Vai al contenuto
  • Sky
  • Blueberry
  • Slate
  • Blackcurrant
  • Watermelon
  • Strawberry
  • Orange
  • Banana
  • Apple
  • Emerald
  • Chocolate
  • Charcoal
Accedi per seguire questo  
Mythos

bisante d'oro, iconografia

Risposte migliori

Mythos

Ciao a tutti.

Nel Perceval di Chretien de Troyes (fine XII sec.) si parla di "bisanti d'oro". E' possibile stabilire con una certa esattezza il periodo di diffusione di queste monete, sperando che non si protragga per più di un paio di secoli... Erano monete diffuse anche in Europa o soltanto nell'Oriente bizantino?

La seconda questione riguarda la nascita e la diffusione dell'iconografia bizantina. Ci sono monete che attestano la nascita o che raffigurano quest'arte sorta pressapoco attorno al VI sec.?

Grazie

Mythos

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

okt

Penso che il "bisante d'oro" definisca la moneta d'oro bizantina, forse il solido (che circolò a lungo, penso anche nel pieno medioevo) e più probabilmente l'histamenon (ἱστάμενον νόμισμα), il tetarteron (τετάρτερον νόμισμα) e l'hyperpyron (ὑπέρπυρον νόμισμα).

http://www.lessicografia.it/BISANTE

Per l'iconografia direi che con la fissità ieratica di Giustino I e Giustiniano I in questa immagine tratta da un solido di Giustino I del 527 c.a, siamo già nell'arte che noi chiamiamo bizantina.

post-7121-0-87818800-1294382073_thumb.jp

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

inperconst

Sperare di avere qualche indicazione cronologica dal bisante è vano.

Infatti, nel medioevo mancavano in europa monetazione auree, e le uniche monete d'oro che gli europei conoscevano erano quelle bizantine e quelle arabe.

Quello che successe in pratica fu che, in mancanza di un nome comune per una moneta d'oro, il termine "bisante" divenne un termine piuttosto generico per descrivere qualsiasi moneta d'oro.

Marco Polo, ad esempio, nel descrivere gli usi funerari dei cinesi dice: "Ancora fanno dipignere in carte uccegli, cavagli, arnesi, bisanti e altre cose assai"

In altri casi il termine fu usato per descrivere anche gli ori arabi. Non ho trovato esempi diretti per questo uso del termine, ma ad esempio anche gli ori dei crociati venivano (e vengono) spesso chiamati bisanti:

http://it.wikipedia.org/wiki/File:Tripoli_gold_bezant_in_Arabic_1270_1300_Tripoli_silver_gros_1275_1287.jpg

Modificato da inperconst

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Devi essere registrato per lasciare un commento

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra comunità. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora
Accedi per seguire questo  

Lamoneta.it

La più grande comunità online di numismatica e monete. Studiosi, collezionisti e semplici appassionati si scambiano informazioni e consigli sul fantastico mondo della numismatica.

Hai bisogno di aiuto?

×