Jump to content
  • Sky
  • Blueberry
  • Slate
  • Blackcurrant
  • Watermelon
  • Strawberry
  • Orange
  • Banana
  • Apple
  • Emerald
  • Chocolate
  • Charcoal
Sign in to follow this  
BRIK

Acquistare monete a San Marino

Recommended Posts

BRIK

Buon giorno a tutti,

gradirei avere un chiarimento, acquistando una moneta a San Marino la devo dichiarare allo stato Italiano?

Di nuovo grazie.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Guest utente3487

Buon giorno a tutti,

gradirei avere un chiarimento, acquistando una moneta a San Marino la devo dichiarare allo stato Italiano?

Di nuovo grazie.

Il cittadino italiano acquista liberamente a San Marino e conserva tutta la documentazione relativa all'acquisto. Tutto qui. Niente dogana se è questo che volevi sapere.

Share this post


Link to post
Share on other sites
nummus0

Buon giorno a tutti,

gradirei avere un chiarimento, acquistando una moneta a San Marino la devo dichiarare allo stato Italiano?

Di nuovo grazie.

Il cittadino italiano acquista liberamente a San Marino e conserva tutta la documentazione relativa all'acquisto. Tutto qui. Niente dogana se è questo che volevi sapere.

a mio parere non occorre dichiarare nulla allo stato italiano in quanto non è obbligatorio e poi non mi sembra che qualcuno lo abbia già fatto in passato. L'importante è conservare le fatture d'acquisto o comunque qualche dichiarazione se le monete provengono da un privato, per eventuali problemi in futuro.

Share this post


Link to post
Share on other sites

BRIK

Innanzitutto un grazie per le risposte a Elledi e Nummus0,

pongo questa domanda proprio per aver un chiarimento sullo sdoganamento riguardo una moneta acquistata a San Marino.Ieri mi trovavo in fiera a Verona e mi è stato riferito che da Luglio 2010 tutte le monete acquistate a San Marino devono essere dichiarate e quindi presumo anche soggette alla tassa di dogana.Questa mi giunge nuova, però vorrei capire qual'è la differenza tra San Marino e ad esempio la Svizzera che se non sbaglio bisogna dichiarare ciò che si importa e quindi pagare la tassa di sdoganamento.Di nuovo un grazie agli esperti!

Share this post


Link to post
Share on other sites

Guest utente3487

Innanzitutto un grazie per le risposte a Elledi e Nummus0,

pongo questa domanda proprio per aver un chiarimento sullo sdoganamento riguardo una moneta acquistata a San Marino.Ieri mi trovavo in fiera a Verona e mi è stato riferito che da Luglio 2010 tutte le monete acquistate a San Marino devono essere dichiarate e quindi presumo anche soggette alla tassa di dogana.Questa mi giunge nuova, però vorrei capire qual'è la differenza tra San Marino e ad esempio la Svizzera che se non sbaglio bisogna dichiarare ciò che si importa e quindi pagare la tassa di sdoganamento.Di nuovo un grazie agli esperti!

La Svizzera non facendo parte dell'UE mantiene le frontiere con gli altri Paesi confinanti e quindi l'apparato doganale è in funzione. Per quanto concerne San Marino, pur non facendo parte dell'UE, mantiene rapporti di buon vicinato (detto così sembra una consuetudine, ma così non è essendoci moltissime norme emanate nel tempo) praticamente da sempre con l'Italia. Se il privato acquista una moneta a San Marino non deve pagare altro, avendo assolto già gli obbighi in quel paese. Diverso ovviamente il caso se acquista una società italiana, ma si deve esaminare caso per caso, a seconda delle tipologie merceologiche.

Share this post


Link to post
Share on other sites
BRIK

Un ringraziamento a Elledi che sicuramente in materia ne è competente.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Inasta

Gentili Utenti,

vogliamo ribadire quanto già espresso chiaramente nei precedenti interventi e cioè che non vi è alcun obbligo di dichiarazione da parte degli acquirente delle monete acquistate a San Marino. Nulla è cambiato recentemente, La confusione che qualcuno ha diffuso è stata generata in merito all'applicazione del decreto di luglio, che riguarda UNICAMENTE le ditte italiane che acquistano a San Marino e che hanno un obbligo di dichiarazione al fisco con modalità diverse da quanto accadeva orima. Per i privati ribadiamo che NULLA è cambiato rispetto al passato.

