Vai al contenuto
  • Sky
  • Blueberry
  • Slate
  • Blackcurrant
  • Watermelon
  • Strawberry
  • Orange
  • Banana
  • Apple
  • Emerald
  • Chocolate
  • Charcoal
  • Annunci

    • Reficul

      Segnalazioni sul CALENDARIO NUMISMATICO   14/10/2016

      Per dare maggiore risalto all'evento segnalato in questa sezione vi chiediamo di creare contestualmente un evento sul nostro  CALENDARIO NUMISMATICO. In questo modo la vostra segnalazione sarà più visibile ed efficace. Grazie per la collaborazione.
Accedi per seguire questo  
Maxentius

Convegno Numismatico A Roma Il 5 Ottobre

Risposte migliori

Maxentius

Salve a tutti,

Vi informo che il prossimo 5 ottobre si terrà un convegno numismatico (di cui sono uno dei relatori) intitolato "Nuove considerazioni sulle monete di Marco Pletorio Cestiano. Tutte le notizie sono nella locandina allegata.

Spero che interveniate numerosi.

locandina.jpg

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Utente.Anonimo3245

Ti invio le mie congratulazioni Maxentius ed un grandissimo In Bocca al Lupo per la tua relazione. Sono sicura che sarà interessantissima, come anche tutte le altre che verranno esposte dai Relatori del Convegno.

Sarò felicissima di ascoltarti in "diretta" visto che sarò la anche io :D

Giovanna :)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Utente.Anonimo3245

Buonasera a tutti, vi posto una piccola relazione del Convegno a cui ho assistito con grande interesse ed anche due fotografie che ho preso prima che i relatori aprissero i lavori, comunico inoltre, con immensa gioia :D , che la suddetta mia relazione sarà pubblicata sulla rivista Monete Antiche nel numero di Dicembre-Gennaio 2010. Sperando vi sia gradita, vi ringrazio per la pazienza fin d'ora.

Inoltre sulla stessa rivista, non si sa ancora quando precisamente, verrà pubblicato un articolo o un saggio riguardante la Monetazione di Marco Pletorio Cestiano firmato dal dr. Damiano Gianandrea e dal dr. Davide Bisogno.

Grazie a tutti. :) Giovanna

Convegno “Nuove considerazioni sulle Monete di Marco Pletorio Cestiano” – Roma, 5 ottobre 2009

Nel magnifico scenario di Fontana di Trevi, lunedi 5 Ottobre alle ore 17,00 circa, si è tenuto, nella Sala Trevi”Alberto Sordi” sita nel palazzo che comprende l'area archeologica “La Città dell'Acqua” in Via di San Vincenzo a Roma, il suddetto Convegno organizzato dalla Scuola Romana di Filosofia Politica, al quale ho partecipato nella veste di spettatrice ed appassionata numismatica.

Il Convegno è durato circa tre ore ed è stato ricco di interventi interessanti, approfonditi ed innovativi.

Ha aperto i lavori la d.ssa Claudia Cremonini, responsabile delle relazioni esterne del Gruppo Cremonini, patrocinanti del convegno insieme al Consiglio Regionale del Lazio, al Comune di Roma, all'Associazione Nazionale Cultura del Giornalismo e al Corpo dei Carabinieri per la Tutela del Patrimonio Culturale.

Moderava il dr. Antonio Insalaco, Curatore Archeologo della Sovrintendenza ai Beni Culturali del Comune di Roma, che ha effettuato una breve ma piacevole presentazione, dando vita al convegno vero e proprio passando poi la parola al dr. Fiorenzo Catalli, Direttore Archeologico della Soprintendenza Archeologica di Roma, noto ed apprezzato numismatico.

Il dr. Catalli ha esposto un'avvincente relazione sul messaggio politico e propagandistico della monetazione di età tardo repubblicana, spiegando come gli uomini politici dell'epoca, e non solo, sfruttarono le monete per pubblicizzare la loro immagine al fine di essere meglio conosciuti, e quindi trarne tutti i vantaggi possibili, in tutto il territorio dell'Impero.

