Benvenuto su Lamoneta.it - Numismatica, monete, collezionismo

Benvenuti su laMoneta.it, il più grande network di numismatica e storia
Registrandoti ora avrai accesso a tutte le funzionalità della piattaforma. Potrai creare discussioni, rispondere, premiare gli utenti che preferisci, utilizzare il sistema di messaggistica privata, inviare messaggi di stato, configurare il tuo profilo... Se già sei un utente registrato, Entra - altrimenti Registrati oggi stesso!

Accedi per seguire questo  
Follower 0
Ramossen

Ah! questi periti

29 risposte in questa discussione

Inviato (modificato)

Buongiorno, non so se sia già stato fatto in passato ma vorrei aprire una discussione sul metro di giudizio utilizzato dai diversi periti nelle loro stime; facendo salva l'assoluta certezza nella loro probietà, ho notato che esistono per ognuno di loro metodi diversi di stima, c'è chi tende a sottovalutare alcuni difetti e a penalizzarne eccessivamente altri, chi è influenzato dalla rarità deli'oggetto e chi no, un pochino tutti sono di manica più larga verso alcune monetizzazioni e più severi verso altre quasi come se esistessero, cosi come per i critici d'arte, diverse scuole di pensiero influenzate sia dalla propria formazione professionale sia da una propria filosofia e perchè no, dalle proprie tendenze politiche.

Voi come vi comportate con loro? Io per esempio dopo due o tre esperienze negative con uno di essi ho deciso di non acquistare più monete chiuse da lui (vedi discussione in corso: Stati Preunitari-Governo provv. di lombardia oppure VE III 5 Lire 1911), non per sfiducia ma perchè il suo metro di misura non coincide con il mio e dunque non mi soddisfa, verso un altro ancora mi muovo un po' con i piedi di piombo comunque non ho trovato ancora un perito al 100% in linea con il mio modo di vedere le cose. voi come vi comportate? Senza fare nomi avete dei periti dei quali confidate ad occhi chiusi ed altri di cui vi fidate un po' meno, avete trovato la vostra anima gemella oppure no? Oppure pensate che ognuno di noi è un isola e che le perizie siano utili solo per le compravendite e che il solo giudizio valido per oguno di noi è il proprio?

Modificato da Ramossen

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Buongiorno, non so se sia già stato fatto in passato ma vorrei aprire una discussione sul metro di giudizio utilizzato dai diversi periti nelle loro stime; facendo salva l'assoluta certezza nella loro probietà, ho notato che esistono per ognuno di loro metodi diversi di stima, c'è chi tende a sottovalutare alcuni difetti e a penalizzarne eccessivamente altri, chi è influenzato dalla rarità deli'oggetto e chi no, un pochino tutti sono di manica più larga verso alcune monetizzazioni e più severi con altre quasi come se esistessero, come per i critici d'arte, diverse scuole di pensioro influenzate sia dalla propria formazione professionale sia da una propria filosofia e perchè no, dalee proprie tendenze politiche.

Voi come vi comportate con loro? Io per esempio dopo due o tre esperienze negative con uno di essi ho deciso di non acquistare più monete chiuse da lui (vedi discussione in corso: Stati Preunitari-Governo provv. di lombardia oppure VE III 5 Lire 1911), non per sfiducia ma perchè il suo metro di misura non coincide con il mio e dunque non mi soddisfa, verso un altro ancora mi muovo un po' con i piedi di piombo e non ho trovato ancora un perito al 100% in linea con il mio modo di vedere le cose. voi come vi comportate? Senza fare nomi avete dei periti dei quali confidate ad occhi chiusi ed altri di cui vi fidate un po' meno, avete trovato la vostra anima gemella o no? Oppure pensate che ognuno di noi è un isola e che le perizie siano utili solo per le compravendite e che iol solo giudizio valido per oguno di noi è il proprio?

Sono sincero....non vedo dove stia il problema.

Da quanto leggo sei (posso darti del tu ?) in grado di stabilire autonomamente la conservazione di una moneta, di apprezzarne i pregi ma di constatarne anche i difetti.

