Vai al contenuto
  • Sky
  • Blueberry
  • Slate
  • Blackcurrant
  • Watermelon
  • Strawberry
  • Orange
  • Banana
  • Apple
  • Emerald
  • Chocolate
  • Charcoal
Accedi per seguire questo  
Gianluca

"Danni" da acqua demineralizzata

Risposte migliori

Gianluca
Dopo aver lasciato un denario di Iulia Maesa a bagno per circa una settimana sono comparse su un lato macchie marroncine (tipo ruggine) e rosa! Da cosa può essere dipeso?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

sadomenico
ciao

ma la moneta in questione e' d'argento ?




ciao

Domenico

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

sadomenico
perche se e' d'argento puro e una cosa , ma se non e' puro dipende da cosa c'e' nella lega .

mi sembrava di ricordare che l'argento immerso in acqua ha una reazione chimica di ossidamento , non ricordo se era per i minerali disciolti in acqua , o semplicemente per l'ossigeno presente , comunque per le macchie credo che sia l'ossidamento dell'argento che ha rinvenuto tracce di lega non perfettamente legata bene nella fusione del metallo .

pero' perche tenerla una settimana in acqua? e' una mia curiosita'.

ciao

Domenico

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Gianluca
E' argento di bassa lega. Essendo acqua demineralizzata non dovrebbe essere causata dai sali in essa disciolta.
La tenevo in acqua perchè prima di passarci la cera protettiva voglio essere sicuro che eventuali sali presenti sulla moneta si sciolgano.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

sadomenico
quindi si trattava di una specie di sterilizzazione .
be se e lega bassa allora e' sicuramente un metallo legato all'argento che e' rinvenuto .

me per pulire le monete bene e a fondo non sarebbe piu pratico e veloce usare una macchina a ultrasuoni , lo chiedo anche agli espertissimi del settore .

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Gianluca
Ho anche pensato che la moneta fosse stata "ripassata" con qualche cera patinante e che l'acqua l'ha portata via.
Posto la foto del prima, nei prossimi giorni il dopo.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

sadomenico
per quanto riguarda la macchina ultrasuoni , funziona cosi : e' una vaschetta in cui metti il liquido che piu ti interessa , la vasca porta il liquido alla temperatura selezionata , dopo di che accendi uno starter impostando sul tempo voluto e partono le scariche di ultrasuoni .

quindi i sali essendo in acqua calda si dovrebbero sciogliere molto in fretta ,e gli ultrasuoni li dovrebbero spazzare via assieme allo sporco .

dei prodotti usati per coprire le monete non ne so molto spiacente.

ciao
Domenico

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Reboldi
No, stai tranquillo, accade spesso anche a me, non così spesso sull'argento, ma molto più sui bronzi, ci sono due possibilità, o la moneta era stata patinata artificialmente con il color argento (e in questo caso la patinatura artificiale viene via, per la gioia dei restauratori professionisti), oppure sono semplici residui che riaffiorano, nei bronzi di patina scura questo è consuetudine per me, credo che ciò derivi dall'ossidazione scura delle monete e in argenti nei quali vi siano utilizzate leghe.
Io in questi casi agisco passando un batuffolo di cotone sulla macchia di color rame/ruggine, quest'ultima se ne andrà facilmente.
[color=red]MAI[/color] e dico [color=red]MAI[/color] utilizzare ultrasuoni, in monete dalla patina debole infatti, sono una vera e propria opera di disintegrazione e/o destabilimento, infatti, se già una moneta ha una patina molto debole, questa si staccherà, se una moneta ha una patina abbastanza solida, delle microcrepe ne pervarranno tutta la struttura con conseguenti staccamenti di patina in futuro.
La cera molto utilizzata è la reinassance [url="http://www.lamoneta.it/index.php?showtopic=6826"]http://www.lamoneta.it/index.php?showtopic=6826[/url]
I sali li scioglie l'acqua demineralizzata, ma è opportuno cambiare spesso l'acqua, questa discussione dovrebbe andare in "Monete Romane"
Spero di esserti stato d'aiuto

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

sadomenico
grazie per la spiegazione sugli ultrasuoni , mi chiedevo perche non venisse utilizzata con le monete , approfitto pero' della tua gentilezza e ti chiedo se si potrebbe usare per la pulizia delle monete moderne :P

