Benvenuto su Lamoneta.it - Numismatica, monete, collezionismo

Benvenuti su laMoneta.it, il più grande network di numismatica e storia
Registrandoti ora avrai accesso a tutte le funzionalità della piattaforma. Potrai creare discussioni, rispondere, premiare gli utenti che preferisci, utilizzare il sistema di messaggistica privata, inviare messaggi di stato, configurare il tuo profilo... Se già sei un utente registrato, Entra - altrimenti Registrati oggi stesso!

Accedi per seguire questo  
Follower 0
fra crasellame

AYYUBBIDI - al Kamil - Dinaro

post-1677-1264879234,86_thumb.jpg

Ayyubid, Muhammad ibn Muhammad b. al-‘Ādil b. Ayyūb, detto al-Malik al-Kāmil, 615-635 AH/1218-1238 AD,

dinaro AU, 3 grammi, 22 mm; zecca di Al-Kahira (il Cairo), anno 633 AH (1235);

Album 811; Balog 378

Le legende sono in scrittura Naskhi, Al Kamil coniò anche dinari in kufico ma sono rari.

D/ quattro righe nel campo : Al-Imam Al-Mansur Abu-Jaafar Al-Mustansir Billah Amir Al-Mu’menin; legenda circolare margine esterno: Bismillah Al-Rahman Al-Rahim Duriba Haza Al Dinar Bi’l Kahira Sanat Thalathin Wa Suttuma’a

R/ Ayyub/ Al-Malik Al-Kamel Abul Ma’ali Muhammad/ Ibn Abi Bakr Bin (l'ultima riga continua con Ayyub nella prima); legenda circolare margine esterno: Kalima Corano 9:33

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Inviato (modificato)

Lo standard di molti dinari degli Ayyubidi era assai alto, di solito più del 95%. Fanno eccezione le monete d'oro del Saladino (Salah al-Din).

Altra nota riguarda il peso, già durante i Fatimidi esisteva una differenza tra i 0,2 e 0,3 grammi con un peso medio tra i 4,10 e 4,20 grammi. Durante il periodo ayyubbide la differenza diventa sempre più alta (un grammo ed anche più).

Questa mancanza di cura nel peso non deve essere interpretata come abbandono dell'oro né come indicatore di scarsità del metallo. In breve, quello che contava era il peso totale della somma che cambiava di mano. Ricordo i molti pesi monetali di vetro che testimoniano come tutte le transazioni fossero pesate. Quindi il peso di un sigolo dinaro non importava.

Attendo di poter acquistare il Balog per maggiori info :)

Modificato da fra crasellame

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Veramente notevole, grazie per averla postata.

Come è noto, la calligrafia è arte fondamentale per il mondo islamico e moltissime monete ne sono testimoni.

Nel tuo esemplare, di conservazione eccellente (l'incisione mi sembra veramente piena), sono perfettamente leggibil la data e la zecca.

Mi permetto solo una piccola precisazione sulla tua traslitterazione, cui manda "thalat wa", ossia "tre e [trenta e seicento]" :)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Prego :) ho imparato ancora cose nuove. Non mi riuscivo a capacitare delle grandi differenze di peso dei dinari visti in giro sul web, ora lo so :D

Spero di riuscire a prendere il Balog presto

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Complimenti fra, sul forum sei praticamente l'unico che posta queste monete affascinanti (oltre che abbastanza incomprensibili, almeno per me :P)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

You need to be a member in order to leave a comment

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra comunità. È facile!


Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.


Accedi Ora
Accedi per seguire questo  
Follower 0

Lamoneta.it

La più grande comunità online di numismatica e monete. Studiosi, collezionisti e semplici appassionati si scambiano informazioni e consigli sul fantastico mondo della numismatica.

Hai bisogno di aiuto?