La parola è poi stata presa dal Ten. Col. De Regibus, del Comando Tutela Patrimonio Culturale dell'Arma dei Carabinieri, che ha esposto ampiamente ed approfonditamente il lavoro svolto dal Corpo nella tutela del patrimonio artistico, toccando i vari argomenti correlati come ad esempio il controllo delle Aree Archeologiche, il recupero di oggetti ed opere d'arte trafugate, il controllo sulle vendite delle Case d'Asta e su Ebay, argomento particolarmente interessante che tocca da vicino la maggior parte dei collezionisti numismatici.

Infine hanno preso la parola, effettuando un intervento particolarmente “originale e movimentato” palleggiando tra loro i vari argomenti relativi al loro studio, il dr. Damiano Gianandrea, saggista e numismatico, e il dr. Davide Bisogno, archeologo e storico.

I due studiosi hanno affrontato con coraggio ed innovazione, contrastando teorie già esposte, lo studio della monetazione di Marco Pletorio Cestiano, personaggio vissuto nel I sec. a.C., che comprende una serie di sette monete di conio diverso, forse collegate tra di loro da un unico filo conduttore.

Immagini suggestive di ceramiche ed oggetti sono state accostate a quelle delle monete per un confronto diretto delle iconografie, dando all'esposizione un fascino in più.

Subito dopo il Convegno abbiamo potuto gustare un ottimo aperitivo offerto dal Gruppo Cremonini, che ha completato il piacevole ed interessante pomeriggio.

Di Monte Patrizia-Giovanna

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Utente.Anonimo3245

Posto la prima foto, a destra potete vedere il dr. Damiano Gianandrea mentre parla con un amico

10yetxc.jpg

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Utente.Anonimo3245

Mi scuso con Damiano per gli occhi rossi, ho provato a correggerli ma non ci sono riuscita, ma è elegantissimo anche così :P :D

Posto la seconda, partendo da sinistra:

Il dr. Damiano Gianandrea, il dr. Fiorenzo Catalli, un convenuto, il Ten. Col. De Regibus, il dr. Antonio Insalaco e la gentilissima d.ssa Claudia Cremonini

21cwodw.jpg

Grazie a tutti, Giò :)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

fedafa

Ottima scelta del luogo per parlare di numismatica antica. Se non erro in quel posto durante gli scavi fu trovato un tesoretto molto particolare (vado a memoria) composto da monete di basso nominale quindi probabilmente accantonato da qualche schiavo o servo. La cosa mi è rimasta impressa perchè ho immaginato quel poveretto che con chi sa quanti sacrifici ha messo da parte quel gruzzolo per poi, chissà per quali motivi, non poterselo godere.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Utente.Anonimo3245

Ottima scelta del luogo per parlare di numismatica antica. Se non erro in quel posto durante gli scavi fu trovato un tesoretto molto particolare (vado a memoria) composto da monete di basso nominale quindi probabilmente accantonato da qualche schiavo o servo. La cosa mi è rimasta impressa perchè ho immaginato quel poveretto che con chi sa quanti sacrifici ha messo da parte quel gruzzolo per poi, chissà per quali motivi, non poterselo godere.

Ciao Fedafa, si, ricordi benissimo, ed è possibile visionarlo. Ho in mente di organizzare una visita di gruppo, con voi ragazzi del Forum :D , per visitare il sito, al quale ho dato un'occhiata veloce l'altro giorno.

Vi posso assicurare che ne vale la pena, è molto suggestivo ed interessante. Ne ho già parlato con la d.ssa Cremonini che mi ha dato tutta la Sua disponibilità per organizzare una visita guidata, il sito è aperto tutti i giorni ed ha orari comodi, quindi non sarà un problema abbinarla alla visita al Museo della Zecca ad esempio, o in un altro giorno qualsiasi decideremo di andare.

