Vai al contenuto
  • Sky
  • Blueberry
  • Slate
  • Blackcurrant
  • Watermelon
  • Strawberry
  • Orange
  • Banana
  • Apple
  • Emerald
  • Chocolate
  • Charcoal
Accedi per seguire questo  
altares

Moneta forse greca

Risposte migliori

altares

Ha un diametro di circa 2,3 cm. Il diametro non è regolare

Credo sia bronzo

Pesa circa 13 gr.

Provenienza non saprei.

Se servono altre info chiedetemi

Grazie

Simone

post-21901-1281473706,4_thumb.jpg

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

vince960

Dovrebbe essere una moneta provinciale di Tomis, in Tracia:

MHTPOPONTOU TOMEOC

Mi sembra Plautilla:

ΠO ΦOYΛBIA ΠΛAYTIΛΛA CЄB

Forse Moushmov 1983

Modificato da vince960

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

tacrolimus2000

Direi provinciale romana ossia Plautilla nella zecca di Tomis in Mesia Inferiore.

Al rovescio Artemis con una torcia.

Moneta da 4 assaria.

Varbanov II 4014 (ed. in bulgaro)

Luigi

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

altares

Grazie per la celere risposta :)

ma..abbiate pazienza io non me capisco un'acca. Mi sembra di capire che si tratta di una moneta romana!?. Consigliate di custodirla con cura oppure è abbastanza comune tra i collezionisti?

Simone

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

tacrolimus2000

Per prima cosa chiedo scusa a Vince per la duplicazione nella risposta.

In secondo luogo devo correggere il riferimento avendo sbagliato volume del Varbanov (si tratta del primo): Varbanov I 4014 (ed. in bulgaro).

La moneta è, come detto, una moneta romana, ma non è una emissione imperiale, bensì provinciale essendo stata coniata per circolare localmente (nella provincia delle Mesia INferiore), con legende in greco invece che in latino.

Le monete della zecca di Tomis non sono molto comuni ed in particolare quelle di Plautilla, moglie di Caracalla.

Il rovescio ritrae al rovescio Diana con gli attributi di portatrice della luce (crescente sulle spalle e torcia), ossia Diana Lucifera.

Il consiglio è ovviamente di custodirla come merita un qualsiasi oggetto dell'antichità pervenuto fino ad oggi.

Luigi

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

vince960

sarebbe interessante avere un'idea del valore

Una ventina di Euro... Sono monete che non hanno grande mercato, specialmente in questo caso conta molto la conservazione che per la tua non è elevatissima. Da un certo punto di vista è un peccato, dall'altro il settore delle monete provinciali proprio per questa caratteristica rappresenta una bella possibilità per acquistare buone monete a basso prezzo. Sempre tenendo presente che difficilmente, andando a rivenderle, si riuscirà a riprendere molto più di quanto si è speso.

Modificato da vince960

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

altares

Un grazie sincero per tutte le informazioni che mi avete fornito

Simone

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Devi essere registrato per lasciare un commento

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra comunità. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora

Accedi per seguire questo  

Lamoneta.it

La più grande comunità online di numismatica e monete. Studiosi, collezionisti e semplici appassionati si scambiano informazioni e consigli sul fantastico mondo della numismatica.

Hai bisogno di aiuto?

×