Vai al contenuto
  • Sky
  • Blueberry
  • Slate
  • Blackcurrant
  • Watermelon
  • Strawberry
  • Orange
  • Banana
  • Apple
  • Emerald
  • Chocolate
  • Charcoal
Accedi per seguire questo  
eracle62

Pio IX prima ferrovia Pontificis

Risposte migliori

eracle62

Volevo sottoporvi questa affascinante medaglia in astuccio originale, peccato per qualche colpetto :( kb99c5.jpg

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

petronius arbiter

Bellissima, complimenti! :D

La prima linea ferroviaria pontificia fu la Roma-Frascati, inaugurata il 7 luglio 1856, e aperta al pubblico esercizio il 14 dello stesso mese.

Nella foto, il manifesto inaugurale.

petronius :)

post-206-1279475960,79_thumb.jpg

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

fabio22

La medaglia in oggetto è un'eccelsa opera di Pietro Girometti è ritenuta molto rara, nonstante la tiratura di ben 3221 esemplari; :blink: Infatti priprio per la bellezza è la più ricercata medaglia annuale del Pontificato di Pio IX (è probabile anche che una discreta porzione degli esemplari coniati sia stata fusa). :D E non è facile da trovare in così splendide condizioni. Raro anche il cofanetto.

la puoi trovare catalogata al seguente link : http://numismatica-italiana.lamoneta.it/moneta/W-AE912/1

dove puoi inserire le Tue immagini.

Fabio22 :)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

MARCO B

Bellissima medaglia e scatola originale ben conservata . . . complimanti

Saluti

Marco

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

fabio22

Voglio aggiungere qualche osservazione sul V della medaglia che conserva una rappresentazione allegorica di livello artistico paragonabile al migliore Barocco, ma di stile neoclassico.

Il V della medaglia è la rappresentazione simbolica dello sviluppo commerciale che lo Stato avrà in forza della costruzione della nuova linea ferroviaria.

L'angelo con caduceo (che rappresentava nell'antichità il Dio Hermes associato appunto al trasporto e al commercio) che siede su una locomotiva a vapore (elemento tecnologico - primo e assai raro nella rappresentazione nelle medaglie papali annuali che verrà ripreso, solo il secolo successivo, da Pio XI) e sullo sfondo, a sx, il Prospetto della Basilica Vaticana.

La composizione che ne risulta è un perfetto equilibrio di elementi e di forme.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

francesco77

Ottima medaglia, già ne ho già avvistata una simile da un'altra parte e mi sono prefissato di metterla in collezione al più presto. Ovviamente, vista la tiratura di oltre 3200 esemplari, spero di prenderla senza colpetti anche se a dire il vero ne ho notate diverse con questa pecca.

E' inutile aggiungere che l'esemplare di eracle62 è davvero piacevole e con i fondi lucenti, peccato per il bordo, altrimenti mi sarei fatto una capatina a Milano.

Volevo chiedere a Fabio22 alcune delucidazioni sugli astucci per le papali ottocentesche. Le medaglie annuali erano distribuite in astuccio all'epoca o si tratta di un accessorio fatto su ordinazione e quindi estremamente raro da reperire? Se la risposta alla prima ipotesi dovesse essere affermativa: orientativamente, quante ne sono, in percentuale, reperibili con astuccio?

L'astuccio postato da eracle62 mi sembra che sia quello della medaglia, non sembra adattato, dico bene?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

fabio22

Caro Francesco77,

Ti garantisco, come già anticipato, che nonstante la tiratura dichiarata, La medaglia in oggetto non è semplice da reperire genericamente e ancora meno in queste condizioni.

L'astuccio, a mio parere, è certamente originale ed è sicuramente più raro della medaglia!

Se ne parlava in altre discussioni sul tema degli astucci Papali qualche mese fa.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

eracle62

Appena la vidi fù amore a prima vista quel rovescio mi ricordava le splerndide allegorie delle megìdaglie borboniche, mi sembrò una medaglia meno austera del solito.

E poi quell'astuccio......... :blink:

Grazie Fabio per l'ottimo contributo.

P.S. Caro Francesco avresti fatto un viaggio a vuoto sai benissimo che vivo a Tebe................ :lol: :lol: :lol:

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

francesco77

Caro Francesco77,

Ti garantisco, come già anticipato, che nonstante la tiratura dichiarata, La medaglia in oggetto non è semplice da reperire genericamente e ancora meno in queste condizioni.

L'astuccio, a mio parere, è certamente originale ed è sicuramente più raro della medaglia!

Se ne parlava in altre discussioni sul tema degli astucci Papali qualche mese fa.

Sono convinto che parecchie medaglie papali finirono sul crogiuolo, meno di quelle napoletane però. Su quelle napoletane-borboniche ci fu una vera e propria damnatio memoriae, pensa che molte napoletane si conoscono solo in bronzo. E' vero che quelle papali vennero coniate in gran numero ma è anche vero che per devozione religiosa di molti collezionisti non vennero distrutte. Esistono alcune medaglie borboniche che dai documenti ufficiali si parla di 50 esemplari in argento coniati e 12 in oro .......... risultato ........ ad oggi non se ne conosce nessuno in oro e al massimo 4-5 in argento. Un delitto di lesa antichità ph34r.gif

Le medaglie papali, dopo quelle napoletane, sono quelle che mi attraggono di più e per ora di papali ne ho una trentina soltanto del XIX secolo (fino al 1870, oltre non vado).

