Vai al contenuto
  • Sky
  • Blueberry
  • Slate
  • Blackcurrant
  • Watermelon
  • Strawberry
  • Orange
  • Banana
  • Apple
  • Emerald
  • Chocolate
  • Charcoal
Accedi per seguire questo  
dabbene

Zecca Mediolanum in antoniniani

Risposte migliori

dabbene
Supporter

Mentre nelle siliquie e nei solidi è abbastanza facile riconoscere una moneta della zecca di Mediolanum,con gli antoniniani dove risultano i primi segni delle zecche mi risulta difficile capire;con Aureliano,Gallieno,Probo,la zecca Mediolanum è attiva,ma i segni distintivi della zecca o forse delle officine sono svariati:in alcuni cataloghi d'asta si vedono monete di questi imperatori con segni tipo S,P o D o DM ricondotti alla zecca Mediolanum;qualcuno può darmi informazioni per avere indicazioni più chiare per l'attribuzione di queste monete alla Zecca Mediolanum,o bisogna guardare anche la legenda sul retro ?

Modificato da dabbene

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

gpittini
Supporter

DE GREGE EPICURI

Per la certezza, occorre guardare un po' tutto (la legenda del D. è anche più importante di quella del R.) Ad es., per Gallieno se ben ricordo nella zecca di MI la legenda è sempre breve (GALLIENUS AUG), mentre in esergo compaiono le lettere MD, oppure MP, MS, indicanti anche l'officina; la M nel campo, invece, non mi sembra indichi Milano. Questo vale anche per Salonina. Per Claudio 2° invece la zecca di Milano è caratterizzata dal segno di officina in esergo (P,S o T).Nel RIC, imperatore per imperatore, tutto questo è descritto nei dettagli.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

dabbene
Supporter

Grazie della risposta,però io vedo sui vari cataloghi diversi antoniniani di Gallieno e Aureliano con la sola S o P attribuiti alla zecca di Mediolanum senza mai la M presente,nel contempo altri sempre con S o P attribuiti alla Zecca di Roma o altre;quindi sembrerebbe che la M non è necessaria per l'attribuzione a Mediolanum,ma nel contempo neanche la S o la P,simboli delle officine sia garanzia di attribuzione alla zecca di Mediolanum;è quindi probabilmente legato alle legende presenti,e forse anche di più allo stile della moneta stessa la scelta dell'attribuzione a una zecca piuttosto che all'altra?(considerazioni di consultazioni RIC a parte);capisco che non c'è una risposta univoca,e che la questione non è semplice,cosa ne pensate?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

ciosky68
Supporter

Grazie della risposta,però io vedo sui vari cataloghi diversi antoniniani di Gallieno e Aureliano con la sola S o P attribuiti alla zecca di Mediolanum senza mai la M presente,nel contempo altri sempre con S o P attribuiti alla Zecca di Roma o altre;quindi sembrerebbe che la M non è necessaria per l'attribuzione a Mediolanum,ma nel contempo neanche la S o la P,simboli delle officine sia garanzia di attribuzione alla zecca di Mediolanum;è quindi probabilmente legato alle legende presenti,e forse anche di più allo stile della moneta stessa la scelta dell'attribuzione a una zecca piuttosto che all'altra?(considerazioni di consultazioni RIC a parte);capisco che non c'è una risposta univoca,e che la questione non è semplice,cosa ne pensate?

volevo continuare questa discussione perche' anche io trovo monete del periodo con segni di zecca S per Gallieno..

su alcuni cataloghi sono date per Roma e altre per Milano,come mai?

ciao Roberto

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Devi essere registrato per lasciare un commento

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra comunità. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora

Accedi per seguire questo  

Lamoneta.it

La più grande comunità online di numismatica e monete. Studiosi, collezionisti e semplici appassionati si scambiano informazioni e consigli sul fantastico mondo della numismatica.

Hai bisogno di aiuto?

×