Jump to content
IGNORED

5 Lire 1911


Recommended Posts

5 LIRE 1911

Prendendo spunto da una precedente discussione sulle 5 Lire del 1911, ho voluto cimentarmi sull’interpretazione simbolica della moneta, considerando il periodo storico.

Con Regio Decreto del 25 giugno 1911, n 761 si chiedeva la coniazione di una moneta da 50 Lire e una da 5 Lire commemorative l’unità d’Italia.

Prua della nave.

Iniziamo a prendere in esame l’oggetto che sta più in fondo cioè la “prua della nave”.

La nave ha tre ciminiere e una serie di fori visibili sotto la prua.

Molto verosimilmente è la prua di una nave da guerra molto simile alla nave da guerra Ascaro del 1906.post-6956-1228387039_thumb.jpg

La prua della nave simboleggia la possibilità di superare i confini naturali , e fin dall’antichità. simboleggia la nuova ambizioni espansionistica, in questo caso coloniale.

Il governo italiano, presieduto da Giovanni Giolitti, dichiarò guerra alla Turchia e procedette a occupare i principali centri della Tripolitania e della Cirenaica, regioni libiche che furono annesse al Regno d’Italia, riprendendo così il disegno coloniale nel 1911.

La prua della nave è un tema , proposto sulla monetazione della Repubblica Romana, posto un esempio di asse.

post-6956-1228387255_thumb.jpgpost-6956-1228387262_thumb.jpg

Aratro con ghirlanda di fiori.

Dopo la nave sono evidenti le figure di un’ aratro con sopra una ghirlanda di fiori.

L’aratro ha una rappresentazione classica di fecondità e prosperità, il solco creato dal lavoro dell’aratro dà l’inizio a un ciclo di riproduzione, mentre la ghirlanda è un simbolo unione o legame poiché è un’insieme chiuso.

Quindi con l’unione si apre un’era di prosperità.

Ma si può dare una rappresentazione contemporanea, anche se io propendo più per quella classica.

Giovanni Pascoli muore a Bologna il 6 aprile 1912 quindi all’epoca contemporaneo.

Nella sua poesia “Lavandare” tratta dalla raccolta “Myricae” descrive l'immagine di un aratro in mezzo al campo che diventa il tema dell’abbandono e della solitudine.

Associandolo alla ghirlanda di fiori potrebbe rappresentare la fine della solitudine.

Roma sull’altare

Al centro della moneta vi è una figura maschile su un’ altare, che rappresenta Roma sull’altare.

Associando gli eventi storici credo che l’incisore alludesse all’altare della patria di Roma.

Il complesso monumentale venne inaugurato da Vittorio Emanuele III il 4 giugno 1911, in occasione dell'Esposizione Internazionale per i cinquant'anni dell'Unità d'Italia.

post-6956-1228387568_thumb.jpg

L’Italia

Ultima figura femminile al centro della moneta e quindi ne evidenzia l’importanza e l’Italia.

Spero che questa discussione possa dare inizio a un confronto di idee, poiché essendo questa una mia libera interpretazione non è esente da errori ed è ampliamente discutibile.

Antonio

Link to comment
Share on other sites


buona la tua libera interpretazione.

infatti viene descritta (per il R/) come "nave da guerra recante sulla prora lo stemma Sabaudo"

purtroppo non sapremo mai 'la verità' in quanto il Prof. Trentacoste ha lavorato di fantasia, non spiegando niente del suo lavoro (almeno, io non ho reperito informazioni a proposito, magari voi siete più informati di me!), e non seguendo un tema predefinito, imposto dalla Commissione monetaria.

come si apprende dal Lanfranco:

"passando poi alla questione del modello, scartata l'idea di dare all'artista un tema determinato(si era pensato alla rappresentazione del Monumento a Vittorio Emanuele II) e adottando quella di seguire la designazione diretta dell'artista, la Commissione scelse alla unanimità il Prof. Trentacoste.

[...]"

dei modelli presentati da quest'artista vennero subito effettuate le prove, senza apportare correzioni.

saluti,

N.

Link to comment
Share on other sites


Grazie a Niko e Marco b.

X Niko si possono avere i titoli dei testi o dove sia il Prof. Trentacoste che Lanfranco hanno espresso le loro opinioni?

Nessun altro vuole affrontare questo tema :huh: ?

Antonio

Link to comment
Share on other sites


Supporter

Questa bellissima simbologia a me ispira il concetto di una nuova Italia in marcia verso un futuro di grandezza e di potenza,tenendo presente il proprio glorioso passato imperiale,grazie all'Unita' voluta e realizzata da Casa Savoia.La tua interpretazione,in gran parte,e ' la stessa che ho dato io.Ciao,Roberto

Link to comment
Share on other sites


Grazie a Niko e Marco b.

X Niko si possono avere i titoli dei testi o dove sia il Prof. Trentacoste che Lanfranco hanno espresso le loro opinioni?

Nessun altro vuole affrontare questo tema :huh: ?

Antonio

il Prof. Trentacoste non ha lasciato scritti (che io sappia), invece Lanfranco (direttore R.Z. 1910-1929) ha scritto il libro "i progetti e le prove di monete del regno d'Italia" R.N. 1934.

saluti,

N.

Link to comment
Share on other sites


Questa bellissima simbologia a me ispira il concetto di una nuova Italia in marcia verso un futuro di grandezza e di potenza,tenendo presente il proprio glorioso passato imperiale,grazie all'Unita' voluta e realizzata da Casa Savoia.La tua interpretazione,in gran parte,e ' la stessa che ho dato io.Ciao,Roberto

diciamo che Casa Savoia si è fatta 'promotrice' dell'Unità ;)

saluti,

N.

Link to comment
Share on other sites


Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...
 Share

×
  • Create New...

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue., dei Terms of Use e della Privacy Policy.