ciao

Domenico

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Reboldi
Ciao,
nella monetazione moderna, la pulitura ad ultrasuoni potrebbe essere adatta poichè lo sporco che nel corso degli anni che si è insidiato fra le cesellature viene ,facilmente disgregato da questo procedimento, tuttavia non l'ho mai sperimentato in prima persona io smisi di collezionare monete moderne (contemporanee) circa cinque anni fà, poi passai alla monetazione romana, ma di quei tempi ho un ricordo, ebbene si, anche io ero un incallito pulitore di monete da bambino, addirittura utilizzavo l'alcool etilico e finchè non erano "lustre" passavo le mie serate a pulirle, tuttavia, mi venne detto che le monete non andavano mai pulite da un numismatico, io lo guardai incredulo, solo più tardi capii che lo sporco, dava alla moneta quel tocco di antichità e fascino, che al contrario una pulizia avrebbe tolto irremidiabilmente, a questo aggiungo che una pulitura della moneta, ne diminuisce di circa il 15-20% del valore economico, questa "filosofia" di pensiero non è facile da comprendere appieno, ti consiglio la pulitura ad ultrasuoni soltanto per monete moderne (come gli euro) o premoderne (come le lire dopo il 1995) o per lo più, per monete che hanno subito un processo di incrostatura molto possente, per monete che invece presentano tracce lievi (come impronte digitali, lievi auree di sporco o di residui) di passare [b]molto[/b] delicatamente un cottonfioc sul campo, tenendo la mano molto leggera, e al massimo, se ques'ultime dovessero presentarsi difficili (poichè con residui di grasso o di sporco notevole) un panno di seta con acqua (meglio se demineralizzata).
Ovviamente per la monetazione antica questo discorso non vale
Spero di essere stato esau[b]R[/b]iente e ricorda che questo è soltanto il mio modesto parere, altri utenti magari ti sapranno indirizzare meglio di me
a presto
Andrea Modificato da Reboldi

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Gianluca
Ecco il drammatico "dopo". Modificato da Gianluca

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

azzogsal
Supporter
a me sembra si tratti di un danario suberato la moneta è in rame ed è stata ricoperta da una sottile lamina d'argento che il procedimento ha portato via, purtroppo per tornare indietro ci vorrebbe l' elettrodeposizione, ma la moneta, così trattata, sembrerebbe falsa tienila così ed attento la prossima volta

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Gianluca
Avendola in mano non dà l'idea di essere falsa. Poi il suo valore è veramente esiguo.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

azzogsal
Supporter
non ti ho detto che la moneta è falsa, i danari suberati venivano coniati all'epoca cosi per risparmiare, data la scarsa disponibilità d'argento
nella sezione lamonetapedia dovresti trovare risposte aquanto ti ho detto ;)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Reboldi
Nemmeno a me sembra falsa, anzi, sembra essere uno di quegli argentei battuti in lega, che sostituirono poi l'argento degli antoniniani con il bronzo, dal colore delle macchie niente di buono, macchie che la già sottil mistura d'argento, si sono distaccate celando l'anima della moneta, la quale potrebbe essere stata patinata successivamente per nascondere il danno, ma riportarla alla sua antica pecca, ne aumenta certamente l'interesse storico della stessa

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Gianluca
Non dà nemmeno l'idea che il marroncino o il rosa siano "sotto" la patina, sembra che la ricoprano. Mah...

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Satrius
anche io ho una moneta che in acqua distillata ha fatto la stessa fine...appena la trovo ve la faccio vedere. :(

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Giovenaledavetralla
Quindi nella mistura c'era anche ferro???

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Reboldi
Non credo ci sia del ferro, e questo perchè da una precedente discussione su questo forum, si sosteneva che le monete non sono calamitabili, se non false, se così fosse, sarebbe falsa

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

agrippa
Ciao Gianluca
Per caso mi ritrovo un denario uscito dalla stessa zecca e forse dagli stessi coni.
Presa in mano la moneta ho avuto subito la sensazione che fosse di una lega strana (argento poco e stagno molto) e non ho avuto il coraggio di sottoporla alle usuali pulizie.
Ora vedendo la tua mi rendo conto di aver fatto bene.
Una volta un esperto mi disse che questi particolari denari dei Severi fossero stati prodotti in Siria con intenti truffaldini per un uso locale... forse aveva ragione..
agrì

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Reboldi
quindi si tratterebbe così di un falso d'epoca?
se si, mi piacerebbe conoscere qualcosa di più sui falsi d'epoca (non imitazioni barbariche) se hanno comunque un valore storico ed economico

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Gianluca
In effetti anche a me sembra esserci molto stagno.
Una cosa positiva nel "dramma" c'è. La storia, se vogliamo affascinante, che sta dietro questa moneta.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

agrippa
Ciao Gianluca.
Ipotizzare la storia di questa moneta non è poi tanto difficile...argomenti ce ne sono a iosa...
Le signore siriane dopo aver incastrato quel fessacchiotto di Settimio tennero il potere per trent'anni e si arricchirono con l'import-export che fecero alla grande...
finchè la vecchia Mesa non fo "accoppata" insieme al nepotino...
agrì

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Devi essere registrato per lasciare un commento

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra comunità. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora
Accedi per seguire questo  

Lamoneta.it

La più grande comunità online di numismatica e monete. Studiosi, collezionisti e semplici appassionati si scambiano informazioni e consigli sul fantastico mondo della numismatica.

Hai bisogno di aiuto?

×