Perché quindi escludere un pezzo solo perché periziato da Tizio ? Se una moneta ti piace non la acquisti solo perché il perito Tizio la giudica q.SPL mentre per te é BB ?

Devi valutare la moneta, non la perizia.....

Questa ricerca poi del perito in linea col tuo pensiero.....posso essere nuovamente sincero ? Ma chi ti dice che sia tu dalla parte della "ragione" (il virgolettato é d'obbligo, trattandosi di un giudizio personale) oppure, ma chi ti dice che lo troverai, un perito che la pensi come te ?

A mio avviso le perizie servono unicamente in taluni frangenti:

1) ad essere sicuro che quanto si sta acquistando sia effettivamente autentico (condizione primaria)

2) nel caso si volesse cedere la moneta ad un altro collezionista, così da fornirgli le garanzie del caso (vedasi punto 1)

3) Per far meglio comprendere a chi riceverà un domani la nostra collezione che non si tratta di "paccottiglia", di cose di poco conto, di monete false, come taluni commercianti senza scrupoli potrebbero cercare di far credere.

Per il resto credo che molti collezionisti, come te ad esempio, potrebbero essere i migliori periti per se stessi...

Saluti

Alberto

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Inviato (modificato)

Buongiorno e grazie per la tua autorevole risposta.

In realtà mi confermi quanto ho sottolineato alla fine del mio intervento d'apertura, in definitiva le perizie servono solo a garantire l'autenticità e come viatico per una futura vendita pero' è altrettanto vero che se intendiamo acquistiare una moneta valutata come SPL o siamo d'accordo con la valutazione espressa e la paghiamo per tale oppure......rinunciamo all'acquisto, quindi un'unità di valutazione con i vari periti serve sia a garantirci l'autenticità (anche se alcune volte......) sia a livello economico per acquistare le varie monete a quello che è soggettivamente il giusto prezzo. Questo è un problema particolarmente sentito da chi come me acquista molto on-line (io per il momento vivo all'estero e l'acquisto on-line è quasi una scelta obbligata), spesso valutare dalle foto è molto difficile e sarebbe utile il conforto del giudizio dei periti, ma se i periti periziano soggettivamente male? Ecco dunque la scelta di acquistare o non acquistare più a prescindere monete chiuse da Tizio o Caio e affidarsi piuttosto a monete chiuse da Sempronio

Cordiali saluti

Modificato da Ramossen

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Non posso che approvare in pieno quanto scritto da Alberto Varesi.

Forse sarà che non colleziono Regno e Repubblica ,ma la "Perizia" me la faccio da solo. Specialmente sulle medioevali e preunitarie , quelli che per qualcuno potrebbero essere difetti per qualcun'altro non lo sono.Solitamente guardo la moneta e la giudico,indipendentemente da quello che sta scritto .

Odio le monete inscatolate. Qualche tempo fa ho trafficato per un'ora per estrarre un tallero da una scatoletta americana,. e mi sono chiesto con che razza di plastica le fanno queste scatolette,che ci vogliono seghetti,pinze,martello ,col rischio di fare qualche graffio.

Addirittura ho letto sul BN della cgb che se si compra da loro una moneta inscatolata e lo si chiede ,la "disinscatolettano" loro gratis.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Supporter

Buongiorno, non so se sia già stato fatto in passato ma vorrei aprire una discussione sul metro di giudizio utilizzato dai diversi periti nelle loro stime; facendo salva l'assoluta certezza nella loro probietà, ho notato che esistono per ognuno di loro metodi diversi di stima, c'è chi tende a sottovalutare alcuni difetti e a penalizzarne eccessivamente altri, chi è influenzato dalla rarità deli'oggetto e chi no, un pochino tutti sono di manica più larga verso alcune monetizzazioni e più severi con altre quasi come se esistessero, come per i critici d'arte, diverse scuole di pensioro influenzate sia dalla propria formazione professionale sia da una propria filosofia e perchè no, dalee proprie tendenze politiche.

