Jump to content
IGNORED

falsi


niko
 Share

Recommended Posts

Possiedo solo una dozzina di riconi moderni, che mi hanno regalato. I falsi d'epoca hanno un certo fascino, comunque: sono anch'essi un pezzo di storia.

Link to comment
Share on other sites


non li colleziono, però quando li trovo li conservo

fosse solo per documentazione

M.

Link to comment
Share on other sites


Non provo ad ottenerlo, ma mantengo le falsificazioni contemporanee fatte per circolazione. Vengono solitamente inosservato, nelle accumulazioni, ma... <_<

-----------------------

I do not try to get them, but I do keep contemporary counterfeits made for circulation. Usually they come unnoticed, in accumulations, but... <_<

Link to comment
Share on other sites


I falsi d'epoca come sottolineava Luke sono pezzi di storia e quindi quando li trovo non li disdegno affatto, però per tenermi aggiornato sui falsi ( quando li trovo ad un prezzo davvero basso ) raccolgo anche i moderni, più che altro per studiarne le caratteristiche ed allenare l'occhio.

Link to comment
Share on other sites


Dalle risposte all'alberino del Niko è facile da vedere che sono nell'azienda dei collettori con esperienza che apprezzano la qualità intrinseca di storia al nostro hobby :). Luke gli ha dato la voce:

I falsi d'epoca hanno un certo fascino, comunque: sono anch'essi un pezzo di storia.

Completamente accosento. :D

Ma ci è stanza per più, in modo da chiederò tutto se non è inoltre allineare che nei nostri cuori siamo tutti uno schizophrenic della punta circa le falsificazioni contemporanee, “le monete„ fatte per circolazione nel loro proprio tempo. :unsure:

Sono definitivamente affascinanti ed educativi, ma sono inoltre oggetti di cui la storia è collegata inestricabilmente ad inganno ed a truffare, dolore, confusione e perdita.

Poichè i collettori noi imparano firsthand un piccolo di danni questi “monete„ sono state generate per fare, perché prendono solitamente tempo (e gli errori) per ciascuno di noi imparare rilevarli.

“Un Biga 1930„ mi ha insegnato alcune lezioni dolorose. È una falsificazione contemporanea che godo solitamente possedere (ha costato appena $0.25 di 1976), ma la livella ora può rendere me il tatto stupido :blink: . Ho pensato che fosse reale. Quando ho imparato 1930 era una data dura, l'ultimo impressionante per circolazione, io era fiero di esso. Ma ero errato. E cieco, apparentemente--è una falsificazione lousy.

Guardandolo ora, I a volte ritrovamento io stesso che pensa alla gente ch'il mio “Biga 1930„ può truffare. (E nel `30s, come tutto sulla forum sa, dieci Lire era buoni soldi.) È una comprensione che storica sono felice di avere, ma devo ammettere a ritenere una certa repulsione circa la natura della mia “moneta.„

Una cosa più circa le falsificazioni contemporanee in nostro accumulazione-sono come le tempo-bombe piccole, facenti tic tac. So che il mio “Biga 1930„ è la falsificazione; il lamoneti qui lo conoscerebbe anche, migliore di. Ma tutti saremo quello andato di attualmente. E qualunque cosa le precauzioni noi prendano per avvertire la gente che li segue, il nostro “Bigas 1930„ numismatically-interessante e storico-affascinante tranquillo mantennrà alcuna della loro capacità originale di trovarsi e confondere e truffa e ruba. :huh:

--------------------------------

From the replies to Niko’s post it’s easy to see that I’m in the company of experienced collectors who appreciate the history intrinsic to our hobby :). Luke has given it voice:

I falsi d'epoca hanno un certo fascino, comunque: sono anch'essi un pezzo di storia.

I completely agree. :D

But there’s room for more, so I’ll ask everyone if it isn’t also true that in our hearts we’re all a bit schizophrenic about contemporary counterfeits, the “coins” made for circulation in their own time. :unsure:

They’re definitely fascinating, and educational, but they are also objects whose history is inextricably linked to deception and cheating, pain, confusion and loss.

As collectors we learn firsthand a little of the damage these “coins” were created to do, because it usually takes time (and mistakes) for each of us to learn to detect them.

A “1930 Biga” taught me some painful lessons. It’s a contemporary counterfeit that I usually enjoy owning (it cost just $0.25 in 1976), but even now it can make me feel stupid :blink: . I thought it was real. When I learned 1930 was a tough date, the last struck for circulation, I was proud of it. But I was wrong. And blind, apparently--it’s a lousy fake.

Looking at it now, I sometimes find myself thinking of the people my “1930 Biga” may have cheated. (And in the ‘30s, as everyone on the forum knows, ten lire was good money.) It’s a historical insight I’m glad to have, but I have to admit to feeling some disgust about the nature of my “coin.”

