Vai al contenuto
  • Sky
  • Blueberry
  • Slate
  • Blackcurrant
  • Watermelon
  • Strawberry
  • Orange
  • Banana
  • Apple
  • Emerald
  • Chocolate
  • Charcoal
Accedi per seguire questo  
giancamuno

FURTO DI CAMINI AL CASTELLO DI GORZONE (BS)

Risposte migliori

giancamuno

Buonasera a tutti.

Approfitto di questo forum per fare una segnalazione a tutti gli appassionati di numismatica, storia,archeologia e araldica.

Di seguito riporto il testo di una mail che mi è arrivata tempo fa, e che mi è stata inviata dal Vice presidente dell'associazione naturalistica LOntàno Verde (della quale sono socio) e che ha sede nella provincia di Brescia.

Tale associazione, da alcuni anni, aveva in gestione il castello di Gorzone, antica dimora camuna della famiglia Federici. La gestione prevedeva l'apertura della struttura nei fine settimana con la possibilità di visite guidate.

Improvvisamente però.....:

"Nel novembre 2009 alcuni delinquenti si sono introdotti nel Castello di Gorzone, a Darfo Boario Terme in Val Camonica (provincia di Brescia), dove hanno asportato due antichi camini.

Entrambi i camini erano stati costruiti in modo identico: un'architrave con la data "1495" sorretta da due semi-colonnette in pietra Simona (pietra rossa locale); l'unico dettaglio per cui si distinguevano era la presenza su uno dell'antico stemma della famiglia Federici, sull'altro quello della famiglia Della Scala.

Il Castello di Gorzone, già esistente nel XII secolo, fu la principale rocca della famiglia Federici di Valle Camonica. A partire dal XV secolo, sotto la dominazione veneta, la struttura venne adattata fino a divenire una sontuosa dimora signorile. Abitata dai membri della famiglia Federici fino a metà del XIX secolo, passò successivamente in mano alla famiglia Alberzoni, che nel 1928 operò un profondo restauro della struttura. Chiuso e disabitato nell'ultima parte del XX secolo, dal 2008 l'associazione non-proft LOntànoVerde si era impegnata a riaprire la struttura e renderla visitabile.

Si sollecita la massima collaborazione di chiunque possa fornire aiuto al recupero dei materiali contattando il proprietario del Castello o l'associazione LOntànoVerde (lontanoverde@gmail.com).

Chiunque voglia manifestare un commento è libero di scriverlo in questa pagina: http://it.wikinews.org/wiki/Val_Camonica:_furto_di_antichi_camini_al_castello_di_Gorzone

Siete pregati di far girare questa e-mail.

--

LOntànoVerde

Via Brugnolo 3/a 25040

Ono San Pietro (BS)

E-mail: lontanoverde@gmail.com

Web: www.lontanoverde.it

Facebook: LOntànoVerde "

Non riesco ad allegare le foto perchè il file è troppo grande ma spero vada bene lo stesso.

So che probabilmente questi camini non riappariranno, ma tentar non nuoce...

Se qualcuno vedesse qualcosa....

Grazie mille

Giancarlo

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Guest utente3487

Buonasera a tutti.

Approfitto di questo forum per fare una segnalazione a tutti gli appassionati di numismatica, storia,archeologia e araldica.

Di seguito riporto il testo di una mail che mi è arrivata tempo fa, e che mi è stata inviata dal Vice presidente dell'associazione naturalistica LOntàno Verde (della quale sono socio) e che ha sede nella provincia di Brescia.

Tale associazione, da alcuni anni, aveva in gestione il castello di Gorzone, antica dimora camuna della famiglia Federici. La gestione prevedeva l'apertura della struttura nei fine settimana con la possibilità di visite guidate.

Improvvisamente però.....:

"Nel novembre 2009 alcuni delinquenti si sono introdotti nel Castello di Gorzone, a Darfo Boario Terme in Val Camonica (provincia di Brescia), dove hanno asportato due antichi camini.

Entrambi i camini erano stati costruiti in modo identico: un'architrave con la data "1495" sorretta da due semi-colonnette in pietra Simona (pietra rossa locale); l'unico dettaglio per cui si distinguevano era la presenza su uno dell'antico stemma della famiglia Federici, sull'altro quello della famiglia Della Scala.

Il Castello di Gorzone, già esistente nel XII secolo, fu la principale rocca della famiglia Federici di Valle Camonica. A partire dal XV secolo, sotto la dominazione veneta, la struttura venne adattata fino a divenire una sontuosa dimora signorile. Abitata dai membri della famiglia Federici fino a metà del XIX secolo, passò successivamente in mano alla famiglia Alberzoni, che nel 1928 operò un profondo restauro della struttura. Chiuso e disabitato nell'ultima parte del XX secolo, dal 2008 l'associazione non-proft LOntànoVerde si era impegnata a riaprire la struttura e renderla visitabile.

Si sollecita la massima collaborazione di chiunque possa fornire aiuto al recupero dei materiali contattando il proprietario del Castello o l'associazione LOntànoVerde (lontanoverde@gmail.com).

Chiunque voglia manifestare un commento è libero di scriverlo in questa pagina: http://it.wikinews.org/wiki/Val_Camonica:_furto_di_antichi_camini_al_castello_di_Gorzone

Siete pregati di far girare questa e-mail.

--

LOntànoVerde

Via Brugnolo 3/a 25040

Ono San Pietro (BS)

E-mail: lontanoverde@gmail.com

Web: www.lontanoverde.it

Facebook: LOntànoVerde "

Non riesco ad allegare le foto perchè il file è troppo grande ma spero vada bene lo stesso.

So che probabilmente questi camini non riappariranno, ma tentar non nuoce...

Se qualcuno vedesse qualcosa....

Grazie mille

Giancarlo

Purtroppo adesso saranno in qualche villa privata, in un modo o nell'altro inaccessibile. Un furto su commissione, senza dubbio.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
chievolan

Speriamo almeno che siano veramente, come ipotizzato, un falso del XX secolo, e speriamo che chi ha commissionato il furto sia in grado di saperlo ..... o almeno che il dubbio che non siano antichi lo roda, mentre guarda il fuoco.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Guest utente3487

e speriamo che chi ha commissionato il furto sia in grado di saperlo ..... o almeno che il dubbio che non siano antichi lo roda, mentre guarda il fuoco.

Uno che commissiona un furto del genere sa quello che vuole, purtroppo.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
skubydu

sia chi l'ha commesso, sia gli acquirenti sono proprio dei pezzenti.......non ho parole....(anzi le avrei...)

sku

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Devi essere registrato per lasciare un commento

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra comunità. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora
Accedi per seguire questo  

Lamoneta.it

La più grande comunità online di numismatica e monete. Studiosi, collezionisti e semplici appassionati si scambiano informazioni e consigli sul fantastico mondo della numismatica.

Hai bisogno di aiuto?

×