Jump to content
  • Sky
  • Blueberry
  • Slate
  • Blackcurrant
  • Watermelon
  • Strawberry
  • Orange
  • Banana
  • Apple
  • Emerald
  • Chocolate
  • Charcoal
Sign in to follow this  
Guest fabrizio.gla

Lombardia Scudo da lire 6 - Rep. Cisalpina

Recommended Posts

Guest fabrizio.gla

Ciao a tutti,

Sul forum non ho trovato molto riguardo uesto scudo,

vi posto quello che ho preso recentemente, scoprendo con sopresa che è la variante con gli assi ruotati al R/ di 180°.

la patina la trovo stupenda.

In che conservazione è secondo voi?

ciao a tutti,

F.

005gh.jpg

Uploaded with ImageShack.us

006pv.jpg

Uploaded with ImageShack.us

Share this post


Link to post
Share on other sites
Giov60

Forse conosci già la pagina di catalogo, che comunque è molto interessante per questa bella moneta (link).

Quello proposto sembra un ottimo esemplare, non altrettanto la foto:

Difficile giudicare attraverso la bustina! wink.gif

Recentemente Varesi ha proposto un esemplare di prima scelta (assi a 0°) con un dritto eccezionale, ma non altrettanto bello il rovescio (segnettini e nodo appiattito). Vedendo numerosi esemplari mi sono fatto l'idea che la cosiddetta seconda tiratura presenti gli assi a 180° e il rovescio meglio impresso (ed inoltre in tutti i casi vi è la debolezza a livello dei sandali della figura muliebre in piedi, e della cornucopia) ... ma forse si tratta solo di una ...impressione... !

Complimenti per l'acquisto!

Edited by Giov60

Share this post


Link to post
Share on other sites

Giov60

Per quanto riguarda la conservazione, ritengo che il mercato attualmente operi sui prezzi sotto-indicati:

SPL tra 700 e 1200 Euro

qFDC tra 1700 e 2200 Euro

FDC tra 2200 e 3000 Euro

Ciao!

Edited by Giov60

Share this post


Link to post
Share on other sites

Guest fabrizio.gla

ciao Giov60 e grazie per le tue interessanti osservazioni.

Confermo la debolezza sulla cornucopia e sui sandali.

Ho presente l'esemplare di varesi, confermo quanto da te detto, soprattutto la fugura muliebre della cisalpina aveva

pieghe del vestito veramente ben fatte e delineate.

Ti risulta per caso, qualche schiacciatura da conio o cose del genere sulle ali della cicogna? :)

Un cordiale saluto,

F.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Giov60

[...]

Ti risulta per caso, qualche schiacciatura da conio o cose del genere sulle ali della cicogna? smile.gif

Un cordiale saluto,

F.

Sì, la cicogna è un'altro punto di alto rilievo che presenta spesso debolezze. Così non era per l'esemplare di Varesi 56 (piume perfette).

Ti segnalo la moneta più "strapagata" del tipo, Asta Ira & Larry Goldberg del maggio 2008, FDC (MS 67) base $ 3.000, aggiudicata $ 9.500. ohmy.gif

Anche in questo caso era presente una debolezza del nodo in basso sul rovescio; ottimi invece sandali, cornucopia e piume smile.gif !

Ciao!

post-14514-1278145832,67_thumb.jpg

Edited by Giov60

Share this post


Link to post
Share on other sites

Guest fabrizio.gla

Interessantissimo giov grazie mille, esemplare davvero meraviglioso quello da te postato, soprattuto per la patina.

Ti vedo ferrato su questa moneta ;)

Come tu stesso dicevi, confermo il rovescio meglio impresso, nodo più marcato e in rilievo, debolezza sul piede dx della cisalpina in piedi,

ali del gallo, e leggermente su cornucopia.

ciao e grazie, anche a littore per il suo commento :)

F.

Share this post


Link to post
Share on other sites
oento

Salve

complimenti per la rara moneta, come dice Giov60 è difficile giudicare

attraverso la bustina, moneta sicuramente in alta conservazione

i particolari al dritto sono notevoli, una leggera debolezza al piede dx della

cisalpina, patina uniforme, io sarei orientato verso SPL+ al dritto

qFDC al rovescio.

