Benvenuto su Lamoneta.it - Numismatica, monete, collezionismo

Benvenuti su laMoneta.it, il più grande network di numismatica e storia
Registrandoti ora avrai accesso a tutte le funzionalità della piattaforma. Potrai creare discussioni, rispondere, premiare gli utenti che preferisci, utilizzare il sistema di messaggistica privata, inviare messaggi di stato, configurare il tuo profilo... Se già sei un utente registrato, Entra - altrimenti Registrati oggi stesso!

Accedi per seguire questo  
Follower 0
fullons

che sistema monetario si usava nel Regno di Napoli nella metà del XVIII secolo?

Buonasera a tutti.

Sapete che sistema monetario si usasse nel Regno di Napoli a metà del '700 ?

Vedendo le rendite dei catasti onciari mi sembra di capire che:

Un ducato valesse 100 grana

Un Carlino valesse 10 grana

Una piastra valesse 120 grana (il che la renderebbe più preziosa di un ducato )

Tornesi e cavalli non mi sono ancora chiari

Grazie

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Inviato (modificato)

buonasera,

un grano = 2 tornesi = 12 cavalli

poi c'era il tari da 20 grana

Modificato da bavastro

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Nel '700 abbiamo questa situazione.

3 cavalli = 1/2 Tornese

Tornese = 6 cavalli

Grano = 2 tornesi=12 Cavalli (fino a Gioacchino Murat, poi 10 Cavalli)

Pubblica=1,5 grani=3 Tornesi

Cinquina=5 tornesi=1/4 di carlino

Carlino = 10 grana

Tarì = 20 grana

1/2 ducato = 50 grana

1/2 piastra = 60 grana

ducato = 100 grana

piastra = 120 grana

Il tutto si basava sull'oncia (moneta di conto) da 600 grana.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

grazie, era propio quello che volevo sapere.

buona serata

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Mi dispiace per la traduzione automatica, ma non parlo italiano. Spero che questo è comprensibile. Il testo inglese è alla fine di questo messaggio :)

Sto traducendo le memorie di Giacomo Casanova. Il manoscritto originale è scritto in francese. Ecco il mio problema: nel gennaio del 1744, giovane Casanova è nel Regno di Napoli. Sta cercando di vendere una ricetta segreta per incrementare la quantità di mercurio (mescolando il piombo in esso). Quando il prezzo è discusso, Casanova dice "2000 Once."

L'edizione francese ha una nota che l'Oncia era una moneta d'argento del Regno di Napoli, del valore di 30 Carlini. In seguito è stata anche coniata da oro, e aveva un valore di 60 Carlini.

È vero? Le pagine web della Banca d'Italia indicano che nel Regno di Sicilia, ci sono le monete reali nome Oncia nei primi anni 1740. Non tali monete sono presentati nel caso del Regno di Napoli. Nel Regno di Napoli, era l'Oncia forse solo una moneta di conto, e non una moneta reale prima di 1749? O è stato il Oncia siciliana utilizzati nel commercio anche a Napoli?

Grazie ...

http://www.bancaditalia.it/servizi_pubbl/museo_mon/approfondimenti/sez5/20b_vet.pdf

http://www.bancaditalia.it/servizi_pubbl/museo_mon/approfondimenti/sez6/21b_vet.pdf

---

I'm sorry about the automatic translation, but I don't speak italian. I hope this is comprehensible. The english text is at the end of this message :)

I'm translating the memoirs of Giacomo Casanova. The original manuscript is written in French. Here is my problem: in January 1744, young Casanova is in the Kingdom of Naples. He is trying to sell a secret recipe for increasing the amount of mercury (by mixing lead into it). When the price is discussed, Casanova says "2000 Once."

The French edition has a footnote that the oncia was a silver coin of the Kingdom of Naples, worth 30 carlini. Later it was also minted from gold, and it had a value of 60 carlini.

Is this true? The webpages of the Bank of Italy indicate that in the Kingdom of Sicily, there were real coins named Oncia in the early 1740's. No such coins are presented in the case of the Kingdom of Naples. In the Kingdom of Naples, was the Oncia possibly just a currency of account, and not a real coin before 1749? Or was the Sicilian Oncia used in commerce also in Naples?

Thanks...

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

benvenuto nel forum :)

la monetazione di Napoli non è proprio il mio campo, tuttavia mi pare di capire che alla domanda ha già risposto fedafa nel post precedente, comunque credo sia meglio precisare perchè è facile confondersi:

"Nel '700 (a Napoli) abbiamo questa situazione.

...

Il tutto si basava sull'oncia (moneta di conto) da 600 grana."

Credo che fedafa intenda l'oncia d'oro, perchè per l'argento:

1 oncia argento (moneta di conto) = 3 ducati = 15 tarì = 30 carlini = 300 grana

A Palermo invece:

1 oncia argento (moneta reale) = 3 ducati = 30 tari = 600 grani

I due sistemi erano diversi, anche a causa del tari di Napoli che pesava circa il doppio di quello siciliano.

Con legge del 19 dicembre 1745, il carlino di Napoli venne equiparato al tarì di Sicilia.

Attendiamo comunque eventuali precisazioni

:rolleyes:

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

"Nel '700 (a Napoli) abbiamo questa situazione.

...

Il tutto si basava sull'oncia (moneta di conto) da 600 grana."

Sono cieco B) ...

Grazie!

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

You need to be a member in order to leave a comment

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra comunità. È facile!


Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.


Accedi Ora
Accedi per seguire questo  
Follower 0

Lamoneta.it

La più grande comunità online di numismatica e monete. Studiosi, collezionisti e semplici appassionati si scambiano informazioni e consigli sul fantastico mondo della numismatica.

Hai bisogno di aiuto?