Vai al contenuto
  • Sky
  • Blueberry
  • Slate
  • Blackcurrant
  • Watermelon
  • Strawberry
  • Orange
  • Banana
  • Apple
  • Emerald
  • Chocolate
  • Charcoal
scacchi

Toscana Denari Di Lucca

Risposte migliori

margheludo

Grazie, mi è tutto chiaro, la "C" inizio legenda ha sempre le stesse caratteristiche di quella di LVCA e in effetti su questo esemplare (post #3322) la "C " di LVCA è piena di conseguenza lo è anche quella in legenda :good:. Per quanto riguarda l'anelletto? Qualcuno si è  fatto un idea?

Modificato da margheludo
  • Mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

avgvstvs

Esatto, stesso punzone per le C e la S.

Per l'anelletto, invece, non saprei: da queste foto non riesco a giudicare.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

avgvstvs

Inutile dire che è sempre difficile giudicare da foto poco chiare.

Ad esempio, provate a guardare questa foto

9571_y699.thumb.jpg.5b1d8dd545203d13725c4d684e717918.jpg

(da https://www.ma-shops.de/raffler/item.php5?id=9571 ).

La seconda moneta in alto sembrerebbe un esemplare con la C larga iniziale e anelletto. Ma ci sono segni diffusi per tutto il tondello che possono far pensare ad un effetto ottico.

  • Mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

avgvstvs

Altro lotto Ebay dello scorso anno, questa volta un esemplare che mi pare abbia un trattino interno alla C:

Denar2.jpg.5c003c17b6a7e3653c9f3c4a56f38b18.jpg

  • Mi piace 2

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

margheludo

Buona sera, bravo @avgvstvs la caccia in rete da sempre buoni frutti:good:per quanto riguarda l'anelletto i dubbi rimangono ma quest'ultimo pare proprio del tipo "volterrano", chissà cosa ne pensa @magdi e, ovviamente, anche chiunque ci segua può dire la sua:D.

  • Mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

avgvstvs

A  proposito di Volterra, non so se ne abbiamo già parlato, ma vorrei tornare sul discorso della forma della C.

Ho sempre pensato, da quando sono venuto a conoscenza di queste monete, che la lettura VVLT si dovesse fare considerando la T finale come C-. Ma come spiegare il trattino che si trova sopra questa lettera? Per ricordare di cosa sto parlando, ecco alcuni esempi:

E se invece la lettura fosse diversa? Se fosse, ad esempio, un TE in legatura "mascherato" da C? E se il ricordo di questa lettera particolare fosse riecheggiato in seguito su altre monete volterrane, come quelle della copertina e di pag. 16 del seguente lavoro dell'ottimo @magdi

http://numismatica-italiana.lamoneta.it/docs/crapetti/Pubblicazioni_Forum/Magdi_Nassar_Volterra_patinata.pdf

?

Voi mi direte "Ma quello è un segno di abbreviazione, presente in forma simile su altre monete medievali!" e questo è condivisibile. Trovo però singolare il fatto che Volterra abbia per tutte le monete finora conosciute contenenti l'abbreviazione VVLT un segno così simile a quello dei denari in questione.

Cosa ne pensate?

 

  • Mi piace 3

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

margheludo

Buon giorno a tutti @avgvstvs, devo ammettere di non aver mai dato peso a quel trattino che almeno in un caso è talmente netto che mi chiedo perché non lo ho mai preso in considerazione,  negli altri esemplari si nota appena ma la tua analisi credo sia corretta e non farebbe che confermare la provenienza di questi conii, devo controllare bene ma ho notato un altro particolare legato alla T" se sara' il caso ve ne parlero' quando sarò sicuro.        Del trattino in questione non ricordo che se ne sia mai parlato nella discussione, chissà se Magdi è arrivato alla stessa conclusione? Per saperlo mi sa che dovremo aspettare chissàcosa che uscirà  chissàquando :wacko:.

  • Mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

magdi
8 ore fa, margheludo dice:

Buon giorno a tutti @avgvstvs, devo ammettere di non aver mai dato peso a quel trattino che almeno in un caso è talmente netto che mi chiedo perché non lo ho mai preso in considerazione,  negli altri esemplari si nota appena ma la tua analisi credo sia corretta e non farebbe che confermare la provenienza di questi conii, devo controllare bene ma ho notato un altro particolare legato alla T" se sara' il caso ve ne parlero' quando sarò sicuro.        Del trattino in questione non ricordo che se ne sia mai parlato nella discussione, chissà se Magdi è arrivato alla stessa conclusione? Per saperlo mi sa che dovremo aspettare chissàcosa che uscirà  chissàquando :wacko:.

Scusate se intervengo solo ora... in questi giorni sono un po'preso e riesco ad entrare poco nel forum. I denari attribuiti a Volterra (come tutti i lucchesi) danno mille dubbi ed interrogativi, per cui non è mai semplice esprimersi. Personalmente mi ero interrogato sul significato del trattino (che però non riesco a leggere nel secondo caso... me lo riuscireste ad evidenziare, per favore?) senza però arrivare ad una soluzione... la lettura di @avgvstvs è certamente molto interessante. 

 

  • Mi piace 3

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

avgvstvs

Ciao @magdi .

Il secondo esemplare è in mano tua, se dici di non vedere niente in particolare significa che mi sono lasciato trarre in inganno dalla foto. L'ho inserita tra quelle con più o meno presunta tacchetta superiore perché la parte visibile della lettera, leggermente a cuspide ed inclinata, mi ha portato a pensare che potesse essere della stessa tipologia degli altri 2 esemplari.

