Benvenuto su Lamoneta.it - Numismatica, monete, collezionismo

Benvenuti su laMoneta.it, il più grande network di numismatica e storia
Registrandoti ora avrai accesso a tutte le funzionalità della piattaforma. Potrai creare discussioni, rispondere, premiare gli utenti che preferisci, utilizzare il sistema di messaggistica privata, inviare messaggi di stato, configurare il tuo profilo... Se già sei un utente registrato, Entra - altrimenti Registrati oggi stesso!

Accedi per seguire questo  
Follower 0
Exergus

Tetrici o Barbarica?

Inviato (modificato)

Salve a tutti,

gradirei un vostro parere su questa moneta, uscita da un lotto di croste e solo lavata dalla terra. All'apparenza sembra un antoniniano dei Tetrici con strumenti sacrificali al verso e sarebbe attribuibile ad entrambi, per Tetrico I abbiamo i RIC 110, 111, 112 e 150, per Tetrico II i n.ri 237, 240, 254, 255, 256 e 257.

Lo stile dell'epoca è notoriamente povero anche sulle ufficiali, quindi stabilire di cosa si tratta solo da questo mi sembra ardua, però la decentratura del verso e l'approssimazione del disegno con l'anfora che sembra rovesciata e molto piccola rispetto agli esempi che ho visto, mi fanno pensare ad una imitativa, anche se non ne ho mai viste con questo verso (voi sì?).

Potrebbero essere un indizio i dati fisici: 16mm per 1,52 grammi. Siamo nella norma o forse è troppo piccola per essere ufficiale?

grazie in anticipo, Exergus

post-18735-1275390310,39_thumb.jpg

post-18735-1275390321,62_thumb.jpg

Modificato da Exergus

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Dei Tetrici il II, direi, e tu che sei un fine e paziente "cesellatore" dovresti escludere la presenza della barba! :D

Come diametro ci siamo anche per una ufficiale, il peso in effetti è basso ma non discrimina. Ci sono anche ufficiali da 1,72 (Trier).

Allego confronto:

Tetricus II. Romano-Gallic Caesar, AD 273-274. Antoninianus (16mm, 2.35 g, 12h). Colonia Agrippina (Cologne) mint. 6th emission, AD 272/3. Radiate and draped bust right / Sacrificial implements. RIC V 255; Mairat 434; AGK 4a; Braithwell 188. (CONGcoins)

Ciao

Illyricum

:)

post-3754-1275407657,9_thumb.jpg

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Ciao Exergus,

se ti può essere d'aiuto, per una comparazione e, per Tetrico II ho questo esemplare ufficiale classificato con RIC 258-C.59 zecca di Treveri del 274 d.C. coniato sotto il padre:

AE 17 - g. 2,400 - orientamento dei coni a ore 6

D/ C. PIV. ESV. TETRICVS CAES.

R/ PIETAS AVGVSTOR.

post-14680-1275408565,91_thumb.jpg

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

In effetti propendevo per Tetrico II, il mio dubbio più grosso era sull'ufficialità, d'altra parte è così mal ridotta...

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

DE GREGE EPICURI

E' molto difficile a dirsi. Io propenderei per una imitativa: sia il peso che il diametro si collocano un poco fuori dai livelli minimi della "normalità", se devo riferirmi alle monete che ho esaminato recentemente (e le imitazioni dei Tetrici erano almeno 80). Anche la qualità dell'incisione è bassa, come si vede bene dal rovescio. Tieni conto però che non puoi contrapporre "Tetrici" a "barbariche", nel senso che dei Tetrici esistono molte monete ufficiali e moltissime monete imitative.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Questo vuol dire che le ufficiali dei Tetrici sono comunque un po' barbariche? :) Suppongo che per quel periodo, la distinzione tra ufficiali e imitative (o di necessità) non sia ben delineata. O sbaglio?

A questo punto credo che sul cartellino che la accompagnerà, qualche punto di domanda sia inevitabile...

grazie a tutti, Exergus

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

DE GREGE EPICURI

Proprio così; c'è una serie quasi continua fra monete molto classiche dei Tetrici (poche), monete meno classiche, monete piuttosto degradate e franche imitazioni. In realtà, in qualche modo si possono mettere dei confini, basandosi però più su peso e misura, e sulle legende, che sulla qualità dell'incisione. Ti consiglio la lettura del prossimo numero di Monete Antiche.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Grazie Gianfranco, sono proprio curioso...

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

mi è sempre interessata molto la monetazione dei due tertici... è affascinante!

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

You need to be a member in order to leave a comment

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra comunità. È facile!


Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.


Accedi Ora
Accedi per seguire questo  
Follower 0

Lamoneta.it

La più grande comunità online di numismatica e monete. Studiosi, collezionisti e semplici appassionati si scambiano informazioni e consigli sul fantastico mondo della numismatica.

Hai bisogno di aiuto?