Cordiali saluti

Inasta spa

Share this post


Link to post
Share on other sites

uguccione

Gentili Utenti,

vogliamo ribadire quanto già espresso chiaramente nei precedenti interventi e cioè che non vi è alcun obbligo di dichiarazione da parte degli acquirente delle monete acquistate a San Marino. Nulla è cambiato recentemente, La confusione che qualcuno ha diffuso è stata generata in merito all'applicazione del decreto di luglio, che riguarda UNICAMENTE le ditte italiane che acquistano a San Marino e che hanno un obbligo di dichiarazione al fisco con modalità diverse da quanto accadeva orima. Per i privati ribadiamo che NULLA è cambiato rispetto al passato.

Cordiali saluti

Inasta spa

ora invece qualcosa è cambiato.Se aquisti per corrispondenza dall'italia,devi pagare il 20% di iva che viene assorbita dallo stato italiano.Chi invece,come me,và a San Marino di persona la situazione rimane invariata.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Guest utente3487

Gentili Utenti,

vogliamo ribadire quanto già espresso chiaramente nei precedenti interventi e cioè che non vi è alcun obbligo di dichiarazione da parte degli acquirente delle monete acquistate a San Marino. Nulla è cambiato recentemente, La confusione che qualcuno ha diffuso è stata generata in merito all'applicazione del decreto di luglio, che riguarda UNICAMENTE le ditte italiane che acquistano a San Marino e che hanno un obbligo di dichiarazione al fisco con modalità diverse da quanto accadeva orima. Per i privati ribadiamo che NULLA è cambiato rispetto al passato.

Cordiali saluti

Inasta spa

ora invece qualcosa è cambiato.Se aquisto, come privato, per corrispondenza dall'italia,devi pagare il 20% di iva che viene assorbita dallo stato italiano.Chi invece,come me,và a San Marino di persona la situazione rimane invariata.

In questo caso il discorso è maggiormente complesso. Se acquisto per coirrispondenza da San Marino monete divisionali direttamente dall'Autorità Emittente, nulla devo alle autorità italiane.

Edited by elledi

Share this post


Link to post
Share on other sites
417sonia
Supporter

Gentili Utenti,

vogliamo ribadire quanto già espresso chiaramente nei precedenti interventi e cioè che non vi è alcun obbligo di dichiarazione da parte degli acquirente delle monete acquistate a San Marino. Nulla è cambiato recentemente, La confusione che qualcuno ha diffuso è stata generata in merito all'applicazione del decreto di luglio, che riguarda UNICAMENTE le ditte italiane che acquistano a San Marino e che hanno un obbligo di dichiarazione al fisco con modalità diverse da quanto accadeva orima. Per i privati ribadiamo che NULLA è cambiato rispetto al passato.

Cordiali saluti

Inasta spa

ora invece qualcosa è cambiato.Se aquisto, come privato, per corrispondenza dall'italia,devi pagare il 20% di iva che viene assorbita dallo stato italiano.Chi invece,come me,và a San Marino di persona la situazione rimane invariata.

In questo caso il discorso è maggiormente complesso. Se acquisto per coirrispondenza da San Marino monete divisionali direttamente dall'Autorità Emittente, nulla devo alle autorità italiane.

:o :o :o :o

Vuol dire che se mi aggiudico una moneta ad un'asta battuta a San Marino, oltre al 15% -16% di "diritti", mi verrà aggiunto anche il 20% di IVA? E questo a prescindere dal tipo di moneta e di metallo?

Share this post


Link to post
Share on other sites

Guest utente3487

Gentili Utenti,

vogliamo ribadire quanto già espresso chiaramente nei precedenti interventi e cioè che non vi è alcun obbligo di dichiarazione da parte degli acquirente delle monete acquistate a San Marino. Nulla è cambiato recentemente, La confusione che qualcuno ha diffuso è stata generata in merito all'applicazione del decreto di luglio, che riguarda UNICAMENTE le ditte italiane che acquistano a San Marino e che hanno un obbligo di dichiarazione al fisco con modalità diverse da quanto accadeva orima. Per i privati ribadiamo che NULLA è cambiato rispetto al passato.