A tal proposito vi ricordo che c'è un'apposita discussione aperta da Chellow in Raduni ed Iniziative, dove stiamo cercando di organizzare questa nuova giornata culturale, attendo le vostre adesioni, la tua specialmente caro Fedafa, non hai visto la discussione? :P

Buon week-end a tutti. Giò :)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

luke_idk
Supporter

Confermo che il sito archeologico è davvero interessante. In realtà, si potrebbero eseguire altri scavi, per portare alla luce resti romani, ma questo metterebbe a rischio i soprastanti edifici di epoca medioevale, considerati più interessanti e meno comuni, nella capitale.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Utente.Anonimo3245

Confermo che il sito archeologico è davvero interessante. In realtà, si potrebbero eseguire altri scavi, per portare alla luce resti romani, ma questo metterebbe a rischio i soprastanti edifici di epoca medioevale, considerati più interessanti e meno comuni, nella capitale.

Infatti, a Roma di Medioevale è restato solo il borgo intorno al Vaticano, Borgo Pio per l'appunto e Borgo Angelico. Oltre a pochi altri edifici sparsi per il centro. Quindi è giusto preservarli secondo me. Anche perchè hanno un fascino particolare, la loro semplicità ed eleganza è molto più gradevole ai miei occhi che non il troppo ricco Barocco che costella il centro di Roma, sarà perchè sono cresciuta nei dintorni di Piazza Navona e quindi ne ho fatto una bella indigestione in vita mia.

Anche perchè il periodo Medioevale è quello che preferisco, periodo di grandi cambiamenti ed avvenimenti Storici affascinanti.

Grazie Luke, Giò :)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

luke_idk
Supporter

Aggiungo un link interessante, riguardo la "Città dell'acqua".

http://www.imagoromae.com/trevi_IT.ashx

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Maxentius

Salve a tutti.

Ringraziando Giovanna per il suo bel resoconto del convegno, ribadisco la bellezza del sito archeologico "La città dell'acqua", che non sarebbe mai nato, senza l'illuminato mecenatismo di Luigi Cremonini, a conferma che ancora una volta sono i privati a salvare qualcosa di questo disastrato paese.

Sappiamo tutti, infatti, che le istituzioni si rivelano sempre insufficienti in materia di organizzazione e programmazione, adducendo come scusante la mancanza di fondi, i quali potrebbero essere invece reperiti con un minimo di spirito d'iniziativa manageriale, se non altro per finanziare la manutenzione e la valorizzazione di siti archeologici che stanno andando in pezzi.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Utente.Anonimo3245

Salve a tutti.

Ringraziando Giovanna per il suo bel resoconto del convegno, ribadisco la bellezza del sito archeologico "La città dell'acqua", che non sarebbe mai nato, senza l'illuminato mecenatismo di Luigi Cremonini, a conferma che ancora una volta sono i privati a salvare qualcosa di questo disastrato paese.

Sappiamo tutti, infatti, che le istituzioni si rivelano sempre insufficienti in materia di organizzazione e programmazione, adducendo come scusante la mancanza di fondi, i quali potrebbero essere invece reperiti con un minimo di spirito d'iniziativa manageriale, se non altro per finanziare la manutenzione e la valorizzazione di siti archeologici che stanno andando in pezzi.

Grazie a te per la bellissima esposizione che ci hai regalato.

Trovo che hai pienamente ragione, ma l'incuria sembra radicarsi sempre di più nello Stato per ciò che riguarda i Beni Culturali, dovremmo cercare di protestare in modo più incisivo e di stimolare l'attenzione dei politici su i siti abbandonati.

Giò

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Paleologo

Sappiamo tutti, infatti, che le istituzioni si rivelano sempre insufficienti in materia di organizzazione e programmazione, adducendo come scusante la mancanza di fondi, i quali potrebbero essere invece reperiti con un minimo di spirito d'iniziativa manageriale, se non altro per finanziare la manutenzione e la valorizzazione di siti archeologici che stanno andando in pezzi.