Share this post


Link to post
Share on other sites

oento

Ciao a tutti,

Sul forum non ho trovato molto riguardo uesto scudo,

vi posto quello che ho preso recentemente, scoprendo con sopresa che è la variante con gli assi ruotati al R/ di 180°.

la patina la trovo stupenda.

In che conservazione è secondo voi?

ciao a tutti,

F.

Questa moneta celebra la vittoria dei francesi sugli austro-russi e l'armistizio di Alessandria, firmato il 27 pratile dell'anno VIII della

Repubblica francese, ossia il 16 Giugno 1800 del calendario gregoriano.

Al rovescio accanto alla figura in piedi, personificazione della Repubblica Cisalpina, vi sono una cicogna, animale sacro alla "Pietas"

nel significato quì di riconoscente devozione, ed una cornucopia, simbolo di abbondanza.

Autore di questa moneta fù Giuseppe Salvirch (o Salwirch) artista di origine tedesca (Langenargen, cittadina tedesca in Svevia)

attivo a Milano dal 1779 o dal 1782 fino alla sua morte, avvenuta nel 1820;

nel 1801 Salvirch fù nominato primo incisore della zecca milanese e forse nel 1803 primo incisore.

Dai documenti risulta che i disegni del furono eseguiti dal celebre pittore Andrea Appiani.

Il nuovo scudo fù coniato al titolo di denari 10 grani 18 (895,832 millesimi),

perchè ragguagliato allo scudo coniato nel 1778 da Maria Teresa.

In un rapporto del regolatore della zecca Giovan Battista Caldarini leggiamo che la prima emissione

di questo scudo uscì dalla zecca milanese il giorno 28 fruttidoro anno VIII (15 settembre 1800).

Share this post


Link to post
Share on other sites

niko

Ciao a tutti,

Sul forum non ho trovato molto riguardo uesto scudo,

vi posto quello che ho preso recentemente, scoprendo con sopresa che è la variante con gli assi ruotati al R/ di 180°.

la patina la trovo stupenda.

In che conservazione è secondo voi?

ciao a tutti,

F.

Questa moneta celebra la vittoria dei francesi sugli austro-russi e l'armistizio di Alessandria, firmato il 27 pratile dell'anno VIII della

Repubblica francese, ossia il 16 Giugno 1800 del calendario gregoriano.

Al rovescio accanto alla figura in piedi, personificazione della Repubblica Cisalpina, vi sono una cicogna, animale sacro alla "Pietas"

nel significato quì di riconoscente devozione, ed una cornucopia, simbolo di abbondanza.

Autore di questa moneta fù Giuseppe Salvirch (o Salwirch) artista di origine tedesca (Langenargen, cittadina tedesca in Svevia)

attivo a Milano dal 1779 o dal 1782 fino alla sua morte, avvenuta nel 1820;

Nel 1801 Salvirch fù nominato primo incisore della zecca milanese e forse nel 1803 primo incisore.

Dai documenti risulta che i disegni del furono eseguiti dal celebre pittore Andrea Appiani.

Il nuovo scudo fù coniato al titolo di denari 10 grani 18 (895,832 millesimi),

perchè ragguagliato allo scudo coniato nel 1778 da Maria Teresa.

In un rapporto del regolatore della zecca Giovan Battista Caldarini leggiamo che la prima emissione

di questo scudo uscì dalla zecca milanese il giorno 28 fruttidoro anno VIII (15 settembre 1800).

Grazie per la descrizione. smile.gif

C'è forse un errore, evidenziato in grassetto.

Complimenti a Fabrizio per l'esemplare in alta conservazione ed un grazie anche a giov60 per le note.

Saluti,

N.

Edited by niko

Share this post


Link to post
Share on other sites

oento

Ciao a tutti,

Sul forum non ho trovato molto riguardo uesto scudo,

vi posto quello che ho preso recentemente, scoprendo con sopresa che è la variante con gli assi ruotati al R/ di 180°.

la patina la trovo stupenda.

In che conservazione è secondo voi?

ciao a tutti,

F.

Questa moneta celebra la vittoria dei francesi sugli austro-russi e l'armistizio di Alessandria, firmato il 27 pratile dell'anno VIII della

Repubblica francese, ossia il 16 Giugno 1800 del calendario gregoriano.