Cordiali saluti

Inasta spa

ora invece qualcosa è cambiato.Se aquisto, come privato, per corrispondenza dall'italia,devi pagare il 20% di iva che viene assorbita dallo stato italiano.Chi invece,come me,và a San Marino di persona la situazione rimane invariata.

In questo caso il discorso è maggiormente complesso. Se acquisto per coirrispondenza da San Marino monete divisionali direttamente dall'Autorità Emittente, nulla devo alle autorità italiane.

:o :o :o :o

Vuol dire che se mi aggiudico una moneta ad un'asta battuta a San Marino, oltre al 15% -16% di "diritti", mi verrà aggiunto anche il 20% di IVA? E questo a prescindere dal tipo di moneta e di metallo?

Non mi risulta

Share this post


Link to post
Share on other sites
Jan80

Ho acquistato di recente a un'asta di San Marino e non mi è stata aggiunta l'iva del 20%, però l'aggiunta dell'IVA è stata fatta dal prossimo anno per chi acquista le monete per corrispondenza (e in luogo?) da San Marino (divisionale, 2 € commemorativo, fondo specchio, ......). Ma quindi quando devo pagare l'IVA? E se mi presento allo sportello come italiano la pago comunque?

Share this post


Link to post
Share on other sites

417sonia
Supporter

Ho perso la trebisonda.............. :blink: :blink: :blink:

Jan80, siamo al 30 di dicembre....dove hai letto che dal 1° di gennaio le monete che acquisti per corrispondenza a San Marino pagano l'IVA? La partecipazione per corrispondenza ad un'asta fatta a San Marino, non è in definitiva un acquisto fatto per corrispondenza se ti aggiudichi il lotto?

Grazie della pazienza

Saluti

Luciano

Share this post


Link to post
Share on other sites

Jan80

Di niente,

semplicemente nell'ordine di prenotazione presso l'AASFN - Azienda Autonoma di Stato Filatelica e Numismatica - per le monete (e per le telecarte) di San Marino per il prossimo anno è stata aggiunta l'IVA! Per i francobolli ancora no. E' da questo avvenimento che mi chiedo come mi dovrò comportare il prossimo anno verso San Marino. L'asta l'ho vinta il mese scorso e non ho pagato IVA; probabilmente le nuove misure entreranno in vigore dal prossimo anno?

Share this post


Link to post
Share on other sites

417sonia
Supporter

Mi auguro che non sia così.

Ci manca solo che questo comporti la rinascita dello "spallone" che, invece di contrabbandare sigarette, si incarica di ritirare le monete personalmente presso l'asta, per conto altrui e contro versamento di una "imposta" più leggera dell'aliquota IVA.

Non ho parole

Saluti

Luciano

Share this post


Link to post
Share on other sites

Jan80

Questo è un modulo trovato on-line: http://i51.tinypic.com/5cahw3.jpg

Comunque bisogna capire se presentandosi allo sportello, o al convegno, si possa evitare di pagare l'IVA anche se italiani, atrimenti......... forza agli spalloni/commercianti sammarinesi!!!!

Da quello che mi è stato detto l'IVA a noi italiani viene applicata comunque!!!!

Edited by Jan80

Share this post


Link to post
Share on other sites

Guest utente3487

Questo è un modulo trovato on-line: http://i51.tinypic.com/5cahw3.jpg

Comunque bisogna capire se presentandosi allo sportello, o al convegno, si possa evitare di pagare l'IVA anche se italiani, atrimenti......... forza agli spalloni/commercianti sammarinesi!!!!

Da quello che mi è stato detto l'IVA a noi italiani viene applicata comunque!!!!

Se il cittadino sammarinese può acquistare senza IVA ci saranno grossissime speculazioni

Share this post


Link to post
Share on other sites
417sonia
Supporter

Questo è un modulo trovato on-line: http://i51.tinypic.com/5cahw3.jpg

Comunque bisogna capire se presentandosi allo sportello, o al convegno, si possa evitare di pagare l'IVA anche se italiani, atrimenti......... forza agli spalloni/commercianti sammarinesi!!!!