Come controesempio suggerirei una visita alla Crypta Balbi, che non è tanto lontana dal luogo oggetto della presente discussione. Posto che in Italia in generale i cittadini non rispettano le istituzioni e le istituzioni non rispettano i cittadini, non sarebbe il caso, se non altro per rispetto personale, di concedere una chance a quanti dall'interno delle istituzioni cercano di fare il possibile per realizzare proprio quello che viene scritto sopra, a volte anche rimettendoci di persona, per passione o semplicemente perché ritengono che sia il loro dovere? Capisco lo sconforto, ma forse è proprio adesso che bisognerebbe fare ogni sforzo per sostenere, moralmente e materialmente, quanti nel pubblico come nel privato non si sono ancora rassegnati al disastro e non etichettare come incapace o fannullone a prescindere chiunque lavora nel settore pubblico.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

luke_idk
Supporter

Chissà cosa ne pensano in Angola....rolleyes.gif

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Maxentius

Come controesempio suggerirei una visita alla Crypta Balbi, che non è tanto lontana dal luogo oggetto della presente discussione. Posto che in Italia in generale i cittadini non rispettano le istituzioni e le istituzioni non rispettano i cittadini, non sarebbe il caso, se non altro per rispetto personale, di concedere una chance a quanti dall'interno delle istituzioni cercano di fare il possibile per realizzare proprio quello che viene scritto sopra, a volte anche rimettendoci di persona, per passione o semplicemente perché ritengono che sia il loro dovere? Capisco lo sconforto, ma forse è proprio adesso che bisognerebbe fare ogni sforzo per sostenere, moralmente e materialmente, quanti nel pubblico come nel privato non si sono ancora rassegnati al disastro e non etichettare come incapace o fannullone a prescindere chiunque lavora nel settore pubblico.

Sicuramente vi sono molte persone che all'interno delle istituzioni lavorano per passione e dovere ( e magari vengono osteggiati per questo...), ma il problema è che le eccezioni confermano la regola e la regola è che, tra vincoli burocratici, leggi fatte male e insipienza, lo sfascio è sotto gli occhi di tutti (vedi ad esempio Pompei...)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

maxor

Buonasera a tutti, vi posto una piccola relazione del Convegno a cui ho assistito con grande interesse ed anche due fotografie che ho preso prima che i relatori aprissero i lavori, comunico inoltre, con immensa gioia :D , che la suddetta mia relazione sarà pubblicata sulla rivista Monete Antiche nel numero di Dicembre o di Gennaio 2010. Sperando vi sia gradita, vi ringrazio per la pazienza fin d'ora.

Inoltre sulla stessa rivista, non si sa ancora quando precisamente, verrà pubblicato un articolo o un saggio riguardante la Monetazione di Marco Pletorio Cestiano firmato dal dr. Damiano Gianandrea e dal dr. Davide Bisogno.

Grazie a tutti. :) Giovanna

Convegno “Nuove considerazioni sulle Monete di Marco Pletorio Cestiano” – Roma, 5 ottobre 209

Nel magnifico scenario di Fontana di Trevi, lunedi 5 Ottobre alle ore 17,00 circa, si è tenuto, nella Sala Trevi”Alberto Sordi” sita nel palazzo che comprende l'area archeologica “La Città dell'Acqua” in Via di San Vincenzo a Roma, il suddetto Convegno organizzato dalla Scuola Romana di Filosofia Politica, al quale ho partecipato nella veste di spettatrice ed appassionata numismatica.

Il Convegno è durato circa tre ore ed è stato ricco di interventi interessanti, approfonditi ed innovativi.

Ha aperto i lavori la d.ssa Claudia Cremonini, responsabile delle relazioni esterne del Gruppo Cremonini, patrocinanti del convegno insieme al Consiglio Regionale del Lazio, al Comune di Roma, all'Associazione Nazionale Cultura del Giornalismo e al Corpo dei Carabinieri per la Tutela del Patrimonio Culturale.