Questa della prima ferrovia pontificia è molto affascinante e trovo molto interessanti le notizie riportate nell'opera di Modesti.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

fabio22

Sono convinto che la raccolta di medaglie Napoletane sia fantastica e, come ben mi insegni, ha vari punti di contatto con quella Papale ( vi sono stati grandi maestri incisori a Napoli! ). Ma penso che la collezione Pontificia sia rivolta ad un bacino collezionistico internazionale o almeno può ambirlo.

Ho visto una decisa tendenza al rialzo (nelle ultime aste) che mi fà pensare ad una maggior attenzione estera per il settore, forse indotto (e anche guidato) dagli ultimi due Pontificati. -Interessanti gli articoli curati da Camerlengo - Le recenti aste di Medaglie Papali - ai quali Vi rimando.

Ma ci sono anche Papali di cotanta rarità, non sono le annuali in Ag dell'otto-novecento (per fortuna) !! :)

Prova a scorrere il catalogo, troverai medaglie di Pio IX (non di particolare pregio artistico) ma emesse, a volte, anche in un solo esemplare. :o

Ma anche nel '600 ricordo per esempio alcune (stavolta annuali) di Urbano VIII, in Ae emesse in 100 pezzi. Sono rarissime te ne capita di vederne una ogni lustro (se originale e non riconio).

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

francesco77

Sono convinto che la raccolta di medaglie Napoletane sia fantastica e, come ben mi insegni, ha vari punti di contatto con quella Papale ( vi sono stati grandi maestri incisori a Napoli! ). Ma penso che la collezione Pontificia sia rivolta ad un bacino collezionistico internazionale o almeno può ambirlo.

Ho visto una decisa tendenza al rialzo (nelle ultime aste) che mi fà pensare ad una maggior attenzione estera per il settore, forse indotto (e anche guidato) dagli ultimi due Pontificati. -Interessanti gli articoli curati da Camerlengo - Le recenti aste di Medaglie Papali - ai quali Vi rimando.

Ma ci sono anche Papali di cotanta rarità, non sono le annuali in Ag dell'otto-novecento (per fortuna) !! smile.gif

Prova a scorrere il catalogo, troverai medaglie di Pio IX (non di particolare pregio artistico) ma emesse, a volte, anche in un solo esemplare. ohmy.gif

Ma anche nel '600 ricordo per esempio alcune (stavolta annuali) di Urbano VIII, in Ae emesse in 100 pezzi. Sono rarissime te ne capita di vederne una ogni lustro (se originale e non riconio).

Quoto pienamente con Fabio22, scusate la mia provocazione, penso che oggigiorno, con i prezzi stellari che stanno raggiungendo le monete in generale, molta gente si stia avvicinando alle medaglie, inizialmente per speculazione ma ............. quando poi iniziano a rendersi conto della bellezza artistica ......... iniziano ad appassionarsi sempre più, fino a far lievitare il mercato. Sarebbe interessante fare una statistica a campione su qualche medaglia papale e far capire ai tanti amici di questo forum il vantaggio commerciale e numismatico nel collezionare medaglie.

Personalmente, le colleziono perchè mi danno tanta soddisfazione e quando poi, scusate il discorso venale, ho constatato che un esemplare in bronzo napoletano (di quelli comuni) valeva 250mila lire nel 1998 e adesso 1300 euro, beh, a chi non farebbe venir voglia di iniziare?

Ora vedo alcune medaglie papali (comuni e dell'800) a 150 euro in bronzo e 300-400 euro in argento (mi riferisco sempre ad una conservazione ottimale), chissà in futuro ......... wink.gif .

Modificato da francesco77

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

francesco77

Per quanto concerne il rapporto bellezza-rarità sono d'accordo con Fabio22, sono tante le medaglie ignorate per qualità artistica ma allo stesso tempo rarissime, potremmo fare un esempio. La medaglia di Pio IX del 1849, rif. Bartolotti IV-17, D'Auria 220, ne avrò viste tre o quattro al massimo in bronzo, in argento e oro invece non le ho mai viste! Eppure è apparentemente una medaglietta normale (anche se molto apprezzata dai collezionisti di militaria). Se ne potrebbero fare altri di esempi.

P.s. Ma secondo te è di conio francese?

post-8333-1279632537,72_thumb.jpg

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Tm_NPZ

Davvero interessante poterne vedere anche l'astuccio originale! :)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

fabio22

Rarissima medaglia premio militare conferita alle truppe francesi.

Se si guarda l'aspetto artistico della medaglia: al D mi sembra che per i rilievi e le finiture la stessa sia coniata in Italia (pensando a Napoli, anche se il busto è molto vicino a quello disegnato da Cerbara per i Benemerenti dell'anno III), mentre al V la corona floreale di calici mi pare meno curata. Si può pensare a due mani, o meglio si può ipotizzare (ed è una mia idea, probabilmente errata) che la stessa sia stata realizzata creando il conio del D ex-novo e utilizzando per il V un conio già pronto e modificato inserendo la legenda per l'occasione. In Francese e quindi comprensibile per coloro che ricevevano il premio.

Modificato da fabio22

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Veridio

Davvero meravigliosa.

Concordo con il fatto che il mercato delle medaglie stia riscuotendo un indubbio successo.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Devi essere registrato per lasciare un commento

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra comunità. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora
Accedi per seguire questo  

Lamoneta.it

La più grande comunità online di numismatica e monete. Studiosi, collezionisti e semplici appassionati si scambiano informazioni e consigli sul fantastico mondo della numismatica.

Hai bisogno di aiuto?

×