Al rovescio accanto alla figura in piedi, personificazione della Repubblica Cisalpina, vi sono una cicogna, animale sacro alla "Pietas"

nel significato quì di riconoscente devozione, ed una cornucopia, simbolo di abbondanza.

Autore di questa moneta fù Giuseppe Salvirch (o Salwirch) artista di origine tedesca (Langenargen, cittadina tedesca in Svevia)

attivo a Milano dal 1779 o dal 1782 fino alla sua morte, avvenuta nel 1820;

Nel 1801 Salvirch fù nominato primo incisore della zecca milanese e forse nel 1803 primo incisore.

Dai documenti risulta che i disegni del furono eseguiti dal celebre pittore Andrea Appiani.

Il nuovo scudo fù coniato al titolo di denari 10 grani 18 (895,832 millesimi),

perchè ragguagliato allo scudo coniato nel 1778 da Maria Teresa.

In un rapporto del regolatore della zecca Giovan Battista Caldarini leggiamo che la prima emissione

di questo scudo uscì dalla zecca milanese il giorno 28 fruttidoro anno VIII (15 settembre 1800).

Grazie per la descrizione. smile.gif

C'è forse un errore, evidenziato in grassetto.

Complimenti a Fabrizio per l'esemplare in alta conservazione ed un grazie anche a giov60 per le note.

Saluti,

N.

Salve Niko

Grazie per la segnalazione dell'errore, non me ne ero accordo.

Volevo scrivere "fù nominato primo incisore e forse nel 1803 capo incisore"

Share this post


Link to post
Share on other sites

Guest fabrizio.gla

grazie anche a voi per aver contribuito alla discussione apportando ulteriori notizie.

un cordiale saluto,

F.

Share this post


Link to post
Share on other sites
niko

Ciao a tutti,

Sul forum non ho trovato molto riguardo uesto scudo,

vi posto quello che ho preso recentemente, scoprendo con sopresa che è la variante con gli assi ruotati al R/ di 180°.

la patina la trovo stupenda.

In che conservazione è secondo voi?

ciao a tutti,

F.

Questa moneta celebra la vittoria dei francesi sugli austro-russi e l'armistizio di Alessandria, firmato il 27 pratile dell'anno VIII della

Repubblica francese, ossia il 16 Giugno 1800 del calendario gregoriano.

Al rovescio accanto alla figura in piedi, personificazione della Repubblica Cisalpina, vi sono una cicogna, animale sacro alla "Pietas"

nel significato quì di riconoscente devozione, ed una cornucopia, simbolo di abbondanza.

Autore di questa moneta fù Giuseppe Salvirch (o Salwirch) artista di origine tedesca (Langenargen, cittadina tedesca in Svevia)

attivo a Milano dal 1779 o dal 1782 fino alla sua morte, avvenuta nel 1820;

Nel 1801 Salvirch fù nominato primo incisore della zecca milanese e forse nel 1803 primo incisore.

Dai documenti risulta che i disegni del furono eseguiti dal celebre pittore Andrea Appiani.

Il nuovo scudo fù coniato al titolo di denari 10 grani 18 (895,832 millesimi),

perchè ragguagliato allo scudo coniato nel 1778 da Maria Teresa.

In un rapporto del regolatore della zecca Giovan Battista Caldarini leggiamo che la prima emissione

di questo scudo uscì dalla zecca milanese il giorno 28 fruttidoro anno VIII (15 settembre 1800).

Grazie per la descrizione. smile.gif

C'è forse un errore, evidenziato in grassetto.

Complimenti a Fabrizio per l'esemplare in alta conservazione ed un grazie anche a giov60 per le note.

Saluti,

N.

Salve Niko

Grazie per la segnalazione dell'errore, non me ne ero accordo.

Volevo scrivere "fù nominato primo incisore e forse nel 1803 capo incisore"

Grazie per la correzione.

E' proprio una moneta affascinante smile.gif

Saluti,

N.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Guest fabrizio.gla

E' proprio una moneta affascinante smile.gif

Assolutamente!

La cosa che mi lascia stupefatto, è l'atissimo livello dell'incisione, davvero di finissimo stile, seconsideriamo l'epoca...

