Vai al contenuto
  • Sky
  • Blueberry
  • Slate
  • Blackcurrant
  • Watermelon
  • Strawberry
  • Orange
  • Banana
  • Apple
  • Emerald
  • Chocolate
  • Charcoal
Accedi per seguire questo  
ZuoloNomisma

Testone Pio VI

Risposte migliori

ZuoloNomisma

Ciao a tutti, volevo presentarvi uno degli ultimi ingressi in collezione, moneta presa giusto ieri a Bologna :) .

PIO VI (1775-1799), Roma. Testone (Munt 33, CNI 321)

D/: Stemma semiovale con cimasa a punta, chiavi con impugatura ovale a volute con fiocchi.

PIVS SEXTVS _ PONT . M . A . XXII

in basso: T.M

R/: Figure di S. Pietro (a sinistra) e Sant'Andrea, in alto: raggi spioventi.

SANCTVS . PET _ RVS . SANCTVS . _ ANDREAS .

Esergo: 17_96 ai lati dell'armetta del Mons. Antonio Lante, presidente delle zecche.

T/: fogliette in rilievo

Peso: 7,93 g

Da notare la variante nella punteggiatura al R/ rispetto a quanto descritto dal Muntoni:

SANCTVS PET _ RVS SANCTVS ANDREAS, ovvero senza punti

Come sempre, commmenti e osservazioni sono graditi.

Michele

post-2042-0-46656400-1302439899.txt

Modificato da ZuoloNomisma

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Ghera

Un ottimo esemplare: complimenti ! ;)

Lorenzo

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

rcamil

Ciao a tutti, volevo presentarvi uno degli ultimi ingressi in collezione, moneta presa giusto ieri a Bologna :) .

Menomale che qualcuno ieri ha comprato almeno una moneta :rolleyes:, peccato non esserci incontrati, sarà per la prossima volta...

Da notare la variante nella punteggiatura al R/ rispetto a quanto descritto dal Muntoni:

SANCTVS PET _ RVS SANCTVS ANDREAS, ovvero senza punti

Complimenti per l'acquisto, un testone decisamente sopra la media di questa tipologia, che spesso presenta notevoli difetti di conio, schiacciature e debolezza, non imputabili all'usura.

E' una di quelle varianti che il Muntoni non considera, ma che non era sfuggita al più "attento" Serafini, che ne classifca due esemplari del Medagliere Vaticano ai numeri 158-159.

Tra l'altro il riferimento che riporta il Muntoni relativamente al CNI è errato, al n° 321 è infatti classificata proprio il tuo tipo privo di punteggiatura, mentre ai successivi numeri 322-323 sono presenti due tipi con le legende:

- SANCTVS PETRUS ° SANCTVS ANDREAS (strana legenda con la "U" in PETRUS e legenda che non sembra interrotta dal braccio benedicente del Santo)

- SANCTVS PET - RVS ° SANCTVS ° ANDREAS

Per confronto allego di seguito l'immagine del "vero" testone Muntoni 33 (Serafini 160) , la punteggiatura manca del punto tra SANCTVS e PETRVS, ma credo di poter dire che sia errato nel Muntoni attibuire a tutti i testoni di Pio VI l'esatta punteggiatura della legenda del primo tipo, datato 1785:

post-35-0-88679500-1302454906_thumb.jpg

Ciao, RCAMIL.

  • Mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

ZuoloNomisma

Ciao a tutti, volevo presentarvi uno degli ultimi ingressi in collezione, moneta presa giusto ieri a Bologna :) .

Menomale che qualcuno ieri ha comprato almeno una moneta :rolleyes:, peccato non esserci incontrati, sarà per la prossima volta...

Da notare la variante nella punteggiatura al R/ rispetto a quanto descritto dal Muntoni:

SANCTVS PET _ RVS SANCTVS ANDREAS, ovvero senza punti

Complimenti per l'acquisto, un testone decisamente sopra la media di questa tipologia, che spesso presenta notevoli difetti di conio, schiacciature e debolezza, non imputabili all'usura.

E' una di quelle varianti che il Muntoni non considera, ma che non era sfuggita al più "attento" Serafini, che ne classifca due esemplari del Medagliere Vaticano ai numeri 158-159.

Tra l'altro il riferimento che riporta il Muntoni relativamente al CNI è errato, al n° 321 è infatti classificata proprio il tuo tipo privo di punteggiatura, mentre ai successivi numeri 322-323 sono presenti due tipi con le legende:

- SANCTVS PETRUS ° SANCTVS ANDREAS (strana legenda con la "U" in PETRUS e legenda che non sembra interrotta dal braccio benedicente del Santo)

- SANCTVS PET - RVS ° SANCTVS ° ANDREAS

Per confronto allego di seguito l'immagine del "vero" testone Muntoni 33 (Serafini 160) , la punteggiatura manca del punto tra SANCTVS e PETRVS, ma credo di poter dire che sia errato nel Muntoni attibuire a tutti i testoni di Pio VI l'esatta punteggiatura della legenda del primo tipo, datato 1785:

post-35-0-88679500-1302454906_thumb.jpg

Ciao, RCAMIL.

Ciao Roberto, è dispiaciuto anche a noi non averti incontrato. Il pranzo organizzato di Lamoneta sarebbe stata l'occasione ideale, ma purtroppo, come già detto sulla discussione relativa in "Raduni", a causa di un impegno, non siamo riusciti a fermarci :( .

Per tornare alla moneta, la patina è davvero gradevole e i fondi privi di segni. Qualche schiacciatura di conio, purtroppo, che appiattisce i rilievi maggiori. Nessuno è perfetto!!!

Michele e Giovanni

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

sixtus78

come gia' osservato anche secondo me x il tipo di moneta di cui parliamo la conservazione e' sopra la media ( patina davvero piacevole ). credo poi che in mano renda anche meglio no ? personalmente trovo il testone di papa Braschi di stile meno spettacolare rispetto ai precedenti, stile che lentamente decade secondo me sempre 1 po' di piu' fino all'ultimo della serie. p.s. e' stato 1 piacere parlare e conoscere i fratelli Zuolo, che bello non essere soli ad amare le papali nel veneto ! ciao

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Devi essere registrato per lasciare un commento

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra comunità. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora
Accedi per seguire questo  

Lamoneta.it

La più grande comunità online di numismatica e monete. Studiosi, collezionisti e semplici appassionati si scambiano informazioni e consigli sul fantastico mondo della numismatica.

Hai bisogno di aiuto?

×