Moderava il dr. Antonio Insalaco, Curatore Archeologo della Sovrintendenza ai Beni Culturali del Comune di Roma, che ha effettuato una breve ma piacevole presentazione, dando vita al convegno vero e proprio passando poi la parola al dr. Fiorenzo Catalli, Direttore Archeologico della Soprintendenza Archeologica di Roma, noto ed apprezzato numismatico.

Il dr. Catalli ha esposto un'avvincente relazione sul messaggio politico e propagandistico della monetazione di età tardo repubblicana, spiegando come gli uomini politici dell'epoca, e non solo, sfruttarono le monete per pubblicizzare la loro immagine al fine di essere meglio conosciuti, e quindi trarne tutti i vantaggi possibili, in tutto il territorio dell'Impero.

La parola è poi stata presa dal Ten. Col. De Regibus, del Comando Tutela Patrimonio Culturale dell'Arma dei Carabinieri, che ha esposto ampiamente ed approfonditamente il lavoro svolto dal Corpo nella tutela del patrimonio artistico, toccando i vari argomenti correlati come ad esempio il controllo delle Aree Archeologiche, il recupero di oggetti ed opere d'arte trafugate, il controllo sulle vendite delle Case d'Asta e su Ebay, argomento particolarmente interessante che tocca da vicino la maggior parte dei collezionisti numismatici.

Infine hanno preso la parola, effettuando un intervento particolarmente “originale e movimentato” palleggiando tra loro i vari argomenti relativi al loro studio, il dr. Damiano Gianandrea, saggista e numismatico, e il dr. Davide Bisogno, archeologo e storico.

I due studiosi hanno affrontato con coraggio ed innovazione, contrastando teorie già esposte, lo studio della monetazione di Marco Pletorio Cestiano, personaggio vissuto nel I sec. a.C., che comprende una serie di sette monete di conio diverso, forse collegate tra di loro da un unico filo conduttore.

Immagini suggestive di ceramiche ed oggetti sono state accostate a quelle delle monete per un confronto diretto delle iconografie, dando all'esposizione un fascino in più.

Subito dopo il Convegno abbiamo potuto gustare un ottimo aperitivo offerto dal Gruppo Cremonini, che ha completato il piacevole ed interessante pomeriggio.

Di Monte Patrizia-Giovanna

interessantissimo

grande Gio !!!

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Utente.Anonimo3245

:D :D Grazie Maxor, sei stato gentilissimo davvero, i complimenti fanno sempre piacere :P :P , .grazie ancora.

Ciao Giò

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

nikaios

Salve a tutti!!! :)

Mi inserisco nella discussione per fare i complimenti a Giovanna per il suo resoconto davvero utilissimo.

La rivista che pubblicherà l’ articolo o il saggio riguardante la Monetazione di Marco Pletorio Cestiano sarà in vendita oppure sarà reperibile esclusivamente dietro sottoscrizione di un abbonamento?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Utente.Anonimo3245

Salve a tutti!!! :)

Mi inserisco nella discussione per fare i complimenti a Giovanna per il suo resoconto davvero utilissimo.

La rivista che pubblicherà l’ articolo o il saggio riguardante la Monetazione di Marco Pletorio Cestiano sarà in vendita oppure sarà reperibile esclusivamente dietro sottoscrizione di un abbonamento?

Ciao Nikaios, grazie per i tuoi complimenti, ti do il benvenuto sul Forum.

La rivista è reperibile solo su abbonamento, ti metto un link dove puoi trovare le informazioni che ti interessano.

Grazie ancora, Giò :)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Devi essere registrato per lasciare un commento

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra comunità. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora

Accedi per seguire questo  

Lamoneta.it

La più grande comunità online di numismatica e monete. Studiosi, collezionisti e semplici appassionati si scambiano informazioni e consigli sul fantastico mondo della numismatica.

Hai bisogno di aiuto?

×