Voi come vi comportate con loro? Io per esempio dopo due o tre esperienze negative con uno di essi ho deciso di non acquistare più monete chiuse da lui (vedi discussione in corso: Stati Preunitari-Governo provv. di lombardia oppure VE III 5 Lire 1911), non per sfiducia ma perchè il suo metro di misura non coincide con il mio e dunque non mi soddisfa, verso un altro ancora mi muovo un po' con i piedi di piombo e non ho trovato ancora un perito al 100% in linea con il mio modo di vedere le cose. voi come vi comportate? Senza fare nomi avete dei periti dei quali confidate ad occhi chiusi ed altri di cui vi fidate un po' meno, avete trovato la vostra anima gemella o no? Oppure pensate che ognuno di noi è un isola e che le perizie siano utili solo per le compravendite e che iol solo giudizio valido per oguno di noi è il proprio?

Sono sincero....non vedo dove stia il problema.

Da quanto leggo sei (posso darti del tu ?) in grado di stabilire autonomamente la conservazione di una moneta, di apprezzarne i pregi ma di constatarne anche i difetti.

Perché quindi escludere un pezzo solo perché periziato da Tizio ? Se una moneta ti piace non la acquisti solo perché il perito Tizio la giudica q.SPL mentre per te é BB ?

Devi valutare la moneta, non la perizia.....

Questa ricerca poi del perito in linea col tuo pensiero.....posso essere nuovamente sincero ? Ma chi ti dice che sia tu dalla parte della "ragione" (il virgolettato é d'obbligo, trattandosi di un giudizio personale) oppure, ma chi ti dice che lo troverai, un perito che la pensi come te ?

A mio avviso le perizie servono unicamente in taluni frangenti:

1) ad essere sicuro che quanto si sta acquistando sia effettivamente autentico (condizione primaria)

2) nel caso si volesse cedere la moneta ad un altro collezionista, così da fornirgli le garanzie del caso (vedasi punto 1)

3) Per far meglio comprendere a chi riceverà un domani la nostra collezione che non si tratta di "paccottiglia", di cose di poco conto, di monete false, come taluni commercianti senza scrupoli potrebbero cercare di far credere.

Per il resto credo che molti collezionisti, come te ad esempio, potrebbero essere i migliori periti per se stessi...

Saluti

Alberto

Come non quotare Alberto, pienamente d' accordo.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Buongiorno e grazie per la tua autorevole risposta.

In realtà mi confermi quanto ho sottolineato alla fine del mio intervento d'apertura, in definitiva le perizie servono solo a garantire l'autenticità e come viatico per una futura vendita pero' è altrettanto vero che se intendiamo acquistiare una moneta valutata come SPL o siamo d'accordo con la valutazione espressa e la paghiamo per tale oppure......rinunciamo all'acquisto, quindi un'unità di valutazione con i vari periti serve sia a garantirci l'autenticità (anche se alcune volte......) sia a livello economico per acquistare le varie monete a quello che è soggettivamente il giusto prezzo. Questo è un problema particolarmente sentito da chi come me acquista molto on-line (io per il momento vivo all'estero e l'acquisto on-line è quasi una scelta obbligata), spesso valutare dalle foto è molto difficile e sarebbe utile il conforto del giudizio dei periti, ma se i periti periziano soggettivamente male? Ecco dunque la scelta di acquistare o non acquistare più a prescindere monete chiuse da Tizio o Caio e affidarsi piuttosto a monete chiuse da Sempronio

Cordiali saluti

Certamente, nell'impossibilità di esaminare "de visu" il pezzo prima dell'acquisto - come nel caso di un acquisto on-line - la valutazione espressa del Perito assume altra importanza.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Supporter

Credo che non sia la prima - né sarà l'ultima - che ci occupiamo di questo argomento. Noi vorremmo che il giudizio del perito fosse sempre coincidente con il nostro, e quando ciò non avviene dubitiamo delle sue capacità. Credo che ciascuno di noi - dopo decenni di esperienza - sia in grado di valutare una moneta da acquistare, tranne - ovvio - nel caso di monete particolarmente rare. E poi, in fin dei conti, il sostantivo "perito" significa "chi, per la sua particolare competenza, tecnica, può pronunciare pareri e giudizi". Appunto...pareri e non sentenze inappellabili.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Personalmente non vedo proplemi particolari con i giudizi dei periti visto che siamo noi stessi a valutare le monete.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Anche io non mi faccio molti problemi sul giudizio dei periti, ma sono sempre interessato a sapere perche` hanno dato tale giudizio. L'importante e` essere in grado di avere un parere personale; secondo me le perizie servono piu` che altro ad attestare l'autenticita` delle monete, specie quelle importanti.

