Vai al contenuto
  • Sky
  • Blueberry
  • Slate
  • Blackcurrant
  • Watermelon
  • Strawberry
  • Orange
  • Banana
  • Apple
  • Emerald
  • Chocolate
  • Charcoal
Accedi per seguire questo  
ggugliandolo

Asse di Claudio

Risposte migliori

ggugliandolo

Cari amici, l'asse di Claudio che trovate in allegato è il mio ultimo acquisto. Come vi sembra? Per me è una buona moneta, con un ottimo rapporto qualità/prezzo (mi è costata 21.50 €). Non sono in grado di valutare il grado di rarità dell'asse e il suo effettivo valore commerciale. Che ne pensate?

Giacomo

post-1753-1137326680_thumb.jpg

post-1753-1137326700_thumb.jpg

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Claudius

Ciao Giacomo!

bello ed ottimo prezzo.....ma, provinciale :D :D forse gallico

comunque un bel pezzo con un rovescio molto bello!!

un saluto

Modificato da Claudius

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Satrius

quoto claudius, è un buon pezzo per un ottimo prezzo :D

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

ggugliandolo

Carissimi Claudius e Vento vi ringrazio per i vostri contributi e mi auguro che anche altri amici intervengano nella discussione fornendo pareri sia sulla zecca di emissione della moneta che sul suo effettivo valore di catalogo.

Giacomo

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Raistlin

Veramente un ottimo acquisto, complimenti!!

La moneta in questione sul catalogo è data R e guardando le valutazioni hai fatto un bell'affare!

Se non mi sbaglio la dicitura è: D\ TI. CLAVDIVS CAESAR AVG. P. M. TR. P. IMP.

R\ LIBERTAS AVGVSTA S. C.

ciao

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

agrippa

Ciao Giacomo

Come giustamente diceva Claudius questa moneta non è una emissione ufficiale della zecca di Roma ma una copia fatta in "provincia" per un uso locale... e forse, ora, nessuno ti potrà dire con certezza la zecca di emissione.

Il bravissimo Claudius ha iniziato studi in proposito e spero che porti avanti questa lodevole iniziativa...

Comunque il modesto prezzo pagato sembra equilibrato allo stato e natura della moneta.. ma non è un valido investimento ai fini del "collezionismo".

agri

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Psello

Non capisco perchè parlate di "moneta provinciale"?

Per Assi con questa tipologia, in letteratura, si parla di zecca di Roma con datazione 41-50 d.C. : Come riferimenti RIC I, 97 - BMC 145 - Cohen 47.

:rolleyes:

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

piergi00

Sul Sear un asse simile e' catalogato al n. 1859 (Roma , AD 41-42)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

tacrolimus2000

In realtà non si tratta di emissioni provinciali in senso stretto, ma di imitazioni locali delle emissioni ufficiali della zecca di Roma, non solo di assi, ma anche di sesterzi e dupondi di Claudio. Il tipo forse più imitato è probabilmente Minerva SC.

Lo stile delle imitazioni locali varia da quelli di qualità elevata a quelli molto rozzi in stile e l'area di produzione è assai vasta comprendendo la Spagna, la Gallia, le zone del Reno e la Britannia.

Quando Nerone ristabilì la coniazione del bronzo a Lugdunum, il fenomeno cessò e va quindi probabilmente ricollegato ad una scarsità di circolante locale.

Sicuramente Claudius e Agrippa hanno più esperienza di me su queste imitazioni e se ti suggeriscono una emissione diversa dalla zecca di Roma lo hanno fatto valutando lo stile della tua moneta.

Luigi

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

agrippa

X Psello e piergi00

Forse non mi sono ben espresso.

Volevo dire che sono copie, simili per leggende e rappresentazioni, delle emissioni ufficiali della zecca di Roma.

Dove sono stati fatti non so... so solo che il loro stile denuncia la falsità della moneta...

Comprendo che è difficile riconoscerli ma con un poco di pratica e dopo aver visto gli originali su cataloghi e musei si riesce a vedere la diversità..

agri

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

piergi00

Grazie della spiegazione :)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Giovenaledavetralla

Complimenti per l'acquisto è una bella moneta. :)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

caiuspliniussecundus

scusate, qualcuno ha dei riferimenti bibliografici su queste emissioni di Claudio "provinciali" e su come riconoscerle ??

ieri guardavo due sesterzi di Claudio, erano un filino diversi dal solito e pesavano rispettivamente 17 e 18 grammi, un po' leggerini secondo me. Potrebbero essere della stessa serie di questo asse, Il venditore non era a conoscenza di questa possibile provenienza estera della monetazione in bronzo di claudio e avrebbe piacere ad avere un riferimento bib.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Claudius

Ciao Plinius :D :D

dunque non c'è molto a riguardo, in effetti non è un argomento che interessa a molti :huh: , anche se dovrebbe, in quanto da una rapida statistica "della serva" fatta osservando la quantità di materiale presente sul mercato internazionale la mole di materiale "provinciale" rispetto a quello romano è esponenzialmente superiore, quindi questo dovrebbe, sempre seguendo una "spannometrica" considerazione significare che a rigor di logica anche nell'antichità la proporzione era analoga....

In sostanza queste zecche non ufficiali coniavano "finchè ce n'era...", probabilmente senza molto controllo (o con la connivenza dell'autorità imperiale come indica il RIC I nella prefazione alla monetazione di Claudio) e quindi hanno sovraffollato di pezzi non ufficiali la produzione enea di Claudio.

Per questo motivo i suoi successori, soprattutto Nerone hanno dovuto in qualche modo arginare questa iper-produzione, fate caso alla percentuale elevatissima di sesterzi e anche dupondi di Claudio contromarcati probabilmente per garantirne la circolazione regolare

Seguendo questa logica il RIC poichè nella prefazione parla di questo fenomeno e poi non lo cita minimamente nel catalogo dovrebbe classificare il bronzo di Claudio ufficiale perlomeno come S se non in alcuni cari R poichè in giro non se ne vedono tanti.

Per tornare alla bibliografia esiste:

L. Laffranchi, Rivista ital. di numismatica 1949, pp. 41 ff.

H.-M. von Kaenel, Münzprägung und Münzbildnis des Claudius, Berlin 1986.

Il lavoro di Laffranchi è stato seguito dall'imponente opera del Banti-Simonetti nella loro opera CORPUS NUMMORUM ROMANORUM (vol XIII-XIV-XV-XVI quelli dedicati a Claudio) con una incredibile sequenza di esempi relativi alle varie zecche esaminate.

Ma alla fine di tutte queste speculazioni però purtroppo ti rimane in mano poco perchp comunque si lavora sempre nell'ambito delle congetture e dell'occhio artistico di chi esamina le monete, poichè la certezza assoluta non ci sarà mai poichè non esistono segni di zecca.

Possiamo ricondurre a grandi linee ad alcune produzioni locali gli esemplari che abbiamo in mano, ma debbono avere delle caratteristiche morfologiche molto evidenti sia per includerle in alcune categorie sia per escluderle.

E' un lavoro improbo ed è per questo che oggi i commercianti si comportano esattamente come fecero i loro predecessori 2000 anni fa e cioè: TUTTI BUONI!! :D :D :D

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Devi essere registrato per lasciare un commento

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra comunità. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora

Accedi per seguire questo  

Lamoneta.it

La più grande comunità online di numismatica e monete. Studiosi, collezionisti e semplici appassionati si scambiano informazioni e consigli sul fantastico mondo della numismatica.

Hai bisogno di aiuto?

×