Vai al contenuto
  • Sky
  • Blueberry
  • Slate
  • Blackcurrant
  • Watermelon
  • Strawberry
  • Orange
  • Banana
  • Apple
  • Emerald
  • Chocolate
  • Charcoal
Accedi per seguire questo  
Liutprand

Piombo antico per usi....avveniristici

Risposte migliori

Flavio

Beh, dopo vent'anni dal ritrovamento (ed in pratica vent'anni di ulteriore "radio-decantazione")...anzichè ammuffire in qualche magazzino...forse meglio "fusi per la scienza"

Sarei curioso, vista l'asportazione dei marchi di fabbrica, di sapere qualcosa di più sulle antiche fonderie spagnole che li produssero.

Modificato da Flavio

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

incuso
Supporter

Mi sfugge perché il piombo antico sia meno radioattivo di quello recente detto in a,ltri termini, qual è la fonte di contaminazione nelle miniere di Piombo?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Flavio

Mi sfugge perché il piombo antico sia meno radioattivo di quello recente detto in a,ltri termini, qual è la fonte di contaminazione nelle miniere di Piombo?

http://www.infn.it/notiziario/not5/nuclei.html

Nell'articolo ho anche trovato la risposta che cercavo su chi furono i produttori dei lingotti.

http://www.minieradiraibl.it/piombo.htm

Modificato da Flavio

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

incuso
Supporter

Continuo a non capire però. Mi spiego, cosa impedisce al piombo di decadere anche dentro la miniera (comunque protetta da Chernobyl o radiazioni solari)? Sicuramente questo accade ma se il piombo estratto in tempi recenti è comunque piú radioattivo del piombo di vecchia estrazione una spiegazione possibile è che ci sia qualche elemento che ha un tempo di decadimento maggiore che si trova -sempre- nelle miniere di piombo.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Flavio

Continuo a non capire però. Mi spiego, cosa impedisce al piombo di decadere anche dentro la miniera (comunque protetta da Chernobyl o radiazioni solari)? Sicuramente questo accade ma se il piombo estratto in tempi recenti è comunque piú radioattivo del piombo di vecchia estrazione una spiegazione possibile è che ci sia qualche elemento che ha un tempo di decadimento maggiore che si trova -sempre- nelle miniere di piombo.

Vediamo se può essere utile.

Da : “Metodi radiometrici di misura ad alta sensibilità e radioattività nelle acque” - dr. Massimiliano Clemenza - Università degli Studi di Milano-Bicocca

Sfortunatamente la radioattività intrinseca del piombo non è trascurabile. La radioattività del piombo è dovuta principalmente all’isotopo 210Pb e ai suoi nuclidi figli, il 210Bi e il 210Po. La causa della contaminazione con 210Pb è la presenza di minerali contenenti uranio durante il processo di fusione del piombo. In questi minerali è presente una grande quantità di 210Pb perché appartenente alla catena di decadimento dell’ 238U. Dato che nelle schermature per rivelatori a bassa contaminazione è necessario usare del piombo contenente la minor quantità possibile di 210Pb è necessario acquistare questo particolare tipo di piombo da ditte specializzate che utilizzano tecniche opportune nella produzione del piombo al fine di rendere minima la contaminazione. Esiste tuttavia un’alternativa: l’utilizzo di piombo antico, cioè l’utilizzo di piombo tale che il periodo di tempo trascorso dalla sua produzione ai giorni nostri equivalga a diverse vite medie del 210Pb. La disponibilità di questo ultimo tipo di piombo è tuttavia molto limitata e quindi generalmente non molto utilizzata nelle schermature.

E ancora.

Medieval and ancient lead can be several orders of magnitude less radioactive than modern lead (up to 50,000´ less for Roman lead), beause the 210Pb half-life T = 22.3 years is small compared to a few centuries (or millenia)

Da : A. Alessandrello, C. Arpesella, C. Brofferio, C. Bucci, C. Cattadori, O. Cremonesi, E. Fiorini, A. Giuliani, S. Latorre, A. Nucciotti, E. Orvini, M. Pavan, S. Parmeggiano, M. Perego, G. Pessina, S. Pirro, E. Previtali, B. Romualdi, A. Rotilio, E. Tatananni, and L. Zanotti: Measurements of Internal Radioactive Contamination in Samples of Roman Lead to Be Used in Experiments on Rare Events, Nuclear Instruments and Methods in Physics Research

Modificato da Flavio

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Devi essere registrato per lasciare un commento

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra comunità. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora
Accedi per seguire questo  

Lamoneta.it

La più grande comunità online di numismatica e monete. Studiosi, collezionisti e semplici appassionati si scambiano informazioni e consigli sul fantastico mondo della numismatica.

Hai bisogno di aiuto?

×