Lorenzo

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Buongiorno, non so se sia già stato fatto in passato ma vorrei aprire una discussione sul metro di giudizio utilizzato dai diversi periti nelle loro stime; facendo salva l'assoluta certezza nella loro probietà, ho notato che esistono per ognuno di loro metodi diversi di stima, c'è chi tende a sottovalutare alcuni difetti e a penalizzarne eccessivamente altri, chi è influenzato dalla rarità deli'oggetto e chi no, un pochino tutti sono di manica più larga verso alcune monetizzazioni e più severi con altre quasi come se esistessero, come per i critici d'arte, diverse scuole di pensioro influenzate sia dalla propria formazione professionale sia da una propria filosofia e perchè no, dalee proprie tendenze politiche.

Voi come vi comportate con loro? Io per esempio dopo due o tre esperienze negative con uno di essi ho deciso di non acquistare più monete chiuse da lui (vedi discussione in corso: Stati Preunitari-Governo provv. di lombardia oppure VE III 5 Lire 1911), non per sfiducia ma perchè il suo metro di misura non coincide con il mio e dunque non mi soddisfa, verso un altro ancora mi muovo un po' con i piedi di piombo e non ho trovato ancora un perito al 100% in linea con il mio modo di vedere le cose. voi come vi comportate? Senza fare nomi avete dei periti dei quali confidate ad occhi chiusi ed altri di cui vi fidate un po' meno, avete trovato la vostra anima gemella o no? Oppure pensate che ognuno di noi è un isola e che le perizie siano utili solo per le compravendite e che iol solo giudizio valido per oguno di noi è il proprio?

Sono sincero....non vedo dove stia il problema.

Da quanto leggo sei (posso darti del tu ?) in grado di stabilire autonomamente la conservazione di una moneta, di apprezzarne i pregi ma di constatarne anche i difetti.

Perché quindi escludere un pezzo solo perché periziato da Tizio ? Se una moneta ti piace non la acquisti solo perché il perito Tizio la giudica q.SPL mentre per te é BB ?

Devi valutare la moneta, non la perizia.....

Questa ricerca poi del perito in linea col tuo pensiero.....posso essere nuovamente sincero ? Ma chi ti dice che sia tu dalla parte della "ragione" (il virgolettato é d'obbligo, trattandosi di un giudizio personale) oppure, ma chi ti dice che lo troverai, un perito che la pensi come te ?

A mio avviso le perizie servono unicamente in taluni frangenti:

1) ad essere sicuro che quanto si sta acquistando sia effettivamente autentico (condizione primaria)

2) nel caso si volesse cedere la moneta ad un altro collezionista, così da fornirgli le garanzie del caso (vedasi punto 1)

3) Per far meglio comprendere a chi riceverà un domani la nostra collezione che non si tratta di "paccottiglia", di cose di poco conto, di monete false, come taluni commercianti senza scrupoli potrebbero cercare di far credere.

Per il resto credo che molti collezionisti, come te ad esempio, potrebbero essere i migliori periti per se stessi...

Saluti

Alberto

Puro Vangelo.

Anch'io faccio spesso periziare le monete, ma proprio per le finalità indicate dal carissimo Varesi.

Tanti cari saluti.

Giulio

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

1) ad essere sicuro che quanto si sta acquistando sia effettivamente autentico (condizione primaria)

2) nel caso si volesse cedere la moneta ad un altro collezionista, così da fornirgli le garanzie del caso (vedasi punto 1)

3) Per far meglio comprendere a chi riceverà un domani la nostra collezione che non si tratta di "paccottiglia", di cose di poco conto, di monete false, come taluni commercianti senza scrupoli potrebbero cercare di far credere.

quoto appieno il grande Varesi, sono proprio i motivi per cui tengo alcune monete periziata!

