Jump to content
IGNORED

Grosso Agontano


piergi00
 Share

Recommended Posts

Finalmente dopo un lungo periodo di letargo ho colto l 'occasione di ampliare la mia collezione di monete medioevali di zecche italiane

Ancona Repubblica (sec.XII-XIV)

Grosso Agontano

D/Croce Patente + DE ANCONA

R/. PP.S.QVI.RIACVS. Il santo Ciriaco in piedi, benedicente con pastorale

Biaggi 34

Moneta piuttosto comune nonostante quello riportato sul Biaggi

Mi domando invece se il grado di rarita' dellla n. 35 ,piu' comune rispetto alla precedente sul Biaggi,sia corretto.

Facendo una veloce ricerca nelle aste on-line compare spesso la prima

Valutata come conservazione un buon BB

post-116-1244474116_thumb.jpg

Link to comment
Share on other sites


Qui ci vuole adesso un bel libro:

"L'Agontano - Una moneta d'argento per l'Italia medievale" - Convegno di studi a Trevi (PG) 11-12 ottobre 2001 - a cura di Lucia Travaini.

Link to comment
Share on other sites


Qui ci vuole adesso un bel libro:

"L'Agontano - Una moneta d'argento per l'Italia medievale" - Convegno di studi a Trevi (PG) 11-12 ottobre 2001 - a cura di Lucia Travaini.

Grazie del suggerimento , su questa monetazione non ho testi specifici

In effetti L'Agontano citato da legionario è l'unica recente pubblicazione che faccia

riferimento a tale tipo di moneta che è stata per alcuni secoli molto apprezzata,

ed imitata, in diverse regioni particolarmente del centro e del nord Italia.

E' considerato un caposaldo dello studio di questa moneta.

Purtroppo non c'è la risposta al tuo quesito piergi in quanto non fa alcun

riferimento di tipo commerciale nè ai quantitativi di monete coniate, che

sarebbe impossibile, dal momento che trattasi di monetazione coniata per

oltre due secoli ed il cui uso è stato molto vasto.

Secondo il Biaggi, sia l'agontano classificato con il 34 che quello 35 vengono

considerati come NC con quotazioni però molto superiori per il 34 che in effetti

va considerato come il primo grosso agontano con l'immagine del Santo patrono,

mentre il primo agontano (primitivo) viene fatto risalire attorno al 1290.

Avendo avuto lunga vita e molto uso sembra sia molto difficile reperirla

in alti livelli di conservazione; è già molto difficile trovarla in condizioni SPL.

Link to comment
Share on other sites


E' una bellissima moneta ed anche in un ottimo stato di conservazione!

Piergi, non posso che farti i miei complimenti; sai scegliere sempre bene

le tue ..."prede".

Link to comment
Share on other sites


  • 6 months later...

Anche se la discussione è vecchia volevo aggiungere una terza immagine di questa importante moneta. volume e moneta comprati alla fiera vicenza 2004. La mia foto non è delle migliori.... complimenti per le vostre 2 monete

post-15044-1262791530,66_thumb.jpg post-15044-1262791553,8_thumb.jpg

Link to comment
Share on other sites


Gli esemplari in conservazione elevata non sono poi molto rari, anche se questo grosso non risulta tra i meno tesaurizzati del medioevo italiano.

Mi sono più volte chiesto come spiegare questa contraddizione. Forse si può sospettare che molti ritrovamenti, recenti e passati, non siano mai stati denunciati, con conseguente danno per gli studi.

Link to comment
Share on other sites


Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...
 Share

×
  • Create New...

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue., dei Terms of Use e della Privacy Policy.