Jump to content
IGNORED

Brettion: rovescio sestante ridotto Hera Hoplosmia


Aristofane
 Share

Recommended Posts

Ciao a tutti,

contagiato dalla collezione di mio fratello di monete dei Bretti, mi rivolgo ai collezionisti più esperti per un piccolo censimento dei simboli presenti nel campo del rovescio della doppia unità ridotta confederale che riporta:

D: Testa elmata di Ares a sx

R: Hera Hoplosmia con scudo e lancia

Negli esemplari che ho potuto visionare ho reperito i seguenti simboli accessori:

- fulmine e granchio

- lira

- tripode

- civetta

- bucranio

Ne sono stati censiti altri? Quali significati si attribuiscono ai diversi simboli?

Grazie

Aristofane

Link to comment
Share on other sites


Non ho una vasta bibliografia al momento, occorrerebbe una lunga ricerca nelle varie Syllogi comunque a questi simboli andrebbero aggiunti:

- fulmine e monogramma (ANS vol 3 , 72)

- fulmine e civetta con le ali spiegate (ANS vol.3 , 75)

- fulmine e granchio (HN , 2001)

- formica (ANS vol.3 , 79)

- corona (variante)

- torcia lunga(variante) e corta (BMC 47)

- stella (ANS vol.3 , 80)

- prora di nave (ANS vol.3 , 81)

- globetto entro cerchio (ANS vol.3 , 84)

- maialino (Attianese , 70 a)

- grappolo d'uva (ANS vl.3, 94)

N.B. Per la bibliografia

BMC ( Catalogue of The Greek Coins in the British Museum)

ANS (American Numismatic Society)

HN ( Rutter, Historia Nummorum , Italy)

  • Like 1
Link to comment
Share on other sites


Ciao Arthas e grazie delle informazioni! In effetti, tra i sestanti ridotti della collezione è presente un esemplare che al rovescio riporta un'altra variante ancora: un globetto in un cerchio e una corona (globetto tra la lancia ed Hera, corona sotto lo scudo).

Ci sono ipotesi di interpretazione?

Ciao

Aristofane

Link to comment
Share on other sites


Ho controllato ora sul primo volume di Attianese e aggiungerei la variante, con "arco".

Esiste poi un esemplare rarissimo, conosciuto in un unico esemplare, forse 2 se qualcuno mi conferma la presenza nell'Historia Numorum Italy n.2004.

Si tratta della variante con Ares a destra, attribuibile al periodo dell'occupazione romana del Bruttium.

L'esemplare sulla "Calabria Greca" di Attianese, è presente con simbolo "maialino" nel campo al rovescio (n.70).

Nell'HN Italy, c'è poi un altro esemplare con Ares a destra, che mi era sfuggito, con simbolo Prua di nave, se qualcuno mi dà la conferma.

Link to comment
Share on other sites


Nel volume di E.A. ARSLAN, Sylloge Nummorum Graecorum. Catanzaro , vol. II, 2: Bruttium, Catanzaro 1999, vengono elencate anche le seguenti varianti:

D/clava; R/ granchio (n. 80)

D/ tridente (?); R/ fulmine e monogramma (n. 82)

D/cornucopia; R/ bucranio e tenaglie (n. 85)

D/ fulmine; R/ bucranio (n. 86)

D/ clava; R/ aratro (n. 158)

Link to comment
Share on other sites


Negli esemplari che ho potuto visionare ho reperito i seguenti simboli accessori:

- fulmine e granchio

- lira

- tripode

- civetta

- bucranio

Quali significati si attribuiscono ai diversi simboli?

Aristofane

In maniera molto sintetica si può dire che la civetta è simbolo di Atena; il tripode e la lira alludono ad Apollo; il fulmine a Zeus. Il granchio simboleggia di solito un fiume e dovrebbe essere, quindi, un granchio d'acqua dolce mentre il bucranio dovrebbe essere una semplice allusione ai sacrifici che venivano offerti alle divinità. Tale segno di devozione diverrà poi un elemento decorativo che verrà utilizzato soprattutto in architettura. Enrico :)

  • Like 1
Link to comment
Share on other sites


Negli esemplari che ho potuto visionare ho reperito i seguenti simboli accessori:

- fulmine e granchio

- lira

- tripode

- civetta

- bucranio

Quali significati si attribuiscono ai diversi simboli?

Aristofane

In maniera molto sintetica si può dire che la civetta è simbolo di Atena; il tripode e la lira alludono ad Apollo; il fulmine a Zeus. Il granchio simboleggia di solito un fiume e dovrebbe essere, quindi, un granchio d'acqua dolce mentre il bucranio dovrebbe essere una semplice allusione ai sacrifici che venivano offerti alle divinità. Tale segno di devozione diverrà poi un elemento decorativo che verrà utilizzato soprattutto in architettura. Enrico :)

Grazie mille Enrico! :D

Link to comment
Share on other sites


Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...
 Share

×
  • Create New...

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue., dei Terms of Use e della Privacy Policy.