... ed è anche l'unico motivo per sopportare una moneta castigata in una bustina :(

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

La perizia, come già espresso da chi mi ha preceduto, serve a garantire l'autenticità del pezzo in questione.

Proprio per questo non faccio trascrivere sul cartellino la conservazione della moneta.

Il parere del perito diventa determinante, a mio avviso, quando questi coincide con il venditore in quanto determina il prezzo della moneta.

Saluti.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

... ed è anche l'unico motivo per sopportare una moneta castigata in una bustina :(

Anche a me non piacciono le monete chiuse in una bustina.

Comunque esistono le perizie fotografiche ( a dire il vero poco usate) come si fa con altri oggetti d'arte.

Saluti.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Supporter

Buongiorno e grazie per la tua autorevole risposta.

In realtà mi confermi quanto ho sottolineato alla fine del mio intervento d'apertura, in definitiva le perizie servono solo a garantire l'autenticità e come viatico per una futura vendita pero' è altrettanto vero che se intendiamo acquistiare una moneta valutata come SPL o siamo d'accordo con la valutazione espressa e la paghiamo per tale oppure......rinunciamo all'acquisto, quindi un'unità di valutazione con i vari periti serve sia a garantirci l'autenticità (anche se alcune volte......) sia a livello economico per acquistare le varie monete a quello che è soggettivamente il giusto prezzo. Questo è un problema particolarmente sentito da chi come me acquista molto on-line (io per il momento vivo all'estero e l'acquisto on-line è quasi una scelta obbligata), spesso valutare dalle foto è molto difficile e sarebbe utile il conforto del giudizio dei periti, ma se i periti periziano soggettivamente male? Ecco dunque la scelta di acquistare o non acquistare più a prescindere monete chiuse da Tizio o Caio e affidarsi piuttosto a monete chiuse da Sempronio

Cordiali saluti

Pienamente d'accordo con quanto sostenuto da Varesi, senza ombra di dubbio.

Non bisogna però sottovalutare quanto Ramossen sostiene qui sopra.

Se un pezzo è stato sigillato SPL come tale e a quel prezzo verrà venduto.

Se per me è un BB/SPL ho pochi margini di trattativa rispetto a quanto sostenuto da un perito.

Per certe monete le differenze di prezzo sono rilevanti.....e se ho ragione io?

L'unica conclusione è non acquistare il pezzo per non pagarlo più del dovuto.........

Un saluto

M.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Personalmente mi interessa relativamente il giudizio di chi ha chiuso la moneta , preferisco basarmi sui mei occhi e sulla richiesta economica del venditore

Se il prezzo c'e' e la moneta e' di mio gradimento si acquista se no si passa

La sigillatura mi va bene quale conferma dell' autenticita' da parte del perito , il giudizio sul cartellino e' e sara' sempre discutibile e opinabile

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Supporter

Buon pomeriggio

Temo che il perito numismatico, alla stessa stregua dei periti di oggetti d'arte e di antiquariato, siano una categoria di periti "anomali"; senza dubbio più soggetti alle critiche dei committenti, del mercato in generale e - non me ne vogliate - più "sfigat..." perchè ogni volta che si apprestano ad eseguire il loro compito, sanno che potranno trovarsi in disaccordo con qualche milione di collezionisti tutti "periti numismatici" ;)

Perdonate la battuta, se guardiamo al mondo dell'industria o del commercio, posso trovarmi a dover periziare degli immobili, dei macchinari industriali, dei veicoli, dei natanti, dei semplici terreni agricoli, ecc. ecc. Per ognuno di questi campi, ci sono periti generalisti e specializzati (soprattutto adottati dalle compagnie di assicurazioni); difficilmente un perito di macchinari del settore petrolchimico si cimenterà a periziare un immobile commerciale e così il contrario.

