Jump to content
IGNORED

SI Mamertinon.


gpittini
 Share

Recommended Posts

Supporter

DE GREGE EPICURI

Noto che, nei post delle monete siciliane (ma anche greche, in generale), si leggono discussioni dotte e interessanti, ma a volte molto complesse; e ci si interessa quasi solo a monete rare o rarissime, d'argento o d'oro, da migliaia di euro. Questo va anche bene, ma credo esprima in modo molto netto il carattere "aristocratico" di questo collezionismo...induce però anche molte persone a non avvicinarsi.

Perchè non dedicare del tempo anche ai bronzi o ai bronzetti, che sono comuni ma spesso bellissimi?

E discretamente reperibili, anche se non quanto le monete di Costantino. Pensate solo alla "Minerva-Ippocampo" di Siracusa, o ai piccoli bronzi "Aquila-granchio" di Agrigento, con tutte le loro varietà.

Vabbè, chiudo il pistolotto con questo bronzo dei Mamertini, peso 10,0 g. e diametro 25-25 mm.

Al D. testa maschile a sin. (credo sia Marte, me lo confermate?). Al R., cavaliere nudo in piedi, davanti al suo cavallo.

post-4948-1236697187_thumb.jpg

Edited by gpittini
Link to comment
Share on other sites


Supporter

Ecco il R. La moneta è la SNG ANS,4, 423-430.

post-4948-1236697322_thumb.jpg

Edited by gpittini
Link to comment
Share on other sites


ciao,guarda io colleziono pressochè bronzi ......li trovo piu affascinanti e guardandoli mi danno l'idea dei 2500 anni che hanno...sensazione che l'argento o l'oro non mi danno. è vero erano piu comuni perchè circolavano nelle tasche del popolo, ma prendi per esempio la dracma Dionigiana con al rovescio i due delfini e la stella è stata la moneta sulla quale si è basato il commercio del V e IV sec. a.C. nel mediterraneo, moneta di bronzo, ma assai importante.....

p.s. (scusa.....una precisazione, "Atena/ippocampo")

ciaoo

sku

Link to comment
Share on other sites


  • 1 month later...
.... ma prendi per esempio la dracma Dionigiana con al rovescio i due delfini e la stella è stata la moneta sulla quale si è basato il commercio del V e IV sec. a.C. nel mediterraneo, moneta di bronzo, ma assai importante.....

p.s. (scusa.....una precisazione, "Atena/ippocampo")

ciaoo

sku

La dracma in questione e' un'emissione dionigiana coniata dopo il 409 a.C ( anno dell'avvento al potere di Dionisio ) E' quindi piu' corretto affermare che la moneta in oggetto ebbe la massima diffusione nel IV secolo a. C.,non si puo' certo dire che il commercio del V secolo fosse condizionato dalla nuova moneta fiduciaria bronzea.In oltre sporadici rinvenimenti in siti che si affacciano sul mediteraneo non provano che la stessa moneta avesse all'estero tutta la fortuna ampiamente documentata in patria ( Sicilia).

Ciao

Sosia

Link to comment
Share on other sites


Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...
 Share

×
  • Create New...

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue., dei Terms of Use e della Privacy Policy.