One thing more about the contemporary counterfeits in our collections—they are like little time-bombs, ticking. I know my “1930 Biga” is fake; the lamoneti here would know it too, better than I do. But we’ll all be gone one of these days. And no matter what precautions we take to warn the people who follow us, our numismatically-interesting, historically-fascinating “1930 Bigas” will still retain some of their original ability to lie and confuse, and cheat and steal. :huh:

Link to comment
Share on other sites


Sino ad ora ho trovato solo un 10 lire biga....neanche a dirlo ne sono rimasto affascinato forse più che davanti ad uno vero. La prima cosa che mi è venuta alla mente è la sua storia. E poi altre domande...forse un po' banali ma legittime. La prima è l'ingenuità del falsario...ma coma diavolo poteva far passare una moneta con una quantità d'argento così bassa per vera? e poi c'era qualcuno che ci abboccava?

Purtroppo non è di mia proprietà però mi riprometto di fotografarla e di proporvela.

Sarebbe interessante dalle foto dei falsi tentare di capire come venivano prodotte....da appassionati mi sembra giusto tentare di ricostruire anche questa pagina di storia legata alla nunmismatica.

Bella discussione NIKO complimenti!

Link to comment
Share on other sites


La prima è l'ingenuità del falsario...ma coma diavolo poteva far passare una moneta con una quantità d'argento così bassa per vera? e poi c'era qualcuno che ci abboccava?

Beh, se pensi che al giorno d'oggi ci danno di resto monete brasiliane, thailandesi e persino Europattern del Vaticano senza che ce ne accorgiamo.... :P

Link to comment
Share on other sites


La prima è l'ingenuità del falsario...ma coma diavolo poteva far passare una moneta con una quantità d'argento così bassa per vera? e poi c'era qualcuno che ci abboccava?

Beh, se pensi che al giorno d'oggi ci danno di resto monete brasiliane, thailandesi e persino Europattern del Vaticano senza che ce ne accorgiamo.... :P

Non dimentichiamo le nostre amate 500 lire spacciate per il 2 euro :D

Link to comment
Share on other sites


Beh, se pensi che al giorno d'oggi ci danno di resto monete brasiliane, thailandesi e persino Europattern del Vaticano senza che ce ne accorgiamo.... :P

Non dimentichiamo le nostre amate 500 lire spacciate per il 2 euro :D

Potreste tutti spiegare prego poco un più? Non conosco abbastanza per ottenere il riferimento, particolarmente al 500L. :unsure:

----------------------------------------

Could you all please explain a little more? I don’t know enough to get the reference, especially to the 500L. :unsure:

Link to comment
Share on other sites


Beh, se pensi che al giorno d'oggi ci danno di resto monete brasiliane, thailandesi e persino Europattern del Vaticano senza che ce ne accorgiamo.... :P

Non dimentichiamo le nostre amate 500 lire spacciate per il 2 euro :D

Potreste tutti spiegare prego poco un più? Non conosco abbastanza per ottenere il riferimento, particolarmente al 500L. :unsure:

----------------------------------------

Could you all please explain a little more? I don’t know enough to get the reference, especially to the 500L. :unsure:

Tutte le monete citate, comprese le 500 lire sono bimetalliche cioè tondino color ferro e contorno color bronzo o al contrario tondino in color bronzo e contorno color ferro. Il loro valore è pari a zero. Te le danno di resto al posto delle monete da 1 o 2 euro che sono anch'esse bimetalliche e hanno quasi lo stesso diametro.

Link to comment
Share on other sites


Ringraziamenti, STEVE-O :) . Ero la vittima della mia propria esperienza fossilized. Quando ho letto, nella traduzione, le “nostre 500 Lire care” del Donatello, che cosa è venuto immediatamente alla mia mente era il Caravel 500L di 1958.

Devo registrare mio pensare per rappresentare il passaggio degli anni. Il 500L bimetallico di 1982 non è più una moneta radicalmente nuova, esso sembra, sicuro essere emulato intorno al mondo e destinato ad un posto famoso nella storia.

Invece, gli anni ora hanno passato e tutto il quello già è accaduto. Il 500L bimetallico ha vissuto la relativa vita attiva lunga ed onorato si è ritirato. Ora si siede nella relativa sedia oscillante sul portico, visitato occasionalmente dai bambini e dai grandchildren. Ora è “nostro 500L caro.„ Naturalmente!

Ringraziamenti ancora a tutto qui. Apprezzo la vostra pazienza. :D v.

------------------------------------------------------

Thanks, STEVE-O :) . I was the victim of my own fossilized experience. When I read, in translation, Donatello’s “our beloved 500 lire,” what came immediately to my mind was the Caravel 500L of 1958.

I need to adjust my thinking to account for the passage of years. The bimetallic 500L of 1982 is no longer a radically new coin, it seems, certain to be emulated around the world and destined for a famous place in history.

Instead, the years have now passed, and all of that has already happened. The bimetallic 500L has lived its long working life, and been honorably retired. Now it sits in its rocking chair on the porch, visited on occasion by the children and grandchildren. It is now “our beloved 500L.” Of course!

Thanks again to everyone here. I appreciate your patience. :D v.

Link to comment
Share on other sites


Stavamo discutendo le falsificazioni del contemporaneo alcuni giorni fa altrove sopra la forum a:

lamoneta , cominciando all'alberino #84. :rolleyes:

--------------------------------------------------

We were discussing contemporary counterfeits a few days ago elsewhere on the forum at:

lamoneta , beginning at post #84. :rolleyes:

Link to comment
Share on other sites


Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...
 Share

×
  • Create New...

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue., dei Terms of Use e della Privacy Policy.