Jump to content
  • Sky
  • Blueberry
  • Slate
  • Blackcurrant
  • Watermelon
  • Strawberry
  • Orange
  • Banana
  • Apple
  • Emerald
  • Chocolate
  • Charcoal
Sign in to follow this  
Leo1083

Pulizia a ultrasuoni

Recommended Posts

Leo1083
Ciao a tutti,
volevo sapere se ci sono controindicazioni nell'usare apparecchi ad ultrasuoni nella pulizia delle monete.
La proposta mi è stata fatta da un mio amico orafo dopo che gli ho chiesto come disincrostare e pulire le monete; detto fatto, ho ripetuto 2 prove:
1) 10 cent di V.E. III trovati con il metal incrostati al massimo
2) monete in euro da vari tagli con normale opacita da circolazione.
Devo dire che sono rimasto stupefatto dal risultato:
-la moneta da 10 cent è perfettamente disincrostata mettendo a nudo il rilievo residuo (qui è stata usata solo acqua)
-gli euro, se non fosse stato per i segni di circolazione, sembravano lucidi come appena usciti dalla zecca (qui è stato aggiunto all'acqua un liquido che usa anche per i gioielli).
Posso usare questo metodo con tutte le monete, o è preferibile andarci cauti (in quanto le monete non sono gioielli).
Ringrazio chi vorrà esprimere un parere in merito.
Saluti, Leo

Share this post


Link to post
Share on other sites

frankoppc
[quote name='Leo1083' date='24 settembre 2005, 10:48']Ciao a tutti,
volevo sapere se ci sono controindicazioni nell'usare apparecchi ad ultrasuoni nella pulizia delle monete.
La proposta mi è stata fatta da un mio amico orafo dopo che gli ho chiesto come disincrostare e pulire le monete; detto fatto, ho ripetuto 2 prove:
1) 10 cent di V.E. III trovati con il metal incrostati al massimo
2) monete in euro da vari tagli con normale opacita da circolazione.
Devo dire che sono rimasto stupefatto dal risultato:
-la moneta da 10 cent è perfettamente disincrostata mettendo a nudo il rilievo residuo (qui è stata usata solo acqua)
-gli euro, se non fosse stato per i segni di circolazione, sembravano lucidi come appena usciti dalla zecca (qui è stato aggiunto all'acqua un liquido che usa anche per i gioielli).
Posso usare questo metodo con tutte le monete, o è preferibile andarci cauti (in quanto le monete non sono gioielli).
Ringrazio chi vorrà esprimere un parere in merito.
Saluti, Leo
[right][snapback]53403[/snapback][/right]
[/quote]

aspetta 6-7 giorni, poi controlla lo stato delle monete, se possibile raffontandoli con pezzi non circolati o appena immessi in circolazione e valutane le differenze...
spesso la pulizia sembra un ottima risorsa, al momento... e dopo diventano più brutte di prima!!!

ecco perchè odio pulire le monete!

Share this post


Link to post
Share on other sites

Satrius
molti parlano bene della pulizia ad ultrasuoni anche perchè si possono aggiungere degli additivi + o - aggressivi a seconda del tipo di moneta da pulire.
purtroppo non ho mai avuto modo di provarlo :(

ps.ma per le romane va bene? ^_^

Share this post


Link to post
Share on other sites

yafet_rasnal
Da evitare assolutamente per le romane, sia perche' la patina rischia di saltare sia perche' a causa delle modificazione chimiche del metallo la moneta rischia di rompersi.

Share this post


Link to post
Share on other sites

In Ricreazione
rcamil
Concordo con il parere di Yafet, la pulizia ad ultrasuoni la lascerei alle monete"moderne", da pulire più che altro, l'effetto sulla patina delle monete antiche può essere imprevedibile :blink:

Ciao, RCAMIL B)

Share this post


Link to post
Share on other sites

In Ricreazione
rcamil
[quote name='simone' date='24 settembre 2005, 18:44']Come si esgue questo tipo di pulitura? Serve un apparecchio apposito?  :blink:
[right][snapback]53522[/snapback][/right]
[/quote]

Ciao, serve un apparecchio apposito che genera ultrasuoni e li trasmette alla vasca in cui sono contenuti i vari liquidi più o meno aggressivi (con la possibilità di aggiungere abrasivi in polvere :o ) e gli oggetti da pulire, in genere sospesi su una griglia a mezz'aria.