Se faccio valutare una pressa metallica ad un perito, questi mi dirà se è conforme agli standard attuali di utilizzo, al tempo sperato di vita considerata da data di costruzione, al valore del suo stato d'uso ed il valore commerciale. Nella sua complicatezza, è un compito certamente più facile di quanto debba valutare un perito di oggetti d'arte o di antiquariato o di monete....

La pressa la si usa indifferentemente a tutte le latitudini, nel proprio campo di applicazione e non è soggetta a mode o maggior gradimento del pubblico.

Dal perito numismatico ci si aspetta che sia un tuttologo, sapendo che ciò è impossibile; penso che ogni perito numismatico abbia dei "campi" a lui più congeniali, sarà sicuramente più edotto e più "sofisticato" nel periziare monete rientranti in tali campi rispetto ad altre che perizierà in maniera più "grossolana" se rientranti in campi da lui meno frequentati. E' in questa fase che possono crearsi alcuni dispiaceri....

Vi esorto a meditare su un caso tipico.

Ho una ribaltina veneziana del 700, molto richiesta nel nord Italia e quindi molto apprezzata. Se la portassi a valutare da un perito palermitano, in una piazza dove, notoriamente, quella ribaltina non se la "fila nessuno" che giudizio potrei avere? E se portassi ad un perito veneziano un mobile rococò da valutare, sarei sicuro della sua obiettiva valutazione?

Certo mi spetterei che entrambi mi dicessero se il mobile è autentico, ma per il resto????

Allo stesso modo dal perito numismatico ci si deve aspettare che riconosca il falso; il resto è influenzato da tantissimi fattori e quindi soggetto ad interpretazioni, ciascuna derivante dalla cultura del perito, dalla sua sensibilità, dalla conoscenza del mercato (non solo locale), dal tipo di moneta e dal gradimento che questa ha nel pubblico numismatico.

E' il lato "umano" del nostro perito, fallace come tutti e che - certamente - il perito di presse meccaniche ha moooooolto meno.

Scusate se sono stato prolisso.

Saluti

Luciano

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

io non sono d'acordo con periti .

su 10 monete 2 sbaglia se non di piu.

sul fato che se la moneta piace no ha importanza in che conservazione e la moneta.

le persone che rispondono in questa discusione qui , sono tutti comerciant o periti.

io ho delusione dai periti preferisco periziarle da me.

non sono d'acordo che se la moneta da un perito e SPL e dal altro perito e BB/SPL, fai perito se sei in grado di farla, altrimenti lascia a chi e di competenza;)

mi scuo ma non sono d'acordo con cio che scrivono i periti, solo alcuni sono bravi ma non facio i nomi.

i veri bravi periti hano 40 anni di esperienza alle spale, non queli periti moderni che valuta la moneta SPL la valuta BB

mi scuso con i profesionisti ma io la vedo cosi.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Supporter

un pochino tutti sono di manica più larga verso alcune monetizzazioni e più severi verso altre quasi come se esistessero, cosi come per i critici d'arte, diverse scuole di pensiero influenzate sia dalla propria formazione professionale sia da una propria filosofia

Questo, che condivido, non è vero soltanto per i periti, però. Mi sembra che molti lo facciano anche qui.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Supporter

A mio avviso le perizie servono unicamente in taluni frangenti:

1) ad essere sicuro che quanto si sta acquistando sia effettivamente autentico (condizione primaria)

Credo che questa dovrebbe essere la funzione primaria di una perizia. Rivolgersi ad un esperto di una data monetazione, per garantirne l'autenticità. Il problema (ovvio) è che non si può essere esperti in tutte le monetazioni.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Supporter

:( :( :(

Non vorrei mai che il mio "pistolotto" precedente risponda a logiche di consorteria. ;)

Giuro, non sono né commerciante, né perito (sono una minaccia? :lol: ) ma sono solamente un impiegato.

Saluti

Luciano

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

A mio avviso le perizie servono unicamente in taluni frangenti:

1) ad essere sicuro che quanto si sta acquistando sia effettivamente autentico (condizione primaria)

Credo che questa dovrebbe essere la funzione primaria di una perizia. Rivolgersi ad un esperto di una data monetazione, per garantirne l'autenticità. Il problema (ovvio) è che non si può essere esperti in tutte le monetazioni.

