Jump to content
IGNORED

identificazione moneta araba di Sicilia


Recommended Posts

Quello che ho capito io è quanto segue:

BISMILLAH

AL-DIRHEM

IN

AL-ANDALUS

la data non la leggo

AL CENTRO

LA ALAH ILLA ALLAH

?????????????

LA SHERIK LAHU

SUL RETRO LA SURA CCXII

ALLAH AHAD ALLAH

AL-SAMAD LEM YALID UA

LEM YULAD UA LEM YAKUN

LAHU KUFU AHAD

Ho scritto scemenze? potete aiutarmi con la data e magari la dinastia?

Grazie

Link to comment
Share on other sites


Ciao,

le foto sono di un formato veramente non adatto ad un'agevole identificazione, ma è un limite del forum e non tuo (anzi l'immagine postata se non fosse ridotta sarebbe valida). Quindi ti suggerisco innanzitutto di usare un servizio di host esterno in modo da caricare immagini più grandi e con dettagli che non vanno sgranandosi.

Ho letto che hai intitolato la discussione "araba di sicilia" forse intendevi il luogo del ritrovamento o ci sono elementi che ti hanno fatto propendere per una attribuzione a qualche zecca siciliana?

La tua successiva identificazione, a mio avviso, è corretta: si tratta di un dirham coniato nella zecca di "Al-Andalus" ubicata (con ogni probabilità) nella città di Cordoba.

L'anno che mi pare di leggere è il 239 AH.

La dinastia è quella degli Umayyadi di Spagna, in particolare nell'anno 239 regnava Muhammad I; in ogni caso la moneta è anonima.

Infine ti sei fatto scappare una "C" di troppo nell'indicare la sura "CXII".

Edited by orlando10
Link to comment
Share on other sites


Fantastico.

Mi interessava sapere anche cosa ho in mano, cioè quanto è rara, quanto vale e, soprattutto, come fa a trovarsi in sicilia quando qui avevano vi erano gli aglabiti, nemici degli Umayyadi

Link to comment
Share on other sites


Il dirham coniato nell'anno 239 è noto in un buon numero di esemplari e varianti, per cui credo possa essere considerato generalmente "comune".

Naturalmente è possibile che tra queste varianti, alcune siano più rare.

Il tuo esemplare presenta al dritto una mezzaluna sopra la terza riga; al rovescio in alto una pallina, in basso tre palline a formare i vertici di un triangolo.

Questi segni probabilmente non erano soltanto decorativi, ma distinguevano i vari maestri di zecca o atelier.

Per quanto riguarda il valore, un esemplare ben centrato e leggibile (a parte qualche schiacciatura del tutto normale) in conservazione BB+ può quotare tra i 35 e i 50 euro circa.

Però non dimentichiamo l'incognita variante che potrebbe influenzare il prezzo (in generale non più di tanto, ma preferisco essere prudente su ciò che non ho ben noto).

Infine, la presenza di un dirham di Cordoba in Sicilia non credo sia un evento particolare: i commerci erano fiorenti, i mercanti viaggiavano e con loro viaggiavano i dirham, coniati in copiose quantità, per tutto il Mediterraneo. Tutto questo al di là della politica dei governanti.

  • Like 1
Link to comment
Share on other sites


Ciao,

visto che hai aperto una discussione dedicata alla seconda moneta, invito a rispondere a questo link, onde evitare confusione.

Chi volesse esprimersi sulla prima moneta postata, potrà continuare qui naturalmente.

Grazie per la disponibilità. :)

Edited by orlando10
Link to comment
Share on other sites


Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...
 Share

×
  • Create New...

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue., dei Terms of Use e della Privacy Policy.