Sono contento di averla finalmente in collezione, salvo cadute in peccato, questa moneta segna l'inizio temporale

della mia collezione di scudi :)

ciao a tutti,

F.

Share this post


Link to post
Share on other sites
incuso
Staff

Ho integrato le informazioni sulla scheda del catalogo. Bell'esemplare il tuo.

Share this post


Link to post
Share on other sites

rickkk

Veramente bella Fabrizio, complimenti!!!

Share this post


Link to post
Share on other sites

Guest fabrizio.gla

E' proprio una moneta affascinante smile.gif

Assolutamente!

La cosa che mi lascia stupefatto, è l'altissimo livello dell'incisione, davvero di finissimo stile, seconsideriamo l'epoca...

Sono contento di averla finalmente in collezione, salvo cadute in peccato, questa moneta segna l'inizio temporale

della mia collezione di scudi :)

ciao a tutti,

F.

Aggiungo: moneta di prima classe! se pensiamo che molte monete dello stesso periodo hanno invece tanti problemi tecnici, davvero è un bell'esemplare di gran pregio :)

ciao a tutti, :)

F.

mo

Edited by fabrizio.gla

Share this post


Link to post
Share on other sites
oento

E' proprio una moneta affascinante smile.gif

Assolutamente!

La cosa che mi lascia stupefatto, è l'atissimo livello dell'incisione, davvero di finissimo stile, seconsideriamo l'epoca...

Sono contento di averla finalmente in collezione, salvo cadute in peccato, questa moneta segna l'inizio temporale

della mia collezione di scudi :)

ciao a tutti,

F.

Leggevo che questo scudo, per via dell'altissimo livello dell' incisione (praticamente accomunato allo stesso livello di una medaglia)

è stato immediatamente tesaurizzato .

Share this post


Link to post
Share on other sites

Stefanolecce

più che una moneta a me pare una medaglia..Uno splendore!

I miei complimenti!

Share this post


Link to post
Share on other sites

forza_italia

Veramente bello questo tuo scudo, complimenti :)

Share this post


Link to post
Share on other sites

Guest fabrizio.gla

La salute è ancora un po instabile, e così sto ripassando in rassegna fotografica alcune mie monete.

E' arrivato anche il turno dello scudo da 6 Lire. L'illuminazione non è il massimo, ma almeno la foto rende l'idea della bella patina omogenea.

E' interessante come al R/ siano ancora visibili i segni dovuti al conio, che in controluce risaltano molto sulla patina.

Un saluto,

F.

6L-Cisalpina-D.jpg

6L-Cisalpina-R.jpg

Edited by fabrizio.gla

Share this post


Link to post
Share on other sites
Ghera

Non c'è confronto con le precedenti foto :D

Complimenti per l'esemplare ! ;)

Share this post


Link to post
Share on other sites

min_ver

Un autentico capolavoro per l'epoca. Esemplare di superba conservazione. Eccellente.

Share this post


Link to post
Share on other sites

picchio

La variante non è unicamente l'asse di rotazione dei conii ma la differente spaziatura della legenda, l'utilizzo di differenti "set" di punzoni con le lettere piane e co le lettere biforcate. Nell'impronta vi è un conio che utilizza il l'elmo crestato con un gallo di dimensioni minori.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Guest fabrizio.gla

La variante non è unicamente l'asse di rotazione dei conii ma la differente spaziatura della legenda, l'utilizzo di differenti "set" di punzoni con le lettere piane e co le lettere biforcate. Nell'impronta vi è un conio che utilizza il l'elmo crestato con un gallo di dimensioni minori.

Interessante questa cosa! Grazie per l'informazione.

In effetti facendo dovuti e minuziosi paragono con diversi esemplari, avevo notato una differenza nei dettagli del gallo.

Avrebbe per caso delle foto che mettono in evidenza queste varianti? Sarebbe bello poterle mettere a confronto.

Ancora grazie per l'interessante spunto :)

Fabrizio

Share this post


Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...
Sign in to follow this  

Lamoneta.it

La più grande comunità online di numismatica e monete. Studiosi, collezionisti e semplici appassionati si scambiano informazioni e consigli sul fantastico mondo della numismatica.

Hai bisogno di aiuto?

×
×
  • Create New...

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue., dei Terms of Use e della Privacy Policy.