Vai al contenuto
  • Sky
  • Blueberry
  • Slate
  • Blackcurrant
  • Watermelon
  • Strawberry
  • Orange
  • Banana
  • Apple
  • Emerald
  • Chocolate
  • Charcoal
Accedi per seguire questo  
Maverick

Identificazione moneta romana

Risposte migliori

Maverick

Salve a tutti cari amici ancora una volta chiedo il vostro più che esauriente aiuto . Ho comprato di recente su ebay una moneta romana proveniente da un grande lotto . Ecco le sue caratteristiche : Peso 14,32 g Diametro: 29-30 mm . Sapreste dirmi più o meno anche a che periodo appartenga ? Vi ringrazio in anticipo.

post-19926-1267524501,07_thumb.jpg

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

antonio bernardo

E' un bronzo provinciale di Viminacium (serbia-attuale Belgrado) di Filippo l'arabo 204 d.C. Miul Philippus

  • Mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

antonio bernardo

CORREGGO IL 204 E' L'ANNO DI NASCITA, LA MONETA E' STATA BATTUTA TRA IL 244 E IL 249 ANNO DI IMPERO

  • Mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Maverick

Grazie ! Siccome è la prima volta che mi imbatto in questo monete vorrei chiedervi una cosa . Ne posseggo altre 6 di monete romane ,caratterizzate tutte da piccoli spessori e diametro . Questa presa in oggetto invece (bronzo provinciale di Viminacium ) ha uno spessore doppio rispetto a quelle in mio possesso , per non parlare del peso . Potrebbe essere un falso ?? Ho controllato i bordi della moneta e sembra non avere quella linea che potrebbe formarsi con una colatura in uno stampo , quello che non mi convince è il colore anche perchè al tatto la moneta è molto liscia .Cosa ne pensate ? Un particolare grazie ad Antonio B.

Modificato da Maverick

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

antonio bernardo

La moneta che hai postato è autentica! posseggo diversi esemplari di Viminacium con la Mesia tra i due leoni di Erennio Etrusco, di Volusiano etc. ed hanno la caratteristica ed il bordo spesso. La superficie liscia e il colore verde sono la patina della moneta. Devi pensare che quella moneta ha un'età di circa 1800 anni.

Ciao Antonio

  • Mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Maverick

Ti ringrazio Tantissimo Antonio !!!!!!!!!! :D

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

antonio bernardo

Questa è una delle mie di Erennio Etrusco e come vedi anche la mia è un pò liscia ed ha un colore verde smeraldo.post-7688-1267537786,71_thumb.jpg

post-7688-1267537786,71_thumb.jpg

post-7688-1267537798,84_thumb.jpg

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Maverick

Fantastica ! Sei un grande Antonio !!! Ti ringrazio ancora moltissimo !! Ma la patina verde va rimossa ?? Personalmente sta bene così .

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Fufieno

Ne posseggo altre 6 di monete romane ,caratterizzate tutte da piccoli spessori e diametro .

Intendi dei follis (o antoniani)? Bè, c'è una bella differenza tra questo bel bronzetto provinciale (non toccarlo, approposito..) e dei follis.;)

Saluti.,

Fuf.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Exergus

... Ma la patina verde va rimossa ?? Personalmente sta bene così .

Verde è bello. La parte superficiale della moneta, nel corso dei secoli si è trasformata in patina, se la togli uccidi la moneta.

Ciao, Exergus

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Maverick

SI infatti sta meglio così . Ciao e grazie a tutti ! :lol:

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Illyricum65
Questa presa in oggetto invece (bronzo provinciale di Viminacium ) ha uno spessore doppio rispetto a quelle in mio possesso , per non parlare del peso .

Considera che i Moesia con toro e leone di Viminacium erano monete provinciali ed in quanto tali avevano un utilizzo locale che affiancava la monetazione classica imperiale. Come quest'ultima erano divisi in tre tipi monetali: assi, dupondi (più o meno entrambi tra i 19-22 mm di diametro ma differenziati dalla presenza di ritratto laurato o radiato rispettivamente) e sesterzi.

Nel caso specifico di Filippo I non ci sono assi ma solo dupondi e sesterzi, questi ultimi sui 27- 28 mm di diametro (e chiaramente di peso maggiore).

La legenda del dritto è solitamente IMP M IVL PHILIPPVS AVG con rovescio una figura femminile, interpretabile come la personificazione della Moesia Superior o talvolta come la personificazione di Viminacium, vestita con una lunga stola e volta a sinistra (solo saltuariamente frontale), avente a destra un toro e a sinistra un leone, i simboli della Legione VII Claudia e della Legione IIII Flavia che stazionavano ambedue in Moesia Superior a Viminacium e Singidunum e la legenda P M S COL VIM - P(provincia) M(oesia) S(uperior) Col(onia) Vim(inacium). Inoltre nell’esergo del rovescio troviamo il riferimento all’era locale, AN(NO) e il numero romano da V a VIIII (si, così, non IX) (nel tuo caso mi pare non sia leggibile).

Ciao

Illyricum

:)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Devi essere registrato per lasciare un commento

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra comunità. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora
Accedi per seguire questo  

Lamoneta.it

La più grande comunità online di numismatica e monete. Studiosi, collezionisti e semplici appassionati si scambiano informazioni e consigli sul fantastico mondo della numismatica.

Hai bisogno di aiuto?

×