Da quello che mi è stato detto l'IVA a noi italiani viene applicata comunque!!!!

Se il cittadino sammarinese può acquistare senza IVA ci saranno grossissime speculazioni

:blink: :blink: :blink:

A prescindere dal fatto che l'acquirente sia italiano o sammarinese, ma fanno pagare l'IVA su monete che sono a corso legale?

E' come se dovessi andare in banca ad acquistare dei dollari; la banca si fà pagare - come è sempre stato fatto - il "disturbo", ma certo non devo pagare l'IVA.

Temo che una iniziativa del genere, come altre estemporanee str....IDEE sperimentate in anni passati, avrà, come al solito, un risultato insignificante da un punto di vista meramente pecuniario; per contro una spesa esagerata per la gestione, il controllo e tutto il solito corollario.....

Share this post


Link to post
Share on other sites

Paolino67

Alle emissioni per collezionisti vendute dall'AASFN di San Marino dal prossimo anno verrà aggiunta l'IVA del 20% al prezzo di costo, questo è assodato visto che il mese scorso è già arrivato agli abbonati il modulo per il conto deposito con i prezzi aggiornati. La cosa incredibile è che questo è valido solo per le monete che SM vende per corrispondenza in Italia; non solo i sammarinesi, ma quasiasi altro paese d'Europa potrà comprare con i prezzi dell'anno scorso. Se ne è già ampiamente parlato in questo thread nel forum Euro:

Da dire che effettivamente sulle monete a corso legale non si dovrebbe pagare IVA, ma questo limitatamente all'IVA sull'effettivo valore facciale. Chiaro che una divisionale che costa all'emissione 41€ ha solo 8,88€ di valore facciale al suo interno quindi il discorso decade (però ti fanno pagare l'IVA anche su quegli 8,88).

Edited by Paolino67

Share this post


Link to post
Share on other sites

Guest utente3487

La cosa incredibile è che questo è valido solo per le monete che SM vende per corrispondenza in Italia

Problemi a non finire....

Share this post


Link to post
Share on other sites
uncledear

Il problema ci sarà solo per le emissioni di un certo interesse dove il collezionista sarà "costretto" ad acquistarle dalla fonte (AASFN) a prezzo maggiorato rispetto a collezionisti/commercianti esteri per non doversi assoggettare in un secondo momento al prezzo dettato dal mercato.

Tutte le emissioni di poco conto il collezionista le acquisterà all'estero o da trafficoni che coglieranno la palla al balzo per mettersi in attività.

Per dirla tutta San Marino si é soltanto allineata alla politica dell' IPZS...

All'estero le divisionali italiane si acquistano a prezzi inferiori rispetto all'emissione perché i commercianti esteri non pagano l'IVA.

Questo comporta che l'affezzionato cliente italiano paga di più rifornendosi alla "fonte" che non da un commerciante estero.

Follia pura...:(

Share this post


Link to post
Share on other sites

darman1983

avrei una domanda:

Ma per quanto riguarda le aste vi sarà qualche variazione?

perchè guardando le condizioni di vendita delle case d'asta italiane vi è espressamente specificato che le commissioni sono comprensive di IVA mentre le condizioni di vendita delle case d'aste sammarinesi non riportano tale informazione.

Share this post


Link to post
Share on other sites

darman1983

Purtroppo è così.

quindi se le case d'asta sanmarinesi vorranno mantenere la stessa percentuale di utile dovranno aumentare le commissioni

Share this post


Link to post
Share on other sites

Guest utente3487

Purtroppo è così.

quindi se le case d'asta sanmarinesi vorranno mantenere la stessa percentuale di utile dovranno aumentare le commissioni

Vediamo cosa proporranno per gli ...italiani

Share this post


Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...
Sign in to follow this  

Lamoneta.it

La più grande comunità online di numismatica e monete. Studiosi, collezionisti e semplici appassionati si scambiano informazioni e consigli sul fantastico mondo della numismatica.

Hai bisogno di aiuto?

×
×
  • Create New...

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue., dei Terms of Use e della Privacy Policy.