’ammissione al cielo a chi non avesse la tradizionale barba (da qui l’esenzione per il clero). Per attenuare la paura del popolo, Pietro il Grande lasciò la possibilità ad ogni uomo di tenersi la barba (che dire delle donne barbute?), ma non certo gratis.

Considerando che tale manovra rientrava nella politica modernizzatrice di Pietro il Grande manifestata in altri settori come ricordato da luke, è probabile che l’editto sulla barba non fosse dovuto a ragioni di carattere prettamente economico.

Invece, per ragioni di carattere – diciamo così – economico-commerciale e tenuto conto della faccenda del novodel, dovrei rispondere a luke che il gettone mi è costato un centinaio di euro. Però voglio essere sincero: una ventina di dollari.

Saluti,

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Supporter
Invece, per ragioni di carattere – diciamo così – economico-commerciale e tenuto conto della faccenda del novodel, dovrei rispondere a luke che il gettone mi è costato un centinaio di euro. Però voglio essere sincero: una ventina di dollari.

Ma perchè devi rispondere a me? :D

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Chiedo scuda a luke. Credevo dal post #10 che dovessi a lui la risposta, ma mi sono sbagliato.

apollonia

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Supporter
Chiedo scuda a luke. Credevo dal post #10 che dovessi a lui la risposta, ma mi sono sbagliato.

apollonia

Nessun problema figurati :)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Interesantissimo, complimenti!

Se avessero imposto una tassa simile in Afghanistan avrebbero riappianato il debito pubblico in 3 giorni! :lol: :lol: :lol:

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Buonasera

In questo sito utile per chi è interessato alle monete russe

http://www.adacoins.ru/catalog.php

sono proposti tre esemplari del ‘Gettone della barba’ di Pietro il Grande.

Quello in miglior grado di conservazione (AU 50) è stimato 70.500-94.000 rubli, se non sbaglio 1.650-2.200 euro

post-703-1232133786_thumb.jpg

Non male per un pezzo di 5,10 g di rame che costa quanto uno statere di Alessandro Magno.

apollonia

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Supporter
Buonasera

In questo sito utile per chi è interessato alle monete russe

http://www.adacoins.ru/catalog.php

sono proposti tre esemplari del 'Gettone della barba' di Pietro il Grande.

Quello in miglior grado di conservazione (AU 50) è stimato 70.500-94.000 rubli, se non sbaglio 1.650-2.200 euro

post-703-1232133786_thumb.jpg

Non male per un pezzo di 5,10 g di rame che costa quanto uno statere di Alessandro Magno.

apollonia

Grazie, per la segnalazione. Bel sito :)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Salve

Ho richiamato questa discussione perché all’Heritage Aucion del 12 settembre prossimo sarà battuto questo gettone:

599f493aac0f6_GettonebarbaHeritage3276106l.thumb.jpg.382a287d88b4dd5e19e8413234c0654e.jpg

Session III, Lot 31436. Estimate: 1'000 USD   |   Starting price: 500 USD

Peter I silver Novodel Beard Token (1705) SP58 PCGS, Kadashevsky (Moscow) mint, Bitk-Ж3898 (R3), Brekke-7. Cyrillic date (≠AΨΕ).

 

Certo che una stima di 1000 USD per il Novodel di un gettone! Ma lo sanno questi che il Novodel è un riconio?

 

599f493ce17a1_Giovenalefirmaconingleseok.jpg.a071b47b06f87062abc7a202b2bb358c.jpg

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

You need to be a member in order to leave a comment

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra comunità. È facile!


Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.


Accedi Ora
Accedi per seguire questo  
Follower 0

Lamoneta.it

La più grande comunità online di numismatica e monete. Studiosi, collezionisti e semplici appassionati si scambiano informazioni e consigli sul fantastico mondo della numismatica.

Hai bisogno di aiuto?