Vai al contenuto
  • Sky
  • Blueberry
  • Slate
  • Blackcurrant
  • Watermelon
  • Strawberry
  • Orange
  • Banana
  • Apple
  • Emerald
  • Chocolate
  • Charcoal
Accedi per seguire questo  
duesicilie

Sicilia 3 TARI' DI FILIPPO IV ZECCA DI MESSINA

Risposte migliori

duesicilie

Salve, posto la moneta per avere notizie sulla classificazione, sul modo di riconoscere la zecca di Messina, sulle sigle ndella stessa e nozioni suln periodo storico e la tosatura delle monete come risulta essere stata sottoposta la mia grazie.

post-14369-1284151664,66_thumb.jpg

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

carlino

Ciao Duesicilie, come avevo già scritto.

L’economia in Spagna, durante il regno di Filippo IV, scivolò verso una grande recessione. Una fallimentare politica estera portò allo svuotamento delle casse dello stato.

Filippo IV , per far fronte al depauperamento delle casse, creò nuove tasse e innalzò le vecchie.

Azioni che portarono in Sicilia a forti malcontenti e ai conseguenti tumulti tra il 1647 e 1648.

La crisi economica incentivò la pratica della tosatura e falsificazione delle monete, questa pratica naturalmente era illegale e in Sicilia punita anche con la pena capitale.

A Napoli il mestiere di tosare le monete era svolto dalla figura del “secaturnese” e "zannettaro", il tornese era il nominale delle monete napoletane.

L’operazione della tosatura, cioè l’asportazione di parte del metallo dalle monete, rese illeggibile la legende delle monete.

Spesso la data di coniazione faceva parte della legenda, la tosatura quindi ha reso difficile il reperimento di monete necessarie per la certificazione della data di emissione.

Durante il regno di Filippo IV in Sicilia la zecca di Messina operò per tutto il periodo tranne che per l'anno 1636 poichè la zecca venna trasferita a Palermo.

Il Duca di Alcalà per un astio con i messinesi trasferì a settembre del 1635 la zecca da Messina a Palermo e promosse il maestro portolano Orazio Giancardo a maestro di zecca.

Si conosce fino ad ora solo una moneta da 4 tarì con le sigle dello zecchiere Orazio Giancardo O G.

Nel 1636 la zecca ritornò a Messina dopo ripetuti appelli dei messinesi alla corte di Madrid.

Per quanto riguarda le sigle degli altri zecchieri che operarono a Messina sotto Filippo IV furono:

Giovanni Del Pozzo - Principe Del Parco sigle IP PP

Giovanni Del Pozzo sigle I P

Giovanni Del Pozzo - Mario Parisi sigle IP MP

Francesco Foti sigla DF F

Giovanni Del Pozzo - Principe Del Parco sigle IP PP

Giov. Lorenzo Vigevi sigle IL V

Gregorio Vigevi sigle DG V o DG IV

Allego link della scheda 3 tarì

http://numismatica-italiana.lamoneta.it/moneta/W-F4C/7

Antonio

P. S: il Maestro Portolano ha cura dei pubblici empori del regno, es. granai

Modificato da carlino

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

duesicilie

Grazie della risposta, non mancherò di appuntare le notizie sulla scheda della moneta

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Devi essere registrato per lasciare un commento

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra comunità. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora
Accedi per seguire questo  

Lamoneta.it

La più grande comunità online di numismatica e monete. Studiosi, collezionisti e semplici appassionati si scambiano informazioni e consigli sul fantastico mondo della numismatica.

Hai bisogno di aiuto?

×