Nel frattempo, sono curioso di sapere cosa ha intravisto @margheludo...

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

avgvstvs

Inserirei nella "collezione" anche questo, interessante e relativamente poco commentato all'epoca:

 

  • Mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

dareios it

Saluti a tutti, anche se vi leggo sempre con molto piacere, devo dire che molte cose non mi entrano in testa, sarà forse che comunque non è la  monetazione che seguo di più. Per cui, detto questo, vi mando le foto come ho fatto in altre occasioni, di un denaro che proprio non riesco a classificare. Mi è stato regalato e colgo questa occasione per dire che a mia volta lo regalo con molto piacere, se qualcuno  interessato me lo chiedesse.

DSC_7710.JPG

DSC_7706.JPG

DSC_7709.JPG

DSC_7708.JPG

DSC_7707.JPG

  • Mi piace 2

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

dareios it

Dimenticavo le misure.  Grammi 0.66 per un diametro di 14 mm circa.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

adolfos

Ciao carissimo.

Mi sa che questa entra in testa a pochi :D. Moneta da studio sicuramente.Potrebbe essere un bel falso d'epoca...... vedrai comunque che gli appassionati riusciranno a dare una giusta classificazione. Grazie per il gentile pensiero e spero qualcuno ti contatti.

Cordialissimi saluti

Modificato da adolfos
  • Mi piace 2

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

margheludo

buona notte, e' una moneta del quinto gruppo ("lucensis brunus" 1181-1210 c.ca.) sicuramente le più "brutte" e le più difficili da leggere, sono d'accordo con @adolfos sul fatto che possa trattarsi di un falso d'epoca, l'aspetto è rameoso forse oltre gli 850 millesimi presenti mediamente nella Lega in questo periodo, il peso e il diametro sono scarsi, le poche lettere ben leggibili pero' sono esattamente quelle che dovrebbero essere e dove dovrebbero stare, nei falsi è invece molto più comune leggere pseudo legende composte da pseudo lettere, ci sono anche i colpi di martello anche se ho l'impressione che falsificassero pure quelli. Queste monete subivano un processo chimico di bianchitura di cui non ho ancora capito se possa esserne rimasta traccia visibile come accade per i suberati o no, lo chiedo perché qui sembrano esserci residui di argentatura, questa è una moneta che aspetta una risposta e genera inveve un sacco di domande......insomma un lucchese nella norma:D.

2017-11-27_01.48.15.jpg

2017-11-27_01.46.47.jpg

2017-11-27_01.49.13.jpg

Modificato da margheludo
  • Mi piace 3

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Zenzero
Supporter

@adolfos, @margheludo, @magdi, vi allego questa monetina, mi spiaceva lasciarla là per 4 eurini...  da come ho letto tutta la discussione presuppongo che sia un "enriciano" pure questo, sono curioso di sapere cosa ne pensate

enricianodr.jpg

enricianorv.jpg

  • Mi piace 2

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

adolfos

@Zenzero

Benvenuto nel Club! Attento che se ti prende la "malattia" non torni più indietro :D.

A parte gli scherzi, hai fatto bene a comprarlo per quella cifra e come inizio non è affatto male.

Sentiamo cosa ne pensano i nostri amici.

Salutoni

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Zenzero
Supporter

La malattia oramai è dentro :D

  • Mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

margheludo

Buona sera a tutti, bella moneta credo classificabile come H3b. Enrico IV o V primo quarto del XII sec. Con tutti i dubbi del caso (che @adolfos ci chiarirà :D) .......e non sono pochi. Interessante l'asta della P che invade il cerchio interno.

  • Mi piace 2

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Zenzero
Supporter

questa era la classificazione del venditore:

LUCCA

ENRICO III

1039-1125
AA378 DENARO
MONETA IN ARGENTO
ZECCA DI LUCCA
CLASSIFICATA: ALFA LU.13
MONETA   NON COMUNE

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

adolfos

Ai duetti preferirei i cori (mi accontenterei anche di un quartetto) ma questo è quanto.

Condivido l'attribuzione di @margheludo. Per scrupolo, fra IV e V è preferibile la barra invece della o (oppure) così risulta più chiaro il riferimento.

@Zenzero Il venditore è un poco confuso :).

Per iniziare ti consiglio di utilizzare le classificazioni del MIR o di Bellesia. In seguito con più esperienza ti potrai confrontare con Matzke.

In alternativa c'è anche il nostro catalogo online.

Cari saluti

  • Mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Zenzero
Supporter

@adolfos, naturalmente credo più a te e @margheludo che al venditore, era solo per farvi vedere quanto possono sbagliare.

Fra poco ve ne posterò altre, sempre che vi faccia piacere :D,  io vi leggo molto volentieri

Modificato da Zenzero
  • Mi piace 2

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Zenzero
Supporter

Ne allego altri 3 vediamo se stavolta il venditore ci aveva preso

enricI.jpg

enricII.jpg

EnricIII.jpg

  • Mi piace 3

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

margheludo

Ciao @Zenzero, dovrebbero essere tutti e tre della fine dell' XI sec. Enrico IV/V :D    riferimento   Bellesia 3,   Matzke H3a. Se ne hai altri saremo felici di vederli;).

  • Mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Devi essere registrato per lasciare un commento

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra comunità. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora


Lamoneta.it

La più grande comunità online di numismatica e monete. Studiosi, collezionisti e semplici appassionati si scambiano informazioni e consigli sul fantastico mondo della numismatica.

Hai bisogno di aiuto?

×