Concordo, ma come non pensare che il buon venditore sia interessato a far periziare la moneta con manica larga per guadagnare sulla vendita. Lecita quindi la discussione di Ramossen, per il resto concordo con Littore in quanto sono molto favorevole alle perizie fotografiche che ormai dovrebbero rimpiazzare le poco pratiche in bustina.

Saluti a tutti

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Supporter

A mio avviso le perizie servono unicamente in taluni frangenti:

1) ad essere sicuro che quanto si sta acquistando sia effettivamente autentico (condizione primaria)

Credo che questa dovrebbe essere la funzione primaria di una perizia. Rivolgersi ad un esperto di una data monetazione, per garantirne l'autenticità. Il problema (ovvio) è che non si può essere esperti in tutte le monetazioni.

Concordo, ma come non pensare che il buon venditore sia interessato a far periziare la moneta con manica larga per guadagnare sulla vendita. Lecita quindi la discussione di Ramossen, per il resto concordo con Littore in quanto sono molto favorevole alle perizie fotografiche che ormai dovrebbero rimpiazzare le poco pratiche in bustina.

Saluti a tutti

Questa sarebbe, semplicemente, connivenza, truffa, etc. I ladri esistono e sono tanti, si sa, ma questo è un altro discorso. D'altronde quando cercano di venderti come rare le 1000 lire mappa sbagliata o ti spacciano per medioevale una moneta con millesimo 1814.... O quando ti dicono: 1 euro, il pezzo e quando provi a pagare: a beh, queste no....... non c'è bisogno di perizia per cercare di fregarti. Riuscirci è un altro discorso

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Bisogna cercare di rendersi conto da soli della conservazione di una moneta, finchè non si sarà in grado di affrancarsi dai giudizi di una terza persona si sarà sempre passibili di fregature. Una sigilaltura è nel 90% dei casi un semplice parere commerciale e serve per vendere meglio una moneta online. Credo che chiunque abbia un minimo di esperienza e compri dal vivo, di una perizia se ne faccia meno di niente. Personalmente le monete di una certa importanza le compro solo da persone fidate, e che siano periziate non mi interessa. Quando il valore supera un tot, chiedo al venditore che mi faccia periziare la moneta, ma questo dopo che l'accordo è già stato preso. In quel caso la perizia diventa una sorta di garanzia a mio favore nel caso debba rivendere la moneta (non succederà mai, ma serve a farmi stare più tranquillo).

Per monete di valore più basso che acquisto tramite Internet la perizia non mi serve, se la fotografia è sufficientemente interpretabile. Se non lo è, evito proprio di acquistare.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Inviato (modificato)

Scusate se mi allaccio a questa discussione, volevo chiedere che cosa è la "Valutazione" della moneta? In un Negozio numismatico c'è scritto che si fanno sia perizie che valtazioni ma queste ultime a cosa servono a dire il solo valore commerciale in base allo stato di conservazione oppure ad analizzare proprio lo stato? O cosa?

Modificato da Erdrückt

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Inviato (modificato)

Personalmente mi interessa relativamente il giudizio di chi ha chiuso la moneta , preferisco basarmi sui mei occhi e sulla richiesta economica del venditore

Se il prezzo c'e' e la moneta e' di mio gradimento si acquista se no si passa

La sigillatura mi va bene quale conferma dell' autenticita' da parte del perito , il giudizio sul cartellino e' e sara' sempre discutibile e opinabile

Concordo pienamente, vedo il giudizio di chi ha chiuso la moneta e poi preferisco basarmi sui miei occhi e sul valore/prezzo richiesto.

La sigillatura o la perizia fotografica mi garantisce l'autenticità.

Modificato da oento

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

You need to be a member in order to leave a comment

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra comunità. È facile!


Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.


Accedi Ora
Accedi per seguire questo  
Follower 0

Lamoneta.it

La più grande comunità online di numismatica e monete. Studiosi, collezionisti e semplici appassionati si scambiano informazioni e consigli sul fantastico mondo della numismatica.

Hai bisogno di aiuto?