Vai al contenuto
  • Sky
  • Blueberry
  • Slate
  • Blackcurrant
  • Watermelon
  • Strawberry
  • Orange
  • Banana
  • Apple
  • Emerald
  • Chocolate
  • Charcoal
Accedi per seguire questo  
dareios it

Tremisse Gisulfo I per Benevento

Risposte migliori

dareios it

Volevo un vostro parere sulla descrizione fatta per un tremisse di Benevento a nome di Gisulfo I. La moneta in questione è apparsa in asta Artemide n.32 del 10 Aprile 2011. Ecco ciò che scrivono i curatori del catalogo: " L’attribuzione alla zecca di Benevento deriva, oltre che dai confronti stilistici, dall’esame della legenda in esergo del R/: CONOB. La C è trasformata in una barra, la prima O in un globetto, la N è invertita, la seconda O è un cerchietto e solo la B appare nitidissima. La scritta CONO parrebbe assumere un puro valore decorativo e la B, viceversa, indicare la zecca di Benevento." Io non sono daccordo su quanto descritto in ultimo a riguardo della B di Benevento, che significato avrebbe solo la scritta CONO? Per me la B è sicuramente il prosieguo della O di "obryzum" . Poi si potrebbe discutere della moneta, anche sull'attribuzione a Gisulfo I. Sullo stile beneventano credo che ci siamo. Voi che ne pensate?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

dareios it

Dimenticavo le foto.

post-21682-0-44720600-1300368158_thumb.j

post-21682-0-11764000-1300368172_thumb.j

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

rockjaw

Posto, per confronto, un solido di Tiberio III.

Effettivamente nella moneta longobarda lo stile della scritta CONOB è diversa, con la N retrograda e la B stranamente grande e quasi in legenda...Anche il ritratto al dritto è differente. Ora, però, ovviamente non saprei come dare un'attribuzione certa a Gisulfo I. Il fatto che i due monarchi fossero coevi depone a favore dell'identificazione data da Artemide Aste. In fondo anche per molte altre zecche longobarde e normanne per dare un'attribuzione più o meno certa si è spesso ricorsi a dati di questo tipo, come anche le ribattiture.

Sul fatto poi che sia una moneta inedita, indipendentemente dall'attribuzione a Gisulfo I o ad altri, basta fare una ricerca tra i tremissi conosciuti, e credo (mi auguro) che questo sia stato fatto.

Poi, per quanto riguarda l'attribuzione alla zecca di Benevento solo in virtù della scritta CONOB sono anche io alquanto scettico. In fondo il simbolo della zecca di Costantinopoli è riportato su quasi tutte le emissioni in oro o elettro delle zecche longobarde. A mio avviso più che altro per un'imitazione dei solidi bizantini "completa".

post-21888-0-24721100-1300398008_thumb.j

Modificato da rockjaw

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

odjob

Salute

secondo me la moneta postata da dareios andrebbe periziata,o perlomeno andrebbe osservata più attentamente

--odjob

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

medieval age

Buonasera, scusate se mi intrometto :)

La moneta come dite voi è di stile decisamente Beneventano e per questo è stata classificata in questa maniera. L' attribuzione quindi non penso o almeno spero sia stata influenzata dalla B di conob. L'ttribuzione a gisulfo in effetti è discutibile...... La moneta però a mio parere è della più grande rarità e penso che il prezzo realizzato tutto sommato sia adeguato per il nominale.

Saluti

Medieval Age

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Devi essere registrato per lasciare un commento

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra comunità. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora
Accedi per seguire questo  

Lamoneta.it

La più grande comunità online di numismatica e monete. Studiosi, collezionisti e semplici appassionati si scambiano informazioni e consigli sul fantastico mondo della numismatica.

Hai bisogno di aiuto?

×