Questi apparecchi in versione "hobby" si trovano anche sui vari siti tipo Ebay, a prezzi modici (comunque sopra i 100 Euro :blink: ), ma se confrontati con i prezzi di quelli in uso a dentisti o orefici, in vendita in siti specializzati, viene da dubitare possano funzionare ;)

Ciao, RCAMIL.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Giovenaledavetralla
Una volta ho provato a pulire da un gioielliere un quadrante repubblicano ma è andata via anche la patina.

Share this post


Link to post
Share on other sites

lanotte
Ciao, io ho provato con un apparecchio non molto costoso (attenzione ve ne sono alcuni che sembrano ad ultrasuoni ma sono solo vibrazioni prodotte da un motorino con l'asse disassato).
A) con solo acqua distillata a tolto terra e fango da un pezzo da 50 lire trovato il giorno stesso. la moneta e tornata bella lucida, però questa pulizia ha evidenziato diversi crateri sulla figura di vulcano (forse preesistenti e dovuti al prolungato riposo all'interno di uno scarico dell'acqua).
B) con acqua ossigenata (calda) l'effetto e stato minimo su monete antiche, discreto su monete moderne in cu/ni o ac, devastante su zinco e rame.

Premetto che tutte le monete erano in condizini pietose, alcune quasi lisce e quindi sacrificabili.

Non ho mai usato altri tipi di acidi. Il venditore mi ha detto che lui ha provato sia con succo di limone che con l'aceto rovinando irrimediabilmente la moneta immersa.

Forse usando acidi non molto aggressivi si puo ottenere un buon risultato su monete moderne in metallo vile, ma per quanto riguarda le monete antiche (normalmente romane) ritengo utile (dove necessario) il solo uso dell'acqua distillata e eventualmente un "bisturi". Ho provato anche il metodo postato sul forum dell'acqua ossigenata, trovando indubbi benefici per la pulizia.
Ciao Alberto

Share this post


Link to post
Share on other sites

Horben Tumblebelly
Io ne possiedo uno.Credo che il pulitore ad ultrasuoni vada adoperato comunque solo se la moneta risulta essere particolarmente incrostata.In tal caso allora il danno è difficile da farsi alla moneta.

Share this post


Link to post
Share on other sites

RiccardoB

Perché usare acqua o acidi che ossidano il metallo... avete provato con glicerolo anidro?

Riccardo

Share this post


Link to post
Share on other sites

moneta66

La pulizia con bagno ad ultrasuoni è sconsigliata in tutti i casi di monete antiche, perchè la cavitazione (il fenomeno alla base della pulizia) avviene  tra la faccia del metallo/lega e l'inizio dello strato della patina..

In pratica, anche senza utilizzare liquidi particolari per il lavaggio la moneta viene pesantemente...ed in brevissimo tempo depatinata. 

Con monete moderne, il problema si pone in maniera minore, anche se con delle prove da me fatte su 10c e 5c di VE i risultati sono stati disastrosi anche con solo 5,10  o 20 sec. di trattamento in acqua.

Per i bagni si possono utilizzare soluzioni di carbonato di sodio, di sodio o potassio tripolifosfato, di NaOH (a bassa conc.), acqua ossigenata. Sconsigliate sono le soluzioni acide, nel caso di monete o oggetti antichi.

Nei bagni professionali la soluzione può essere scaldata e termostata  sino a 70 C°, questo aiuta la rimozione dello sporco e detriti.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...
Sign in to follow this  

Lamoneta.it

La più grande comunità online di numismatica e monete. Studiosi, collezionisti e semplici appassionati si scambiano informazioni e consigli sul fantastico mondo della numismatica.

Hai bisogno di aiuto?

×
×
  • Create New...

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue., dei Terms of Use e della Privacy Policy.