Benvenuto su Lamoneta.it - Numismatica, monete, collezionismo

Benvenuti su laMoneta.it, il più grande network di numismatica e storia
Registrandoti ora avrai accesso a tutte le funzionalità della piattaforma. Potrai creare discussioni, rispondere, premiare gli utenti che preferisci, utilizzare il sistema di messaggistica privata, inviare messaggi di stato, configurare il tuo profilo... Se già sei un utente registrato, Entra - altrimenti Registrati oggi stesso!

Accedi per seguire questo  
Follower 0
numes

Denaro ungherese di Rodolfo II...

in questo denaro Ungherese c'è tanto rame - e non paprika - da farlo rosso

se interpreto bene le cifre relative alla data dovrebbe essere stata sotto il regno Rodolfo II

ma la legenda è strana e non riesco a trovare un esemplare analogo tra quelli presenti nello Huszar

Qualche appasionato di imitazioni o di Asburgo e Ungheria conosce queste emissioni "rosse" di denari?

denaroungheresescon.th.jpg

Uploaded with ImageShack.us

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

In effetti le iscrizioni somigliano a quelle delle monete emesse sotto Rodolfo II ma non tornano, se ci mettiamo anche il materiale viene da pensare ad un falso...

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Il Gamberini di Scarfea mostra solo due contraffazioni per Bozzolo e Mirandola con una legenda di facile e chiara lettura. Soprattutto non viene ripetuto sul retro la scritta PATRONA HVNGARIAE

Forse è un falso d'epoca. Possibile che i falsari fossero così imprecisi da riprodurre una legenda confusa o c' era un motivo particolare per farlo?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

... Possibile che i falsari fossero così imprecisi da riprodurre una legenda confusa o c' era un motivo particolare per farlo?

Spesso i falsari potevano essere analfabeti e le legende originali potevano essere fraintese.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Io la butto lì: e se fosse un imitazione polacca o Lituana di Sigismondo II Augusto Jagellone, re di Polonia dal 1548 al 1572 e Granduca di Lituania dal 1529?

Saluti, Teofrasto

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Inviato (modificato)

lo hai letto anche tu quel SIGII allora :) però la data inserita nella scritta del retro dice 1590. Ho invece notizia di un denaro transilvano del 1590 di Sigismondo Bathori, ma non l'ho mai visto e non lo trovo per un riscontro. Anche Gabriele Bethlen coniava denari ad imitazone di quelli ungheresi : mio collegamento .

Alla fine io credo che sia proprio un falso d'epoca. Me lo fa pensare lo stemma d'Unghera che include quello d'Austria e una legenda che non sembra ricondicubile a qualche autorità emittente.

Modificato da numes

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Buongiorno numes,

ho controllato sul volume di Marian Gumowski, Handbuch der Polnischen Numismatik, ed effettivamente dai sovrani polacchi non risultano coniati denari di questo tipo.

Ti chiedo una cortesia dal momento che io non riesco proprio a leggere il '90: se riesci, puoi postare un'immagine della moneta più definita?

A risentirci, Teofrasto

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

ciao Teofrasto, non credo di riuscire a fare immagini migliori visto che uso lo scanner. Comunque se segui la legenda sul retro attrorno alla madonna vedi la data [1]590 posizionata tra le 7 e le 8 dopo PAT[RONA] e prima di HVNG

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Ciao numes,

devi scusarmi, ma il 5 ed il 9 li avevo visti anch'io. Quello che non vedo è lo "0" dopo il nove. io ci vedo una "V". con tanto di grazie alla fine dei bracci.

Se così fosse, anziché essere 1590 potrebbe essere 1559 o 1659. Tuttavia anche con questa lettura non è che le cosa migliorino... anzi :(

Saluti, Teofrasto

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Le grazie apicali della V appaiono solo in foto. L'esame diretto della moneta ne esclude la presenza. Un'atra ragione esclude si tratti della V di Vngarie, ovvero il fatto che dopo il carattere in esame si riesce a leggere HVNG; che vorrebbe mai dire una V da sola!

Forse Voivoda? non mi dispiacerebbe ;)

ma chi allora? oo)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Buonasera numes,

in realtà i denari di Ferdinando I (1526-1564), recano la dicitura PATRONA - VNGARIE, senza la "H".

Ma anche in questo caso, a parte il fatto che gli esemplari originali sono in buon argento, nome e titolatura del dritto naturalmente non coincidono.

Inoltre, non mi sembra che siano conosciuti denari di Ferdinando I con il millesimo posto sotto la Vergine, ma è sempre posta a fine legenda, di dritto o di rovescio.

Il mistero si infittisce... :huh:

Saluti, Teofrasto

PS non ho capito se tu leggi sempre 1590 oppure se anche per te la legenda del rovescio è la seguente: PAT[R(?) ...]59 V[...]NG. Ai lati della Vergine K - P (o B).

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Inviato (modificato)

Per i denari di Ferdiando I quello che dici, teofrasto, è giusto, non hanno la data in quella posizione e la scritta è sempre VNGARIE, ma quelli di Rodolfo II (1576-1612) presentano le caratteristiche di questa moneta ( posizione della data e la H ) , così io continuo a leggere - o preferisco leggere :) - [1]590 sebbene quella cifra 0 sia indubbiamente strana.

Sì la sigla è un KB.

La scritta del dritto della moneta "rossa" , confrontata con quella di Rodolfo, mi sembra frutto di una maldestra interpretazione di quella originale da parte del falsario.

.SIGII ROIA .??EI.VOBI.RR

.RVD.II.RO.I.S AV.G.H.B.R

penso che il mistero resterà tale e che non sapremo mai l'identità di questo illetterato maestro falsario o dove e per chi operasse. :(

Modificato da numes

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Si numes,

mi hai proprio convinto.

Probabilmente, come dici tu, si tratta di una falsificazione coeva (e maldestra), del periodo di Rodolfo II.

Comunque complimenti.

Ho diversi cataloghi di una nota casa d'asta ungherese, ma in nessuno di questi ho trovato in vendita imitazioni, ma solo emissioni originali. Possibile che in Ungheria non collezionino le imitazioni delle loro monete? Mah?

A risentirci, Teofrasto

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

nelle aste online a volte passano mescolate alle altre alcune di queste "sconosciute"

Se ti interessa la monetazione ungherese e/o asburgica e ti capita di avere notizie di pubblicazioni a riguardo aggiornami ;)

ciao e grazie ,

M.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

You need to be a member in order to leave a comment

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra comunità. È facile!


Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.


Accedi Ora
Accedi per seguire questo  
Follower 0

Lamoneta.it

La più grande comunità online di numismatica e monete. Studiosi, collezionisti e semplici appassionati si scambiano informazioni e consigli sul fantastico mondo della numismatica.

Hai bisogno di aiuto?